Giorno: 3 febbraio 2015

3 febbraio 2015 0

Geloso oltre ogni limite, 40enne arrestato per stalking a Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Geloso fino alle manette. E’ un 40enne di Cassino l’uomo arrestato per stalking dai carabinieri della locale compagnia. Aveva accampato su una donna di 45 anni, con la quale aveva avuto una relazione, dei diritto quasi fosse una “cosa sua”. La donna veniva pedinata finanche sul posto di lavoro infastidendo suoi amici o conoscenti. Al termine dell’ennesima lite, la 45enne ha deciso di denunciare il suo vessatore ai carabinieri. Anche nel tragitto fino alla caserma, l’uomo l’aveva seguita e tempestata di telefonate. Tornata sul posto di lavoro ha cercato di aggredirla ma alcuni presenti lo hanno costretto a desistere. Mentre si allontanava, però, è stato raggiunto dai limitari del colonnello Giuseppe Tuccio che hanno proceduto al suo arresto sottoponendolo ai domiciliari.

Er. Amedei

3 febbraio 2015 0

Sequestrato tesoro accumulato grazie ad attività illegali a Latina

Di admin

Un tesoro accumulato in anni di attività illegali quello sequestrato stamattina dagli uomini della Squadra Mobile di Latina a Pietro Paolo Feola, 48 anni di Latina. L’uomo è conosciuto alle forze dell’ordine fin dagli inizi degli anni ’90 e da allora è stato incriminato per ogni tipo di reato: tentato omicidio, tentato sequestro di persona, rapina aggravata, lesioni personali, minaccia aggravata e porto abusivo di armi, stupefacenti, falso ricettazione. A suo carico, rapine per diverse centinaia di milioni di lire principalmente a gioiellerie. Poi si aggiunsero anche quelli di abusivismo edilizio per la costruzione di una villa faraonica. Viaggi, crociere, uno stile di vita non giustificato dalle sue dichiarazioni reddituali hanno fatto scattare i sigilli, questa mattina, a beni per un milione di euro, intestati oltre che a lui, alla convivente e al figlio della convivente. Si tratta di un terreno da oltre 8000 metri quadri su cui sono costruite due ville e una piscina (nella foto), tre autovetture, un motociclio, cinque conti correnti, quattro libretti postali, tre polizze pegno, due carte post pay, una impresa individuale.

 

3 febbraio 2015 0

La Polizia di Stato sempre più presente sul territorio, intensificati i controlli

Di redazionecassino1

Continua l’opera di prevenzione dei reati e delle infrazioni da parte della Polizia. Gli agenti hanno intensificato i controlli su tutto il territorio provinciale. Chiare le direttive del Questore Santarelli che punta sulla prevenzione per raggiungere l’obiettivo sicurezza. Vengono messi in campo tutti gli uomini della Questura e dei Commissariati ognuno per le parti di specifica competenza per rafforzare i servizi di controllo del territorio.

Particolare attenzione viene rivolta al contrasto dei reati predatori.

Ieri a Sora sono stati attuati mirati servizi con l’impiego delle pattuglie volanti e del Settore Anticrimine coadiuvati dal personale del Reparto Prevenzione Crimine di Napoli.

Pattugliate le principali vie di accesso alla città con posti di controllo. Settantadue le persone controllate, 7 le persone nei cui confronti sono stati emessi i fogli di via. L’attività della Polizia di Stato è proseguita inoltre con il controllo di alcuni esercizi commerciali risultati in regola con le prescrizioni di settore. Analoga attività è stata svolta dai poliziotti del Commissariato di Cassino che congiuntamente alla Polizia Stradale hanno eseguito diversi posti di controllo con 15 patenti ritirate e tre fogli di via emanati.

