Giorno: 7 gennaio 2015

7 gennaio 2015 0

Investito ed ucciso sulla superstrada a Prossedi, la vittima aveva 55 anni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Investimento mortale, oggi pomeriggio alle 19 circa, sulla strada scorrimento veloce nel territorio di Prossedi. La vittima è un uomo di 55 anni di origini rumene ma residente a Roccagorga. L’uomo stava attraversando la strada in un punto particolarmente buio quando è sopraggiunta una vettura guidata da un uomo di Fondi che lo ha travolto lasciandolo sull’asfalto. Inutili i soccorsi. L’uomo è morto sul colpo. De caso se ne sono occupati i carabinieri della stazione di Prossedi e da quelli della Compagnia di Terracina.

7 gennaio 2015 0

Il Distaccamento della Polstrada di Cassino vicina allo “scoglio” di marzo, si va verso l’accorpamento alla Sottosezione

Di admin

In un periodo di grande preoccupazione per la pubblica sicurezza di Cassino, si torna a parlare del distaccamento di polizia stradale di Cassino e del possibile accorpamento alla sottosezione autostradale. Lo fa un lettore che con una nota alla redazione de Il Punto a Mezzogiorno, rispolvera quello che ormai è diventato un antico spauracchio, ma che corre il rischio di diventare concreto entro marzo. Nella mail il lettore dice: “Buonasera, ho trafilato le vs ultime notizie che pervengono da Cassino, sembra sempre di più abbandonata e in declino. Vi scrivo perché tra non molto il territorio di Cassino rimarrà  ancora di più depauperato, il Ministero dell’Interno a breve (marzo 2015), accorperà il Distaccamento Polstrada presso la Sottosezione Autostradale. Questo accorpamento provocherà di fatto un aumento di personale nel tronco Autostradale mentre la viabilità ordinaria rimarrà sempre più appannaggio dei carabinieri che involontariamente si vedranno ad essere  convogliati su interventi per incidenti stradali. Tale manovra verrà eseguita sulla falsa riga della razionalizzazione, a Cassino esiste uno stabile l’ex Nosocomio “Gemma De Posis” che potrebbe essere destinato come caserma congiunta dei Carabinieri, della Polizia e della Stradale con il conseguente azzeramento di 2 affitti. Finora il paventato “accorpamento” (parola usata per non scrivere chiusura che sarà possibilmente procastinato quando l’esubero del personale sarà pensionato) non è stato osteggiato da nessun politico locale del cassinate che in taluni casi usano la parola “sicurezza” solo come sinonimo di “Autovelox” per le casse comunali”. Il lettore è decisamente ben informato, infatti entro Marzo dovrebbe essere perfezionato il riassetto generale che prevede chiusure o assorbimenti di circa 150 reparti di polizia. Tra questi potrebbe essere compreso anche il distaccamento della polizia stradale di Cassino. Ad impedirlo potrebbe essere solamente un vincolo contrattuale legato all’affitto dei locali da poco occupati, circa un anno e mezzo. Tale contratto è decennale, scadrebbe, quindi nel 2022. Se passa lo scoglio di marzo, quindi, il distaccamento cittadino potrebbe essere salvo, altrimenti verrà ospitato dalla sede della sezione dell’A1, mantenendo competenze anche sulla viabilità esterna, ma sono in pochi a scommettere che i servizi per la rete autostradale, finiranno per fagocitare interamente quelli previsti per le strade della città. Poi l’idea di accorpare tutte le forze dell’ordine in una struttura come il vecchio ospedale De Posis di Cassino, è troppo lungimirante e razionale per essere presa in considerazione. Troppi perderebbero gli introiti degli affitti. Pensare compagnia Carabinieri, commissariato di polizia, Stradale, Forestale e guardia di Finanza, tutti ospitati nella capiente struttura del De Posis al Colosseo, in quella che potrebbe diventare una cittadella della sicurezza, è ciò che si farebbe in ogni luogo in cui la razionalizzazione dei beni pubblici sta a cuore.

Ermanno Amedei

7 gennaio 2015 0

Ritrovato ordigno da 300 chili a Fontana Liri, serve piano per evacuare residenti in raggio di 800 metri

Di admin

E’ il residuato bellico, tra i più grandi rinvenuti negli ultimi anni in Ciociaria. Una bomba di aereo da 500 libre, circa 300 chili tipo ANM (Gp) 64 di fabbricazione Usa sganciata 70 anni fa nel corso del secondo Conflitto bellico, è stata rinvenuta alcuni giorni fa in località Muraglione – fonte Cupa a 151 metri di altitudine nel comune di Fonatana Liri. L’area è stata immediatamente messa in sicurezza e la Prefettura di Frosinone sta predisponendo un piano di evacuazione per un raggio di 800 metri dal luogo del ritrovamento. La data dell’intervento degli artificieri è ancora da stabilire, prima è necessario approntare un piano per allontanare dalle loro case i residenti assistendo le persone allettate. Lo stesso piano dovrà prevedere la chiusura della rete metanifera nella zona, l’interruzione dell’energia elettrica e un servizio antisciacallaggio. L’ordigno verrà prelevato, messo in sicurezza e trasportato in un luogo idoneo per farlo brillare.

