Giorno: 12 luglio 2014

12 luglio 2014 0

Week end con pioggia e temporali nel centro Italia e al nord-est

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ancora condizioni di spiccata instabilità sulla penisola italiana: nuovi fenomeni temporaleschi sono attesi nelle prossime ore sui settori centro-orientali del nord, mentre dalla tarda serata un nucleo temporalesco in arrivo dalla Francia meridionale interesserà le regioni centrali tirreniche. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi, un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso meteo prevede dal pomeriggio-sera di oggi, sabato 12 luglio, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna. Dalla tarda serata precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sono inoltre previste su Lazio e Umbria, in successiva estensione alla Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani ancora criticità arancione per rischio idraulico sulla pianura occidentale lombarda e, per la giornata di domani, criticità arancione per rischio idrogeologico su tutto il territorio della Campania. La criticità prevista, per rischio idraulico e idrogeologico, sarà invece gialla domani su gran parte del Paese, da nord a sud, comprese la Sicilia tirrenica e buona parte della Sardegna. È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, riportati sul sito del Dipartimento. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

12 luglio 2014 0

Colle San Magno, i ragazzi in gita al Parco dei Monti Aurunci

Di admin

Con la visita al Parco naturale dei Monti Aurunci si è aperta la stagione estiva degli eventi e delle iniziative che l’Amministrazione comunale di Colle San Magno riserva ogni anno ai suoi ragazzi e bambini. “Una giornata con i Guardiaparco”, il titolo dell’iniziativa che ha interessato circa trenta, tra bambini e accompagnatori, che hanno trascorso una bella e rilassante giornata a contatto con la natura e con gli incantevoli percorsi del Parco dei Monti Aurunci. Oltre alla visita del Parco, la comitiva di Colle San Magno, accolta dai guardiaparco dell’Ente, ha potuto visitare il complesso museale Palazzo Spinelli e ammirare il Museo dell’Acqua e la mostra in 3D “Herbaio magico”. In più la visita del sito paleontologico “Ordme di dinosauro”. Molto affascinati i ragazzi dalle attività dei custodi del Parco, a cui hanno rivolto tantissime domande. Conclusione della giornata con un salutare pic nic all’aria aperta. Insieme alla comitiva dei giovani collacciani, anche il sindaco Antonio Di Adamo. “Una splendida giornata tra natura e ambiente incontaminato – ha dichiarato il primo cittadino – i bambini si sono divertiti tantissimo, hanno imparato cosa vuol dire tutelare il proprio patrimonio ambientale. E’ questa la prima di tante iniziative che abbiamo in programma per la stagione estiva dei minori di Colle San Magno. Concludo con un ringraziamento particolare agli organizzatori e alle guardie del Parco che hanno saputo coinvolgere e appassionare i piccoli visitatori”.

12 luglio 2014 0

Sermoneta invasa dalle “Vespe”

Di admin

Il Vespa Club Aprilia, sotto l’egida ed il patrocinio del Vespa Club d’Italia e con il patrocinio della Città di Aprilia e del Comune di Sermoneta, ha infatti organizzato il XVII Raduno Nazionale – “Sermoneta in Vespa”.

La manifestazione, che avrà come meta l’Abbazia di Valvisciolo di Sermoneta, succede il ciclo dei raduni a tema denominato “Ville e Palazzi”, che ha seguito quello dedicato ad “Oasi e Parchi”, inaugurato nel 2004, preceduto a sua volta dal ciclo dei raduni dedicati alle “Città Nuove” dell’Agro Pontino, iniziato nel 1998, tutti tesi a valorizzare e far conoscere la Città di Aprilia, la sua storia ed il territorio circostante.

Il programma dell’evento prevede il concentramento delle Vespa a partire dalle ore 8 in Piazza Roma, ad Aprilia, con l’apertura delle iscrizioni e la consegna dei gadget del raduno.

Alle ore 10:30 prenderà il via il giro turistico “Panoramica dei Monti Lepini”, con l’arrivo a Sermoneta previsto per le ore 12, con successiva visita dell’Abbazia di Valvisciolo. Per i turisti sarà un’occasione per ammirare, nello spazio di Fuori Porta all’ingresso del paese, gli splendidi esemplari di vespe d’epoca che hanno contribuito a rendere grande il nome dell’Italia in tutto il mondo.

Alle ore 13:30 il ristorante “La Veduta” di Sermoneta accoglierà i Vespisti per l’aperitivo di benvenuto ed il pranzo conviviale, a cui seguiranno le premiazioni, con il successivo sorteggio di una Vespa 50 PK S fra tutti gli iscritti al raduno.

“Sermoneta è lieta ed orgogliosa di accogliere i vespisti da tutta Italia e di mostrare le sue bellezze”, spiega il Vice Sindaco e assessore alla cultura Giuseppina Giovannoli, che accoglierà la delegazione per uno scambio di doni ed una foto di gruppo.

