Giorno: 26 giugno 2014

26 giugno 2014 0

Venduta pertinenza del Campo di Concentramento di Caira a Cassino (o prossima alla vendita)

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ un pezzo di storia da sempre al centro delle solite campagne elettorali, ma il Campo di Concentramento di Caira, è rimasto sempre un luogo affascinante ma mai valorizzato. Di proprietà demaniale, si sono spesso rincorse voci in merito a attenzioni imprenditoriali privati poco interessati, però, agli aspetti storici di quell’area nella quale, nel 1919 vi erano reclusi 35mila soldati austriaci. Ovviamente le attenzioni erano più di tipo speculativo. Le notizie di questi giorni, invece, della vendita della parte esterna, quella compresa tra la Provinciale per Caira e il fiume Rapido, seppur non confermate da fonti dirette, sembrano essere attendibili. Pare infatti che un imprenditore nel settore turistico alberghiero abbia rilevato quello che un tempo era parte integrante del campo di concentramento ma che successivamente è diventata area addestrativa dell’Esercito. Quell’area, appena qualche mese fa, venne ripulita dalla vegetazione ad opera dello stesso Esercito per rimettere in sesto un campo addestrativo su cui addestrare l’esercito libico. Un’area che sarebbe, quindi, ancora nelle disponibilità del Demanio militare fino alla cessione al privato di questi giorni. Una operazione resa possibile grazie a trattative intavolate direttamente in Regione Lazio dove sarebbero stati frenetici gli incontri per arrivare alla cessione.

Ermanno Amedei

26 giugno 2014 0

Autocertificazioni false per non pagare le spese sanitarie, 20 denunce a Frosinone

Di admin

Le Fiamme Gialle della Provincia di Frosinone, nell’ambito di specifici accertamenti volti a contrastare gli sprechi di denaro pubblico e le indebite percezioni di sovvenzioni statali, hanno individuato 20 soggetti responsabili di aver illegittimamente percepito erogazioni a danno dello Stato. Le indagini condotte dai Reparti territoriali della Provincia di Frosinone tese ad accertare la veridicità dei dati comunicati nelle autocertificazioni presentate, al fine di usufruire dell’esenzione delle spese sanitarie, hanno consentito di segnalare alla Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo e all’ASL di Frosinone, 20 cittadini per aver indebitamente beneficiato dell’esonero del pagamento del “ticket sanitario” per motivi reddituali, pur potendo disporre di introiti superiori a quelli prescritti per ottenere l’agevolazione in argomento. La condotta delle persone deferite all’Autorità di Governo si è concretizzata nella mendace autocertificazione nella quale si attestava una falsa situazione reddituale e patrimoniale. Per tale ragione i responsabili di tali illeciti saranno chiamati a corrispondere le somme illegalmente ottenute e ad essi verranno contestate le sanzioni amministrativamente previste.

26 giugno 2014 0

Contrasto a droga e contraffazione durante la festa di San Giovanni a Formia

Di admin

In occasione della locale festività di S. Giovanni, i militari del comando provinciale Latina – gruppo Formia – hanno intensificato l’attività di controllo economico del territorio per la prevenzione e la repressione degli illeciti in materia di stupefacenti e del fenomeno della contraffazione dei marchi.

I baschi verdi del gruppo di Formia, unitamente alle unità cinofile, nella serata del 23 giugno, hanno rinvenuto e sequestrato in un terreno nei pressi della vecchia discoteca in disuso “Mato Grosso” con l’ausilio del pastore tedesco antidroga Vanda, 6 piante di “marijuana” dell’altezza di circa 1 metro ciascuna, in violazione all’art. 73 del d.p.r. nr. 309/90”.

Le piante abilmente occultate, una volta ultimato il ciclo di maturazione, avrebbero consentito di ricavare circa 2 kg. Di sostanza stupefacente.

Sono in corso indagini, con la procura della repubblica di cassino, per risalire ai soggetti dediti alla illecita coltivazione.

Sempre nella stessa serata, i finanzieri hanno individuato e segnalato alla prefettura di latina per detenzione di stupefacenti ad uso personale un diciottenne di origini albanesi, regolarmente residente a formia, d.d. (queste le iniziali), trovato in possesso di 1 gr. Di “marijuana” che veniva sequestrata per violazione dell’art. 75 del d.p.r. nr. 309/90.

Venivanoinoltre rinvenuti e sequestrati sul treno proveniente da napoli e diretto a roma circa 500 articoli, tra occhiali e profumi etichettati con marchi di note griffe abilmente contraffatti (“Hogan, Liu-jo, Ray-ban, Burberry, Prada, D&G, Carrera, Dior, Versace, Bulgari, Gucci, Ralp Lauren, Laura Biagiotti”).

26 giugno 2014 0

Motoscafo si ribalta sull’Autostrada a Cassino, stupore tra gli automobilisti in transito

Di admin

Motoscafo capottato sull’Autostrada. Circa sette metri di lunghezza, due potenti motori fuoribordo, l’imbarcazione è rimasta coinvolta in un incidente stradale sul tratto di A1 poco dopo il casello di Cassino in direzione sud. Sgomento per gli automobilisti in transito che si sono trovati il natante ribaltato su un fianco sulla strada, luogo non certo usuale per barche. La spiegazione, ovviamente, sta nel fatto che il motoscafo era trasportato su un carrello trainato da un Pk che, per cause ancora al vaglio della polizia stradale della sottosezione di cassino cvomandata dall’ispettore Cirilli, ha sbandato finendo per carambolare liberandosi dalle cinghie che lo ancoravano al mezzo di trasporto. Per fortuna nessun ferito ma solo traffico rallentato a causa dei curiosi che, sull’autostrada, costituiscono un serio pericolo.

