Giorno: 9 luglio 2014

9 luglio 2014 0

“Pietro Mennea – La Freccia del Sud”, al Coni di Formia si gira la grande fiction di Rai 1

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sembra d’essere tornati indietro di trent’anni. Auto d’epoca, pantaloni scampanati, le tute della nazionale azzurrine e aderenti, gli atleti in pantaloncini corti e calzerotti tirati su fino al ginocchio. Poi ad un tratto, tra le siepi e gli aranci, spunta lui, il campione. Pietro Mennea, il primatista mondiale dei 200 metri del 1979, quello del “19.72”. Semplicemente Pietro, come qui lo ricordano. Quelli che tra i viali alberati del centro “Bruno Zauli” di Formia lo hanno visto crescere e trasformarsi nel più grande campione che l’atletica italiana abbia avuto. Quelli che ancora oggi lo ricordano allenarsi, sudare, soffrire, sulla pista e i prati del Coni. Quelli che lo indicano alle nuove leve come un esempio da cui ripartire. Alla “Freccia del Sud” è dedicata la miniserie in due puntate per Rai Uno prodotta da Rai Fiction e Casanova Multimedia con il sostegno della Apulia Film Commission. Il cast è di quelli importanti. Pietro Mennea è Michele Riondino, già protagonista della fiction Rai “Il giovane Montalbano”. Carlo Vittori, l’allenatore di Mennea ai tempi del record mondiale di Città del Messico, è invece interpretato da Luca Barbareschi (che della fiction è coproduttore). Nel cast anche Elena Radonicich, Gian Marco Tognazzi, Lunetta Savino e molti altri. La regia è di Ricky Tognazzi. Sceneggiatura di Simona Izzo, Fabrizio Bettelli e Ricky Tognazzi. Da inizio settimana la troupe è al Centro di Preparazione Olimpica “Bruno Zauli” di Formia per girare le scene negli ambienti in cui Mennea costruì gran parte dei suoi straordinari successi. Il Centro Coni è un via vai di attori, costumisti, comparse. L’amministrazione comunale ha partecipato all’organizzazione fornendo assistenza logistica e gestendo la viabilità. La fiction sarà uno degli eventi Rai del 2015, la storia di un uomo di origini modeste che, con volontà e sudore ha scalato le vette del mondo. Quell’uomo era Pietro Mennea, cittadino onorario di Formia, scomparso prematuramente il 21 marzo del 2013.

9 luglio 2014 0

Abusi sessuali su fratellini di Cassino, in manette 57enne amico di famiglia

Di admin

Ha abusato sessualmente di due fratellini di Cassino di età minore di 14 anni. A scoprire le turpi attività di un 57enne del posto, amico di famiglia dei genitori delle vittime, sono stati iu carabinieri della compagnia cassinate ai quali si era rivolto lo zio dei piccoli. L’uomo, a luglio, ha denunciato degli strani atteggiamenti che facevano sorgere sospetti confermati, però, dalle indagini dei militari. In particolare è stato accertato che l’uomo, in più occasioni, approfittando del momentaneo affido dei bambini da parte dei genitori, praticava rapporti sessuali con entrambi. Oggi è scattato l’arresto per l’ipotesi di reato di “atti sessuali commessi nei confronti di due fratelli minori”.

9 luglio 2014 0

Troppe ingerenze nella sfera sentimentale, 31enne di Sora tenta di uccidere i padre a botte

Di admin

Litiga con il padre per ingerenze nella sua vita sentimentale e lo picchia quasi fino ad ucciderlo. E’ accaduto a Sora e protagonisti della vicenda sono un 61enne del posto ed il figlio 33enne separato e convivente con il genitore. Ad allertare i carabinieri sono stati i vicini di casa che hanno sentito urla di rabbia e dolore arrivare dalla casa in cui abitavano i due. Al loro arrivo, hanno trovato l’anziano ferito da pugni al capo e al volto. In gravi condizioni, il 61enne è stato trasportato in ospedale a Sora ma ben presto i medici hanno deciso di trasferirlo all’Umberto I di Roma dove resdta in prognosi riservata. Il figlio, invece, è stato arrestato per tentato omicidio e accompagnato in carcere a Cassino.