7 gennaio 2015 0

Furti con “spaccata” a Lanciano, arrestata coppia terribile

Di admin

E’ stata eseguita una ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di C. M.R., di 26 anni e di R. T., donna di 25 anni, entrambi di Lanciano, ritenuti i responsabili di furto aggravato commessi in danno di diversi esercizi commerciali presenti nel territorio del comune di Lanciano, nel periodo 17.11.2014 – 06.12.2014.; porto di armi od oggetti atti ad offendere, in Lanciano, nel periodo 17.11.2014 – 06.12. 2014.

Le indagini, coordinate dal Sost. Procuratore Dott. Rosaria Vecchi sotto la supervisione del capo della Procura Francesco Menditto, ed eseguite in perfetta  sinergia dal Comando Compagnia CC. e dal Commissariato di P.S. di Lanciano, hanno permesso di trarre in arresto i responsabili dei furti con “spaccata” ai danni di numerosi esercizi commerciali del territorio lancianese nei mesi di novembre e dicembre scorsi . Si tratta dei due arrestati e del fratello minore di C. M.R., denunciato in stato di libertà per gli stessi reati alla Procura Minorile de L’Aquila, I furti, per la loro modalità di esecuzione (gli autori del reato per accedere all’interno degli esercizi pubblici e commerciali mandavano in frantumi vetrine e sfondavano le porte di accesso servendosi di bombole di gas, mazze ferrate e bastoni ferrati), hanno creato un forte allarme sociale.

Per il porto e l’utilizzo di tali oggetti atti ad offendere, agli indagati è stato contestato anche il reato di porto di armi od oggetti atti ad offendere.

Fondamentali per la chiusura dell’inchiesta sono risultate le immagini estrapolate dalle videocamere di sorveglianza, la testimonianza dei cittadini e la presenza sul territorio delle  pattuglie delle forze dell’ordine intervenute nell’immediatezza dei fatti, con conseguente rinvenimento in alcuni casi delle armi appena utilizzate per sfondare le vetrine e raccolta della testimonianza “ a caldo” dei cittadini che avevano assistito ad alcune fasi delle irruzioni.

Gli indagati, dopo aver distrutto le vetrine e le porte di accesso degli esercizi commerciali presi di mira, oltre alle somme di danaro contenute nei registratori di cassa degli esercizi pubblici e commerciali “assaltati” si sono impossessati anche di generi alimentari, prosciutti, forme di grana padano e parmigiano reggiano, salami, nonché, in danno di un esercizio di parrucchiere per donna, numerosi attrezzi per parrucchiere del tipo piastre, phon e ferri arricciacapelli e prodotti cosmetici.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lanciano, Dott. Francesco Marino, su richiesta avanzata dal P.M. titolare delle indagini, ha emesso a carico degli indagati di maggiore età la misura cautelare più restrittiva in considerazione della gravità dei fatti reato commessi, del ristretto arco di tempo in cui sono stati commessi e dalla negativa personalità degli indagati.

7 gennaio 2015 0

Un chilo e 250 grammi di marijuana nell’auto a Ferentino, 24enne in manette

Di admin

Era in viaggio con un chilo e 250 grammi di marijuana stipati nell’auto, ma alla vista della polizia si è agitato atirando l’attenzione degli agenti. Così è stato scoperto ed arrestato uno spacciatore di droga. La Squadra Mobile di Frosinone lo ha intercettato nei pressi del casello autostradale di Ferentino. La droga è stata trovata all’interno di un Volvo V40 con al volante il cittadino rumeno di 24 anni, tra l’altro, senza patente di guida. L’immediata perquisizione, ha permesso di trovare lo stupefacente ed arrestare il giovane che ha anche rimediato una denuncia per guida senza patente.

Er. Amedei

7 gennaio 2015 0

Spari a Cassino, riunione in Prefettura del Comitato Provinciale sulla sicurezza

Di admin

Gli scontri tra due fazioni rivali di spacciatori a Cassino stanno creando allarme sociale. La gente teme che altri episodi, oltre quello avvenuto in piazza Labriola nel pieno pomeriggio di domenica, e dopo 24 ore, quello in viale Bonomi, nei pressi della stazione ferroviaria, possano causare tragedie con coinvolgimenti di ignari cittadini. Per fare il punto su una situazione così esplosiva, si riunisce domani a Frosinone il tavolo tecnico sulla sicurezza pubblica voluto dal Prefetto Emilia Zarrilli. Un solo punto all’ordine del giorno: “le note vicende delittuose che hanno interessato la Città di Cassino”.

Ermanno Amedei

7 gennaio 2015 0

Basket e solidarietà, il “Lancio dell’orsetto” per regalare un sorriso ai bimbi malati

Di admin

Sport, orsacchiotti e solidarietà, questi gli ingredienti che hanno colorato l’incontro tra il Basket Follo e il Trecate, compagini che militano nel campionato di serie C. Dopo il primo canestro, il match è stato interrotto da una pioggia di orsacchiotti caduti in campo dagli spalti, lanciati dai tifosi nel rispetto di una manifestazione nota come “lancio dell’orsetto”, autorizzata dalla Lega e importata dagli Usa. Nel Follo milita una “giovanissima” vecchia conoscenza del basket Pontino, quel Nicola Tardivi che emerso tra le fila del basket Scauri e che da questa stagione milita nella squadra ligure. A raccogliere il manto di peluche sono stati giocatori, allenatori, arbitri che ne faranno dono ai bambini ricoverati nel reparto di pediatria dell’ospedale Sant’Andrea della Spezia.

Er. Amedei