Giorno: 19 gennaio 2015

19 gennaio 2015 0

Rubano il gasolio, al freddo aule scolastiche di Roccasecca

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aule fredde, questa mattina nella scuola di via Lazio a Roccasecca a causa di un furto di gasolio. Si ipotizza che il serbatoio che doveva contenere il combustibile sia stato svuotato dai ladri. Il comune ha subito provveduto a ripristinare il corretto funzionamento dei riscaldamenti, rifornendosi del gasolio mancante. In più sono stati acquistati ulteriori 1000 Lt di combustibile da utilizzare per i prossimi mesi. “La mancanza – si legge in una nota stampa – è stata determinata da un probabile furto di gasolio da parte di ignoti, da accertare”.

Er. Amedei

19 gennaio 2015 0

Muore in stazione a Frosinone, 65enne vittima di malore

Di admin

Si è accasciato ed è morto ucciso nel via vai dei pendolari all’interno della stazione ferroviaria di Frosinone. Ad uccidere un 65enne di origine polacca, nella tarda mattinata di oggi, è stato probabilmente un infarto. L’uomo senza fissa dimora, si è accasciato e, nonostante i tentativi per soccorrerlo, è morto. Una tragedia accaduta sotto gli occhi di molti. Il 65enne viaggiava con il treno tra Roma e Cassino dove aveva degli amici, ma spesso si fermava a Frosinone.

Er. Am.

19 gennaio 2015 0

Polizia stradale di Frosinone, il Vice questore Vincenzo Lombardo nuovo dirigente

Di admin

Si è appena insediato alla direzione della Sezione Polizia Stradale di Frosinone il Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato Vincenzo Lombardo che prende il posto del dott. Giovanni Consoli.

Napoletano di origine, ha alle spalle una vasta esperienza con dieci anni alla Criminalpol, tre alla Direzione Centrale Anticrimine e, da ultimo, circa sei anni e mezzo nella Specialità della Polizia Stradale presso il COA di Sala Consilina (SA).

Il dott. Lombardo ha dichiarato di voler continuare con il massimo impegno la propria attività su questo territorio mettendo a disposizione di cittadini ed istituzioni la propria esperienza professionale ed offrendo la totale collaborazione con tutte le altre forze di polizia affinché si possa realizzare un perfetto coordinamento funzionale alle esigenze di sicurezza.

19 gennaio 2015 0

Troppi fumi nell’atmosfera, denunciato reponsabile azienda di Cassino

Di admin

Più fumi di quanti non ne siano stati autorizzati. E’ quanto emerso nel corso di un controllo effettuato dai carabinieri del Nucleo Operativo di Cassino comandati dal tenente Massimo Esposito, controlli voluti dal comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Giuseppe Tuccio, realizzati insieme ai tecnici dell’Arpa Lazio. L’irregolarità è stata certificata in una fabbrica di Cassino. I servizi finalizzati alla prevenzione di reati in materia ambientale, hanno avuto inizio dal mese di maggio 2014 ed hanno interessato diverse industrie del Cassinate. Questa mattina i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà, il  procuratore speciale di una nota industria poiché, nel corso di alcuni controlli, gli operanti hanno riscontrato una emissione di fumi in atmosfera superiore a quella consenta dall’autorizzazione rilasciatagli dalla Provincia di Frosinone. Allo stesso veniva intimato di far rientrare i valori dei suddetti fumi nei parametri consenti dall’autorizzazione.

Ermanno Amedei

19 gennaio 2015 0

Sicurezza a Cassino, poliziotti scendono dalle volanti e salgono in cattedra

Di admin

I fatti accaduti a Cassino, proprio perché hanno coinvolto giovanissimi nei luoghi che loro più frequentano, sono la riprova che la prevenzione, per essere efficace, va fatta in maniera radicale. Ben vengano i controlli nelle piazze, nei vicoli e nei luoghi frequentati dagli spacciatori; ben vengano i controlli e gli arresti di spacciatori anche giovanissimi, ma la diffusione della legalità coinvolgendo le scuole, diventa di primaria importanza. La polizia di Stato, oltre ai tradizionali controlli, ha pensato anche a questo e, su direttive del questore Filippo Santarelli, coordinati dal dirigente del commissariato di Cassino Cristina Rapetti, oggi ha iniziato un ciclo di incontri con gli studenti delle scuole superiori della Città. Stamattina alcuni poliziotti, solitamente operanti sulle strade, hanno incontrato gli studenti dell’istituto Alberghiero. L’iniziativa, ovviamente, serve ad avvicinare i ragazzi all’istituzione, a far vedere il poliziotto come un amico e non certo come una figura dalla quale difendersi. Il messaggio è che l’illegalità comincia anche dalle piccole cose, dai piccoli furti tra i compagni di scuola, dallo schiaffo dato “per scommessa” a sconosciuti a mo’ di gioco. Vessazioni subite dai bulli, spesso si configurano come veri reati che vanno, innanzitutto evitati e, nel caso, perseguiti per evitare che da piccoli diventino, con l’impunità, reati sempre più grandi.

