Giorno: 13 agosto 2014

13 agosto 2014 0

Si butta nel pozzo per togliersi la vita, 50enne salvato dai carabinieri a Ceprano

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Stamattina a Ceprano i Carabinieri della locale Stazione hanno salvatp un 50enne, affetto da disabilità deambulatoria, a seguito di un tentativo di suicidio per annegamento, lanciandosi all’interno del pozzo di pertinenza della propria abitazione, profondo circa 12 metri.

A seguito della concitata richiesta di soccorso, pervenuta sulla linea 112, effettuata dall’anziana madre del malcapitato e dai vicini prontamente intervenuti, la Centrale Operativa di Pontecorvo disponeva l’intervento sul posto di personale della Stazione Carabinieri di Ceprano. Sul posto si portava immediatamente il Comandante della Stazione unitamente ad altro militare, i quali, congiuntamente al personale del “118” sopraggiunto, considerando l’imminente pericolo di vita dell’uomo, già provato dalle gravi lesioni riportate nella caduta e dallo stato di ipotermia, attuavano materialmente una manovra di soccorso e, realizzando un’imbracatura di fortuna, utilizzando una fune in nylon, riuscivano a sollevare, a braccia, fino alla superficie, il corpo inerme della vittima. Quest’ultima, trasportata presso l’ospedale civile di Frosinone, veniva ricoverata poiché riscontrata affetta da fratture multiple agli arti inferiori, con prognosi di gg. 30 s.c..

L’insano gesto è verosimilmente riconducibile a disturbi depressivi di cui l’uomo risulta affetto, il quale aveva anche stilato un messaggio manoscritto riferibile ai propositi suicidari successivamente attuati.

13 agosto 2014 0

Armato di estintore danneggia il pronto soccorso a Latina, denunciato un 46enne

Di admin

Oggi pomeriggio verso le 16 gli uomini della Polizia di Stato hanno denunciato C.C. del ‘68, per interruzione di servizio pubblico e danneggiamento. Poco prima era giunta una telefonata al 113 che richiedeva l’intervento degli agenti, perchè un uomo al pronto soccorso dell’ospedale di Latina stava dando in escandescenza, a causa, a suo dire, di una attesa troppo lunga per far visitare il figlio 20enne. Gli uomini della Squadra Volante giungevano immediatamente sul posto, grazie al nuovo sistema di teleallarme che collega direttamente l’ospedale di Latina al 113 della Questura. Gli agenti della Polizia di Stato bloccavano prontamente il 46enne, che, armato di un estintore, aveva infranto il vetro di una porta del pronto soccorso. L’intervento degli uomini della Polizia di Stato impediva così che l’ira del 48enne potesse ulteriormente degenerare e causare così danni peggiori alle numerose persone presenti in quel momento nei locali del nosocomio. Il C.C. classe 68, è stato accompagnato in questura e dopo gli accertamenti di rito, avvisata l’A.G., è stato denunciato per interruzione di servizio pubblico e danneggiamento

13 agosto 2014 0

Il comandandte dei Vigili del Fuoco di Latina trasferita al Dipartimento Vigili del Fuoco del Ministero

