Giorno: 7 settembre 2014

7 settembre 2014 0

Successo per la “Giornata della musica popolare”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Successo per la Giornata della Musica Popolare e Amatoriale della Provincia di Frosinone, tenuta nella mattinata di ieri nel Capoluogo. Dopo il ritrovo in piazza San Tommaso D’Aquino. Sindaci, con i Gonfaloni dei loro Comuni, insieme ai gruppi di Musica Popolare, alle Bande Musicali e ai Gruppi Folkloristici, hanno sfilato lungo Viale Mazzini, Largo Turriziani, Corso della Repubblica e Viale Marconi per arrivare in Piazza Gramsci. Durante il percorso, le Bande e i Gruppi si sono esibiti a turno per ritrovarsi, tutti insieme, sotto il Palazzo della Provincia. Qui hanno dato corso alle loro esibizioni e si sono uniti in un enorme complesso bandistico, diretto a turno dai vari Maestri: hanno eseguito la marcia “Al Sindaco”, per sottolineare l’esigenza di una speciale attenzione verso la loro opera; subito dopo l’Inno alla Gioia di Beethoven dal Grandioso N° 7 Trasc. Bossone e Inno di Mameli trasc. Novaro/Vessella.

“Un primo esempio, bisogna dire davvero coinvolgente e denso di significati, quello di questa mattinata – ha dichiarato il Commissario Straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi – dove è stato possibile vedere la potenza e la bravura di un popolo che fa cultura, che la sente dentro il proprio territorio e la tramanda di generazione in generazione. Un popolo unito. Le Bande Musicali e i Gruppi di Musica Popolare agiscono nei loro comuni, portano in giro in Italia e anche all’estero la nostra cultura e il nome del proprio paese e meritano una grande attenzione che spesso viene a mancare. Vederli insieme a unire i loro nomi e le loro culture per rendere unico il nome della Provincia di Frosinone e la propria cultura fatta di un mosaico di valori preziosissimi, è stato davvero entusiasmante. Confido che l’esempio di questa prima edizione della Giornata organizzata dal Maestro Corsi, al quale ho affidato il coordinamento del Tavolo per la Musica popolare e amatoriale, permetta a questa manifestazione di crescere e stabilizzarsi, come momento di sintesi di un mondo di conoscenza, sentimento e appartenenza che unisce i popoli del nostro territorio e li rende unici”.

“Molti grandi musicisti, anche il nostro Severino Gazzelloni – ha detto il Maestro Antonio Corsi – provengono dal mondo della Banda Musicale. Le Bande svolgono un ruolo molto importante dei paesi, dove spesso costituiscono l’unica possibilità per tanti ragazzi di avvicinarsi al mondo della musica. Le Bande, per questo, sono il più grande serbatoio di allievi per i Conservatori di Musica. Tuttavia vengono sempre considerate troppo poco per il ruolo che svolgono e la marcia “Al Sindaco” che oggiAggiungi un appuntamento per oggi abbiamo eseguito tutti insieme, vuole proprio essere un messaggio a coloro che non valorizzano abbastanza il lavoro, gratuito, che centinaia di cittadini svolgono portando in alto il nome della loro Città. Ringrazio tutti i Sindaci e i complessi che oggiAggiungi un appuntamento per oggi sono stati con noi qui a Frosinone e sono certo che il prossimo anno, per la seconda edizione di questa Giornata, essi saranno anche più numerosi, perché il nostro scopo è portare a suonare insieme tutti i complessi bandistici e amatoriali che la nostra terra vanta. In questi giorni si discute in sede ministeriale un progetto che abbiamo presentato e che ci consentirà, qualora fosse approvato, di lavorare con maggiore serenità per il prossimo futuro e garantirà il riconoscimento dell’importanza dell’opera culturale che le Bande Musicali e i Gruppi amatoriali svolgono in angoli anche misconosciuti della nostra terra”.

7 settembre 2014 0

Soddisfazione di cittadini ed esercenti commerciali per il mercato itinerante domenicale

Di redazionecassino1

Questa mattina in piazza Sandro Pertini, nel quartiere Scalo, ha ospitato 70 venditori ambulanti di tutti i settori merceologici alimentari e non alimentari per l’iniziativa nata da una volontà dell’Amministrazioine Ottaviani e prontamente sposata dalle associazioni di categoria Confesercenti, Confcommercio e Ambulanti OggiAggiungi un appuntamento per oggi. Un esperimento certamente riuscito che proseguira con altre tappe a partire da domenica 14 settembre in piazzale Europa, per proseguire domenica 21 settembre in piazza Madonna della Neve e per finire domenica 28 a Cavoni.

