Giorno: 10 ottobre 2014

10 ottobre 2014 0

Il Questore di Frosinone Santarelli fa visita al comune di Ceprano

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Questa mattina il Questore della Provincia di Frosinone, dr. Filippo SANTARELLI si è incontrato, presso il palazzo comunale, con il Sindaco di Ceprano Marco GALLI. La gradita visita del responsabile provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica è stata l’occasione per parlare delle problematiche che riguardano la Ciociaria, apparentemente un territorio tranquillo, ma che in realtà cela presenze mafiose che possono essere favorite dalla grave crisi, che rischia di mettere inginocchio l’economia locale. Il sindaco ha ribadito anche dinnanzi al Questore la volontà di affermare la legalità, quale elemento fondamentale dell’attività dell’amministrazione cepranese e l’importanza delle regole, unica strada per garantire a tutti i cittadini pari dignità e rispetto dei diritti. L’incontro cordiale, si spostato poi nei locali del museo, dove il dr. SANTARELLI ha potuto ammirare i reperti provenienti dallo straordinario sito archeologico di Fregellae. Al Questore sono state poi donate delle pubblicazioni che riguardano la plurimillenaria storia di Ceprano. “Sono particolarmente contento della visita del Questore, poiché dimostra un’attenzione particolare ai vari comuni della provincia e, in un momento come quello attuale, questa disponibilità assume un’importanza ancora maggiore. Ieri il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, per la firma del protocollo di intesa, oggi il Questore, al più presto spero di poter incontrare il nuovo comandante provinciale dell’arma dei Carabinieri, perché anche in questo modo si attesta la volontà di riaffermare la legalità, in una città ferita da quanto accaduto in passato, che a maggio ha deciso di cambiare e che ha bisogno di ritrovarsi per uscire da una grave crisi economica e sociale”.

10 ottobre 2014 0

Stato di agitazione a Extra Tv di Frosinone contro la procedura di licenziamento di 19 dipendenti

Di redazione

“I giornalisti e il personale tecnico-amministrativo dell’emittente privata Extra Tv di Frosinone, riuniti in assemblea permanente, hanno appena votato lo stato di agitazione e lo sciopero a oltranza delle prestazioni audio-video, con l’impegno al rispetto dei soli obblighi previsti dalle leggi e dal contratto”. Così in una nota che riceviamo e poubblichiamo, Eugenio Stanziale, segretario della Cgil di Roma e del Lazio, Dino Oggiano, Bruno Carlo e Giuseppe Di Pede, segretari della Slc Cgil di Roma e del Lazio, e Lazzaro Pappagallo segretario della Consulta sindacale dell’Associazione Stampa Romana. “Lo stato di agitazione – continuano – è stato indetto per protestare contro la procedura di licenziamento collettivo aperto dalla società per 19 dei 24 dipendenti rimasti, cui si aggiunge il drammatico ritardo nel pagamento degli stipendi che ha ormai raggiunto le nove mensilità. Chiediamo alle istituzioni regionali e locali, e a tutte le forze sane del territorio ciociaro di attivarsi per cercare di risolvere la situazione di questi lavoratori che vivono, accanto al dramma della perdita del posto di lavoro, l’ulteriore dramma derivante dalla mancanza di reddito prolungato per così tanti mesi”.