9 luglio 2014 0

Scippatore di spesa in azione a Formia, strappa le buste dalle mani di un 74enne

Di admin

Scippa la spesa di mano ad un anziano e fugge ma viene individuato e arrestato dai carabinieri. Protagonista del furto con strappo è Davide Centola un 34enne pregiudicato di Formia che in via Rio Fresco, ha preso di mira non una borsa dove potessero esservi dei soldi, neanche un orologio prezioso portato al polso in manietra troppo disinvolta, ma le buste della spesa di un pensionato 74enne. L’anziano era da poco uscito da un discount e stava tornado a casa con le buste contenente le derrate alimentari quando il 34enne gli si è avvicinato e gli ha strappato le buste dalle mani fuggendo a piedi. I militari immediatamente allertati, hanno fermato l’uomo mentre correva ancora portando con se le buste. Sono quindi scatatte le manette.

9 luglio 2014 0

Sindacalista di Cassino condannato, gli avvocati: “Siamo sbalorditi” e annunciano l’appello

Di admin

“Siamo sbalorditi di fronte alla decisione adottata dal Tribunale Monocratico di Cassino”. Lo si legge in una nota scritta dagli avvocati Gaetano Marciano e Manlio Sera, difensori di del sindacalista di Cassino condannato oggi a 3 anni e sei mesi oltre all’interdizione per cinque anni dai pubbloici uffici – Siamo sbarlorditi su come possa aver il Giudice Monocratico ritenuto il loro assistito colpevole di fatti di cui non solo non è stata fornita prova, ma addirittura sia emersa nel dibattimento la prova della inesistenza con riferimento alla non punibilità in relazione ai fatti contestati”. In tal senso i difensori e lo stesso imputato attendono di conoscere le motivazioni che possano sorreggere una tale decisione e, nel preannunciare appello, ritengono sia opportuno precisare che le accuse mosse al proprio assistito, che ritengono peraltro non provate  e né provabili, nel corso del processo, non fanno riferimento a somme sottratte ai lavoratori né a somme dell’INPS destinate ai lavoratori, in mobilità o cassintegrati. “Così come parimenti è inverosimile che si possa definire arbitraria l’occupazione di chi di una sede è emerso essere – al tempo – l’unico dirigente responsabile, e che possa essere stato accusato – e condannato – di essersi appropriato di beni (documentalmente provato in giudizio) da egli stesso acquistati. Evidentemente il Giudice di primo grado ha ritenuto di non valutare – come emerso chiaramente – che l’USB ha ritenuto di cercare soddisfazione nella condanna dell’imputato a riparo della nascita dell’Associazione dell’AS.LA.COBAS, dalla quale effettivamente teme concorrenza.”

9 luglio 2014 0

Ritrovata Olga Angrisani, scomparsa lunedì mattina

Di redazionecassino1

E’ stata ritrovata nella tarda mattinata di oggi, nei pressi largo Dante, a Cassino, la signora Olga Angrisani, scomparsa due giorni fa. La donna di cui si erano perse le tracce da lunedì mattina, ha potuto riabbracciare i propri familiari questa mattina. Visibilmente provata ma in buono stato di salute si è ricongiunta ai suoi familiari. La donna era stata vista l’ultima volta lunedì mattina intorno alle 10. L’allarme lanciato dai familiari aveva messo in moto le ricerche della donna. Nel poneriggio di ieri, in aiuto delle forze dell’ordine impegnate nelle ricerche, era stato utilizzato anche un elicottero dei carabinieri decollato dalla base di Pratica di Mare.

9 luglio 2014 0

Devozione per l’Assunta, In migliaia in strada alle 5 per dirle grazie

Di admin

La devozione per la madonna dell’Assunta, a Cassino la si misura in centinaia di metri. La lunghezza del serpentone di folla che alle cinque del mattino di ogni 9 luglio. Anche questa mattina, davanti alla chiesa Madre si sono ritrovati alcune migliaia di fedeli per pregare e accompagnare l’Assunta fino al Rione Colosseo nella chiesa di San Pietro.  Si ringrazia così, fin dal 1837, l’Assunta perché il nove luglio di quell’anno, quando Cassino era flagellata dalla peste, in seguito alla processione, la pestilenza allentò la sua morsa sui cittadini. Lla sacra effige, quindi, ripartirà verso San Pasquale, il tragitto più lungo, poi le altre parrocchie. Foto Alberto Ceccon

9 luglio 2014 0

Si appropria dei soldi del sindacato, condanna a tre anni e sei mesi per sindacalista di Cassino

