Giorno: 27 novembre 2014

27 novembre 2014 0

Gilberta Palleschi, accostamento alla Camorra durante “Chi l’ha Visto?”, la famiglia della scomparsa sporge denuncia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Gli accostamenti alla Camorra fatti nel corso della trasmissione di Rai Tre “Chi l’ha Visto?” alla vicenda di Gilberta Plleschi non sono piaciuti alla famiglia Palleschi che ha dato mandato al proprio avvocato Massimiliano Contucci, di sporgere denuncia contro ignoti presso la procura della Repubblica di Cassino. “Le asserzioni in ordine al presunto coinvolgimento della Camorra ovvero ad  implicazioni della stessa con la famiglia e con il caso stesso – si legge in una nota dello studio legale – sono altamente lesive della dignità e della reputazione dei mie assistiti”.

er amedei

27 novembre 2014 0

Blitz dei carabinieri in un deposito a Sezze Scalo, recuperate oltre 20 tonnellate di cioccolato

Di admin

Si è concluso nel pomeriggio odierno, con l’esecuzione di un fermo di indiziato di delitto, il blitz condotto dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Latina, coadiuvati da quelli del Nucleo Antisofisticazione e sanità sempre del capoluogo, presso un deposito sito in Sezze Scalo, e precisamente in via Fontana Acquaviva, ove ignoti avevano occultato ben 20 tonnellate di praline di cioccolato “Lindt” che facevano parte di una derrata ancora maggiore asportata in più riprese da un sito di stoccaggio nel Lodigiano tra aprile e agosto scorso. Le attività dei Carabinieri sono state avviate a seguito di alcune segnalazioni che riferivano di una rete di distribuzione clandestina nel capoluogo per la vendita del noto prodotto dolciario a un prezzo nettamente inferiore a quello di mercato. Una serie di appostamenti ha poi consentito di individuare il citato capannone al cui interno, in apposite celle frigorifere, erano state stoccate le scatole di cartone, in totale n. 2064, contenenti ciascuna 10kg di praline sfuse e confezionate. Il ghiotto bottino, una volta sul mercato, avrebbe fruttato quasi due milioni di euro. A fare le spese dell’attività di Polizia Giudiziaria un ex commerciante di prodotti alimentari, residente a Sezze, incensurato, che, a suo dire, aveva affittato il capannone per stoccare la merce rubata per conto di terzi. Alla vista dei Carabinieri, l’indiziato non forniva una ricostruzione convincente dei movimenti delle praline, evidenziando anche una certa consapevolezza della loro provenienza illecita. Nella circostanza venivano rinvenute anche tracce dei suoi frequenti spostamenti all’estero, che ne hanno reso evidente il pericolo di fuga. Per questi motivi, una volta informato il Magistrato di turno, Sostituto Procuratore De Luca Valerio, i Carabinieri davano esecuzione nei suoi confronti al fermo di indiziato di delitto per il reato di “ricettazione”. Il fermato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Latina. Sono in corso ulteriori attività per ricostruire, con esattezza, i movimenti da e per il capannone di via Acquaviva.

27 novembre 2014 0

Maltempo, rallentamenti e chiusure sull’Aurelia tra Santa Severa e Cerveteri

Di admin

L’Anas comunica che a causa delle intense precipitazioni si registrano rallentamenti sulla strada statale 1 “Aurelia”, dal km 41 al km 58, nel comuni di Santa Severa e Cerveteri, in provincia di Roma, in entrambe le direzioni di marcia.

Alcuni tratti risultano allagati dai campi limitrofi e si potranno rendere necessarie brevi chiusure al traffico per consentire lo smaltimento dell’acqua piovana e del fango dalla pavimentazione stradale e, quindi, la circolazione in piena sicurezza. Il personale dell’Anas è presente sul posto.

L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”.

Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 ‘Pronto Anas’ per informazioni sull’intera rete Anas. foto di repertorio

27 novembre 2014 2

Fiori amari davanti al tribunale di Cassino, a ricordo delle sentenze maldigerite

Di admin

Il gesto inusuale di uno, spesso, diventa tendenza anche per altri e se dovesse diventare tendenza il gesto di una mamma di porre i fiori davanti al tribunale di Cassino per ricordare il figlio morto e “urlare”, fosse anche con la sola scritta su un biglietto, quella che lei ritiene essere una ingiustizia subita, il palazzo di giustizia diventerebbe un sacrario. Accade proprio a Cassino, in questi giorni, che una parente, pare fosse la madre, di un ragazzo moro nel 2006 ad Isola del Liri nel corso di un incidente stradale, ha posto un fascio di fiori al cancello che da acceso al tribunale in piazza Labriola con su un messaggio dolorosamente polemico “S. F. vittima della strada nel 2006 e vittima dello Stato nel 2013”.

Il ragazzo morì nella città della cascata impattando con la sua auto contro un autobus guidato da un Cassinate. Il processo per omicidio colposo del conducente del mezzo è terminato con una assoluzione. Non entriamo, ovviamente, nel merito del giudizio. Il fatto di cronaca che a nostro avviso va segnalato è il dispiacere del genitore che non ha condiviso quella sentenza volendo dimostrare il suo disappunto con il gesto polemico, eguagliato, però da altri. Il giorno dopo, infatti, i fasci diventano due e a porre il secondo è sempre una donna, probabilmente la madre di una ragazza di Cervaro vittima di un altro incidente sulla strada avvenuto nel 2010 sulla Cassino Formia ad Ausonia quando in sella alla moto del fidanzato, si schiantarono contro una vettura che, pare, gli avesse tagliato la strada. I due giovani morirono. Il conducente della vettura, accusato di omicidio colposo, ha patteggiato la pena ad otto mesi di reclusione, ovviamente pena sospesa. Una decisione giudiziaria anche questa mal digerita e il biglietto sul fascio di fiori lo rimarca con durezza a chiare note: “M. R. vittima della strada 2010, il tuo assassino con il patteggiamento è libero”.

 

27 novembre 2014 0

Assalto al furgone portavalori a Lodi, camion in fiamme e chiodi sull’asfalto

Di admin

Assalto ad un furgone portavalori sull’A1 tra il tratto compreso tra Lodi e l’Allacciamento A1/A21: Scene da film quelle viste dagli automobilistio in transito e che hanno costretto la società autostrade a chiudere il tratto in entrambe le direzioni di marcia. L’assalto è avvenuto alle 6.45 al chilometro 35 e al momento ci sono camion in fiamme ed il piano stradale ricoperto di chiodi dai malviventi. Sul luogo dell’incidente, dove il tratto è chiuso ed il traffico è bloccato (ore 8), sono intervenuti gli operatori della Direzione 2° Tronco di Milano, i soccorsi meccanici e sanitari, insieme alle pattuglie della Polizia Stradale ed i Vigili del Fuoco. Per gli utenti diretti a Milano si consiglia di uscire a Piacenza Sud, percorrere la A21 in direzione di Torino quindi immettersi sulla A7 Milano-Genova in direzione di Milano. Per coloro che sono diretti a Milano, ma con provenienza da Chiasso o Varese, si consiglia di percorrere la A4 Torino-Venezia in direzione di Venezia, quindi di immettersi in A21 in direzione di Piacenza e di rientrare in A1 a Piacenza Sud oppure, in alternativa, di proseguire per l’A22 del Brennero e percorrere questa autostrada in direzione Modena. Per gli utenti diretti a Bologna dopo l’uscita obbligatoria di Lodi, si consiglia si percorrere la SS9 Via Emilia in direzione di Piacenza e di rientrare in autostrada a Piacenza Sud.