Giorno: 16 agosto 2014

16 agosto 2014 0

Cornicione crolla mentre sfila la processione dell’Assunta a Cassino, nessun ferito. Si grida al miracolo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Crolla il cornicione di un balcone al quarto piano di un palazzo durante l’affollata processione della madonna dell’Assunta a Cassino. Oggi pomeriggio erano circa 3mila i fedeli al seguito della madonna e, in via Riccardo da San Germano, a poche centinaia di Metri dalla Chiesa Madre dove si stava facendo ritorno, un grosso pezzo di cornicione è piovuto sul marciapiedi dove poco prima era passato il grosso dei fedeli. Alcuni hanno gridato al miracolo dato che nessuno è rimasto ferito. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che, con l’autoscala, hanno messo in sicurezza il resto del cornicione pericolante.

16 agosto 2014 0

Perde 400mila euro al gioco, laureato in filosofia entra in comunità a Cassino per disintossicarsi

Di admin

Ha bruciato alle scommesse sportive un patrimonio da 400mila euro e da cinque mesi sta curando la sua dipendenza dal gioco all’interno della comunità Exodus di Cassino così come si curano i tossicodipendenti. Trentotto anni di Roma, laureato in filosofia con il massimo dei voti all’Università di Tor Vergata, l’ex giocatore accetta di raccontare la sua storia chiedendo però l’anonimato.

“E’ una scarica di adrenalina della quale non ne puoi fare a meno proprio come i tossicodipendenti non possono fare a meno della dose – dichiara l’uomo ricordando il suo passato – Ti ritrovi poi solo, rovinato e a mentire agli altri e a te stesso. Scommettevo su eventi sportivi con puntate da circa 100 euro fino a quando non mi sono ritrovato con un grosso capitale in banca dovuto alla vendita di un appartamento di famiglia. A quel punto le puntate sono diventate di mille o anche duemila euro. Mi capitava anche di vincere forte, tanto che in una sola giocata puntando 8mila euro su una partita di basket ho vinto 6.500. Ho cominciato a pensare che di quella attività ci si poteva anche vivere”.

Quando il gioco entra nel sangue, però, ti fa ricordare le vincite ma non le perdite. “Quando perdi pensi che sia un momento negativo e che presto passerà. Inoltre con così tanti soldi che ti passano per le mani, adotti uno stile di vita anche molto dispendioso. Mi accorgevo, però, che anche una partita di tennis giocata da sconosciuti su cui avevo scommesso, diventava la partita della vita. Sembrava che fossi io a giocarla perdendo completamente il senso della realtà. Nel giro di 8 anni, ho bruciato tutto il mio patrimonio e quando mi sono trovato sull’orlo del baratro, mi sono ritrovato anche solo”. A quel punto è cominciato di recupero nella comunità terapeutica Exodus di Cassino. “E’ difficile curare la dipendenza dal gioco, più di quanto non lo sia curare quella dalla droga o dall’alcool”.

Dichiara Luigi Maccaro (nella foto) responsabile della comunità cassinate. “Un tossicodipendente o un alcolista si convincono prima della loro condizione di sudditanza verso le sostanze che assumono. Il giocatore, invece, pensa che con la sola forza di volontà può riuscire a smettere ma questo non accade mai. Il problema sta nel proliferare di sale scommesse, delle slot machine e di lotterie istantanee di ogni tipo e che creano falsi miti facendo leva sui desideri della gente ma che finiscono, invece, per distruggerne i sogni e la vita”.

16 agosto 2014 0

Diciannovenne di Cori muore ad undici mesi dall’aggressione, 24enne arrestato per omicidio

Di admin

Dopo 11 mesi è morto il ragazzo di 19 anni che aveva pestato. Per questo la Squadra Mobile di Latina ha arrestato a Cori con l’accusa di omicidio preterintenzionale un rumeno di 24 anni. E’ passato quasi un anno da quando due gruppi di stranieri si sono scontrati davanti ad un bar della cittadina pontina. Ad innescare la lite sarebbe stato un apprezzamento di troppo fatto ad una ragazza e sono volati pugni e calci. Ad avere la peggio è stato un 19enne che si era scontrato con il 24enne C.I. oggi arrestato. Il giovane aveva riportato un trauma cranico che lo aveva costretto al coma. Per questo il 24enne era stato fermato per lesioni gravissime. Con la morte del 19enne, il capo d’accusa è stato cambiato e, il 24enne che nel frattempo era tornato libero, è stato nuovamente arrestato e dovrà rispondere di omicidio preterintenzionale.

16 agosto 2014 0

Spinge la madre giù dal balcone perché non vuole dargli i soldi per la droga

Di admin

La notte scorsa, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Palestrina hanno arrestato un cittadino romeno di 20 anni, incensurato, con l’accusa di tentato omicidio ed estorsione. Il giovane, con problemi legati all’uso di sostanze stupefacenti, si è presentato nei pressi dell’abitazione in cui convive con la madre, una donna di 45 anni, pretendendo da lei, per l’ennesima volta, il denaro per acquistare le dosi di droga. Al rifiuto opposto dalla donna, il ragazzo l’ha minacciata di morte puntandole contro un coltello: a quel punto la vittima è fuggita, riuscendo a entrare nell’appartamento, ubicato al secondo piano di uno stabile di vicolo del Grillo, e a barricarsi al suo interno. Il figlio, però, in preda ad una forte crisi d’astinenza, è riuscito a sfondare la porta, l’ha raggiunta in casa e l’ha buttata giù dal balcone. La 45enne, dopo un volo di quasi sette metri, è caduta sopra una tettoia del primo piano, poi è rovinata a terra. Trasportata d’urgenza all’ospedale di Palestrina, dove si trova si trova tuttora ricoverata, la vittima ha riportato diverse fratture su tutto il corpo con un trauma alla colonna vertebrale e al torace, ma non è in pericolo di vita. Il figlio, arrestato dai Carabinieri, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Tivoli è stato portato nel carcere di Rebibbia.

16 agosto 2014 0

Scompare in mare a Sabaudia sotto gli occhi degli amici, corpo ritrovato dopo tre giorni al largo di San Felice

Di admin

Era scomparso in mare sotto gli occhi dei suoi amici a Sabaudia durante un bagno pomeridiano. Il mare grosso e il non saper nuotare aveva giocato al gruppo di 4 giovani indiani un brutto scherzo. Tre di loro sono stati salvati dai bagnini, il 21enne, invece, era scomparso. Continue ed interrotte le ricerche svolte dalla capitaneria di Porto di Terracina coordinate dal comandante Fabio Lenzo, sembravano non dare risultato fino a questa mattina, quando il corpo del giovane è stato avvistato dalla motovedetta CP2074 al largo di San Felice Circeo, a circa 5 miglia marine dal luogo della scomparsa. Per recuperarlo sono intervenuti i sommozzatori dei vigili del fuoco che arrivati con un elicottero. Er. Amedei