“L’idea – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani – è nata, innanzitutto, dall’esigenza di creare momenti di aggregazione per la cittadinanza e poi di implementare la vitalità dei nostri quartieri con la creazione dei mercati domenicali, da sempre appuntamento molto frequentato da parte della gente. Il mercato, infatti, come concetto ha una tradizionale millenaria e si qualifica da sempre non solo come luogo di scambi commerciali ed economici, ma anche di incontro e di socializzazione. L’idea di spostarlo, poi, a turno in varie zone della città è funzionale a un progetto di riscoperta e di valorizzazione dei nostri quartieri e di fare di Frosinone un punto di riferimento anche per le realtà sociali dei comuni viciniori e non.

L’affluenza massiccia ci conforta sulla bontà dell’idea e sulla sua riuscita, con un ringraziamento particolare all’opera compiuta dall’assessore allo sviluppo economico, Massimiliano Tagliaferri, e dai responsabili dell’ufficio commercio del Comune di Frosinone, che hanno tenuto in prima persona i contatti con le associazioni di categoria e che hanno seguito l’evolversi del progetto”.

7 settembre 2014 0

“Due come noi”, emozione e poesia nei successi di Gino Paoli e nelle note di Danilo Rea

Di redazionecassino1

“Due come noi” lo spettacolo che Gino Paoli e Danilo Rea stanno portando in giro per l’Italia è arrivato a Cassino. Due ore di musica, di ottima musica, con la voce roca e graffiante di Gino Paoli e il pianoforte di Danilo Rea che hanno entusiasmato gli spettatori presenti ieri sera al teatro Manzoni di piazza Diamare. Due come noi, ma sarebbe più giusto dire due come loro non si potevano davvero perdere in un concerto per pianoforte e voce. Due come loro non hanno deluso le aspettative del pubblico di appassionati del cantautore genovese, che attraverso le sue canzoni, quelle dei tanti amici come Umberto Bindi, Luigi Tenco, Herbert Pagani, Sergio Endrigo, hanno fatto da cornice alla sua performance nella serata di ieri a Cassino. Un appuntamento da non perdere soprattutto per ripercorrere la carriera artistica di Gino Paoli con le canzoni, o meglio le poesie in musica, che nei tanti anni di carriera del cantautore genovese, hanno rappresentato la colonna sonora di molte generazioni di italiani. Ampio il repertorio che Paoli, ha regalato al pubblico, magicamente accompagnato dai virtuosismi di Danilo Rea al piano. Una serie di successi che hanno spaziato dai classici “Il cielo in una stanza”, “La gatta”, “Sapore di sale”, “Che cosa c’è”, “Il cielo in una stanza”, “Sassi”, “Quando c’era Berlinguer”, “Una lunga storia d’amore” interpretata con la complicità del pubblico del Manzoni, passando per i brani dei tanti amici che, come lo stesso Paoli – ha ricordato – se ne sono andati, ma hanno lasciato momenti di grande poesia in musica. È stata quindi la volta di “Vedrai, vedrai” di Tenco, a “Il nostro concerto” di Bindi, passando per “Albergo ad ore” di Herbert Pagani. Non sono mancate incursioni nella canzone francese come “Ne me quitte pas” ed in quella napoletana classica , un omaggio alla melodia napoletana di cui Gino Paoli e Danilo Rea sono appassionati conoscitori e ascoltatori. Ed allora è stata la volta di “Reginella”, “O’ sole mio”, “Anema e core”. “Due come noi che…” è un prezioso esempio di come due artisti assoluti possano interpretare in modo innovativo alcuni classici della storia della musica italiana, incantando ed emozionando il pubblico ogni volta. Un successo, quello che il pubblico di Cassino ha potuto gustare in pieno. Che ha dato questo duo d’eccezione: la voce e il carisma di Paoli, uno dei più grandi autori e interpreti della canzone nostrana, affiancata da uno dei più lirici e creativi pianisti riconosciuti a livello internazionale come Danilo Rea. Uno spettacolo, quello che ha fatto tappa al Manzoni, ieri, che ha emozionato ed esaltato il pubblico con la poesia delle canzoni di Gino Paoli e la melodia del pianoforte di Danilo Rea. F. Pensabene