Di admin

In data 3 settembre 2014 la Comandante Provinciale VV.F. di Latina, Dott.ssa Ing. Cristina D’ANGELO, raggiungerà i suoi 5 anni di permanenza al Comando di Latina, stabilendo il secondo record di permanenza presso la Sede VV.F. pontina da parte di un Dirigente del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Il periodo di permanenza a Latina da parte della Comandante D’ANGELO rientra tra quelli più longevi che sono stati stabiliti dai vari Comandanti succedutisi nell’ ultimo trentennio e per questo motivo lascerà una traccia indelebile del Suo passaggio, che verrà ricordato come quello tra i più fruttuosi e che hanno migliorato notevolmente il suo aspetto interno strutturale ed organizzativo. Ed ora, pochi giorni dopo 1′ inizio del suo sesto anno di permanenza al Comando di Latina, la Comandante Cristina D’ANGELO, ne lascerà la sua direzione per assumere un importante e delicato incarico dirigenziale presso il Ministero dell’ Interno, ai sensi del D.M. 20.1.2011, incarico prestigioso che avrà la durata di un biennio. L’incarico che la Comandante Cristina D’ ANGELO andrà ad assumere dal prossimo 15 settembre presso il Viminale sarà quello di “Responsabile della Comunicazione esterna del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco” presso 1′ Ufficio di Gabinetto del Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Prefetto Dott. Alberto lM PACE. Nel contempo si informano, inoltre, codeste Redazioni che assumerà il Comando di Latina il Dott. Ing. Maurizio LIBERATI, fino ad oggi alla guida del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Frosinone. Si informa, infine, che a seguito del trasferimento dell’Ing. D’ANGELO verrà inviata relativa informativa alle Redazioni giornalistiche, televisive e radiofoniche di Latina e provincia in merito alla CONFERENZA STAMPA che la Comandante vorrà tenere per illustrare il lavoro svolto in questi 5 anni presso il Comando e gli importanti impegni assunti e che si trovano “in itinere”, quali, ad esempio, le Sedi di servizio di Aprilia, Terracina e Latina. UFFICIO RELAZIONI ESTERNE SETTORE STAMPA (S. Direttore Capo Esperto R. MICALI)

13 agosto 2014 0

Si riunisce il GOS in Questura per la partita Frosinone – Como

Di admin

Si è costituito questa mattina in Questura il G.O.S. ( Gruppo Operativo Sicurezza) in occasione del prossimo incontro di calcio in programma domenica 17 agosto che vedrà la squadra di casa impegnata con il Como.

Il nuovo Questore Filippo Santarelli ha voluto rivolgere a tutti i componenti il proprio saluto e l’augurio di un buon lavoro per i prossimi importanti impegni.

Per la nuova stagione calcistica 2014/2015 è stato nominato responsabile del predetto organismo il Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato Dott.ssa Stefania Marrazzo, Capo di Gabinetto della Questura e supplente il vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato Dott. Giuseppe di Franco, dirigente dell’UPGSP.

Presenti alla riunione tutti i componenti: Vigili del Fuoco, Arma dei Carabinieri, Ares 118, Società Frosinone Calcio, Comune di Frosinone, Polizia Provinciale e Polizia Locale, ognuno impegnato a rilevare eventuali criticità per le manifestazioni sportive per predisporre attraverso un corretto circuito informativo tutte le misure prodromiche alla gestione dell’evento.

La preliminare attività del GOS assume per la prossima stagione calcistica una particolare valenza anche in considerazione del passaggio della squadra del Frosinone alla categoria superiore.

Nel corso della riunione il funzionario responsabile del G.O.S. ha analizzato collegialmente le problematiche relative all’evento sportivo e tutte le esigenze e fatti di rilievo, nonché sono stati definiti operativamente i compiti specifici da affidare agli steward.

13 agosto 2014 0

Latina, arrestato 44enne che deve scontare 4 anni di carcere

Di admin

Questa mattina la Polizia di Stato ha arrestato Are Fausto, cittadino italiano di 44 anni, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Roma per i reati di furto, rapina e ricettazione. Gli investigatori della Squadra Mobile hanno rintracciato ARE in località Borgo Santa Maria, dopo che aveva fatto perdere le sue tracce nell’ultimo indirizzo conosciuto a Roma in zona Torre Gaia. Alla vista degli agenti della I sezione della Squadra Mobile, che lo hanno sorpreso nel sonno, l’arrestato non ha opposto resistenza ed è stato condotto presso il carcere di Latina ove dovrà scontare 4 anni di reclusione. In passato Are si è reso protagonista a Latina di rapine in danno di esercizi commerciali nonché di ricettazione e falsificazioni documenti d’identità. E’ stato trovato anche in possesso di carte d’identità in bianco pronte per essere falsificate.

13 agosto 2014 0

Recuperata la “Carica dei Bersaglieri”, importante opera d’arte trafugata dai nazisti nel ’43

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Venezia, a conclusione parziale di un’ appassionata indagine, hanno recuperato e sequestrato una pregevole opera pittorica (olio su tela) facente parte della più vasta composizione del dipinto intitolato “Carica dei Bersaglieri” (cm. 300 x 200) realizzato dal pittore Michele Cammarano (Napoli 1835 – 1920), interprete affermato della stagione pittorica risorgimentale. Il quadro fu trafugato dalle truppe dalla Caserma “Catena” di Verona, durante le tragiche giornate che seguirono l’8 settembre 1943.

