Sgominata banda di falsari a Napoli, Cassino canale di distribuzione

26 novembre 2014 0 Di admin

Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando AntifalsifiCazione Monetaria e quelli dei Comandi Provinciali di Napoli e Caserta hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare, emesso dal GIP presso il Tribunale di Napoli su richiesta di questa DDA, nei confronti di 56 persone, accusate, oltre al reato associativo, di svariati delitti correlati alla contraffazione ed alla messa in circolazione nel territorio dello Stato di monete, banconote e valori di bollo, alla fabbricazione e detenzione di filigrane o di strumenti destinati a tali attività di falsificazione ed alla contraffazione di pubblici sigilli. In particolare, sono stati emessi 29 provvedimenti di custodia in carcere, 10 di custodia agli arresti domiciliari, 12 provvedimenti di divieto di dimora nel comune di residenza e 5 provvedimenti impositivi dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini che si sono concluse con l’emissione delle ordinanze cautelari vennero avviate nel 2012 sia dalla DDA di Napoli che dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e si sono successivamente sviluppate nello stesso contesto investigativo. In particolare, nell’ambito di accertamenti volti a localizzare i canali di distribuzione e le stamperie clandestine di banconote false riconducibili a gruppi legati a clan camorristici operanti nell’hinterland napoletano, le investigazioni hanno consentito di individuare le attività illecite, prevalentemente realizzate nella provincia di Napoli, di alcuni gruppi malavitosi (tutti riconducibili a due cartelli associativi) dediti alla contraffazione e allo smercio di banconote false e valori di bollo alterati, operanti in Napoli e provincia, nonché di scoprire canali di distribuzione attivati in varie parti del territorio nazionale tra le province di Torino, Bologna, Foggia, Genova e Milano, oltre cha a Cassino, in Sicilia ed in Calabria, nonché all’estero. Gli sviluppi investigativi hanno permesso di individuare: — a Napoli, una stamperia clandestina con macchinari da stampa offset, in grado, cioè, di procedere in breve tempo a più passaggi di stampa e ottenere, in questo modo, ingenti quantità di banconote, normalmente nell’ordine di svariati milioni di euro e vario materiale di contraffazione; — in Gallicano nel Lazio (in provincia di Roma, una zecca clandestina per la contraffazione di monete metalliche da 1 e 2 euro; — nel comune di Arzano, un laboratorio clandestino per la produzione di marche da bollo telematiche e gratta&vinci falsi. Va sottolineato che gli accertamenti tecnici hanno dimostrato che le banconote false prodotte in Italia ed in particolare quelle riconducibili all’area geografica campana sono considerate, nell?ambito del mercato criminale della contraffazione, “prodotti di ottima fattura”, assolutamente in grado di ingannare la fede pubblica. Le attività investigative hanno pure dimostrato che le banconote contraffatte, che erano chiamate con linguaggio criptico-allusivo, “cosariello, ambasciata, l’americano (per indicare il, dollaro USA), scarpe, pavimenti, cartoline, gnocchi (per indicare monete metalliche)”, non giungevano mai occasionalmente nel luogo della spendita, ma solo dopo un’attenta valutazione del gruppo di soggetti preposto alla sua distribuzione. Inoltre, si è dimostrato che per la produzione di monete, i falsari sceglievano quasi sempre luoghi in località isolate ovvero locali debitamente insonorizzati; in alcuni casi le banconote giungevano al destinatario attraverso raccomandata postale, ritenuta più sicura rispetto ai comuni vettori di import/export; per lo smercio, i luoghi maggiormente preferiti erano quelli frequentati da numerose persone come, ad esempio, mercatini, fiere e sagre di paese. In particolare, per la distribuzione delle banconote contraffatte esistevano vari passaggi (o livelli) che andavano dalla fonte produttiva allo smercio della singola banconota falsa e dalle stamperie clandestine giungevano allo spenditore al dettaglio, secondo lo schema seguente: – 1° Livello: deposito di stoccaggio; – 2° Livello: grossisti, ovvero coloro i quali, avendo l’opportunità di accedere direttamente ai depositi di stoccaggio, acquistavano grandi quantitativi di banconote false, costituendo loro stessi un piccolo deposito dove si rivolgevano i fornitori; – 3° Livello: fornitori, coloro che acquistavano le banconote contraffatte dai grossisti per rivenderle a soggetti che poi, materialmente, provvedevano ad immetterle nel circuito economico; – 4° Livello: Smerciatori, coloro che acquistavano beni di consumo con banconote contraffatte, ricevendo come utile sia il bene acquistato che il “resto” della spendita. La particolare capacità delinquenziale espressa da uno di essi, si è manifestata allorquando, già arrestato in flagranza di reato a Termoli nel 2011 poiché sorpreso in possesso di oltre 100 banconote false del taglio da 20 euro, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari con permesso di assentarsi dalle 8 alle 11 del mattino dei soli giorni feriali, proprio in detti orari prendeva contatti direttamente cón i fornitori, dedicandosi, nelle ore in cui era costretto a restare a casa, a vendere le banconote false ai propri acquirenti, a cui dava appuntamento direttamente preso la sua abitazione. La particolare abilità dimostrata nel tempo dai falsari napoletani – ritenuti responsabili del 90% della falsificazione monetaria mondiale così come hanno indicato le autorità monetarie internazionali – ha permesso di riunire nella sigla Napoli Group tutte le classi di contraffazione prodotte nel territorio di influenza delle organizzazioni in Campania. Per comprendere la dimensione del fenomeno, basti considerare che falsari del cd. Napoli Group sono segnalati da Europol, dal Comando Carabinieri AFM e dalle forze di polizia dei maggiori Paesi europei, in ogni parte del mondo per istruire e organizzare in loco l’attività clandestina della falsificazione. Attraverso l’impiego di mezzi tecnici sofisticatissimi, i Carabinieri sono riusciti anche a ricostruire i processi evolutivi che consentivano al gruppo criminale di conseguire il controllo completo del mercato internazionale mediante la distribuzione di rilevanti quantitativi di danaro falso immesso in Italia e in ogni parte del mondo. Francia, Spagna, Germania, Romania, Bulgaria, Albania, Senegal, Marocco, Tunisia e Algeria sono i Paesi più colpiti. Nel corso dei due anni di indagini, sono state sequestrate finora 5.500 banconote e monete false di vario taglio per un totale di 1 milione di euro circa e tratte in arresto in flagranza del reato di falso nummario 30 persone.