Giorno: 10 luglio 2014

10 luglio 2014 0

Va in cerca di funghi e non fa rientro a casa, si cerca un 50enne sui monti del Matese

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dalle prime ore della giornata di ieri è scattato l’allarme per una persona dispersa in agro Castello del Matese (CE) nella zona a confine tra Molise e Campania. L’uomo di anni 50, P.M. le sue iniziali, residente nel Comune di Gioia Sannitica (CE) ha lasciato la sua abitazione verso le sette del mattino del 09 luglio presumibilmente per dedicarsi alla ricerca di funghi. La protratta assenza ed il mancato ritorno al domicilio hanno dato motivo per denunciarne la scomparsa. Inoltre l’auto della persona è stata rinvenuta in località Piano della Corte nel Comune di Castello del Matese, a quota 1600 mt slm, sulla strada che collega Campitello Matese alla località Serra del Perrone. L’ambiente montano particolarmente ostile ha reso necessario l’intervento del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) che dalle 10:00 di questa mattina è intervenuto sul posto con una squadra specializzata in ricerca di superficie. I tecnici del CNSAS hanno prontamente allestito un Centro Coordinamento Ricerca (CCR) presso il rifugio Valle Santa Maria nel Comune di Castello del Matese (CE) dal quale è iniziata la fase di coordinamento di tutte le squadre degli Enti ed Organizzazioni che partecipano all’intervento di soccorso, trattandosi di ambiente montano, in ottemperanza alla Legge 26 del 26 febbraio 2010. L’attività di ricerca si avvale di un evoluto sistema di cartografia dedicato a livello nazionale, il 3DRTE di Pangea srl per l’esplorazione degli scenari digitali in 3D integrato con sistemi GPS. Sul posto sono presenti i Carabinieri di San Gregorio Matese, di Piedimonte Matese e di Guardiaregia, oltre ad unità operative dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale dello Stato. L’attività di ricerca è tuttora in corso nonostante le avverse condizioni meteorologiche, con oltre cinquanta unità impegnate sul territorio.

10 luglio 2014 1

L’omosessualità di scena a Cassino con “Il marito di mio figlio”

Di admin

Il Centro Teatrale dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale ha prodotto uno spettacolo innovativo dal titolo “Il marito di mio figlio”, che andrà in scena mercoledì 16 luglio, presso il Teatro Romano di Cassino (Fr), alla ore 21. Una scelta coraggiosa da parte del giovane gruppo teatrale che sfida sciocchi pregiudizi per rinnovare il concetto che l’amore non ha regole. Il testo di Andrea Falleri è una moderna commedia degli equivoci che affronta con ironia un attualissimo tabù: il matrimonio gay. Domani Michele e Giorgino si sposano. Presi all’ultimo momento da uno scrupolo di coscienza, decidono di riunire i rispettivi genitori per comunicare loro l’imminente cerimonia. Ma la rivelazione crea uno scompiglio che va oltre le previsioni dei due futuri sposi. Le nozze saltano a colpi di sessualità confuse, amanti inaspettati e relazioni segrete che non risparmiano neanche i genitori della neo-scoppiata coppia. L’autore si diverte a mettere in scena tutti i più diffusi pregiudizi sui gay, giocando argutamente con i vari cliché per poi demolirli implacabilmente ad uno ad uno. Il cast divertirà e commuoverà il pubblico fino alle lacrime. L’Arcigay ha patrocinato il progetto. Sarà poi presente il Presidente del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli di Roma, organizzatore ufficiale del Gay Pride romano e del noto party MuccaAssassina. Regia: Andrea Pinchera Direzione artistica: Giorgio Mennoia Musiche dal vivo: Antonio Lauritano Attori: Massimo Nese, Salvatore Oliva, Gaetano Franzese, Luana Morelli, Elisabetta Celozzi, Claudia Casale.

