Giorno: 22 dicembre 2014

22 dicembre 2014 0

Pesta il padre fino a ridurlo in fin di vita, i carabinieri denunciano 23enne di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha pestato il padre fino a ridurlo in fin di vita. Protagonista della vicenda è un 23enne di Cassino che per futili motivi, dopo aver litigato con il genitore 54enne, lo ha aggredito a calci e pugni costringendolo a ricorrere alle cure mediche del Santa Scolastica. I medici, valutando le gravi condizioni dell’uomo hanno deciso di trasferirlo d’urgenza all’Umberto Primo dove resta ricoverato in prognosi riservata a causa di un voluminoso ematoma intraparenchimale. A far luce sulla vicenda sono stati i carabinieri della stazione di Cassino, comandati dal maresciallo Dell’Omo. L’attenta indagine svolta ha permesso agli uomini del colonnello Giuseppe Tuccio (nella foto a sinistra) di raccogliere gli elementi necessari per denunciare il 23enne alla procura della Repubblica per il reato di lesioni personali gravi. Er. Amedei

 

22 dicembre 2014 0

“T’ piace ‘o presepe” – Concorso nella Casa Circondariale di Cassino

Di admin

Si è tenuta stamattina, presso la Casa Circondariale “S. Domenico” a Cassino, la premiazione dell’ormai tradizionale Concorso “T’ piace ‘o presepe”, che anche quest’anno ha impegnato alcuni detenuti a cimentarsi con l’allestimento di un presepe. Naturalmente i concorrenti non avevano a disposizione altro che materiale semplice e quotidiano, a disposizione nelle celle: carta, farina, sapone, legumi, ritagli… Così la loro fantasia si è sbizzarrita nell’inventare modi originali e le loro mani si sono messe all’opera dimostrando spesso grande abilità e creatività nel pensare e realizzare manufatti spesso stupefacenti. In molti casi lo spirito napoletano ha preso il sopravvento e proposto presepi sul modello più famoso del mondo, quello appunto napoletano. Bisogna dare atto sia alla direzione del Carcere e in particolare alla Direttrice, dott.ssa Irma Civitareale, di essere sempre disponibile e pronta a mettere in campo ogni iniziativa a favore del recupero dei reclusi, sia a chi fin dall’inizio è l’anima di tutta l’operazione presepe: il collaboratore Tonino Comparone, sempre infaticabile nel procurare l’occorrente, nello stimolare alla partecipazione, nel provvedere ad ogni cosa e suggerire soluzioni ai problemi. La Giuria chiamata a giudicare i 12 lavori esposti nella sala, era composta dall’Ing. Tullio Di Zazzo, dalla D.ssa Maria Cristina Tubaro, Relazioni Est. Banca Pop. Cassinate, dal C.te dell’80° BTG FTR Cassino Colonnello Giampiero Romano, dalla prof.ssa Adriana Letta e dalla Sig.ra Maria Tiziana A. Salveti, titolare dell’attività commerciale Marilyn, che gentilmente ha già donato capi di abbigliamento ai detenuti. Arduo per la commissione aggiudicare i premi, perché, come bene ha detto il Col. Romano, tutti meritavano il primo premio. Alla fine sono stati comunicati i risultati ed è stato il Col. Romano a proclamare i vincitori. Il 1° premio è andato al presepe n° 8, rappresentante una Natività su un pannello, realizzata come una pittura, ma fatta di fili da cucito incollati; il 2° premio al presepe n° 3, realizzato con pezzi di metallo, tipo tubi idraulici, lavorati e adattati a rappresentare i personaggi della grotta e le stelle; 3° premio al presepe n° 5, rappresentante con originalità una Natività posta su un carretto da fruttivendolo, come quelli di una volta. Ancora tre premi, al presepe n° 1, anch’esso originale, fatto con ciò che si trova in cucina, peperoni, pasta; al n° 12 e al n° 4, realizzati secondo la tradizione napoletana con molta cura dei particolari. Infine la Giuria ha voluto dare una menzione speciale al presepe n° 11, per il messaggio autentico e profondo che portava e che diceva: “Siamo semplici uomini, ragazzi, figli, mariti, padri, che abbiamo fatto errori e che ognuno di noi vuole pagare. Ma siamo anche i detenuti, figli, padri, mariti, che vogliono tornare in libertà, e non avere paura di non essere accettati”, frase esplicativa del disegno che, in una forma di croce, andava dalla nascita di Gesù alla risurrezione. I premi verranno consegnati il giorno del concerto che offrirà in carcere, il 29 dicembre prossimo, il Coro “Annibale Messore” di S. Ambrogio e saranno premi speciali per i primi classificati, ma ci sarà un riconoscimento per tutti.

