Prima edizione del “Palio della Contea di Aquino”, folklore, storia e tradizioni

4 settembre 2014 0 Di redazionecassino1

Solo un giorno al via ufficiale della prima edizione del Palio della Contea di Aquino: il folklore, la storia e le tradizioni saranno protagoniste il prossimo fine settimana, il 5-6-7 settembre, quando in città, grazie alle gare previste nell’ambito della competizione, si respirerà un’atmosfera d’altri tempi.
Le otto contrade (Croci-L’Crucela, San Pietro Vetere-San Pietr Vetr, Valli-L’Vall, San Marco-Sant Marc, Chiusa Grande-La Ghiusaranna, Filetti-L’ Filett, La Piazza, Le Canapine-L’Cannavin) sono addobbate con i propri colori, ma soprattutto i contradaioli sono determinati e desiderosi di conquistare la vittoria, animati da un sano spirito sportivo.
Sono nove i giochi in cui si sfideranno: la corsa con la cannata, quella con la carriola e quella con il sacco, l’arrampicata su un palo di sei metri per conquistare il proprio drappo nel gioco denominato “Gira la rota”; poi il salto con la fune ed il tiro alla fune e “glu struncon” (che consiste nel tagliare con una sega nel più breve tempo possibile un grosso tronco). I concorrenti si sfideranno anche nel pigiare l’uva e nel mangiare nel più breve lasso di tempo un chilo di abbotta p’zzent, ovvero il tipico piatto aquinate.
L’idea del Palio è nata per dare un impulso turistico alla cittadina e per creare un evento che potesse richiamare le origini degli aquinati, risvegliando lo spirito di appartenenza alla comunità e l’orgoglio di essere nati nella città di San Tommaso.
L’amministrazione comunale ha creduto nel progetto e nel giro di pochi mesi è stato possibile mettere a punto la manifestazione che tra qualche giorno sarà realizzata, con il prezioso contributo del comitato “Palio della Contea di Aquino”. Grande quindi il lavoro da parte del comitato e degli amministratori comunali, ma enorme anche il coinvolgimento dei cittadini che si sono lanciati in questa sfida dal sapore goliardico, che ha già avuto positive ricadute anche sull’economia della città.
“All’inizio – confessa il sindaco Libero Mazzaroppi – non pensavamo che questo progetto potesse coinvolgere in modo così entusiasta tutta la popolazione. I nostri concittadini invece hanno risposto con una grande partecipazione, organizzando comitati, feste di quartiere. Siamo riusciti a creare un evento dal grande potere aggregativo ma siamo certi che rappresenterà anche un grande richiamo a livello turistico. Prevediamo circa duemila persona in Piazza San Tommaso nei giorni del Palio”. In occasione della manifestazione il sindaco ha anche disposto che tutte le attività commerciali possano rimanere aperte fino a tardi.
L’assessore al turismo Luca Di Ruzza, che dal primo momento sta lavorando per la riuscita dell’evento, è stato il promotore di tutte le riunioni che si sono tenute nella fase embrionale, ha cercato di coinvolgere quanti più cittadini possibili ed il passa parola ha poi fatto il resto. “Sono estremamente colpito dalla grande partecipazione dei vari contradaioli – ha spiegato Di Ruzza – e sono convinto che il prossimo fine settimana riusciremo a concretizzare un evento di grande portata, che richiamerà centinaia di visitatori e che, nei prossimi anni, crescerà costantemente, rilanciando ancora una volta l’immagine della nostra città”.
Il presidente del Comitato Antonio Di Sotto, spiega come il progetto sia davvero ambizioso: “Questa è la prima edizione, ma puntiamo a fare diventare questa manifestazione il luogo in cui diversi comuni vengano a sfidarsi. Per questo abbiamo scelto il nome ‘Palio della Contea’. Puntiamo a far partecipare tutti i comuni che un tempo formavano la Contea di Aquino”.
Per l’occasione l’amministrazione comunale ha messo a punto un dettagliato ‘Piano sicurezza’, affinché tutti i gioghi possano svolgersi senza alcun pericolo.

Ordine pubblico e sicurezza: sono questi i due obiettivi che l’amministrazione comunale di Aquino si è prefissata in occasione della prima edizione del Palio della Contea. Tre giorni di eventi, il 5-6-7 settembre, con giochi, cortei e sfilate che avranno il loro fulcro in Piazza San Tommaso.
Per questo il sindaco Libero Mazzaroppi ha disposto tutta una serie di divieti e di limitazioni per fare in modo che l’area in questione sia sicura e monitorata.
Ci sarà un grande dispiegamento di uomini e mezzi: il primo cittadino ha richiesto anche l’aiuto di protezione civile, vigili urbani e polizia provinciale. Saranno loro, insieme alle altre forze dell’ordine, a controllare ogni dettaglio per fare in modo che la manifestazione si svolga nel rispetto delle regole e nella massima sicurezza.
I divieti più importanti sono quelli che riguardano la circolazione delle auto: la piazza sarà isolata, off limits per gli autoveicoli. Tutti i varchi d’ingresso saranno chiusi e presidiati da volontari per evitare che si creino problemi di natura diversa: i divieti inizieranno venerdì a partire dalle 17 e fino al termine delle competizioni; sabato e domenica invece dalle 19 a fine manifestazione. Visto il grande afflusso di gente previsto in occasione delle gare infatti, assicurare una grande isola pedonale è stato il primo pensiero dell’amministrazione. L’area di gioco inoltre sarà transennata per evitare incidenti di percorso.
Il primo cittadino ribadisce poi l’ordinanza già attiva che impedisce la vendita di bevande in vetro da asporto: questi prodotti possono essere consumati solo all’interno dei locali.
“Vogliamo che queste giornate di festa si svolgano nel pieno rispetto delle regole – ha spiegato il sindaco – garantendo l’ordine pubblico e la sicurezza degli spettatori che vorranno partecipare alla manifestazione, certi che arriveranno centinaia e centinaia di turisti”.
Grande sarà il dispiegamento anche da parte di altri mezzi di soccorso: saranno presenti diversi medici e il servizio di emergenza sarà garantito dalla Croce Rossa.
In questi giorni c’è stato tanto fermento in città per preparare tutto in vista delle competizioni: il sindaco ha disposto anche la rimozione di alcuni pali in piazza, rendendo libera l’area ed eliminando delle situazioni che potevano rivelarsi pericolose.
Tutto quindi è stato messo a punto nel dettaglio ed il Comune ha investito molto sul Piano della Sicurezza, con la volontà di regalare agli aquinati ed ai turisti una manifestazione entusiasmante e sicura.