Con i “Briganti Rugby Cassino” giornata di sport e solidarietà

8 luglio 2014 0 Di redazionecassino1

“Una manifestazione dedicata allo sport ed ai sani principi che ispirano, o quantomeno dovrebbero ispirare, ogni tipo di disciplina sportiva.” A dichiararlo l’assessore allo sport del Comune di Cassino, Danilo Grossi, in merito alla manifestazione che ha coinvolto associazioni sportive no profit, tra cui i Briganti Rugby Cassino promotori dell’iniziativa, e associazioni sociali del territorio in una giornata dall’alto significato in memoria di Liliana Panaccione, una volontaria molto attiva di Educatori senza frontiere e collaboratrice per circa 20 anni di Exodus. “Un’iniziativa molto bella – ha sottolineato Grossi – che è stata capace di unire all’aspetto sportivo quello sociale, due lati della vita che vanno a braccetto. D’altronde lo sport può essere un vero e proprio motore per il sociale e la serata che si è tenuta la scorsa settimana nella nostra villa comunale ne è una dimostrazione evidente. Tanti bambini, tanti ragazzi, tanti amanti dello sport e sportivi che si sono riuniti per vivere una serata in compagnia e per promuovere le varie discipline sportive ed allo stesso tempo tanti cittadini accorsi per fornire il proprio contributo ad una giusta causa. Il ricavato della serata, infatti, è stato interamente donato ad una donna rumena che aveva innanzitutto bisogno di un posto dove dormire, ma soprattutto di un’ambulanza per riportare il proprio figlio, in stato vegetativo, in Romania. Questo è stato possibile grazie ad Exodus e grazie all’impegno de ‘I Briganti Rugby Cassino’ che dimostrano sempre una grande attenzione all’aspetto sociale anche e soprattutto perché sono una bellissima realtà sportiva che testimonia quanto lo sport possa essere aggregazione, rispetto, e solidarietà. Una manifestazione che verrà ripetuta anche il prossimo anno, quando, speriamo sarà possibile vedere la squadra dei ‘I Briganti Rugby Cassino’ militare in un campionato. Lo scorso anno, quando a Cassino c’è stata una delegazione della dirigenza degli All Blacks sono stati proprio i Briganti ad accoglierli. Da quel giorno è passato del tempo ed i Briganti Cassino ne hanno fatta di strada e l’obiettivo è quello di riuscire ad iscrivere la squadra al prossimi campionato.”