Giorno: 17 ottobre 2014

17 ottobre 2014 0

Cementano la stradina che porta a l’Albaneta nel Parco di Montecassino ma nessuno sa nulla. Indagano i Forestali

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un’azione fatta sicuramente a fin di bene ma che potrebbe loro portare problemi. La Guardia Forestale sta indagando su una segnalazione giunta da Cassino, o meglio da Montecassino. La zona è quella dell’Albaneta, l’altopiano che sta dietro all’Abbazia al quale si accede attraverso una stradina chiusa da un cancello all’altezza del cimitero Polacco. E’ lì, nel cuore del Monumento regionale di Montecassino, una vasta area soggetta a strettissimi vincoli paesaggistici e naturalistici che un gruppo di 51 polacchi di una associazione di reduci della seconda guerra mondiale, hanno deciso a loro spese e fatica, di sistemare la stradina, quasi una mulattiera, con un gettato di cemento scaricato sul posto direttamente da una betoniera. Il problema è che di quei lavori, il comune e gli enti preposti non ne saprebbero nulla. Ma come hanno fatto i volenterosi polacchi a portare una betoniera al di la del cancello e fare quel lavoro senza che nessuno si accorgesse di nulla? Se l’è chiesto anche l’ambientalista Edoardo Grossi della Fiab Cassino il quale dice: “Più volte abbiamo chiesto di rendere pedonabile e ciclabile quella strada che attraversa un’area demaniale. Sono arrivato addirittura a scrivere una lettera al Papa ma, nonostante una garbata risposta del segretario di Stato Vaticano, nessuno mi ha dato ascolto. Adesso scopro che, però, con le betoniere ci si arriva tranquillamente”. Eppure nessuno si sarebbe accorto di nulla se il gruppo non avesse trovato gratificazione postando sul proprio profilo facebook le foto dei lavori.

Ermanno Amedei

17 ottobre 2014 0

Pastore di Fondi minacciato di morte se non paga 20mila euro, due in manette per estorsione. Uno è sorano

Di admin

Gli hanno chiesto 20mila euro per lasciarlo in vita. Oggi le manette sono scattate ai polsi di due uomini Paolo Manna 28 anni di Fondi (Foto a sinistra) e Errico Di Silvio 39 anni di Sora (Foto a destra). Per loro l’accusa è estorsione aggravata in concorso con altri soggetti ancora da identificare e porto abusivo di armi. La storia nasce in un contesto particolare, quello della faida tra due famiglie di pastori che da anni, per motivi di spartizione dei pascoli, si fanno guerra avvelenando bestiame, incendiando boschi, rubandosi attrezzi. Questa mattina, però, in una zona agricola di Monte San Biagio, si è concretizzato, secondo gli investigatori, il pagamento di una estorsione perpetrata dai due arrestati, nei confronti della loro vittima, un pastore della zona al quale avevano imposto, sotto minaccia, il pagamento di 20mila euro. Quando questa mattina la vittima si è presentata con una somma inferiore, i due si sono inizialmente innervositi, rabboniti, però, dalla stessa vittima che avrebbe promesso loro i restanti soldi a fine mese. Passata di mano la busta, è scattata la trappola della polizia. Gli uomini del commissariato di Fondi diretto da Massimo Mazio, sono intervenuti bloccandoli dopo un inseguimento con le auto tra strade sterrate. I due, prima di essere fermati hanno tentato di disfarsi della busta con i soldi ma che è stata però recuperata dagli agenti. Foto Giusepppe Miele

17 ottobre 2014 0

Allo chef Davide Frison e al team “Cuochi di Anzio” la vittoria della XVII edizione del concorso “I piatti tipici pontini”

Di admin

È andato al “Filetto all’Aceto balsamico con Broccoletto e cifonad di Porro” dello chef Davide Frison e al “Tournedos di faraona con Funghi arrosto”, preparato dal team “Cuochi di Anzio” composto da Andrea Salem e Rajit Sohal, il trofeo per i migliori Piatti Tipici Pontini 2014.

