Giorno: 25 settembre 2014

25 settembre 2014 0

Fiamme nel garage officina, paura in piazza San Giovanni a Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Fumo e tanta paura sono stati gli effetti dell’cendio che si è sviluppato in un garage in piazza San Giovanni, oggi pomeriggio a Cassino. L’allarme è stato lanciato poco prima delle 19 e sul posto sono arrivate due squadre di vigili del fuoco. Il garage interessato dal rogo era pieno di utensili con i quali l’anziano proprietario del locale riparava elettrodomestici. Le cause dell’incendio sono da accertare ma i danni sono stati limitati al solo garage grazie al pronto intervento dei pompieri. Ermanno Amedei

25 settembre 2014 0

Incidente tra un pullman e due auto sulla Ss Sannitica a Bojano, un morto e un ferito

Di admin

L’Anas comunica che sulla statale 87 ‘Sannitica’ è provvisoriamente chiuso, a causa di un incidente mortale, il tratto compreso tra il km 117.600 (Bojano, area industriale di Campobasso) e il km 123.300 (località Vinchiaturo) in provincia di Campobasso. L’incidente, le cui cause sono in corso di accertamento, ha coinvolto un autobus e due autovetture provocando il decesso di una persona e il ferimento di un’altra.

Le squadre dell’Anas e la Polizia Stradale sono presenti sul posto per la gestione della viabilità e per effettuare i rilievi del caso, al fine di ripristinare la regolare circolazione nel più breve tempo possibile. Il traffico viene deviato in loco.

L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in `App store` e in `Play store`. Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 `Pronto Anas` per informazioni sull`intera rete Anas.

25 settembre 2014 0

Gaeta cambia la piazza del pesce, il nuovo mercato sarà all’ex Canaga

Di admin

Il mercato del pesce di Gaeta avrà una nuova e più idonea sistemazione: l’ex Canaga è la location individuata dall’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Cosmo Mitrano, e accolta positivamente dagli altri Enti interessati e deputati al rilascio delle necessarie autorizzazioni.

Nell’ambito della Conferenza dei Servizi appositamente convocata, Capitaneria di Porto, Autorità Portuale di Fiumicino – Civitavecchia – Gaeta, Asl e Comune concordarono di delocalizzare il mercato dei prodotti ittici, situato in prossimità del marciapiede sul Lungomare Caboto, lato monte, nel quartiere Peschiera. Piena sintonia è stata espressa sull’area ex Canaga, insistente sul Lungomare Caboto a Peschiera, lato mare, a ridosso della banchina Eni, che dunque ospiterà un mercato tutto nuovo.

“Trova così soluzione un’annosa questione cittadina – afferma il Sindaco Mitrano – che ha radici davvero lontane nel tempo, e che si è sempre espressa con una difficile convivenza tra la popolazione residente nel quartiere Peschiera e i commercianti dei prodotti ittici del posto. Questi ultimi, d’altronde, non hanno mai avuto nella nostra città una sede adeguata. Finalmente restituiamo agli operatori del settore la giusta dignità nello svolgimento del loro lavoro, realizzando un mercato del pesce moderno, sicuro e pienamente idoneo all’attività commerciale in questione. Al contempo veniamo incontro ad una istanza della popolazione del quartiere Peschiera rimasta per anni senza risposta.. La nostra idea di Gaeta che cambia significa proprio questo: garantire una migliore qualità della vita in tutti i quartieri, dal centro alla periferia. In due anni di Amministrazione abbiamo dato il via alla realizzazione di questa grande progettualità urbanistica, con una serie di interventi che testimoniano visibilmente l’inizio del cambiamento. Siamo, però, consapevoli che c’è ancora tanto da fare, e siamo determinati a lavorare, con un impegno sempre maggiore, per il raggiungimento dell’obbiettivo prefissato”.

All’ex Canaga sarà costruita una struttura coperta di nuova concezione e tecnologicamente avanzata, in grado di ospitare al meglio, in condizioni igienico – sanitarie idonee e nella massima sicurezza, i commercianti negli appositi stalli di vendita, garantendo un ottimale svolgimento delle operazioni commerciali.

“La nostra Amministrazione – fa sapere l’Assessore alle Opere Pubbliche Cristian Leccese – ha già predisposto il progetto definitivo del nuovo mercato all’ex Canaga, che nei prossimi giorni sarà approvato dalla Giunta. Inoltre, si è assunta l’impegno di reperire, in tempi brevi, i finanziamenti necessari all’opera. Lo spostamento del mercato, con la realizzazione del nuovo sito, consente di raggiungere, quindi, due importanti obbiettivi: la riqualificazione di una zona del quartiere Peschiera che può così ritornare alla piena fruibilità dei residenti e la contestuale realizzazione di un vero e proprio mercato dei prodotti ittici in piena regola”.

