Giorno: 20 settembre 2014

20 settembre 2014 0

Si schianta contro un albero ad Aquino, grave maresciallo dell’Arma in congedo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sono gravi le condizioni di un maresciallo dell’Arma in congedo, che nella tarda mattinata di oggi, è rimasto coinvolto in un incidente stradale avvenuto sulla via Casilina nord nel tratto che attraversa Aquino. L’uomo era alla guida della sua Alfa quando, per cause ancora al vaglio delle forze dell’ordine, ha perso il controllo della vettura finendo per schiantarsi contro un albero a dimora sul ciglio della strada. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco e gli operatori sanitari, anche una eliambulanza che ha trasportato il ferito all’Umberto I di Roma. Er. Amedei

20 settembre 2014 0

Minacciano di impiccare 76enne di Veroli per la pensione, presa banda di rapinatori rumena

Di admin

Hanno aggredito in casa due anziane di 76 e 81 anni, picchiandole e stringendo loro un cappio in torno al collo minacciandole di strangolarle se non avessero consegnato soldi e oggetti preziosi. È accaduto questa notte in località Fontana Fratta di Veroli e autori della rapina in abitazione è una banda di rumeni di età compresa tra i 20 e i 25 anni, di cui faceva parte anche una donna. Amati di coltello e con volto travisato, si sono introdotti nella casa rurale delle due donne picchiandole ma riuscendo ad estorcere il luogo in cui nascondevano i soldi della pensione solamente con la corda al collo di una delle due, minacciando di strangolarla. Si sono così impossessati di circa 800 euro e alcuni monili d’oro. A quel punto si sono dati alla fuga, ma l,allarme lanciato dai vicini che hanno sentito le urla delle malcapitate, ha fatto arrivare sul posto alcune pattuglie dei carabinieri delle compagnie di Anagni e Alatri coordinate rispettivamente dal Capitano Camillo Meo e dal parigrado Antonio Contente. Un intervento tempestivo che ha permesso ai militari di individuare i malviventi e, dopo un breve inseguimento, arrestarli recuperando per intero il bottino che è stato reso alle malcapitate. Per il gruppo, invece, si sono aperte le porte del carcere di Frosinone, eccezion fatta per la donna che è stata condotta al carcere femminile di Rebibbia. Si indaga per stabilire se altre rapine in abitazione, ugualmente cruente come quelle messe a segno la notte scorsa, possano essere ricondotte all’attività dello stesso gruppo.

20 settembre 2014 0

Un week-end per scoprire i tesori dell’antica Aquinum, oggi e domani il sito aperto al pubblico

Di admin

Porte aperte oggi e domani per il sito archeologico di Aquinum. A conclusione della campagna di scavi, coordinata dal professor Giuseppe Ceraudo dell’Università degli studi del Salento, sarà possibile visitare l’area in via San Pietro Vetere. Per gli appassionati di storia antica le sorprese non mancheranno. Questa nuova tranche di lavori ha permesso di far emergere nuovi tesori come i mosaici di un ambiente termale che rappresentano animali marini fantastici. La novità assoluta è il tracciato della via romana rinvenuto accanto ai resti di quella che potrebbe essere l’abside di una basilica. Inoltre, in occasione dell’open day tutti i visitatori potranno partecipare al photocontest. Le foto scattate durante la visita agli scavi archeologici potranno essere condivise sui social network e l’immagine che avrà collezionato il maggior numero di like verrà premiata. foto Antonio Nardelli

20 settembre 2014 0

Ladri di biciclette bloccati dalla Polizia in autostrada a Cassino

Di admin

Ieri mattina una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nel corso dei servizi di pattugliamento autostradale, nota un autocarro che trasporta sul proprio tetto delle biciclette, non posizionate con le dovute cautele. Al fine di evitare pericoli alla circolazione stradale, gli agenti decidono di fermare conducente e passeggero del veicolo, identificati per cittadini tunisini, di 32 e 29 anni. Una prima ispezione consente di verificare la presenza all’interno dell’autocarro di un’altra bicicletta, di una Vespa Piaggio e di un ciclomotore dell’Aprilia. I due ragazzi alla richiesta della documentazione della merce trasportata non sono in grado nemmeno di fornire spiegazioni plausibili, limitandosi ad affermare di averla acquistata da alcuni nomadi della capitale. Partono immediatamente gli accertamenti sul motociclo e sul ciclomotore. Dalla banca dati interforze emerge che i due mezzi sono stati rubati a Roma, rispettivamente nello scorso mese di luglio la Vespa Piaggio e nella serata di ieri il motorino Aprilia. Alla luce dei fatti, per i due tunisini sono scattate le manette, dovranno infatti rispondere dinanzi all’autorità giudiziaria dei reati di ricettazione e furto.

20 settembre 2014 0

Sequestrato a Sora autocarro rubato con 3mila paia di scarpe, arrestato il conducente

Di admin

Nel tardo pomeriggio di ieri, nel corso di una specifica attività di monitoraggio  dell’autotrasporto professionale effettuata sulla viabilità ordinaria della provincia di Frosinone, la pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Sora procedeva al controllo di un autocarro che era in transito sulla strada “a scorrimento veloce” Cassino/Sora/Avezzano diretto verso sud. Fermato il mezzo in prossimità di una piazzola di sosta, attraverso il consueto protocollo operativo i componenti dell’equipaggio hanno proceduto alla verifica dei documenti di circolazione del veicolo e di quelli personali del conducente. Durante il controllo tuttavia l’uomo alla guida, identificato per S.M. 46enne originario di Napoli, ha manifestato un comportamento nervoso con segni di immotivata agitazione che ha immediatamente insospettito gli agenti; di conseguenza è stata effettuata un’immediata e minuziosa ispezione del veicolo nel cui abitacolo sono stati rinvenuti diversi arnesi atti allo scasso tra cui un “piede di porco”, 6 torce ed alcuni cacciaviti di grosse dimensioni. Tale circostanza induceva gli uomini della Polizia Stradale ad estendere la verifica anche al vano di carico dell’autocarro che risultava completamente stipato da circa 3000 scatole di calzature di vario genere. Le immediate attività d’indagine avviate dagli agenti del Distaccamento di Sora consentivano di accertare che il veicolo era stato rubato nel mese di giugno nel parcheggio di una ditta di confezioni di un comune della provincia di Teramo mentre le scarpe, confezionate in maniera artigianale e recanti i marchi di industrie italiane, risultavano sottratte nottetempo da un capannone di un calzaturificio della provincia di Fermo; nel confermare l’avvenuto furto, i titolari dell’opificio marchigiano precisavano, peraltro, che la merce trafugata aveva un valore complessivo di 250.000 euro e non era coperta da alcuna polizza assicurativa per tale tipologia di evento. All’esito di tali riscontri investigativi, il conducente napoletano del mezzo è stato sottoposto ai rilievi fotosegnaletici di rito e messo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria in stato di arresto perché ritenuto responsabile della ricettazione dell’autocarro e del furto delle 3000 paia di scarpe; il veicolo e l’ingente quantitativo di merce sono stati sequestrati in attesa di perfezionare le procedure attivate per la loro restituzione in favore dei rispettivi legittimi proprietari.