Giorno: 6 febbraio 2015

6 febbraio 2015 0

Timbra il cartellino e se ne va a fare spese, indagata impiegata dell’ospedale di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Timbrava il cartellino e se ne andava a fare la spesa. Per questo, una impiegata dell’ospedale di Cassino è stata indagata per Truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato. L’avviso di chiusura delle indagini è stata notificata questa mattina dai carabinieri del Norm di Cassino, gli stessi che, comandati dal tenente Massimo Esposito, eseguirono l’indagine nella primavera dello scorso anno sotto la supervisione del Sostituto Procuratore Alfredo Mattei. Le indagini svolte dai militari hanno permesso di immortalare con video e fotografie gli spostamenti della 50enne residente nel Cassinate che, invece di stare al lavoro in ospedale, se ne andava in giro per attività commerciali o a fare altre commissioni.

Ermanno Amedei

6 febbraio 2015 0

Bastonate al benzinaio, meno di 17 anni di Sant’Angelo, già con pedigree criminale

Di admin

Non ha ancora 17 anni, ma le sue gesta sono ben note alle forze dell’ordine. Il ragazzo di Sant’Angelo in Theodice che ieri pomeriggio ha aggredito a bastonate il benzinaio della stazione di servizio Agip in via Garigliano, seppur giovanissimo, ha diversi precedenti specifici per rapina e percosse. Non a caso, lo stesso benzinaio che gli ha strappato il passamontagna, lo avrebbe riconosciuto come l’autore di un’altra rapina che aveva subito in precedenza. Non vi sarebbero dubbi, inoltre, sul fatto che l’obiettivo del giovane era il portamonete del benzinaio. L’uomo, ancora ricoverato in ospedale, sostiene che dopo le prime bastonate alla testa, l’aggressore abbia afferrato il contenitore dei soldi non riuscendoci per l’energica reazione dell’aggredito che, però, nonostante a terra, ha preso, così come dimostrerebbero le immagini registrate, diversi colpi prima che il giovane fuggisse all’arrivo dell’auto di un cliente. Qualche pora dopo è srtato trovato dagli agenti diretti dalla dirigente del commissariato di Cassino Cristina Rapetti che lo hanno posto in stato di fermo giudiziario il giovane è in un carcere minorile di Roma e domani, dinnanzi al tribunale dei minori, si svolgerà l’udienza di convalida. Ermanno Amedei

6 febbraio 2015 0

Si invaghisce di una donna fino a lasciare sua moglie, rifiutato ne diventa l’incubo

Di admin

Ha lasciato anche la moglie convinto com’era che la 39enne di cui si era invaghito avesse corrisposto i suoi sentimenti, alla fine si è trovato senza moglie e con una denuncia per molestie e ingiurie. E’ la storia di un 53enne di Patrica invaghito di una donna più giovane, che lavora in una attività commerciale di Frosinone. La corteggia e dalle gentili attenzioni passa al possesso morboso. Pretende la relazione e arriva anche a lasciare sua moglie. Ma ai no della 39enne, si incattivisce e inizia a perseguitarla, ad insultarla. Iniziano gli sms, sempre più insistenti e sempre più offensivi ai quali segue la denuncia alla polizia postale di Frosinone. Scattano le indagini e si scopre che le telefonate venivano fatte da una cabina pubblica, ma che agli sms non aveva resistito e il 53enne li aveva inviati con il suo cellulare. A quel punto è scattata la denuncia per ingiurie e molestie.

6 febbraio 2015 0

Via ai controlli su impianti di gestione dei rifiuti della Polizia provinciale

Di redazionecassino1

Il settore dei rifiuti è da sempre un “tema caldo” per tutti gli Enti pubblici e le amministrazioni comunali e provinciali. Il controllo del territorio dalle discariche abusive, dell’abbandono di rifiuti in ogni angolo del territorio sono le emergenze che gli organi di controllo devono affrontare quotidianamente, attraverso i corpi di polizia locale, provinciale unitamente alle altre forze dell’ordine. A tutto questo va aggiunta anche la vigilanza dei centri di raccolta e smaltimento dei rifiuti necessitano di particolare attenzione su tutto il nostro territorio provinciale. La Polizia Provinciale di Frosinone, in questo ambito, svolgerà il servizio di verifica e controllo degli impianti di gestione dei rifiuti di competenza regionale e operanti sul nostro territorio. Ciò in virtù di una Convenzione stipulata con la Regione Lazio, approvata all’unanimità il 16 gennaio scorso dal Consiglio Provinciale di Frosinone. “Come si evince chiaramente dall’incarico di verifica che la Regione Lazio conferisce alla Polizia Provinciale – afferma il Consigliere Provinciale Danilo Magliocchetti – le necessità di delegare organismi attivi nei territori sono tutt’ora inalienabili. La nostra Polizia Provinciale svolgerà con competenza e professionalità l’incarico molto delicato che le è stato conferito dalla Regione. Un incarico che la Regione finanzia interamente e costituisce un’entrata per il nostro Ente. Essendo personalmente il delegato al settore seguirò il servizio con estrema attenzione, ovviamente in continuo contatto con il Presidente della Provincia, Pompeo”. “Si tratta di un riconoscimento importante – ha sottolineato il Comandante della Polizia Provinciale, Massimo Belli, che la Polizia Provinciale svolgerà tramite il suo Nucleo di Polizia Ambientale. Le funzioni e i compiti che ci vengono affidati riguardano le attività di controllo e anche di prevenzione sugli impianti di gestione dei rifiuti, sugli impianti mobili, sperimentali e sui trasporti transfrontalieri. Si tratta, in sostanza, con la verifica delle imprese e degli impianti autorizzati dalla Regione Lazio che sarà attivata da specifiche richieste dell’Area Ciclo integrato dei rifiuti”. F. P.