Pronto anche il progetto di riqualificazione dell’attuale area che ospita il mercato: “Nuovi marciapiedi, nuova illuminazione e arredo urbano – afferma l’Assessore Leccese – per restituire al centro storico Porto Salvo, di cui Peschiera è parte integrante, una maggiore vivibilità e ai suoi abitanti l’auspicata serenità nella convivenza sociale”.

25 settembre 2014 0

Nuovo presidente per la Saf di Colfelice, prevale la linea De Angelis. Eletto Vicano

Di admin

La Saf di Colfelice ha un nuovo presidente. E’ Mauro Vicano, tessera Pd, uomo vicino a De Angelis. Ad eleggerlo nel pomeriggio l’assemblea dei sindaci del Cassinate e a spianargli la strada è stato l’ex sindaco di Cassino Bruno Scittarelli che ha ritirato la sua candidatura. Superata quindi, non senza difficoltà, la fase di stallo del dopo Fardelli che ha visto le varie correnti capeggiate dai big provinciali contendersi l’ambita poltrona per uno dei propri alfieri.In consiglio di amministrazione entrano Rocco Renzi ed Antonio Risi.

Er. Am.

25 settembre 2014 0

Venduta per dieci euro dal fidanzato, ventenne violentata a Caserta

Di admin

A Caserta, nei giardini di piazza Carlo III, i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della locale compagnia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto il cittadino rumeno Ibrai Sali, 31 anni, domiciliato a Casagiove (Ce), poiché gravemente indiziato per il reato di violenza sessuale. L’uomo, la notte del 14 giugno 2014, proprio in piazza Carlo III, incontrò un suo connazionale residente a Reggio Rmilia, unitamente alla fidanzata, una ventenne del casertano. Nella circostanza, in cambio di 10 euro, abusò sessualmente della giovane fuggendo subito dopo. la ragazza, invece, venne trasportata presso l’spedale di Caserta, dove le fu diagnosticato un “trauma escoriatico genitale. trauma spalla dx. depressione reattiva” e giudicata guaribile in 7 gg.. La successiva attività info-investigativa, avviata dai Carabinieri, ha consentito di ricostruire i fatti e raccogliere inconfutabili elementi di colpevolezza nei confronti del fermato che è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. L’A.G., condividendo appieno le risultanze investigative dell’Arma ha convalidato il fermo disponendo la detenzione in carcere per Ibrai Sali.

25 settembre 2014 0

Sequestra l’ex fidanzata 36enne per portarla in un campo e picchiarla lasciandola nuda e svenuta, 48enne ai domiciliari

Di admin

Nel corso delle prime ore del mattino i carabinieri del Comando Stazione di Maddaloni, hanno tratto in arresto per sequestro di persona,  lesioni e atti persecutori MANDATO Giuseppe, cl. 66 del posto. L’uomo, secondo quanto ricostruito dai militari dell’arma e pienamente condiviso dall’A.G. sammaritana, a partire dall’anno 2009, si è reso responsabile di numerosi episodi di violenti in danno della 36enne ex fidanzata. In particolare il MANDATO, non accettando la fine della relazione sentimentale, in più circostanze, ha costretto la vittima a patire continue minacce di morte e ingiustificate aggressioni fisiche. In un’occasione l’ha addirittura prelevata con forza dal posto di lavoro per condurla in un campo, in località Ponti della Valle, ove, l’ha denudata e picchiata con calci e pugni lasciandola, tramortita, per ore al freddo. In altra occasione, invece l’ha portata presso l’isola ecologica di Maddaloni, ubicata in via Viviani, chiudendola all’interno di una roulotte abbandonata.  Nel corso dell’attività d’indagine, avviata a seguito della denuncia della donna, i carabinieri hanno anche acquisito 19 referti medici attestanti le lesioni dalla stessa subite.

Il 48enne è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

25 settembre 2014 0

I commercialisti della mala, sequestrati a Roma barche elicotteri auto e appartamenti per 55 milioni

Di admin

Sono padre e figlio i 2 commercialisti arrestati, questa mattina, al termine di una complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, dai Finanzieri del Comando Provinciale Roma. Tra i beni sottoposti a sequestro preventivo, su ordine del Tribunale di Roma, spiccano 2 imbarcazioni di lusso, 1 elicottero, 16 tra auto e moto, oltre a 70 immobili, quote di 42 società e saldi attivi di oltre 200 conti correnti bancari, per un valore complessivo di oltre 55 milioni di euro. Disposto anche l’obbligo di firma dinanzi alla Polizia Giudiziaria per ulteriori 3 indagati ed il divieto di esercizio dell’attività per 2 imprenditori. Grazie alle indagini svolte dai militari del II Gruppo di Roma, è emerso come i due commercialisti – consulenti di molte società, tra cui anche alcune riconducibili al clan criminale “Fasciani” – proponessero ai propri clienti fidati, tra cui alcune importanti aziende operanti nel settore sanitario, di accantonare quote significative di utili inserendo, in contabilità, fatture per operazioni inesistenti, emesse da società costituite ad hoc. Grazie a tale artifizio, i proventi derivanti dall’evasione fiscale venivano riciclati e, poi, reinvestiti su vari mercati anche grazie ad una ben strutturata organizzazione societaria. Le misure odierne confermano la bontà e la validità di un approccio investigativo diretto a colpire gli evasori “seriali” sul piano patrimoniale.