7 settembre 2014 0

Basket: Esordio favorevole per la Virtus TSB Cassino, 72 a 50 contro Isernia

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino ha vinto il primo test match contro Isernia formazione che milita nel campionato di serie B girone D. La gara è stata disputata sul parquet molisano . E’ stato il primo banco di prova per una formazione nuova di zecca , quella cassinate , che tuttavia è motivata e vogliosa di far bene nel prossimo campionato di Serie B Nazionale girone C . All’ultimo momento recuperato anche Giovanni Ausiello , uno degli alfieri della vecchia formazione , che per un problema fisico aveva saltato la settimana di allenamento e che le sapienti mani di Angelo D’Aguanno, il responsabile del centro fisioterapico che segue gli atleti cassinati , avevano trattato per tutto questo periodo . Un piccolo acciacco aveva impedito infine al giovane cassinate Giorgio Di Mambro di essere della partita. Gli altri invece tutti pronti per l’inizio della stagione agonistica . La sfida è stata particolarmente interessante con Isernia sufficientemente aggressiva per tutto il match . Squadra giovane quella molisana , piena di voglia, un mix di freschezza, gioventù, corsa, pressing e tanta voglia di far dannare gli avversari in ogni centimetro del campo. Una pallacanestro giocata a mille all’ora con i pro ed i contro di questo gioco. Con alle spalle due settimane di duro lavoro , gli uomini di Vettese invece sin dall’inizio hanno faticato a tenere il ritmo imposto dai padroni di casa ed hanno subito le scorribande del team bianco blu . Nel secondo e terzo quarto tuttavia gli uomini di Vettese mettevano a posto alcune cose , allungando con decisione il divario nel punteggio tra le due contendenti . I parziali parlano chiaro : primo quarto 19 a 21 per Cassino , secondo quarto 8 -20 sempre per Cassino , terzo quarto 15 -18 ancora per gli uomini di Vettese che si aggiudicavano anche l’ultima frazione per 13 a 8. La regola stabilita dai due coach era quella di azzerare il punteggio ad ogni fischio di sirena , ma il punteggio finale recita 72 a 50 per Cassino . “Tutto sommato– commenta Luca Vettese –sono abbastanza soddisfatto per quello che abbiamo fatto vedere stasera. Ho provato vari quintetti per vedere come giocano insieme i ragazzi che ancora si stanno conoscendo, abbiamo cambiato infatti ben 8 unità rispetto al roster dello scorso anno. Siamo stati sottotono in difesa, il che è normale in questo periodo perché non abbiamo ancora lavorato su questa fase, mentre siamo andati sufficientemente bene in attacco. A riguardarla con attenzione, la partita è stata giocata con strappi continui , ma in questo segmento di preparazione penso che sia cosa normale e devo sottolineare come nel finale abbiamo peccato in termini di lucidità. Per quello che dovevamo vedere, soprattutto le situazioni offensive provate in allenamento, la risposta è stata chiaramente positiva. E’ normale oserei dire fisiologico che si debba ancora lavorare molto. Però ho avuto modo di provare diverse situazioni di quintetto che ci torneranno utili in futuro. Il progetto squadra è assolutamente in fase embrionale e devo essere contento che le gambe siano molto pesanti in questa fase , segno che lo staff sta lavorando alacremente . Concludendo, per quello che abbiamo visto stasera, siamo assolutamente consapevoli che c’è ancora tanto ma tanto lavoro da fare e che piano piano metteremo a posto le cose che mi sembra logico non funzionino perfettamente . Ovviamente però sono assolutamente fiducioso che la strada intrapresa è quella giusta ”. Prossimo scrimmage previsto per mercoledì prossimo a Venafro contro la locale formazione che militerà in serie B , girone D . La formazione venafrana è team costituito da giocatori di assoluto valore , basti pensare al fatto che annovera atleti come l’argentino Corral , il play Lovatti oltre a Moretti , ma tutto il tema risulta essere ben allenato da coach Mascio. L’appuntamento è per mercoledì 10 settembre , palla a due ore 19.30