10 luglio 2014 0

Ferisce la suocera 84enne a colpi di scopa, 40enne denunciata a Sant’Apollinare

Di admin

Sono gravi le condizioni di una donna 84 anni colpita alla testa col manico di una scopa dalla nuora 40enne. I fatti sono accaduti a Sant’Apollinare dove i militari sono intervenuti per una lite in famiglia tra la donna e l’anziana suocera. Quest’ultima, all’arrivo dei militari, aveva una ferita alla testa per la quale è stata immediatamente soccorsa e trasportata in ospedale a Cassino. Le indagini hanno appurato che la ferita le era stata procurata da un colpo scagliatole dalla nuora con il manico in alluminio della scopa. Per questo la donna ha rimediato una denuncia per lesioni personali e, contestualmente, la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa in cui viveva con la suocera.

10 luglio 2014 0

Muore in circostanze sospette, la procura di Cassino fa riesumare la salma ad un mese dal funerale. Sette medici indagati

Di admin

A distanza di un mese dalla morte di una 70enne di Castrocielo, i familiari ottengono dalla procura di Cassino l’apertura di un fascicolo di inchiesta sul decesso improvviso della donna facendola disseppellire per sottoporla ad una autopsia. La 70enne, il 9 giugno è morta in ospedale a Cassino dove era ricoverata per dolori addominali in quanto soffriva di calcoli alla cistifellea. Dopo due giorni è deceduta tra atroci sofferenze. Superato lo sconcerto del lutto e del funerale, i parenti hanno presentato una denuncia per capire cosa avesse ucciso la donna e se vi erano responsabilità dei medici. Si sospetta, infatti, che in ospedale si sia tardato ad intervenire chirurgicamente. Per questo la procura cassinate ha disposto l’estumulazione della salma affidando ad un medico legale l’incarico di compiere l’autopsia effettuata questa mattina all’interno del cimitero di Castrocielo. Contestualemnte sette medici dell’ospedale di Cassino risultano indagati.

10 luglio 2014 0

Verdevento Cassino 2014, la musica dei grandi nomi per uno sviluppo urbano ecosostenibile

Di admin

Nove giorni di musica, spettacolo, gusto, natura. Il Parco Badel Powell (ex Campo Boario) ospita la kermesse che vede protagonisti grandi nomi della musica internazionale. Il fascino di una location immersa nel verde, nel centro della città, all’insegna di uno sviluppo sostenibile. Si parte il primo agosto con l’inaugurazione dell’evento e del parco. “Accordi naturali”: la giornata dedicata alla musica, artisti di strada e fantasticherie. Il 2 agosto sale sul palco Bob Sinclair. Dal soul, passando per l’hip-hop e il fesa jazz, ma è l’house a consacrare il francese tra i 10 dj più noti al mondo. Il 3 agosto protagonisti i Tiromancino, la band romana capeggiata da Federico Zampaglione, padroni della musica leggera italiana, mai convenzionale, volta a nuove sperimentazioni. Il 4 agosto la raffinatezza di Fiorella Mannoia, la grande signora della musica d’autore italiana. Il 5 agosto Pino Daniele, l’artista dal sound inconfondibile. Cantautore, chitarrista dalle mille commistioni: il sound napoletano, la musica fusion, il pop-rock. Il 6 agosto il rap di Clementino. Una serata dedicata alle nuove tendenze della musica italiana che hanno decretato il successo internazionale del musicista e attore napoletano. Il 7 agosto Renzo Arbore e L’Orchestra italiana. La band che ha portato le sonorità partenopee nel mondo, riproponendola in modo innovative attraverso contaminazioni provenienti da diverse culture, sfruttando il ritmo del jazz, swing e il rhythm and blues. L’8 agosto il graffio di Piero Pelù: rock, grinta e passione. Dai Litfiba alla carriera da solista. Cinquant’anni di successi internazionali. Il 9 agosto i Sud Sound System chiuderanno la kermesse con il sound reggae che li ha consacrati al successo da oltre vent’anni. Dal Salento allo Zsiget Festival di Budapest. La band ha rappresentato l’Italia nel music contest internazionale. Non solo musica perché Verdevento si pone un obiettivo ambizioso: l’ecosostenibilità. Oltre il 70 % dei rifiuti della manifestazione saranno riciclati, usati come compost per la piantumazione del parco una volta conclusa la kermesse. Raccolta differenziata che premia. Le bottiglie di plastica raccolte e riconsegnate daranno diritto ad una consumazione. Questi solo due degli atteggiamenti ‘green’ protagonisti dell’evento che ambisce a dare un nuovo volto, una nuova immagine, una nuova linfa allo sviluppo urbano della città di Cassino.