Di admin

Avrebbe creato dal nulla un sindacato interponendolo all’Usb del quale era rappresentante nel territorio di Cassino. Per questo S. A. è stato condannato dal tribunale di Cassino a tre anni e sei mesi di carcere, all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e a risarcimento del danno in misura da stabilire in sede civile. Il giudice, dietro la circostanziata denuncia dell’USB. assistita dall’avvocato Giancarlo Corsetti, – si legge in una nota redatta in un comunicato della Usb – ha riconosciuto vero come S. A., carpendo la fiducia del sindacato e dei lavoratori, falsificando documenti ha aperto un conto bancario a nome del sindacato ma a sua esclusiva disposizione, si sia impossessato delle somme che i lavoratori elargivano in termini di iscrizioni al sindacato, spese per vertenze sindacali, per il caf e si sia fatto liquidare dall’INPS, somme relative a lavoratori disoccupati, in mobilità, in cassa integrazione. Il tutto per circa 40mila euro, fino all’8 agosto del 2011 quando dalla sede provinciale è arrivato lo stop alla sua attività. A quel punto si è messo in proprio creando una nuova sigla sindacale, l’As.La. Cobas ma impossessandosi della sede della Usb cambiando le serrature dell’ufficio e continuando ad utilizzare tutti gli arredi, i sistemi e le utenze di proprietà del sindacato fino a quando, l’anno scorso, non è stato obbligato a restituire. Di fatti la sua sigla si sarebbe sostituita alla Usb, sia grazie alla confusione ingenerata ma, a quanto pare, anche con sistemi illegali.

9 luglio 2014 0

Controlli della finanza sulle spiagge pontine, sequestrati 2500 prodotti contraffatti

Di admin

Continua il contrasto agli illeciti da parte della fiamme gialle del comando provinciale di latina, in particolare la vendita di prodotti contraffatti sui luoghi di villeggiatura della costa sud pontina. Nello scorso fine settimana i baschi verdi del gruppo di formia ed i militari dei nuclei mobili della compagnia di fondi e della tenenza di terracina, nell’ambito delle attivita’ di controllo del territorio, per la prevenzione e la repressione degli illeciti in materia di pirateria audiovisiva e sul fenomeno della contraffazione dei marchi di fabbrica, hanno effettuato una serie di interventi mirati nei comuni di formia, fondi e terracina, effettuando un sequestro di circa 2.500 articoli contraffatti. Spiagge e tratti di lungomare, stazioni dei treni e dei pulmann, questi i luoghi setacciati a partire da venerdì dalle fiamme gialle del comando provinciale di latina, che hanno rastrellato il litorale per individuare i soggetti intenti alla vendita di prodotti illegali. L’attivita’ ha consentito di sequestrare circa 400 tra cd e dvd riproducenti opere musicali, cinematografiche e videogiochi, privi del contrassegno “siae”, 1.000 occhiali da sole e relative custodie, oltre 1.000 tra borse, portafogli, cinture e foulard delle maggiori case di moda nonché orologi e cronografi anch’essi contraffatti. La merce, sottoposta a sequestro sulla quale era apposto il marchio “cee” a garanzia del consumatore finale, risultato anch’esso contraffatto, era sprovvista delle indicazioni di legge idonee a certificare che i materiali con cui sono realizzati gli articoli (occhiali da sole) fossero in grado di offrire la massima sicurezza nell’utilizzo. Due sono i soggetti di nazionalita’ straniera (bangladesh e senegal) denunciati alla procura della repubblica di latina per la violazione degli artt. 171 bis e ter della legge 633/41 e 474 c.P., rispettivamente in materia di pirateria audiovisiva e contraffazione.

9 luglio 2014 0

Scomparsa da casa Olga Angrisani, 65enne di Cassino

Di redazionecassino1

Non si hanno più notizie da lunedì mattina di Olga Angrisani, una sessantacinquenne di Cassino che si è allontanata da casa. Era uscita di casa intorno alle 10 e non è più rientrata. A segnalare l’allontanamento alle forze di polizia sono stati i familiari fortemente preoccupati perché la signora Olga necessita di cure immediate. La donna, al momento del suo allontanamento, indossava un paio di pantaloni chiari, una maglia bianca e grigia, scarpe marroni. E’ alta poco più di un metro e sessanta ed ha i capelli corti brizzolati (come nella foto). Le ricerche sono state estese a tutto il cassinate. In campo, oltre ai familiari fortemente preoccupati, anche carabinieri, polizia di stato, protezione civile e polizia locale. Nel pomeriggio di ieri alle ricerche si è aggiunto anche un elicottero dei carabinieri partito da Pratica di mare. Chiunque abbia notizie è pregato di contattare le forze di polizia, indicando il luogo preciso in cui è stata vista la donna.