10 ottobre 2014 0

D’Onofrio (PD): “Russo chi?”, con una battuta risponde a Russo

Di redazionecassino1

“Russo chi?” Anna D’Onofrio liquida con una battuta “renziana” il “renziano” Armando Russo. “Un risibile risentimento”, secondo il capogruppo del Pd in consiglio comunale a Cassino, sarebbe all’origine dell’improvviso attacco sferrato sulla stampa dal giovane esponente Pd nei suoi confronti. “Mi domando – dice la D’Onofrio – a che titolo parla. Non è consigliere comunale né amministratore. E, sebbene si affanni da oltre un anno a spacciarsi per segretario del Pd, non può fregiarsi nemmeno di questo titolo: il congresso ed il tesseramento sono stati annullati e lui, mai votato da un’assemblea regolare, è un semplice iscritto”. In caso di successo di Pompeo alla provincia, Russo confida sul commissariamento della federazione provinciale del Pd con ripercussioni anche su Cassino. “E’ la logica dei “nuovi vecchi”. Di chi vuole occupare il partito anziché costruirlo. Ma voglio allontanare il giovane Russo da ogni tentazione di rappresaglia: vincerà Pittiglio, il candidato del Pd e del centrosinistra”. Il voto provinciale avrà ripercussioni sul Comune di Cassino? “La situazione dell’amministrazione è critica. Avere una maggioranza numerica non significa avere una maggioranza politica”. Per questo ha dichiarato che non voterà più “a scatola chiusa”? “Occorre una svolta radicale. Io rispetto il mandato elettorale assegnatomi che si svolge dentro una maggioranza di centrosinistra e sostiene con senso di responsabilità il governo Petrarcone. Ma bisogna ridare vivacità e consistenza a questa maggioranza”. E a Russo che l’accusa di aver votato per 3 anni “a scatola chiusa” senza entrare nel merito dei provvedimenti, come risponde? “Si legga i giornali nazionali e imparerà qualcosa. La minoranza Pd, pur contestando il Jobs Act, ha dato la fiducia “a scatola chiusa” a Renzi per non far cadere il governo. Io ho lavorato per ricomporre, definire progetti, assicurare una continuità amministrativa. La funzione di capogruppo non è quella delle “teste di cuoio” di assalto alla diligenza in corsa ma quella di supportare un’amministrazione che ha bisogno di ritrovare una rinnovata energia propulsiva alla sua attività di governo. Ma capisco quanto sia difficile spiegare queste cose a chi, per prendersi un partito è stato capace di distruggerlo”. Però alle provinciali lei voterà Pittiglio e D’Ambrosio. Il sindaco invece sostiene Pompeo e Velardocchia. “Votano i consiglieri comunali. E quelli di Cassino hanno avuto dagli elettori un mandato che si opponeva al centrodestra. Noi consiglieri e il Sindaco siamo in una coalizione di centrosinistra. Pompeo ha stretto una alleanza di centrodestra. Sostenerlo significa uscire dal nostro mandato elettorale. E gli alleati di Pompeo, i vari Abbruzzese, Scittarelli, Fardelli stanno già lavorando per creare l’alternativa a questa amministrazione. E io dovrei votare uno schieramento di centrodestra con qualche iscritto al PD, alternativo al mio schieramento? Non credo proprio. Io sto con il centrosinistra e con il PD. Mi spiace per Russo, abituato a schierarsi in virtù delle convenienze politiche. Per il compito che mi è stato affidato di capogruppo, io continuerò coerentemente la mia azione incalzante e vigile su questa amministrazione di centrosinistra per preservarla da ingerenze e da pressioni esterne o da tentativi di snaturare la sua originale collocazione politica. Rassicuro il “giovane vecchio” Russo che il nuovo organismo dirigente che uscirà dal prossimo congresso del Pd si farà carico di aprire una nuova stagione nei rapporti con l’amministrazione comunale. Sono questi gli obiettivi di una nuova politica del PD in questa città”.

10 ottobre 2014 0

Un concerto di beneficenza per aiutare i Paesi poveri da “Insieme per l’unita’ dei popoli onlus”

Di redazionecassino1

Aiutare chi ha bisogno, anche se lontano da noi, in Paesi più poveri, questo lo scopo del concerto di beneficenza che si è svolto nei giorni scorsi a Mignano Montelungo nella chiesa S. Maria Grande, per volontà di Rosario Stabile. Rosario è ragazzo ventinovenne di Mignano affetto da distrofia muscolare e costretto da anni a vivere su una sedia a rotelle. La sua bontà, la sua generosità, voglia di vivere e l’amore per il prossimo sono sempre state un esempio per tutti. Da anni Rosario si impegna per aiutare chi nei Paesi più poveri si trova in condizioni critiche, necessita delle forme più elementari di sopravvivenza. Per raggiungere questi scopi organizza manifestazioni per la raccolta di fondi da destinare a vari progetti umanitari. Il Coro, composto da giovani di Mignano, ha eseguito canti liturgici scelti dal repertorio dei Gen Rosso e Marco Prisina. Il ricavato sarà devoluto all’associazione “Insieme per l’unita’ dei popoli onlus”, con cui Rosario collabora, promuove e segue progetti di sviluppo in paesi economicamente e socialmente più svantaggiati. In particolare per la costruzione di un centro nutrizionale in Uganda, il cui refettorio è intitolato proprio a Rosario Stabile, perché realizzato con il ricavato del suo secondo libro “Un figlio fragile”. Un vero successo di pubblico e di donazioni è stato il concerto che si è svolto nella chiesa S. Maria Grande martedì scorso. L’augurio e la speranza di tutti coloro che hanno collaborato alla buona riuscita della serata, è quello di raggiungere tanti altri piccoli ma significativi traguardi. Sicuramente Rosario sarà ancora protagonista sicuramente! F. P. Foto: A. Ceccon

10 ottobre 2014 0

Mese della prevenzione del tumore al seno: Villa Comunale di Frosinone illuminata di rosa

Di redazione

Il Comune di Frosinone partecipa alla campagna di prevenzione del tumore al seno, promosso dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori, illuminando di rosa per tutte le notti di ottobre uno dei siti più rappresentativi della città. Per l’occasione è stata scelta la Villa Comunale, vero e proprio fiore all’occhiello del capoluogo ciociaro. Un ringraziamento particolare va alla ditta Audioprofessional di Aldo Angeli che ha offerto gratuitamente il servizio di illuminazione.

10 ottobre 2014 Non attivi

Armi e munizioni per il clan dei Casalesi, arresti a Mondragone

Di admin

Rifornivano di armi e munizioni gli appartenenti al clan dei Casalesi e gruppi camorristici di Napoli. Alle prime ore dell’alba i Carabinieri della Compagnia di Mondragone, coordinati dalla DDA Partenopea, hanno eseguito un provvedimento di Fermo del P.M. a carico di diversi soggetti che, nel corso degli anni, hanno rifornito di armi e munizioni gli appartenenti al clan dei Casalesi e gruppi camorristici del capoluogo campano.