Secondo posto per il “Filetto di Orata scottato con crema di Patate e pomodoro confit”di Francesco Palombo e per i “Paccheri all’Astice con Funghi e Parmigiano di Mandorle” dei giovani “The Crumble”, Antonio De Gennaro e Patrick Rondinelli.

Una competizione avvincente, quella de “I Piatti Tipici Pontini”, che fonda l’elaborazione delle ricette nel pieno rispetto del Big Cooking Contest: il format nato nel 2007 in Austria dove ad essere esaltate sono la creatività e la fantasia dei partecipanti che si sfidano ai fornelli. Ad animare la gara, che ha visto la riconferma del talentuoso Frison ai vertici della classifica, 8 chef professionisti e 10 squadre di allievi che sotto lo sguardo vigile di tre diverse giurie (una per la sezione professionisti,un’altra per la categoria allievi ed una tecnica costituita dai membri del Consiglio Direttivo della sezione provinciale della FIC), hanno dovuto realizzare il piatto, completo di guarnizione, in appena quaranta minuti di tempo servendosi esclusivamente del paniere di prodotti locali messo a disposizione dall’organizzazione.

Occasione dell’evento, ospitato presso l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri della Ristorazione “Angelo Celletti” di Formia, è stata la Festa Nazionale del Cuoco in onore di San Francesco Caracciolo, protettore della categoria.

Ricorrenza che gli chef della sezione provinciale della Federazione Italiana Cuochi, presieduta da Luigi Lombardi, hanno deciso di onorare anche con la promozione del convegno moderato dalla giornalista Tiziana Briguglio, dal tema: “Verso l’expo 2015. Il ruolo dello Chef nella salvaguardia del pianeta. Dall’alimentazione sostenibile al mercato globale”, che ha visto al tavolo dei relatori nomi importanti del settore agroalimentare italiano.

17 ottobre 2014 0

Esattore del Clan camorristico dei Casalesi arrestato a Cassino

Di admin

Era a Cassino, già agli arresti domiciliari per altri reati, uno degli esattori del clan dei Casalesi. N.R. 48 anni di San Cipriano d’Aversa (Ce), è stato raggiunto da una ordinanza di arresto e traduzione in carcere emessa dal tribunale di Napoli. A notificargliela, stamattina, sono stati i carabinieri della Compagnia di Casal di Principe e quelli della compagnia di Cassino, il luogo in cui l’uomo già era agli arresti domiciliari. Il 48enne è ritenuto colpevole di epoisodi estorsivi aggravati dal metodoi mafioso commessi tra il 2009 e il 2010 per conto del clan dei Casalesi, fazione Zagaria, ai danni di un imprenditore agricolo, costretto a versare una grossa somma di danaro. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

17 ottobre 2014 0

Troppe fibrillazioni a Cassino, il sindaco Petrarcone guadagna tempo e fa slittare l’Assise sul Bilancio a lunedì

Di admin

“Il Consiglio Comunale previsto per oggi pomeriggio è rinviato a lunedì 20 ottobre. Si tratta di una mia decisione perché ritengo necessario, prima di approvare un atto importante come il bilancio, affrontare personalmente tutte le fibrillazioni che sono scaturite in seguito alle votazioni che hanno visto il rinnovo del Consiglio della Provincia di Frosinone. A tal proposito, nella giornata di domani, dopo la manifestazione in ricordo delle vittime civili di guerra che porrà nuovamente Cassino al centro dell’attenzione nazionale come successo spesso quest’anno, incontrerò i vari gruppi consiliari singolarmente, dalle ore 16 in poi, per effettuare una seria analisi politica. Sono certo che questa sia la decisione migliore per giungere a lunedì, dopo una pausa di riflessione nella giornata di domenica, con la massima chiarezza tra tutte le parti in causa. Dopo di che, se lunedì ci saranno i presupposti per andare avanti, la nostra azione amministrativa ripartirà ancora più forte di prima, nella ferma convinzione di realizzare il nostro programma entro la fine del mandato e non certo per ‘vivacchiare’. Se questo non dovesse, invece, verificarsi resterebbe il rammarico per le tante cose realizzate in città e per non poter portare a termine le altrettante cose già avviate.” È quanto emerge in una nota a firma del sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone.