3 febbraio 2015 0

Basket: Battuta d’arresto per Sora 2000, fermata 73-67 da Ostia

Di redazionecassino1

Ostia vince con il Sora 73-67 al Palatenda di Via Isole del Capo Verde. Sora raccoglie la seconda sconfitta di fila rientrando ancora una volta nel tunnel degli spogliatoi a testa bassa. Si consuma così l’ennesima gara scialba dei biancocelesti. Decisivo il secondo quarto con l’ N.B. Sora capace di produrre solo 14 punti (dopo 6’ di gioco) e mai più mentalmente in gara. Così nel primo tempo con il distacco di 10 punti tra loro. Al termine delle prime due frazioni è avanti la formazione di coach Tardiolo col punteggio di 43-30. E’ il break di 9-0 dei padroni di casa, ad inizio secondo quarto, a decidere sinora sull’inerzia del match che Ostia aveva fatto suo nel primo quarto (23 punti messi a segno), grazie a percentuali ottimali da tre e ad un buon movimento palla in attacco. Cronaca della partita: Primo quarto. Classico ‘5’ iniziale per Sora con l’eccezione di Iannarilli si schiera con Myers, Mariani Fiorini e Johnson. Tardiolo risponde con Di Pasquale, Lucibello, Manzotti, Iannone e Di Pietro. Pronti via ed è subito Sora con Mariani, sigla il primo canestro della gara. A seguire una tripla di Johnson. Arriva la replica di Di Pasquale con una tripla (5-7 al 3′) con l’Alfa che prova a restare in scia. Ritmi già alti: Lucibello trova il canestro del sorpasso locale e Polidori costretto sostituisce Myers e Iannarilli con Serra e Caldarozzi. Ostia si affida a Di Pasquale – Di Pietro che mette in serie difficoltà i biancocelesti, costringendo coach Polidori a chiedere i suo primo timeout ( 17-12 al 8’). Prima della prima sirena, dopo i canestri di Serra, Mariani commette in un amen il suo terzo fallo personale che decreta la fine della prima frazione con Ostia avanti 23-16. Secondo quarto. Partenza monstre dell’Alfa Omega che mette in cascina 9 punti consecutivi (32-16 al 2′) mentre Sora fallisce tre azioni in attacco di fila. Polidori cerca di dare una scossa con tre cambi Mariani Myers e Serra per Iannarilli, Caldarozzi e Chiari, ma la situazione non riesce a cambiare, e Ostia allunga il distacco portandosi a + 24 ( 40-16). Sora si rifà avanti a 3’30’ dalla fine un break di 8 punti di fila con Johnson e Mariani; l’Alfa preserva il vantaggio di tredici punti alla fine dei 20′ (43-30). Terzo quarto. Di Pasquale trova il canestro in apertura di secondo tempo mentre uno spento Johnson sbaglia due palle importanti. L’americano di Sora si fa perdonare e mette a segno una tripla al 5’ riducendo lo svantaggio con i padroni di casas 48-35. da 2+1 (45-45). Hanga, intanto, continua a predicare basket in fase di non possesso mentre i falli costrigono Miglio replica dall’arco per i gialloblu, Ostia si porta avanti di 19 (60-41 al 9′) ma spegne facendo spegnere i motori ai volsci, che si affidano così alle folate offensive di Serra. Alfa Omega va così all’ultimo riposo sul punteggio di 62-44. Ultimo quarto. Comincia bene l’ultimo quarto per Sora, che trova ossigeno con i canestri di Serra e Chiari (62-48) I padroni di casa dopo un momento di black out continuano a fare il bello e il cattivo tempo con Di Pasquale vero e proprio protagonista. A metà ultimo quarto Polidori è costretto a chiamare timeout per fermare l’emorragia di punti (67-48 al 35′). Sora trova ancora con Serra e Johnson il sui punti di forza, visto la scarsa lucidità di Mariani e compagni, con Fiorini in panchina gia dall’inizio di quarto per via di una botta ricevuta al costato sotto canestro. I biancocelesti si rifanno sotto fino al 69-59. Tardiolo chiama subito timeout. Si arriva al -8 con Johnson dalla lunetta per il 71-63ad 1’ e 37 dalla fine ma è Iannone che punisce i biancocelesti alla fine della rimonta a siglare il canestro del 73 a 67 finale. Sora che comunque incassa un’altra sconfitta, restando a 16 punti in classifica, evidenziando ancora una volta una scarsa concentrazione e volontà nel reagire e chiudere una gara. La Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 torna sul parquet sabato prossimo (palla a due alle 20) nella settima di ritorno in casa contro la Tiber Roma con l’intenzione di riprendere a flirtare con la vittoria.

