A spasso con un mitra funzionante della Seconda guerra Mondiale

18 dicembre 2014 0 Di admin

Cosa ne volesse fare del mitra resta ancora da scoprirlo, quel che è certo è che i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno sorpreso e arrestato un cittadino italiano M.C. residente in Ardea (RM), con precedenti, con bordo della sua autovettura l’arma da guerra perfettamente funzionante.

I Carabinieri avevano notato l’uomo mentre faceva dei movimenti sospetti nei pressi di Pomezia e hanno deciso di seguirlo e controllarlo una volta giunto nella zona di Aprilia; nel corso del controllo, a bordo dell’autovettura, i militari hanno trovato una pistola mitragliatrice cal. 9 mm, modello “United States Submachine Gun M3” ed un coltello da guerra “U.S.M.C. Ka-Bar Knife”, entrambe armi in dotazione all’esercito statunitense nella 2^ guerra mondiale.

Il mitra rinvenuti era in dotazione agli equipaggi dei mezzi corazzati come arma da difesa, alla fanteria e ai paracadutisti come arma d’appoggio. Ricevette il soprannome Grease Gun (Oliatore) per la sua forma simile agli ingrassatori a pompa utilizzati per ingrassare alcune parti dei carri armati. Dopo la seconda guerra mondiale, la “Grease gun” fu usata nella guerra civile cinese, nel conflitto cinese-tibetano e dall’esercito americano in Corea e in Vietnam. Fu adottata dall’Argentina che la produsse per il suo esercito; infatti fu usata durante la Guerra delle Falkland contro il Regno Unito.

Alcuni reparti della Marina Militare Italiana la utilizzarono in una versione con silenziatore visto che il calibro 45, , si prestava meglio del 9X19 della pistola mitragliatrice Beretta M12. L’ultima volta fu usata dall’esercito degli Stati Uniti d’America nella Prima Guerra del Golfo.