12 luglio 2014 0

“Prostituzione: schiavitù o libera scelta?” in un convegno di ‘Se non ora quando’

Di redazionecassino1

Un tema che negli ultimi anni ha riaperto e riacceso l’attenzione ed il dibattito, per anni quasi dimenticato, è rappresentato dal fenomeno della prostituzione e dei suoi diversi aspetti. Su questo importante tema, si è svolto ieri, presso la biblioteca comunale “P. Malatesta” di via del Carmine, un convegno organizzato dalla associazione “Se Non Ora Quando” dal titolo “Prostituzione: schiavitù o libera scelta?” L’ idea di parlare di un argomento così delicato, che entra nelle sfere più intime della vita degli uomini e delle donne, è nata dalla presentazione da parte della senatrice frusinate Maria Spilabotte del PD di un disegno di legge per la regolarizzazione della prostituzione. Una proposta firmata da 25 senatori in maniera trasversale dal PD e che hvolto tutti gli schieramenti politici. La senatrice è stata ospite dell’ inizitiva insieme all’On.le Pia Locatelli,socialista, e a Don Roberto Sardelli, prete di strada che da sempre si occupa dei più deboli. Molti e complessi sono stati gli argomenti trattati: dai principii ispiratrici della proposta di legge presentata dalla senatrice frusinate, alla disanima delle legislazioni in materia attualmente vigenti e a quelle di altri paesi europei. Importante anche la testimonianza del sacerdote e scrittore don Roberto Sardelli che tanti anni ha trascorso al fianco dei malati di AIDS. E’ apparso subito chiaro che c’è un problema molto complesso da affrontare che passa dalla lotta alla criminalità organizzata, all’ educazione sentimentale e sessuale dei nostri uomini, all’ ordine pubblico. Certamente non basterà un convegno per trovare la soluzione ad un problema così complesso, dai contorni numerosi ed importanti che rivestono l’intera figura umana, ma quello di ieri pomeriggio sicuramente ha toccato l’argomento in tutti i suoi aspetti. Finalmente, però, se ne comincia parlare!

F. Pensabene Foto A. Ceccon

12 luglio 2014 0

Per due giorni disperso sui monti del Matese, 50enne tratto in salvo dal soccorso alpino

Di admin

È proseguita per tutta la giornata di oggi la ricerca della persona dispersa di Gioia Sannitica. I tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) hanno presidiato dalle 10:00 di ieri mattina il Centro Coordinamento Ricerca (CCR) allestito presso il rifugio Valle Santa Maria nel Comune di Castello del Matese (CE) dal quale hanno coordinato l’apparato di soccorso di tutte le forze presenti sul territorio in conformità alla Legge 289 del 27 dicembre 2002. Mediante l’utilizzo di un evoluto sistema di cartografia dedicato a livello nazionale, il 3DRTE di Pangea srl per l’esplorazione degli scenari digitali in 3D integrato con sistemi GPS sono state definite aree che poi sono state assegnate a squadre di ricerca allo scopo di essere battute e bonificate. Con il passare delle ore il raggio di intervento veniva ampliato compatibilmente con la morfologia del territorio e delle forze impiegate sul campo. Contestualmente veniva effettuata una ricognizione aerea dagli elicotteri dell’Aeronautica Militare di Grazzanise, dei Carabinieri, e dei Vigili del Fuoco. Nelle prime ore del pomeriggio, verso le 15:40, una nuova segnalazione per persona dispersa veniva inoltrata al CNSAS dai militari dell’Arma dei Carabinieri di Boiano, costringendo i tecnici del Soccorso Alpino al coordinamento parallelo dei due interventi di ricerca. La seconda persona per la quale era stata denunciata la scomparsa, P. R. le sue iniziali, un uomo di anni 48 originario di Piano di Monteverna (CE), aveva abbandonato l’auto sulla stessa strada del primo disperso ma in una zona prossima ai monti della Gallinola, presumibilmente per una escursione. L’arrivo della nebbia e condizioni di luce diurna in diminuzione hanno probabilmente fatto perdere l’orientamento all’uomo che però, in questo caso, è riuscito a trovare segnale di ricezione in una zona principalmente priva di copertura di rete e a telefonare ai Carabinieri per dare l’allarme. Le squadre di intervento, a questo punto, sono state divise, dai tecnici del CNSAS sulle due aree sulle quali si presumeva potessero essere i dispersi perlustrando il territorio nonostante condizioni climatiche particolarmente avverse ed un territorio notevolmente ostile. Solo nella tarda ora del pomeriggio sono stati individuati le due persone disperse. L’uomo di Piano di Monteverna è stato rinvenuto nel territorio di Campochiaro alle 19:15 presso un’area su cui è sita una cava; l’uomo di Gioia Sannitica invece è stato recuperato alle 19:30, dopo oltre due giorni di allontanamento, sempre nel territorio di Campochiaro. Le due persone sono state ritrovate in condizioni di salute apparentemente discrete, anche se visibilmente provate dalla lunga permanenza nei boschi. Sono state comunque trasportate al nosocomio di Campobasso per accertamenti. Dopo quasi tre giorni di incessante ricerca e, nonostante la seconda segnalazione per persona dispersa, il sistema congiunto dei soccorsi ha funzionato in modo efficiente scongiurando il peggio. Notevole è stato lo sforzo di tutti gli uomini dei Corpi e degli Enti coinvolti sul territorio. Fondamentale è stata la sinergia tra il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, il Corpo Forestale dello Stato, i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile Campana. Ognuno ha fornito uomini e mezzi adoperandosi nei propri ambiti di competenza. Un plauso particolare è doveroso ai militari dell’Arma dei Carabinieri sia del Territorio molisano che campano per la professionalità con cui hanno gestito l’evento della scomparsa per poi inoltrare, una volta individuato l’ambito di intervento, la segnalazione al Soccorso Alpino, trattandosi di territorio montano ed impervio.