I militari hanno rintracciato il dipinto, un sezione ritagliata dall’opera originaria, presso una casa d’aste di Napoli, grazie alle preziose informazioni contenute nella Banca Dati dei Beni Culturali Illecitamente Sottratti, il più grande database del mondo gestito dal reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri, che ha reso possibile i riscontri ed il riconoscimento del dipinto. L’opera da ricercare era anche inserita nel famoso catalogo “dell’opera da ritrovare – repertorio del patrimonio artistico italiano disperso all’epoca della Seconda Guerra Mondiale” (pubblicato dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali nel 1995). La realizzazione di questo catalogo fu opera del famoso Rodolfo Siviero, già Ministro plenipotenziario della Repubblica Italiana, detective dell’arte che riuscì, nei difficili anni del dopoguerra, a recuperare molte importanti opere d’arte trafugate durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il dipinto è stato restituito nella mattinata odierna, dai Carabinieri del Tutela Patrimonio Culturale all’8° RGT Bersaglieri di Caserta, che nel 1943 era stanziato appunto presso la caserma “Catena” di Verona, luogo del trafugamento.

Il Reggimento, protagonista prestigioso di passati gloriosi fatti d’arme, e, più recentemente, di impegnative missioni in Iraq e Afghanistan, è oggi dislocato in Caserta, presso la caserma “Ferrari Orsi”.

13 agosto 2014 0

Tenta di strozzare un cane a Centocelle, arrestato dai carabinieri

Di redazione

I Carabinieri della Stazione Roma Centocelle hanno arrestato un romano di 61 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, con le accuse di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e maltrattamento di animali. L’uomo, in evidente stato di ebbrezza, stava camminando lungo viale della Primavera quando, ad un tratto, senza apparente motivo, ha stretto una corda al collo del cane che portava con sé iniziando a strattonarlo fortemente e procurargli dei maltrattamenti. Un passante, notata la scena, ha avvisato il “112”: l’uomo, all’arrivo della pattuglia, per tentare di sottrarsi all’identificazione, ha opposto una ferma resistenza tentando più volte di colpirli con calci e pugni. Dopo averlo immobilizzato, i Carabinieri hanno portato il 61enne in caserma, dove attenderà di essere sottoposto al rito direttissimo. Il cane, che non ha riportato conseguenze, è stato affidato temporaneamente ad una ragazza che si è offerta di accudirlo volontariamente, sottoscrivendo tale l’impegno, a norma di legge, con il personale veterinario della A.s.l. Foto repertorio

13 agosto 2014 0

Distretto industriale del falso, sequestrati nel napoletano laboratori, sartorie e magazzini