17 ottobre 2014 0

Cambio al vertice del Comando Carabinieri di Chieti. Arriva Calabrò

Di admin

Cambio al vertice del Comando Provinciale dei Carabinieri di Chieti. Il nuovo Comandante è il Colonnello Luciano CALABRÒ, 49 anni, nato a Cortina d’Ampezzo (BL). Proveniente dai ranghi dell’Accademia Militare di Modena, ove ha frequentato il 167° Corso di Applicazione, durante la sua trentennale carriera, ha retto 3 Compagnie Carabinieri, anche in aree particolarmente sensibili sotto il profilo dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, ed il Reparto Operativo del Comando Provinciale di Catanzaro. Ha poi frequentato il corso Superiore di Stato Maggiore Interforze e da settembre 2003 a marzo 2004 ha partecipato inoltre alla missione MSU (KFOR) in Kossovo. Da ottobre 2005 ad agosto 2012 ha operato presso lo Stato Maggiore della Difesa dove è stato anche Capo Sezione presso l’Ufficio Direzione Strategica e Politica delle Operazioni. Giunto ad Iglesias a settembre 2012, il Colonnello Luciano CALABRÒ ha assunto il Comando della Scuola Allievi Carabinieri che ha retto poi per un biennio fino a quando è stato destinato a Chieti in qualità di Comandante Provinciale dei Carabinieri.

17 ottobre 2014 0

La classe V della scuola Primaria di Atina premiata al concorso “Insieme per lo Sport”

Di admin

La classe V A della Scuola Primaria di Atina è risultata tra le otto scuole vincitrici del concorso “Insieme per lo Sport” Conad finalizzato a promuovere tra i giovani lo spirito sportivo. Il concorso consisteva nell’inviare degli elaborati dei bambini, nel nostro caso testi e disegni che, in forma creativa, evidenziassero l’importanza del fair play. Il premio consiste nell’organizzazione, da parte di una ditta esterna, di una Festa dello Sport cui interverranno diversi giocatori di basket ed altri sportivi che ci saranno comunicati, alla presenza di una speaker radiofonica di radio 105, Fabiana Paolini, in qualità di presentatrice. Gli sportivi racconteranno ai bambini la loro esperienza e condivideranno i valori e le motivazioni che li hanno guidati nella carriera sportiva. I vincitori riceveranno una sacca contenente un cappellino, una borraccia, una maglietta, un telo spugnae a tutti i partecipanti verrà offerta la merenda da un punto Conad ed alcuni gadget.

Tutto ciç accadrà lunedì 20 Ottobre dalle ore 10:00 alle 12:00 circa presso la palestra della Scuola Media dell’Istituto Comprensivo di Atina.

17 ottobre 2014 0

Incidente sulla superstrada Cassino Formia a San Giorgio a Liri, donna elitrasportata a Latina

Di admin

Un grave incidente stradale si è verificato questa mattina sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di San Giorgio a Liri. Verso le ore 8 al chilometro 7.340 una donna di circa 50anni alla guida di una Clio è finita nella cunetta che costeggia la strada ribaltandosi con l’auto. Per liberarla dalle lamiere sono doovuti intervenire i Vigili del Fuoco di Cassino. Il loro celere intervento ha permesso di darle speranze di sopravvivenza. Estratta dai rottami è stata affidata agli operatori del 118 e per lei si è reso necessario l’intervento dell’eliambulanza per il trasporto al Santa Maria Goretti di Latina. Sul posto è intervenuta anche la polizia stradale. Er. Amedei