22 dicembre 2014 0

Rocciatori bloccati sulla parete rocciosa della Grotta del Turco a Gaeta salvati dalla Guardia Costiera

Di admin

Verso le 13,00 odierne è pervenuta alla sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta tramite il numero per le emergenze in mare 1530, la segnalazione di due rocciatori rimasti bloccati sulla parete rocciosa in prossimità della Grotta del Turco di Monte Orlando di Gaeta. Le pareti di Monte Orlando, meta frequentata da numerosi appassionati scalatori, oggi ha messo in difficoltà due scalatori, (uomini di 37 anni e 50 anni) entrambi originari della provincia di Roma. A causa di un imprevisto problema di orientamento sul percorso preventivato si sono ritrovati in una zona della parete rocciosa che impediva le operazioni di risalita, così, i due rimanevano bloccati. La sala operativa della Guardia Costiera immediatamente inviava sul posto il gommone B94, già impegnato in altre attività in mare e la motovedetta Guardia Costiera CP 856 specializzata nelle operazioni di ricerca e soccorso. Le unità navali, giunte sotto la parete rocciosa trovavano i due giovani ancora sospesi sul mare, attaccati alle cime utilizzate per la scalata, impossibilitati a risalire sulla montagna. L’abilità dei militari, consentiva di avvicinarsi fin sotto la parete rocciosa con il gommone B94, con caratteristiche particolarmente performanti, permettendo in pochi minuti il recupero di entrambi i rocciatori, non senza difficoltà a causa della vicinanza della costa rocciosa e della presenza di scogli affioranti in zona. A bordo della unità della Guardia Costiera i due rocciatori raggiungevano la banchina Caboto, in buono stato di salute sebbene ancora sotto shock per la brutta avventura vissuta.

22 dicembre 2014 0

I ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Cassino in visita dal Presidente Pompeo

Di admin

Gradito omaggio da parte dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Cassino al Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo. I ragazzi si sono presentati in visita dal Presidente Pompeo per omaggiarlo con un cesto di prodotti preparati direttamente da loro.

L’incontro di Frosinone segue la cena di beneficenza organizzata dalla Caritas Diocesana di Cassino nel carcere circondariale San Domenico, in cui proprio i ragazzi dell’Alberghiero hanno cucinato il pasto gustato dai presenti, tra i quali anche il Presidente della Provincia.

“Ho avuto modo di apprezzare le qualità dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Cassino – ha spiegato Pompeo – durante la cena gustata al carcere di Cassino. Oggi ho ricevuto la gradita sorpresa della loro visita e del loro omaggio. Li ringrazio di cuore, a loro come al corpo docente e alla dirigente Filomena Rossi. Ma soprattutto mi complimento per le capacità e le qualità acquisite, a dimostrazione della qualificata preparazione formativa che garantisce l’Istituto alberghiero di Cassino, polo formativo di eccellenza nel territorio e che la Provincia ha voluto sostenere in sede di stesura del Piano di dimensionamento scolastico, proponendo l’istituzione di due nuovi indirizzi di studio, i corsi di “Prodotti dolciari” e “Pasticceria”.