Di admin

Anche questa volta, partendo da venditori ambulanti irregolari che, nelle spiagge del litorale romano, offrono la loro mercanzia in vendita, i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno ripercorso a ritroso la filiera distributiva individuando i vertici dell’organizzazione che aveva realizzato, nel Napoletano, un vero e proprio “distretto industriale del falso”, costituito da sette tra opifici, laboratori e sartorie adoperati per l’assemblaggio delle calzature ed il confezionamento di capi di abbigliamento contraffatti. La “banda” – composta da undici persone e con proprie basi operative a Napoli, Arzano, Acerra, Melito di Napoli – era organizzata con una gerarchia piramidale che vedeva a capo sei imprenditori e si serviva di laboratori clandestini e di alcune sartorie artigianali per la produzione di capi “taroccati”, riportanti i marchi più rinomati “Dolce&Gabbana”, “Alessandrini”, “Gucci”, “Fendi”, “Liu-jo”, “Louis Vuitton”, “Burberry”, “Armani” ed “Hogan”. Efficiente e capillare la rete distributiva che, grazie a diversi depositi intermedi, riusciva ad alimentare le bancarelle ed i negozi del Sud-Italia e della Capitale, esaudendo ogni desiderio anche dei clienti più esigenti: maglie, pantaloni e calzature. Punto di forza dell’organizzazione criminale, tale da consentire di sbaragliare la concorrenza cinese, era la disponibilità di manodopera super specializzata, formatasi in anni di lavoro, in grado di confezionare prodotti dalla qualità impeccabile, cui mancava soltanto la licenza della “casa madre” titolare dei diritti di privativa industriale. Tra i clienti più assidui anche esponenti di clan camorristici, sensibili al fascino delle grandi marche e desiderosi di affermare la propria leadership anche sfoggiando capi “griffati”. Gli appostamenti, i pedinamenti ed il ricorso alla “consegna controllata” da parte delle Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino hanno consentito di ricostruire i ruoli di tutti i sodali, deferiti alla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli per i reati di associazione a delinquere, introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione. Nel corso delle perquisizioni locali sono stati rinvenuti oltre 120 mila pezzi – tra pantaloni, jeans, calzature, suole, tomaie ed accessori vari taroccati – , 41 macchinari di ultima generazione, carrelli industriali e stampi, nonché individuati 20 lavoratori “in nero”. Da capogiro il volume d’affari dell’organizzazione, che si avvaleva dei sistemi in voga nel mondo commerciale per i pagamenti: gli ordini dovevano essere regolati rigorosamente tramite postepay e, ai clienti particolarmente affidabili, venivano concesse facilitazioni di pagamento ed aperture di credito per le temporanee carenze di liquidità. I prezzi erano assolutamente allettanti basti pensare che, per l’ultima “collezione primavera-estate”, si andava dai trenta euro del pantalone “Gucci” ai cinquanta euro del richiestissimo ed ambito modello ”Interactive” delle scarpe “Hogan”.

13 agosto 2014 0

Soccorsi nelle ultime ore 1396 migranti dalle navi della Marina

Di admin

Sono 1396 i migranti in arrivo su natanti sovraffollati dalle coste del nord Africa soccorsi dalle navi della Marina Militare, delle Capitanerie di Porto e imbarcazioni civili tra ieri sera e stanotte nello Stretto di Sicilia. La fregata Scirocco della Marina Militare ha soccorso un barcone che trasportava 530 migranti in assenza di salvagenti individuali; tra loro 47 sono donne e 137 minori. Un velivolo Atlantic del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare decollato ieri mattina da Sigonella, nell’ambito dell’Operazione Mare Nostrum ha avvistato  e segnalato alla centrale operativa del Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV) della Marina Militare un natante con a bordo un numero elevato di migranti verso il quale sono stati indirizzati mezzi navali del dispositivo dell’operazione Mare Nostrum. La nave delle Capitanerie di Porto Dattilo ieri sera ha soccorso una imbarcazione a sud di Lampedusa recuperando 355 migranti; successivamente ha imbarcato anche 92 profughi dalla motonave Leonard Tide che li aveva soccorsi precedentemente da un gommone in difficoltà. Questa mattina nave Dattilo ha completato un ulteriore soccorso ad una imbarcazione recuperando altri 239 migranti. La nave delle Capitanerie di Porto con a bordo 686 migranti è in attesa che il ministero dell’Interno comunichi il porto in cui dovranno essere sbarcati. La motonave Bonita (Grecia) ha imbarcato ieri 180 migranti da un natante nello Stretto di Sicilia a sud di Lampedusa.  

13 agosto 2014 0

“Graffiano” il loro nome su una colonna del Colosseo, turisti denunciati a Roma

Di redazione

Con una moneta, stavano incidendo il loro nome su uno dei pilastri del Colosseo per rendere “eterna” la loro visita nella Capitale. Sono finiti nei guai così due giovani turisti, lui olandese di 25 anni, lei tedesca di 26 anni, scoperti dal personale di vigilanza dell’Anfiteatro Flavio mentre stavano cesellando il graffito. E’ scattata immediata la telefonata al “112” e i Carabinieri della Stazione Roma piazza Dante hanno provveduto a denunciare a piede libero i due vandali con l’accusa di deturpamento e imbrattamento su cose di interesse artistico in concorso.