7 settembre 2014 0

Prima edizione del Palio della Contea Migliaia di persone alla cerimonia di apertura

Di redazionecassino1

Migliaia di persone in Piazza San Tommaso venerdì pomeriggio hanno voluto partecipare alla cerimonia di apertura della prima edizione del Palio della Contea. Cittadini di Aquino, contradaioli, supporters della varie squadre, turisti: dalle 18 il centro della città era pieno di spettatori, ansiosi di assistere all’evento. Tutto è iniziato con qualche minuto di ritardo, a causa del maltempo, ma la pioggia non ha scoraggiato né gli organizzatori né il pubblico. Le contrade, precedute dai labari, hanno fatto il loro ingresso nella Piazza di Aquino, teatro delle competizioni, con un corteo. Abiti d’epoca, musica, cavalli, mangiafuoco: ogni contrada ha proposto un piccolo spettacolo contribuendo ad arricchire la manifestazione. Alla cerimonia, che ha aperto i tre giorni di gare d’altri tempi, hanno presenziato anche il Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli ed il commissario straordinario della Provincia Giuseppe Patrizi. Grande l’entusiasmo della gente, grande però anche la soddisfazione dell’amministrazione comunale per un evento che già dalle prime ore si è rivelato un successo. “Siamo rimasti sorpresi dal grande coinvolgimento di cittadini che dimostra anche quanto forte sia la voglia della nostra città di ripartire – queste le parole del sindaco Libero Mazzaroppi – Il paese si è acceso con i colori del palio e le ricadute nel settore economico sono già visibili”. Negozi aperti, bar pieni, stand allestiti per ristorare gli spettatori, un movimento di turisti che da tempo non si vedeva in città. “Questo è solo il primo passo per rilanciare l’immagine della nostra città. Fino a domenica sera saremo un centro di attrazione e dobbiamo essere in grado di sfruttare questa occasione. È solo l’inizio”.

7 settembre 2014 0

“Moda sotto le stelle”, Anagni regina dell’estate, tra storia, moda e cultura

Di redazionecassino1

Un’estate vissuta a metà tra storia e modernità, tra sacro e profano, tra eventi tradizionali e innovazione. Un’estate dai tanti sapori che ha potuto abbracciare un vasto pubblico propo-nendo appuntamenti diversi, adatti a tutte le esigenze. Teatro, musica, conferenze, concerti, cabaret, ed ora la moda: il cartellone proposto in questi mesi ad Anagni dal Comune non ha tralasciato alcun aspetto. E il successo di spettatori conferma che la scelta è stata quella giu-sta: venerdì sera la Sala della Ragione del Comune era piena di persone che hanno voluto assi-stere alla sfilata dell’Atelier “Nozze” di Frosinone, che ha proposto in anteprima la collezione 2015. Abiti da sposa da sogno, proposte per lui, idee per il look degli invitati: in passerella hanno sfi-lato le creazioni di Maria Pia D’Avino, estremamente soddisfatta dalla risposta del pubblico. “C’era molta emozione – ha spiegato la titolare dell’atelier Nozze – perché per la prima volta presentavamo la collezione del prossimo anno che tra l’altro ha riscosso un grande successo. Ne siamo fieri perché ci stiamo lavorando molto, puntando anche sugli abiti da cerimonia”. È una sposa romantica quella che Nozze ha reso protagonista ad Anagni. Una sposa attenta però anche alla lingerie, perché, spiega Maria Pia D’avino, la vestibilità di un abito dipende molto dall’abbigliamento intimo. L’evento “Anagni…Moda Sotto le Stelle” si inserisce nel ricco cartellone curato dall’Assessora-to alla Cultura. Anagni si è confermata capitale dei grandi eventi. “La Sala della Ragione – ha spiegato il vicesindaco Marilena Ciprani – accoglie anche serate di questo tipo che magari sono diverse rispetto alla sua storia ed alla sua tradizione.” Ma qual è il segreto della città di Anagni: “La storia Medievale è una storia ricca che noi volentieri ricordiamo. In questo nucleo, in questa ambientazione, facilmente si può collegare il vecchio con il nuovo, il moderno con l’antico, la tradizione con l’innovazione”. Archiviato questo evento, la città resta comunque protagonista con il Festival del Teatro Me-dievale e Rinascimentale, le serate nella Città dei Papi quest’estate stanno illuminando l’inte-ra regione.