22 dicembre 2014 0

Oltre 7mila ricci di mare sequestrati in autostrada dalla Polizia

Di admin

Nel corso dei servizi di vigilanza e prevenzione svolti sul tratto frusinate dell’autostrada A1, il personale della Sottosezione di Frosinone ha sequestrato prodotti ittici trasportati in violazione delle norme previste in materia di tutela alimentare ed igienico sanitaria. In particolare nella notte appena trascorsa, gli agenti della Polizia Stradale di Frosinone hanno sottoposto a controllo una monovolume Seat che percorreva la carreggiata sud dell’autostrada A1 nel tratto compreso tra gli svincoli di Anagni e Ferentino. Dopo aver fermato il veicolo in condizioni di sicurezza, all’interno dell’abitacolo gli agenti notavano la presenza di grosse ceste in plastica piene di ricci di mare (echinodermi) ancora vivi che i tre occupanti, 40enni originari della provincia di Bari, riferivano di aver pescato sulle coste del litorale grossetano, utilizzando specifiche attrezzature per immersione (mute, coltelli, bombole, torce subacquee, maschere e pinne) pure ben visibili sui sedili dell’autovettura. Tenuto conto che, da una prima verifica, i circa 7200 esemplari di ricci risultavano in numero ben superiore ai limiti massimi consentiti dalla normativa, ed in considerazione delle vaghe e generiche giustificazioni dei soggetti circa la totale assenza delle prescritte licenze di pesca e della documentazione riguardante la tracciabilità del prodotto trasportato, gli uomini della Polizia Stradale procedevano al sequestro dei prodotti ittici ed alla contestazione di una sanzione amministrativa per un valore di 2.000 euro. I tre individui venivano, inoltre, denunciati in stato di libertà per la violazione della disciplina prevista dal D. L. n. 4/2012, in quanto avevano pescato esemplari di ricci di mare di dimensioni inferiori al diametro minimo consentito dalla normativa ambientale. Al termine degli adempimenti burocratici, gli animali, ancora vivi, sono stati tempestivamente consegnati alla Capitaneria di porto di Gaeta (LT) che ha provveduto a liberare i ricci in acque marine idonee alla loro sopravvivenza.

22 dicembre 2014 0

Raccolta Differenziata: modifiche al calendario raccolta porta a porta per le festività natalizie

Di redazionecassino1

“In occasione delle festività natalizie e della conseguente chiusura degli impianti di smaltimento si comunica che i giorni 25, 26 dicembre, primo e 6 gennaio non verrà effettuato il servizio di raccolta porta a porta, così come indicato nel calendario.

Per facilitare la raccolta differenziata porta a porta, il calendario subirà le seguenti modifiche per le sole utenze domestiche:

– SABATO 27 DICEMBRE 2014 RACCOLTA CARTA IN SOSTITUZIONE DEL VETRO;

– DOMENICA 28 DICEMBRE E DOMENICA 4 GENNAIO RACCOLTA DELL’UMIDO POTENZIATA NEI QUARTIERI DI SANT’ANGELO IN TH, CAIRA E LE RESIDENZE, PARTE RESIDENZIALE DI VIA SFERRACAVALLI;

Ricordiamo, inoltre, a tutti i cittadini che è attiva l’isola ecologica presso il capannone del settore manutenzione del Comune di Cassino, sito in via Pescarola.

L’isola ecologica è aperte il lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 9 alle 11 del mattino. Il giovedì l’orario di apertura va dalle 15 alle 17.30. Sempre per la chiusura degli impianti di smaltimento nei giorni sopracitati (25 e 26 dicembre; 1 e 6 gennaio) anche l’isola ecologica non sarà attiva.” Questo è quanto comunicato dall’assessorato all’ambiente del Comune di Cassino e dalla De Vizia Transfer che colgono l’occasione per augurare ai cittadini Buon Natale e felice anno nuovo.

22 dicembre 2014 0

Prosegue l’impegno del Comune per arredo e decoro urbano

Di redazionecassino1

“Pulizia del muro che affaccia sui giardinetti ‘Peppino Impastato’ del Palazzo di Giustizia, installazione delle fioriere su Corso delle Repubblica e pubblica illuminazione.” Questi gli interventi, come dichiarato dal sindaco Giuseppe Golini Petrarcone, che a partire da questa mattina hanno visto il settore manutenzione del Comune di Cassino impegnato all’interno della città. “Il settore manutenzione – ha continuato il sindaco – ha provveduto a rimuovere le scritte ed i disegni che erano presenti sul muro del Tribunale, restituendo decoro ai giardinetti ‘Peppino Impastato’ che sono stati realizzati pochi mesi fa. Un intervento che nelle prossime settimane verrà esteso anche ai portici di Cassino che purtroppo risultano essere completamente imbrattati da scritte e murales. Contestualmente, sempre nell’ambito del decoro e dell’arredo urbano, si è provveduto all’installazione di fioriere lungo il tratto di Corso della Repubblica che parte da piazza Enrico Toti, per poi continuare nei prossimi giorni sull’intero tratto. Mentre, invece, in via San Leonardo Filieri è stata realizzata e ripristinata la pubblica illuminazione, garantendo una maggiore sicurezza anche nelle ore serali. Infine, dopo diversi solleciti nei mesi scorsi, abbiamo predisposto una lettera da inviare all’Astral con la quale si chiede un intervento immediato per illuminare la rotatoria di via Casilina Nord (all’interno della quale è sita la statua di San Benedetto), dove è presente la pubblica illuminazione, ma non è ancora, inspiegabilmente, funzionante. Si tratta di uno snodo nevralgico quotidianamente percorso da numerosi veicoli dove la visibilità nelle ore serali è a dir poco problematica. È auspicabile, quindi, che l’Astral provveda in tempi rapidi all’attivazione dei lampioni assicurando in tal modo una maggiore sicurezza. Sempre all’interno della stessa lettera si chiede all’Astral anche di provvedere al rifacimento della segnaletica orizzontale, ormai inesistente, dello svincolo della superstrada di Cassino a cui si accede da via Garigliano.”