Alfa Omega 73 – Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 67 Parziali: 23-16 / 20-14 / 19-14 / 11-23 Alfa Omega: Bartolozzi 0, Di Pasquale 23, Lucibello 13, Banach 2, Di Pietro 8, Manzotti 14, Iannone 5, Di Filippo 1, Cicchetti 0, Miglio 7; Coach: Tardiolo Expert Lucarelli N.B. Sora 2000: Caldarozzi 1, Reali n.e., Testa n.e., Myers 6, Mariani 8, Serra 18, Chiari 2, Fiorini 7, Iannarilli 2, Johnson 23; Coach: Polidori

3 febbraio 2015 0

Un video porno su facebook infetta i computer

Di redazionecassino1

Una nuova minaccia corre sul web, questa volta a farne le spese è il più diffuso dei social network:facebook. Un virus su Facebook che si diffonde attraverso un video porno sta infettando migliaia di pc degli utenti. Più di 110.000 gestori hanno aperto il link che porta al presunto video e si è concluso con il proprio account infettato. Nell’ottica di tutela dei consumatori e degli utenti di internet, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, porta all’attenzione del pubblico un ulteriore attacco alla sicurezza della rete di rilevanti proporzioni che, al momento, è sfuggito ai media italiani. L’ultimo video che circola sul colosso statunitense della rete Facebook, con cosiddetti contenuti pornografici, è riuscito a infettare 110.000 utenti ed avrebbero apparentemente diffuso malware che inficiano le operazioni sui computer infetti e potrebbero fornire agli intrusi l’accesso ad informazioni private.. Ha dare l’allarme sulla sicurezza il blog Threatpost, che ha analizzato le prestazioni del virus nel social network e ha dato il numero dei dati infetti. Il virus sarebbe collegato al Profilo di un amico su Facebook per essere visibile per un numero limitato di persone. In esso si può vedere una scena porno pubblicata su Youtube, già pubblicata da un altro sospetto. Tuttavia, la scena non si vede. Quando l’utente tenta di visualizzare il video, può solo guardare alcuni secondi finché non viene visualizzato un messaggio. I Paesi più colpiti sono la Francia, la Gran Bretagna, Italia e la Romania. Gli autori dell’attentato non sono noti, ma sono chiaramente finanziariamente motivati e hanno i loro servizi offerti ad altri attori.

3 febbraio 2015 0

Ghiaccio blocca le strade, maxi ingorgo a Carpineto Romano

Di admin

La strada nella morsa del ghiaccio, a Carpineto Romano, ha causato, questa mattina intornop alle 8, un maxi ingorgo che ha visto coinvolte decine di auto e quattro pullman del Cotral. La strada in questione è la Regionale Carpinetatana. Il maxi ingorgo ha visto coinvolte decine di persone, per lo più pendolari. C’è voluta circa un’ora e mezza di lavoro, da parte di associazioni locali e di dipendenti del comune per sciogliere l’ingorgo. Chiuse le scuole e il comune si è dovuto prodigare per redigere certificati per giustificare l’assenza sul posto di lavoro di chi è rimasto bloccato. Il sindaco Matteo Battisti ha annunciato una lettera di protesta che invierà all’ente gestore della strada, Roma Città Metropolitana, perché presti maggior attenzione all’arteria stradale su cui ha competenza.