10 luglio 2014 0

Strada abusiva sequestra a Fiuggi, denunciato il proprietario del terreno boschivo deturpato

Di admin

Una strada realizzata in maniera abusiva in mezzo ad un bosco è stata posta sotto sequestro, nei giorni scorsi, dalla Forestale di Fiuggi. La strada in questione è lunga 500 metri e larga 5. Al proprietario ed all’esecutore materiale dell’opera è stata notificata la denuncia per reati ambientali in materia di abusivismo e violazione delle bellezze naturali. Altre sanzioni gli verranno comminate per lo sradicamento di ceppaie di specie quercine e di Pino Nero, riduzione di superficie boscata e movimenti di terra abusivi, in violazione della normativa vigente.

10 luglio 2014 0

Bar di Alatri evade oltre 17 milioni di euro

Di admin

Una società nata per gestire bar e locali pubblici, ma che ha omesso di presentare la dichiarazione dei redditi è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Fiuggi. La stessa è risultata evasore fiscale multimilionaria, infatti oltre 17 milioni di euro sono stati recuperati a tassazione nei suoi confronti ed il legale rappresentante, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Frosinone per reati tributari. L’operazione delle Fiamme Gialle fiuggine è nata a seguito di mancate emissioni di scontrini fiscali per la somministrazione di caffè ed ha subito rilevato come la società che gestiva il bar, sito in Alatri, non aveva presentato le dichiarazioni dei redditi. La verifica fiscale veniva quindi estesa a tutti gli atti di gestione, anche mediante accertamenti bancari, rilevando ingenti flussi non giustificati dei soci e connessi con l’attività economica della società. Il recupero a tassazione a cura dell’Agenzia delle Entrate ed il processo penale istituito dalla Procura della Repubblica di Frosinone sono i prossimi passi che attendono la cinquantaseienne alatrense responsabile dell’evasione fiscale milionaria.

10 luglio 2014 0

Truffa milionaria ai danni dello stato, due persone arrestate a Civitavecchia

Di admin

I Finanzieri della Compagnia di Civitavecchia, sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, hanno individuato un articolato sistema di frode, messo in piedi da due persone – un civitavecchiese ed un ucraino – a totale discapito di risorse pubbliche. Il primo, già assessore al bilancio del Comune poi vice presidente del COTRAL Patrimonio Spa, per il tramite di numerose società, avrebbe ottenuto fondi pubblici dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma e dal Comune di Civitavecchia per oltre 1.300.000 euro. Parte di tali fondi, una volta accreditati sui conti correnti delle beneficiarie, è stata, successivamente, dirottata, al solo scopo di dissimularne la distrazione, sui conti di altre società, anch’esse riconducibili al civitavecchiese. I flussi finanziari così distratti venivano, poi, fatti confluire sui conti correnti di società amministrate da due persone, un ucraino ed un egiziano, che si sono adoperati per riciclare il denaro precedentemente distratto mediante diverse operazioni bancarie costituite, essenzialmente, da prelevamenti di contante o ricariche di carte prepagate. L’organizzatore italiano ed il complice ucraino sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Civitavecchia per malversazione a danno dello Stato e riciclaggio e, nei loro confronti, il Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Civitavecchia ha emesso la misura cautelare degli arresti domiciliari.