Kitesurfers tra i bagnanti sulle spiagge di Scauri e di Fondi, interviene la Capitaneria di Porto di Gaeta

3 agosto 2014 0 Di admin

Sabato pomeriggio, il forte vento, ha radunato sulla spiaggia di Scauri e sul litorale di Fondi molti kitesurfers che con le loro tavole si sono esibiti in voli e salti spettacolari, in alcuni casi però pericolosi per l’incolumità dei numerosi bagnanti a causa delle evoluzioni condotte troppo vicino alla spiaggia.
Alcuni sportivi, infatti, violando le norme di sicurezza della balneazione, hanno navigato pericolosamente tra i bagnanti, a poche decine di metri dalla spiaggia.
Le loro esibizioni, non sono passate inosservate ai militari della Guardia Costiera di Gaeta che, anche a seguito delle numerose segnalazioni ricevute dai bagnanti presenti in zona, hanno effettuato controlli mirati sui due litorali, intervenendo, con pattuglie via terra e l’impiego dei gommoni veloci “G.C. B 94” e “G.C. B 30”.
E’ stata elevata una sanzione amministrativa per la violazione dell’Ordinanza vigente che prevede l’impiego da parte degli sportivi dei previsti “corridoi di lancio”, necessari per raggiungere le aree ove è possibile praticare in sicurezza l’attività sportiva (che si ricorda essere oltre i di 500 metri dalla battigia lungo le coste sabbiose, 200 metri nei pressi di coste rocciose).
Tale attività di vigilanza è necessaria per la sicurezza sia dei bagnanti che frequentano le spiagge che di chi approfitta delle onde per fare dello sport.
Sempre a tutela della sicurezza in mare, intensificate le attività per contrastare il fenomeno della navigazione delle unità sotto costa, in area riservata alla balneazione.
Soltanto nella giornata di sabato sono state elevate sanzioni amministrative, per un totale superiore a 5.000 euro, in località Ariana e Nifeo (Gaeta) a carico di quattro diportisti presenti nella fascia riservata ai bagnanti. Uno di questi è stato fermato dalla motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta su un acquascooter a soli 10 metri dalla spiaggia per essere successivamente condotto presso gli uffici della Capitaneria di Porto di Gaeta per ulteriori accertamenti.
Alta l’attenzione anche nei confronti della velocità tenuta in mare dalle unità da diporto per garantire la sicurezza della navigazione nelle acque di giurisdizione.
Un’ imbarcazione da diporto è stata sanzionata nella rada di Gaeta per aver superato il limite di velocità di 6 nodi previsto per garantire la sicurezza della navigazione delle tante unità che, soprattutto nelle ore serali, lì transitano per raggiungere i luoghi di approdo.
Ogni situazione di emergenza in mare potrà essere segnalata alla Sala Operativa della Guardia Costiera di Gaeta, tramite numero telefonico, gratuito, di emergenza in mare 1530, attivo 24 ore su 24.