Giorno: 30 gennaio 2015

30 gennaio 2015 0

Bracconiere “beccato” a Cassino mentre recupera la sua preda, un grosso cinghiale

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Bracconieri in azione a Cassino. A fare le spese della doppietta di alcuni cacciatori senza regole è stato, ieri sera, un grosso cinghiale in cerca di tuberi sulle pendici di Montecassino, nei pressi della via Casilina nord, al confine con il comune di Villa Santa Lucia. A chiamare i carabinieri capendo cosa stava accadendo, è stato un residente che sentendo le fucilate, ha chiamato il 112. Arrivati sul posto, gli uomini del tenete Massimo Esposito e del colonnello Giuseppe Tuccio hanno identificato e denunciato un uomo che stava caricando su un’auto il grosso cinghiale. Lo stesso uomo solito organizzare con amici grosse tavolate a base di cinghiale. Ermanno Amedei

30 gennaio 2015 0

Di Mascio confermato presidente dell’Ordine degli avvocati di Cassino, ma con scia polemica

Di admin

Con 356 voti di lista e 147 preferenze Giuseppe Di Mascio si riconferma presidente dell’Ordine degli Avvocati di Cassino. Con Di Mascio, il consiglio dell’Ordine sarà composto dai legali Mastronardi, Martini, Buzzacconi, Candido, Nacci, Russo, Mignanelli, Giannichedda, Vento, Cerri, Gargano, Matera, Facchini e Di Passio. Una elezione non priva di veleni dopo l’esclusione della lista concorrente Alternativa per Il Rinnovamento che con Armando Pacione promette battaglia. “Prendiamo atto del risultato-ha detto- e auguriamo ai neo eletti buon lavoro. Faremo comunque valere le nostre ragioni nelle opportune sedi”. Su 1320 aventi diritto hanno votato in 770; 22 le schede bianche e 131 le nulle.

30 gennaio 2015 0

Due metri di neve e iniziative anticrisi a Campo Staffi, il venerdì si scia gratis

Di admin

La neve caduta nelle ultime 24 ore assicurano la stagione sciistica a Campo Staffi di Filettino. Un autentico muro bianco di due metri copre le piste da sci sui 4 impianti di risalita, tutti perfettamente funzionanti. Inoltre la gestione degli impianti ha annunciato un progetto anticrisi che prevede l’utilizzo gratuito degli impianti per il venerdì e se si acquista l’abbonamento per il sabato e la domenica, si scia gratuitamente anche il lunedì. Inoltre è prevista per domenica prossima l’inaugurazione dello snowpark che funzionerà anche in notturna. Ermanno Amedei

30 gennaio 2015 0

Peschereccio fantasma nel Golfo di Gaeta, la Capitaneria lo trova e lo multa

Di admin

Si era reso invisibile probabilmente per tentare sortite di pesca acque in cui è vietato farlo. Un peschereccio fantasma è stato individuato e multato, la notte scorsa dagli uomini della Capitaneria di porto di Gaeta. L’equipaggio del natante attrezzato per la pesca notturna, aveva disattivato il sistema di localizzazione Radio Ais che permette ai mezzi di soccorso di conoscere, in caso di richiesta di soccorso, l’esatta posizione in mare del richiedente. Lo stesso sistema, però, consente anche di individuare con certezza quando un peschereccio entra in una zona di divieto di pesca. Un battello della capitaneria di porto ha quindi individuato il peschereccio, che alla centrale operativa, però, non risultava presente in zona. Nel corso della verifica è stato accertato che l’equipaggio lo aveva disattivato per tentare una sortita, di lì a poco, in un’area protetta. Il capitano e l’armatore sono stati sanzionati con una multa di 6.197 euro. Dopo aver riattivato lo strumento il peschereccio è tornato in attività lontano dall’area protetta.

30 gennaio 2015 0

Il comune di San Michele di Bari adotta la delibera di Cassino, niente sanzione su ritardo nel pagamento Imu per i terreni agricoli