26 giugno 2014 0

Ringhiere comunali tinteggiate a simpatia, residente di Pignataro sporge denuncia ai carabinieri

Di admin

Ringhiere comunali tinteggiate a macchia di leopardo a Pignataro Interamna, o meglio, a quanto pare pitturate secondo simpatia. Il fatto è contenuto in una denuncia presentata ai Carabinieri di San Giorgio a Liri dalla signora Anna Russo che abita in via Roma all’incrocio con l’ex via Ausonia Vecchia. L’abitazione della donna è protetta dalla strada, così come per quasi tutte le case del vicinato, da una ringhiera di proprietà comunale. E’ accaduto sul finire di maggio e l’inizio di giugno, che un operaio incaricato dal comune, ha iniziato a tinteggiare le ringhiere che affacciano sulla strada saltando, però, quella della signora Russo. A nulla è servito fare richiesta presso il comune di Pignataro di tinteggiare quel “buco” lasciato tra le ringhiere. “Quando sono andata in comune – ha detto la signora Russo – mi è stato fatto capire che forse non stavo simpatica a qualcuno”. E il segnale sembra chiaro, bisognerà però poi capire come l’amministrazione spiegherà quel “buco” agli investigatori che dovranno indagare su quanto denunciato dalla donna.

Er. Amedei

26 giugno 2014 0

Tre pitbull a guardia di cinque chili di droga non salvano un pusher della Garbatella dalle manette

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur hanno arrestato un cittadino romano di 40 anni, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente. L’uomo, questa notte, in via Giovanni Andrea Badoero, in zona Garbatella, è stato notato in strada da una pattuglia dei Carabinieri aggirarsi con fare sospetto. Immediatamente è scattato il controllo dei militari che a seguito della perquisizione personale lo hanno trovato in possesso di alcune dosi di marijuana. La successiva perquisizione estesa a casa del pusher ha permesso di scoprire in cantina un vero e proprio deposito con oltre 3,650 Kg di hashish, 750 grammi di marijuana e 73 semi della stessa sostanza, alla cui guardia vi erano posti tre grossi pitbull. Grazie anche alla collaborazione del pusher che ha tenuto a bada i tre cani aggressivi è stato possibile recuperare e sequestrare la droga. Arrestato dai Carabinieri il 40enne è stato poi associato al carcere di Regina Colei, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

26 giugno 2014 0

Albero sulla rete metanifera a Latina, rischio esplosione in via del Mare a Borgo Grappa

Di admin

Un pino si abbatte sulle tubazioni del gas ed è panico in via del Mare a Borgo Grappa a Latina. E’ accaduto nella tarda serata di ieri quando un alto fusto, con tutto il suo peso, si è schiantato sull’impianto della rete metanifera causando una grossa fuoriuscita di gas. Immediatamente un lungo tratto di strada è stato chiuso data che l’aria era satura di gae e il transito di vetture poteva innescare l’irreparabile. I vigili del fuoco, insieme ai tecnici della rete metanifera, hanno lkavorato per circa due ore prima di mettere in sicurezza l’area.

26 giugno 2014 0

Simula una rapina, benzinaio incastrato dalle telecamere

Di admin

I Carabinieri della Stazione di Latina Scalo hanno denunciato il titolare di un distributore di carburanti ritenuto responsabile di “Simulazione di reato”. Il 15 aprile scorso, alle ore 21:00 circa, l’esercente si era presentato presso la Stazione CC di Latina Scalo per denunciare che, alle ore 19:30 circa dello stesso giorno, all’interno del distributore di carburanti da lui gestito, aveva subito una rapina a mano armata da parte di un uomo di circa 30 anni. Secondo il racconto dell’uomo, il malfattore, travisato da un casco e con in mano un taglierino, era apparso repentinamente e si era fatto consegnare l’incasso giornaliero di circa 2mila euro, dandosi poi alla fuga a bordo di uno scooter condotto da un complice. La versione dei fatti appariva sin da subito dubbia ai militari che continuavano comunque ad ascoltare il racconto del denunciante, vago e ricco di contraddizioni e circostanze anomale. La vittima, per esempio, subito dopo aver subito la rapina, non aveva chiesto nè l’intervento delle Forze dell’Ordine né dei vicini, continuando regolarmente le operazioni di chiusura. Per questi motivi i Carabinieri di Latina Scalo, comandati dal Maresciallo Amedeo MAURO, hanno avviato gli accertamenti volti a provare la fondatezza o meno di quanto dichiarato dal denunciante, venendo a scoprire che la sera prima nessun vicino aveva notato nulla di strano e che nessuno scooter era stato ripreso dalla videocamera che “copriva” la via di fuga dei malfattori indicata dal denunciante che, forse, al momento della denuncia non sapeva dell’esistenza della telecamera tanto che, la mattina seguente, poco prima che arrivassero i Carabinieri, aveva contattato il proprietario di un altro esercizio commerciale che l’aveva installata, forse per accertarsi che la stessa non fosse in funzione. I Carabinieri ritengono che la falsa denuncia fosse finalizzata a intascare il premio assicurativo che copre il distributore di carburanti proprio in caso di rapina. Del tutto veniva informata l’A.G. che, condivisa la tesi dei Carabinieri di Latina Scalo, ha iscritto formalmente il titolare del distributore di carburanti nel registro degli indagati, invitandolo a eleggere domicilio e nominare un difensore di fiducia. Ora rischia da 1 a 3 anni di reclusione.