17 ottobre 2014 0

Misterioso colore rossastro nelle siringhe, ritiro cautelativo dei lotti dei vaccini Meningitec

Di admin

In riferimento ai recenti ritiri cautelativi di lotti del vaccino Meningitec della ditta Nuron Biotech BV, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), a seguito degli approfondimenti effettuati, rende noto che il provvedimento di ritiro (Comunicazione ritiro Meningitec) è dovuto alla presenza di un particolato color arancio rossastro, identificato come micro residui metallici, in alcune siringhe.

AIFA ha immediatamente effettuato una valutazione sulla documentazione di sicurezza disponibile relativa ai potenziali effetti che sarebbero potuti derivare dall’impiego di queste siringhe, unitamente all’esame delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ricevute nell’arco degli ultimi due anni attraverso la rete nazionale di farmacovigilanza. Nel caso specifico, i tre aspetti principali oggetto di valutazione, in considerazione della presenza di particolato, hanno riguardato:

la reattività locale nel sito di iniezione; le reazioni avverse legate alla presenza del ferro e/o alla sua tossicità; le gravi reazioni da ipersensibilità (anche eventuali reazioni anafilattiche).

Dall’analisi delle informazioni disponibili alla fine di settembre, inclusa la documentazione fornita dalla ditta, non sembrano emergere evidenze di reazioni avverse particolari ricollegabili allo specifico difetto di qualità dei lotti ritirati in Italia. Tale valutazione sarà sottoposta all’esame della Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA nella seduta del 21-23 Ottobre 2014 ed il parere verrà reso pubblico.

Inoltre, nonostante la presenza di particolato di colore rossastro sia solitamente ben visibile, a oggi non risultano pervenute segnalazioni da parte degli operatori sanitari rispetto a questa anomalia, il che fa ragionevolmente presumere che le confezioni utilizzate, sia pur appartenenti ai lotti ritirati, non siano coinvolte nel difetto.

Il ritiro cautelativo dei lotti è avvenuto anche in altre nazioni, nelle quali non sarebbero emersi problemi particolari.

Si comunica, inoltre, che sono disponibili vaccini alternativi per la vaccinazione contro Neisseria Meningitidis del sierogruppo C.

17 ottobre 2014 0

Prostituzione, controlli della polizia a Cassino e Frosinone

Di admin

L’analisi compiuta dalla Questura sulle aree interessate al fenomeno dello sfruttamento della prostituzione ha consentito di realizzare una mappatura su cui indirizzare gli interventi.

Obiettivo della Polizia di Stato è quello di verificare l’eventuale presenza di singoli o gruppi che, a scopo di lucro, sfruttano il fenomeno della prostituzione.

Proprio per questo l’altro ieri sono scesi in campo gli equipaggi delle Volanti di Frosinone e Cassino oltre al personale della Squadra Mobile e del Nucleo Prevenzione Crimine Lazio.

I controlli eseguiti lungo la strada ASI a Frosinone e zona industriale di Cassino hanno consentito di verificare la posizione di 19 donne a Frosinone e 6 a Cassino.

Delle 19, tutte di nazionalità rumena, 3 sono state denunciate per inosservanza al F.V.O., mentre per altre 7 è scattato il F.V.O.

Delle sei donne rintracciate a Cassino cinque sono di nazionalità rumena e nei loro confronti è stato adottato il F.V.O. mentre per una cittadina nigeriana, risultata richiedente asilo politico, sono stati trasmessi gli atti all’Ufficio Immigrazione per l’adozione dei provvedimenti di competenza.

Le strade su cui sono stati eseguiti i controlli hanno registrato anche un miglioramento delle condizioni di viabilità spesso compromessa a causa dei rallentamenti e distrazioni provocati dalla presenza di donne dedite alla prostituzione.