Ermanno Amedei

Foto Alberto Ceccon

19 gennaio 2015 0

Aprilia, investe ciclomotore e scappa. Indiano travolto rischia di perdere un piede

Di admin

Sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, senza patente, sotto gli effetti di cacaina e cannabinoidi, alla guida dell’auto prestatagli da un amico, passa con il semaforo rosso, investe un uomo e scappa. E’ accaduto questa mattina ad Aprilia nei pressi del bivio di Campoverde sotto gli occhi di un agente della questura di Roma fuori dal servizio. L’Audi A4, incurante del semaforo rosso, ha sfrecciato travolgendo un cittadino indiano che viaggiava a bordo di un ciclomotore. Pochi istanti, e ha ripreso la sua corsa. L’agente ha lanciato l’allarme riferendo i dettagli dell’auto pirata. Sentendosi braccato, il conducente dell’Audi, circa un’ora dopo si è consegnato al commissaria di Aprilia. Si tratta di un 43 residente ad Aprilia. L’uomo investito, invece, è stato trasportato in ospedale a Latina e rischia l’amputazione di un piede.

19 gennaio 2015 0

Travolta da un’auto in piazza Labriola a Cassino

Di admin

Una donna di circa 55anni è stata investita da un’auto questa mattina in piazza Labriola a Cassino. L’incidente stradale è avvenuto poco dopo le 11 quando una Toyota Corolla, per cause ancora al vaglio degli agenti dell polizia municipale, ha travolto il pedone lasciando òla donna sull’asfalto. Immediati i soccorsi del 118. L’investita è stata trasportata in ospedale a Cassino per una sospetta frattura alla gamba. Er. Amedei foto alberto Ceccon

19 gennaio 2015 0

Discount del falso sequestrato a Fiuggi

Di admin

Avevano trasformato alcuni appartamenti di Arnara, vicino Frosinone, in punti di stoccaggio, confezionamento e vendita di capi di abbigliamento recanti marchi contraffatti. La sorprendente scoperta è stata fatta dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi che, nell’ambito di servizi ad ampio raggio, finalizzati alla tutela dell’economia del territorio ed alla sicurezza dei prodotti, hanno eseguito controlli sia su strada che presso locali ritenuti sospetti, pervenendo alla scoperta, nel Comune di Arnara, di abitazioni adibite all’esercizio di attività economiche, rigorosamente “in nero”. Le successive perquisizioni hanno consentito di rinvenire oltre 6.300 capi di eccellente fattura, tra capi d’abbigliamento, calzature, pelletteria ed anche telefoni cellulari. Infatti, oltre alle classiche riproduzioni dalle più note case di moda: Louis Vuitton, Burbarrys, Hogan, Tod’s, Monclear, Gucci ed altri, i finanzieri hanno rinvenuto e sequestrato riproduzioni di Samsung Galaxy S4. Il valore commerciale di quanto sottoposto a sequestrato ammonta ad oltre 700.000,00 euro. Nel corso della perquisizione, inoltre, le fiamme gialle hanno rinvenuto capi d’abbigliamento semilavorati pronti per essere confezionati con etichette e bottoni marchiati Stone Island ed apposite macchine da cucire, anche questi oggetti sono stati sottoposti a sequestro. Infine è stato sequestrato anche l’immobile, del valore di circa 200.000 euro, adibito ad opificio e punto vendita dei capi di abbigliamento contraffatti. L’attività, gestita da due soggetti di origine campana, ma residenti a Frosinone, è risultata essere punto di riferimento per molte persone della provincia avvezze a vestire griffato, pur avendo piena consapevolezza di non acquistare dal mercato legale o dai punti vendita delle rispettive case di moda. I due responsabili dell’illecita attività, rispettivamente di 27 e 23 anni, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di fabbricazione e commercializzazione di prodotti con marchi contraffatti. Si rammenta che tali attività operative della Guardia di Finanza tendono a tutelare, oltre agli operatori economici che operano nella legalità, anche i consumatori, che rischiano di acquistare merci potenzialmente nocive per la salute, in quanto prodotte fuori degli standard di sicurezza.