Di redazionecassino1

La delibera di Giunta con cui il Comune di Cassino ha stabilito, nei giorni scorsi, di non applicare alcun tipo di sanzione per il tardivo pagamento dell’Imu sui terreni agricoli entro e non oltre il 10 marzo, è una ‘boccata d’ossigeno’ per chi quei terreni li utilizza come attività lavorativa e produttiva. Rappresenta, sicuramente, un passo importante dell’amministrazione Petrarcone per cercare di risanare l’economia del territorio. Quella delibera ora, ha suscitato gli interessi anche di altri comuni. In particolare per quello di San Michele di Bari che intende applicare lo stesso provvedimento. Nello specifico è stato un consigliere comunale del comune pugliese ha richiedere copia della delibera con l’intento di farla adottare anche dal proprio comune. Ancora oggi, infatti, permane una forte difficoltà in ordine agli adempimenti, sia da parte dei contribuenti, che da parte dei centri di assistenza fiscale e delle associazioni di categoria preposti alla compilazione dei modelli di versamento del tributo; questo anche per il lasso di tempo troppo breve rispetto alla scadenza del 10 febbraio. Questi i motivi che hanno indotto lo slittamento di quella scadenza al 10 di febbraio senza che il cittadino incorra in alcun sanzione. “Siamo stati precursori – ribadiscono dal Comune i Cassino – in questo ed ora tanti sono i Comuni italiani, San Michele di Bari è solo un esempio, che stanno adottando lo stesso tipo di provvedimento”. Un’azione che acquista sempre più forza grazie alla capacità di aggregare i Comuni del comprensorio con l’obiettivo di arrivare ad una soluzione definitiva del problema.

30 gennaio 2015 0

Anche Cassino ha il “Piano Anticorruzione”

Di redazionecassino1

Il Comune di Cassino ha approvato il testo in vigore del Piano anticorruzione integrato con il Programma per la trasparenza visionabili, individuando nel nuovo comandante della Polizia Locale, Alessandro Buttarelli, il responsabile della prevenzione della corruzione (art. 1, comma 7, della L. 190/2012) e della trasparenza. Il documento si configura come strumento di prevenzione dei fenomeni corruttivi, in armonia con le disposizioni del legislatore a livello nazionale. Il provvedimento è stato adottato con una delibera di Giunta questa mattina, come riferisce l’assessore al personale ed alla Polizia Locale del Comune di Cassino, Emiliano Venturi. La delibera, con cui è stato approvato uno strumento, contiene anche direttive rivolte alle varie strutture organizzative dell’Ente. “La Legge 6 novembre 2012, n. 190, relativa a ‘Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione’, sancisce – ha spiegato Venturi – l’obbligo per le Amministrazioni pubbliche di dotarsi di un Piano triennale di prevenzione della corruzione e, come parte di questo, del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità, che vengano aggiornati entro il 31 gennaio di ogni anno. Il documento si configura come strumento di prevenzione dei fenomeni corruttivi, in armonia con le disposizioni del legislatore a livello nazionale. È importante precisare che il termine corruzione non è strettamente legato all’ipotesi criminosa decritta nel codice penale, ma considerata la sua accezione amministrativa può essere definito come un comportamento contrario all’etica pubblica. “Considerato, inoltre, che è la trasparenza la prima rilevante misura di prevenzione della corruzione, – ha continuato l’assessore Venturi – l’amministrazione comunale ha elaborato un documento unico, integrato con il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità, in modo da costruire una stretta relazione con la pianificazione strategica e la programmazione operativa”. Si tratta, quindi, di uno strumento fondamentale per ogni Ente, che per la città di Cassino ancor più significativo anche alla lce di possibili infiltrazioni della criminalità organizzata sul territorio.

30 gennaio 2015 0

Imbrattata preziosa statua all’interno della Basilica di Santa Sabina. Tra 20 giorni arriva il Papa

Di admin

La firma dell’imbecillità + stata lasciata con il pennarello rosso, indelebile, sulla statua di Santa Rosa da Lima all’interno della basilica di Santa Sabina sull’Aventino a Roma. In tre punti, il pregevole manufatto è stato imbrattato con simboli di una natura poco chiara, compare infatti una svastica ma anche simbologie orientali che le farebbero perdere il senso di nazismo. La Chiesa, tra le più importanti a Roma, il 18 febbraio, giorno delle Ceneri, come di consuetudine sarà visitata da Papa Francesco che dovrà passare davanti la statua imbrattata. Il vandalo si è accanito su due punti del basamento, arrivando anche a imbrattare, con la stessa simbologia e lo stesso pennarello, il panneggio. Al di la del significato di quel disegno, resta il danno al simbolo religioso che è anche un’opera d’arte, oltre al tempo e a i soldi che si dovranno spendere per cancellarla dato che un’opera di tale valore può essere trattata solo con determinate tecniche.

