Giorno: 30 giugno 2014

30 giugno 2014 0

Sperpero di 5 milioni alla Multiservizi di Frosinone, la Finanza segnala 15 amministratori alla Corte dei Conti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Uno sperpero di danaro pubblico quantificato in poco meno di 5 milioni di euro in cinque anni. E’ quanto ipotizzato dal nucleo di polizia tributaria della guardia di Finanza di Frosinone che ha indagato sulla gestione della Multiservizi, la società a partecipazione pubblica che vede coinvolti, oltre al comune di Frosinone, la Provincia, la Regione Lazio ed altri comuni del circondario. Da tempo la società è nell’occhio del ciclone per via dei tagli al personale messo in mobilità e che da anni protesta anche con azioni forti. Ad innescare le indagini è stata la denuncia fatta da un amministratore pubblico alla Corte dei Conti in merito a comportamenti inadeguati e non consoni fatti dal gestore. La magistratura contabile, quindi, ha delegato il nucleo di polizia tributaria di Frosinone, comandata dal Tenente Colonnello Michele Mungilo, di indagare tra i bilanci e le attività della Multiservizi facendo emergere particolari di gravi responsabilità. Quindici sono le posizioni per le quali si ravvedono le responsabilità e, per questo, segnalate alla Corte dei Conti. Tre sono i filoni investigativi passati ala setaccio dai militari. Il primo riguarda il mancato controllo, o controllo inefficace, da parte degli Enti sulle attività della società; il mancato rispetto delle regole in merito ad affidamenti di servizi pubblici, anche di elevati importi, senza la necessaria gare di appalto; il mancato rispetto del Patto di Stabilità interno, ossia il controllo della spesa che non vi sarebbe stato in merito all’ingrossamento dell’organico, all’affidamento di incarichi, al riconoscimento di compensi ed incentivi non spettanti. Tutto questo avrebbe portato allo sperpero di 4 milioni 950 mila euro dei quali, i quindici, saranno chiamati a risponderne ciascuno per la propria quota di responsabilità. L’indagine, però, sembra essere ancora agli albori dato che la lente degli investigatori ha focalizzato solamente i collegamenti tra la Multiservizi ed un solo dei soci pubblici, l’amministrazione Provincia di Frosinone, adesso i finanzieri proseguiranno con gli altri “soci”.

30 giugno 2014 0

Professional Service, campione provinciale Csi

Di redazionecassino1

Chiusi i tornei Csi 2013-2014 dopo le semifinali del campionato territoriale nella finale fra Tecnostore Roccasecca e Professional Service a spuntarla e la formazione cassinate di Professional Service che battendo la formazione di Roccasecca per 2 a 0 si è laureato Campione provinciale. Dopo il successo provinciale Professional Service non è riuscito ad imporsi in quello regionale. Stessa sorte per l’altra formazione cassinate di Iuvenalis. Nel torneo “Tutto per l’Auto” Atletico pontecorvo si impone per 4 a 0 su Pietramelara 2013 e conquista il trofeo, mentre nell’altro torneo “Toylandia Giocheria” ci son voluti i calci di rigore per stabilire la squadra campione. A spuntarla per 5 a 4 è stata Bet Europa che ha superato Am. Calcio Castro. nella “Coppa Primavera” dopo un girone unico ad aggiudicarsi la coppa è stata la formazione campana dell’Atletik Mignano che ha superato Acquafondata.

30 giugno 2014 0

Tenta di fermare un latitante, carabiniere accoltellato a Chieti

Di admin

Mattinata concitata in Largo Cavallerizza a Chieti, al termine della quale i Carabinieri hanno arrestato un ricercato che doveva scontare 9 anni di carcere. I fatti: erano circa le 13.45 quando un Maresciallo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Chieti ha notato Emilio Giurastante, allontanatosi due giorni prima dall’ Ospedale del capoluogo dove si trovava ristretto in regime di detenzione domiciliare. Il Sottufficiale dapprima ha avvisato la Centrale Operativa del Comando Provinciale della localizzazione del pregiudicato e, a debita distanza, ha atteso l’arrivo dei colleghi per poter procedere all’arresto. Purtroppo, dopo pochi istanti, il Giurastante, si è accorto di essere stato individuato, ha tentato di allontanarsi per far perdere le proprie tracce. Il 49enne Maresciallo, che conosceva l’uomo per i suoi trascorsi penali , al fine di evitare una nuova fuga, lo ha chiamato per nome in attesa dei rinforzi e per rallentarlo. Il Giurastante, di contro, gli si è avvicinato dissimulando intenti aggressivi e, facendo finta di voler dialogare, sferrandogli, a sangue freddo, con un coltello da cucina prelevato dal marsupio, un fendente al fianco sinistro, lasciandolo ferito al suolo. Contemporaneamente, prima che l’uomo potesse nuovamente colpire il militare, è giunto un equipaggio del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti che, soccorso il collega, dimostrando alta professionalità e fredda determinazione ha bloccato il Giurastante senza alcuna colluttazione e senza ricorrere all’uso delle armi.

Immobilizzato e reso inoffensivo, è stato sottoposto a perquisizione rinvenendo nel marsupio un altro coltello da cucina, con lama a punta seghettata in acciaio lunga circa cm.10 uguale a quello utilizzato per colpire il Maresciallo, anche questo recuperato e sequestrato. Subito dopo è arrivata un’ambulanza del 118 che ha prestato le prime cure al militare ferito trasportandolo poi in ospedale, ove è ancora ricoverato, fortunatamente fuori pericolo di vita, per ferite da accoltellamento al fianco sinistro. Giurastante Emilio è stato tratto in arresto per tentato omicidio ed evasione e immediatamente tradotto presso la Casa circondariale di Chieti a disposizione della Procura della Repubblica del capoluogo.