3 febbraio 2015 0

Fuga di gas in centro a Frosinone, chiuso lungo tratto di via Aldo Moro

Di admin

Fuga di gas, questa mattina, nella centralissima via Aldo Moro di Frosinone. L’allarme è stato lanciato dagli stessi operai che stavano facendo alcuni scavi per il passaggio di cavi. Immediatamente sono stati allertati i vigili del fuoco di Frosinone e i tecnici della rete metanifera. I vigili urbani hanno bloccato il traffico in un lungo tratto della strada togliendo anche la corrente per circa un’ora e mezza, il tempo di individuare con certezza il punto di riottura ed intervenire per riparala. Poi, tutto è tornato alla normalità. Ermanno Amedei

3 febbraio 2015 0

Donna uccisa a colpi di pistola a Santa Maria Capua Vetere

Di admin

Un uomo è stato arrestato in flagranza d’omicidio a Santa Maria Capua Vetere. Si tratta di un 22enne, Niko Merola, che in via Giannotti ha sparato e ucciso con una pistola una 52enne, Annamaria Sales. I carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno sequestrato l’arma dello sparatore e sono al lavoro per far luce sulla vicenda. Ant. Nard. Foto di repertorio

3 febbraio 2015 0

La fobia della neve, per due millimetri scuole chiuse ad Alatri ma non a Veroli. Aperte a Filettino (50 millimetri)

Di admin

Basta una spolverata di neve e le scuole restano chiuse. Quasi una fobia per alcuni comuni che, però, per fortuna non contagia proprio tutti. Scuole chiuse ad Alatri , dove è caduto un millimetro, forse due di neve; scuole aperte a Veroli, dove la neve ha lo stesso spessore. Perché, viene da chiedersi? Chiudere le scuole rappresenta un disagio importante per le famiglie, in particolare per i genitori entrambi lavoratori che hanno figli piccoli e che, solamente la mattina, scoprono di non poter affidarli agli istituti scolastici. Di fronte ad una nevicata abbondante che, a queste latitudini, costituisce una eccezione per territori a 500 metri di quota, ben vengano provvedimenti di chiusura dei plessi anche per evitare di intasare la circolazione stradale. Alcuni millimetri di coltre bianca, però, non rientrano certamente in questa casistica. Una prudenza eccessiva, o una interruzione di un pubblico servizio, che causa disagi a chi, invece, non può permettersi di non lavorare. Scuole chiuse, quindi anche a Guarcino (2 centimetri), Torre Cajetani (1 millimetro), Trivigliano. Scuole aperte a Filettino dove la neve si misura in centimetri e non millimetri.

Ermanno Amedei

3 febbraio 2015 0

A Cassino riunioni separate anche sulla sicurezza, l’indignazione della Fiom

Di admin

Riunioni separate anche per discutere di sicurezza. Ieri pomeriggio la direzione dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano ha convocato i rappresentanti per la sicurezza. All’ordine del giorno la necessità di spostare l’accesso dei dipendenti che solitamente usano il varco dietro gli impianti sportivi ai cancelli 1 e 2.

Il provvedimento sarebbe temporaneo visto che l’accesso è utilizzato soprattutto dagli automezzi per il rinnovo dello stabilimento. Per discutere di questo cambiamento le RLS non hanno potuto sedere intorno allo stesso tavolo. E addirittura il rappresentate della Fiom Pierluigi De Filippis si è reso conto del doppio orario ieri alle 16.30 quando arrivando all’ingresso del sito ha visto i colleghi uscire.

A quel punto ha dovuto constatare che era stata convocata una riunione solo per lui perché i colleghi espressione delle altre sigle sindacali avrebbero rifiutato di trattare insieme al rappresentante della Fiom. La vicenda ha suscitato indignazione nel rappresentante per la sicurezza Pierluigi De Filippis che ha denunciato l’atteggiamento dei colleghi visto che in questo caso si discuteva di sicurezza e non certo di questioni sindacali in senso stretto.

Antonio Nardelli