25 settembre 2014 0

Quattro discariche abusive sequestrate dalla Finanza ad Anagni

Di admin

 

Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di violazioni in materia ambientale, le Fiamme Gialle della Brigata di Anagni hanno individuato quattro aree adibite a discarica, sulle quali erano depositati rifiuti anche pericolosi.

Le discariche, ubicate in una zona periferica del Comune di Anagni, insistono su un ampio terreno di proprietà di un’azienda agricola, normalmente riservato alle colture, e all’atto del controllo versavano in evidente stato di abbandono, in totale spregio della normativa di settore e del dovere civico di preservare un’ambiente naturale che in quella zona costituisce un patrimonio agricolo e paesaggistico a buon titolo inserito tra le bellezze della provincia. Sono stati rinvenuti, infatti, rifiuti pericolosi quali lastre di cemento, lastre di eternit, vari materiali inerti derivanti da lavorazioni edili, pneumatici ed elettrodomestici in avanzato stato di deterioramento, in quanto corrosi dall’azione degli agenti atmosferici, e depositati direttamente sul terreno senza alcuna forma di protezione sottostante e di copertura. Dopo gli accertamenti di rito le aree individuate sono state circoscritte e cautelate per consentire gli interventi di bonifica e ripristinare l’originario stato dei luoghi.

I fatti sono stati comunicati alla Procura della Repubblica di Frosinone per quanto di competenza e costituiranno oggetto di segnalazione alle competenti Autorità amministrative per le necessarie operazioni di bonifica.

25 settembre 2014 0

Scarpe e cd contraffatti, ingente sequestro ad Aprilia

Di admin

Scarpe, cd e capi di abbigliamento, tutto rigorosamente di marca contraffatta. La merce è stata sequestrata dai carabinieri del reparto territoriale di Aprilia a due cittadini marocchini E. M. M. 40enne e A. M. 35enne. I militari hanno controllato il mezzo sul quale viaggiavano trovando 72 cd musicali privi di contrassegno SIAE, 105 paia di scarpe sportive e una decina di capi di abbigliamento con marchi contraffatti, il tutto sottoposto a sequestro. I due sono stati denunciati per “introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi” e “detenzione ai fini della vendita di duplicazioni di opere dell’ingegno”.

 

25 settembre 2014 0

Un fiume di studenti sulla superstrada Cassino Formia, chiamata per i vigili urbani

Di admin

E’ una strada pericolosa, lo sanno tutti, ma poco importa che un gran numero di studenti debbano attraversarla “sperando” solo nella protezione delle strisce pedonali. Ogni mattina e ogni primo pomeriggio, come fosse una schiusa di tartarughe dirette al mare, il fiume di studenti dell’istituto alberghiero di Cassino si getta sulla superstrada Cassino Formia per poter arrivare alle piazzole di sosta dei pullman sul lato della strada opposto all’incrocio di via Cerro. “Mio figlio frequenta il primo anno dell’Alberghiero, – ci scrive una mamma di Cassino – scuola che si trova sulla super strada Cassino Formia, non so il nome della strada.. Per tornare a casa i ragazzi devono attraversare la strada , così possono prendere la corriera.. Non c’è un controllo, vigili, niente, e mio figlio ha detto che le macchine non si fermano.. Nemmeno quando loro iniziano ad attraversare sulle strisce… Cosa possiamo fare prima che succeda qualcosa??”. Ed infatti il problema e i pericoli sono evidenti a chiunque si trovi di passaggio ad assistere al transito sulla strada dei ragazzi che, tra l’altro, creano lunghi incolonnamenti. Inoltre l’attraversamento non avviene solo sulle strisce tagliando la strada in maniera ordinata, ma in ordine sparso, disegnando improbabili diagonali tanto da farli rimanere più a lungo sulle carreggiate aumentando il rischio di essere investiti. E’ una chiara situazione di pericolo che senza dubbio necessita della presenza, quantomeno di un vigile urbano o spostare all’interno di via Cerro le fermate dei pullman… prima che, come al solito, sia troppo tardi.

Ermanno Amedei