Er. Amedei

30 gennaio 2015 0

Il sindaco Petrarcone: “Chi ha a cuore le sorti dell’acqua pubblica partecipi alla manifestazione”

Di admin

“Domani è un’occasione importante per ribadire ancora una volta che l’acqua è un bene pubblico e tale deve rimanere.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, che domani pomeriggio alle ore 15, con partenza da Piazza Garibaldi, prenderà parte alla manifestazione a tutela dell’acqua pubblica organizzata dalle associazioni. “Un appello a partecipare all’iniziativa di domani – ha continuato il sindaco – lo rivolgo a tutti i cittadini ed ai sindaci del cassinate per far sentire tutti insieme la nostra voce e chiedere ancora una volta con forza il completamento della Legge Regionale 5/2014 attraverso la quale è possibile raggiungere l’ambizioso primato di essere la prima regione in Italia che, oltre a recepire la volontà dei cittadini espressa con il referendum del 2011, rende operativo il nuovo modello di gestione pubblica e partecipata del servizio idrico integrato. È inaccettabile che un bene comune come l’acqua venga gestito da privati, così come sono inaccettabili le continue speculazioni di basso livello da parte dell’opposizione che da tempo continua a strumentalizzare una questione che riguarda tutti i cittadini. A tal proposito, visto che alcuni per fini politici e personali continuano a fare disinformazione sull’argomento, ci tengo a sottolineare ancora una volta che il Comune di Cassino non è stato condannato ad alcun risarcimento e che quindi i 20 milioni di euro non rientrano nella sentenza emessa dal Tar, bensì saranno oggetto di discussione in un’altra causa. Il tutto senza dimenticare che la quota maggiore del risarcimento richiesto da Acea è maturata negli anni precedenti a questa Amministrazione. Un risarcimento che proprio questa Amministrazione ha evitato in passato, riuscendo nel 2013 a scongiurare il pagamento di 12 milioni (maturati prima del 2011) di euro che la società idrica vantava per il mancato utilizzo degli impianti e dei costi di depurazione. Detto questo, prosegue l’impegno dell’Amministrazione comunale a tutela dei nostri impianti con l’obiettivo di far tornare l’acqua ad essere un bene pubblico. La manifestazione di domani è un ulteriore passo in tal senso ed è importante prendervi parte per dare continuità a quel percorso iniziato insieme alle istituzioni, ai cittadini ed ai Forum provinciali per l’acqua pubblica che ha come traguardo quello di arrivare ad una definizione dei nuovi ambiti di bacino idrografico contestualmente ad una convenzione tipo da stipulare per il processo di ripubblicizzazione. Non ci dimentichiamo che la Legge Regionale 5 del 2014 è stata emanata recependo il referendum propositivo di cui Cassino è stato uno dei protagonisti (uno dei comuni più grandi tra i 39 firmatari e soprattutto l’unico della Provincia di Frosinone). Chi ha a cuore l’acqua domani venga alla manifestazione per ribadire il No alla privatizzazione di un bene comune ed il No alla restituzione degli impianti idrici ad un gestore privato.”

30 gennaio 2015 0

Elezioni Presidente della Repubblica, nulla di fatto. Vince “moina” all’italiana

Di admin

Con 531 schede bianche, nulla di fatto al secondo tentativo. Imposimato, il più votato, si è fermato a 124 voti, i voti del Movimento 5 Stelle. Le schede bianche rappresentano i voti del Pd e quelli di Forza Italia che, però, sembrano aver messo in discussione il loro patto proprio sul nome di Mattarella su cui Renzi ha puntato i piedi. Il dubbio, a questo punto, è che la lite possa essere un bluff per mantenere aggregate anche le aree scontente dei due schieramenti, ma che in realtà, Mattarella sta bene anche al’ex Cavaliere, tant’é che domani, ci saranno i numeri per eleggerlo presidente con i soli voti del Pd. Se ci fosse stato uno strappo vero, i voti del centro destra avebbrero potuto creare altre alleanze che fossero di intralcio al progetto Renzi. Insomma, anche questa elezione del Presidente della Repubblica si riduce alla solita “moina” all’italiana.

Er. Amedei

30 gennaio 2015 0

Elezioni Presidente, Mattarella spacca il feeling (almeno di facciata) tra Renzi e Berlusconi

Di admin

E’ in corso al Quirinale il secondo tentativo per eleggere il Presidente della Repubblica. Servono 673 voti. Il premier Renzi continua a sostenere Sergio Mattarella come nella prima votazione di ieri conclusa con un nulla di fatto. Un nome che ha fatto traballare l’accordo del Nazzareno tra il premier e Berlusconi che non gradisce il candidato espresso dal Pd. Se va a Vuoto anche l’elezione di questa mattina, ne è prevista una seconda oggi pomeriggio alle 15 .30. Domani il quorum sarà sceso a 505 voti e allora potrebbero bastare i soli voti dei grandi elettori del Pd che ad oggi sembrano compatti su Mattarella.

Er. Amedei