22 dicembre 2014 0

La musica delle decorazioni di Natale non fa dormire a Rieti, i pompieri la staccano su ordine della questura

Di admin

Le canzoncine di Natale sono piacevoli, ma la notte si preferisce il silenzio. A Rieti, questa notte, in seguito a decine di telefonate da parte dei cittadini del centro, la questura ha deciso di intervenire. Alle 2.30 ha incaricato i vigili del fuoco di intervenire per staccare l’intero impianto di illuminazione natalizia con la relativa musica che decora la città in vista delle imminenti feste natalizie.

22 dicembre 2014 0

Domani in piazza San Giovanni il Giocattolo della pace e il presepe vivente in dialetto del Cut

Di admin

La compagnia del Centro Universitario Teatrale di Cassino inaugurerà le feste natalizie con una performance interattiva il 23 dicembre, portando in piazza la raffigurazione animata del presepe vivente. Una rappresentazione indubbiamente tra le più tradizionali, ravvivata, però, dall’innovativa chiave espressiva scelta, ossia quella del dialetto locale, e dall’improvvisazione collettiva dei cinquanta attori coinvolti, interpreti delle più popolari figure del presepe. Un vero e proprio happening natalizio, che porta in scena tradizione, arte, estro e coinvolgimento di tutti i presenti, figuranti e spettatori. La location è immersa nel cuore della città e le essenziali strutture scenografiche, vale a dire una classica capanna, così come gli adattamenti curati da Anna De Sanctis creeranno un filo diretto con la cittadinanza. L’interazione con il pubblico e l’estemporaneità delle esibizioni, ripetute in tre intervalli nell’arco di tutto il pomeriggio a partire dalle ore 15:00, saranno il leitmotiv della performance proposta dal Cut e realizzata in collaborazione con la Cooperativa Arca, per la regia di Giorgio Mennoia e Antonio Lauritano, e l’organizzazione e il coordinamento di Marco Mattei.

“È la prima volta che il Centro Universitario Teatrale di Cassino si cimenta in una rappresentazione interattiva dal tipico sapore natalizio, che vede, peraltro, la partecipazione di tutti gli iscritti ai corsi, dai più grandi ai più piccoli – spiega il direttore artistico Mennoia – secondo un lavoro di ricerca e sperimentazione delle tradizioni popolari”. Il Cut si esibirà il 23 dicembre insieme ai ragazzi diversamente abili del Centro Servizi Educativi di Caira con cui da ormai molto tempo condivide la grande passione del teatro e di cui ha fortemente voluto la partecipazione al progetto.

Piazza San Giovanni si animerà con le musiche dal vivo dirette dal maestro Antonio Lauritano alle tastiere, che accompagneranno l’intera performance pomeridiana fino alle ore 18:00, insieme ad Antonio Nardone alla chitarra e Silvano Boschin alle percussioni. Verrà, così, offerta un’antivigilia ricca di iniziative e attività rivolte a tutta la popolazione, ma in particolare ai bambini. Il presepe vivente si inserisce, infatti, nell’ambito della manifestazione “Il giocattolo della pace” dell’associazione Il sole splende per tutti, dedicata ai piccoli meno fortunati (ma non solo) con l’intento di regalare doni e sorrisi e, soprattutto, restituendo loro la magia del Natale.