Martedì 12 “Il borgo racconta” a Colle San Magno

10 agosto 2014 0 Di admin

Costituisce l’evento per eccellenza dell’estate di Colle San Magno, in cui centrale è la storia, la tradizione, la musica, i sapori, i costumi di questo caratteristico paese arroccato alle pendici del monte Cairo. Si tratta dell’appuntamento con la festa “Il Borgo racconta”, in programma martedì prossimo, 12 agosto, a partire dalle ore 21. Un intero paese si mette letteralmente in mostra, esponendo e partecipando ai visitatori, le ricchezze storiche, culturali, ambientali, paesaggistiche, lungo il caratteristico percorso del centro storico, tra gli acciottolati e il dedalo intricato di vicoli che, partendo dalla centralissima Piazza Umberto I e attraversando l’intero perimetro di via Roma, condurrà fino ad arrivare alla cittadella e alla suggestiva Torre medievale, simbolo e orgoglio del paese, che conclude l’itinerario enogastronomico.
E al visitatore che percorrerà il camminamento in leggera, costante ma poco faticosa pendenza, si aprirà un mosaico di opportunità e di offerte, sia per la vista che per il palato.
Posizionati lungo il percorso o sapientemente allocati negli stretti angoli e rinsacchi, tra archi, loggette e largari, che costeggiano la strada principale, saranno a disposizione dei visitatori stands di prodotti tipici del luogo come tartufi, formaggi, piatti della tradizione locale come lumache e minestre; dolci come la saporitissima “pizza doce” o le spumette, biscotti preparati in occasione dei matrimoni. E poi carne, in particolare quella di cinghiale, e vino locale. E ancora altro ben di Dio: olio, pane fatto in casa, polenta, pasta e fagioli. Ci saranno anche spazi dedicati alla cultura e l’arte, con esposizioni di quadri, sculture, fotografie. In più, piccole botteghe artigiane riprenderanno vita tra i largari del percorso, per far ammirare antiche tecniche di lavoro ormai scomparse come quella dello scalpellino.
Infine, tanta musica lungo tutto il percorso, in particolare musica popolare. Saranno presenti anche artisti di strada e uomini e donne del luogo in costume d’epoca che apriranno la festa.