6 febbraio 2015 0

Neve, autostrade percorribili per i veicoli leggeri. Stop temporanei ai mezzi pesanti

Di admin

E’ garantita su tutta la rete di Autostrade per l’Italia la percorribilità per i veicoli leggeri. Da 36 ore sono in atto intense precipitazioni nevose su vaste aree del centro-nord del Paese, con accumuli al suolo eccezionali fino a quote di pianura. In particolare in Emilia Romagna si sono registrati oltre 40 cm di neve a Bologna, 50 cm a Parma e quasi un metro nel tratto appenninico all’altezza di Pian del Voglio. In accordo con la Polizia Stradale e come previsto dai Protocolli operativi vigenti – la cui attivazione era stata ampiamente preannunciata nei giorni precedenti – lungo i tratti interessati dalle precipitazioni più intense sono stati attivati i provvedimenti di fermo temporaneo dei mezzi pesanti con massa a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate con indicazione degli itinerari alternativi. Nel corso della notte, durante la fase di picco delle precipitazioni nevose, numerosi mezzi pesanti hanno violato tali provvedimenti e sono entrati in autostrada nonostante il divieto, interrompendo la continuità dei trattamenti di salatura e sgombero neve e determinato temporanei problemi di transitabilità in A4, tra Dalmine e Seriate, in A1 tra l’allacciamento A15 e Parma e in A14, tra Castel S. Pietro e l’allacciamento con la A1. Le precipitazioni hanno progressivamente interessato circa 700 km di rete di competenza di Autostrade per l’Italia in Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Liguria e Friuli Venezia Giulia. Il modello operativo di Autostrade per l’Italia è stato attivato preventivamente mettendo in campo complessivamente oltre 1.200 mezzi e 2.500 uomini. Attualmente a Bologna non nevica più mentre continuano intense nevicate sull’ A1 Milano-Napoli, tra Parma e Pian del Voglio. I provvedimenti di divieto temporaneo di accesso e transito per i mezzi con massa a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate sono al momento attivi sui territori delle Province di Bologna, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza e Lodi dove sono state emesse le relative Ordinanze prefettizie. Di conseguenza i punti di accumulo temporaneo dei mezzi pesanti sono presenti sulla A1, in direzione di Bologna, ad Attigliano, Incisa e Firenze nord (dove si registrano circa 4 km di coda); in A1 in direzione di Firenze al bivio per Casalecchio; in A14, in direzione di Bologna, a Fano e Cesena; sull’A13 a Ferrara Nord . A partire del pomeriggio si prevede una graduale riduzione dell’intensità delle precipitazioni nevose. Autostrade per l’Italia consiglia di mettersi in viaggio solo se equipaggiati di pneumatici invernali o, in alternativa, muniti di catene a bordo, che in ogni caso devono essere sempre montate in Area di Servizio, Area di Parcheggio o piazzola di sosta. È inoltre fondamentale informarsi prima del viaggio sulla situazione meteo e di viabilità e tenersi costantemente aggiornati tramite: i notiziari “my way” in onda sul canale 501 di SKY Meteo24; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

6 febbraio 2015 0

Clochard a Latina e milionario in Ciociaria, Finanza scopre evasione per 27milioni di euro

Di admin

Non aveva neanche i soldi per pagarsi il pullman e arrivare a Fiuggi per essere acoltata dalla Guardia di Finanza eppure, dalle “carte” risultava titolare di una rivendita di auto di Alatri la quale aveva nascosto al Fisco introiti per 20 milioni di euro evadendo iva per altri 7 milioni. Insomma,nelle sue tasche sarebbero transitati 27 milioni di euro, ma è un senza tetto e per mangiare chiede aiuto alla Caritas. Sostanzialmente, quella conclusa dalla Guardia di Finanza do Fiuggi, è una indagine per truffa compiuta da tre commercianti di auto di altri capaci di mettere su una maxi evasione e accollare le responsabilità a prestanomi. In questo caso, l’indigente di Latina, ma prima lo avevano fatto con una 50enne di Avezzano e poi con una 55enne di Frosinone. I tre non sono comunque scampati alla denuncia per evasione fiscale e truffa.

6 febbraio 2015 0

Bruciavano nel forno legna di infissi e scaffali, panificio chiuso dal Nas

Di admin

Cuocevano il pane bruciando nel forno materiale di ogni genere. I Nas di Caserta hanno ispezionato un panificio nel comune di Capodrise scoprendo che per alimentare le fiamme nel forno, venivano usati scarti di legname di bancali, infissi e scaffali. Legna, cioè, non controllata e che poteva essere trattata, e nel caso di scaffali e infissi, certamente lo era, con sostanze pericolose. Il rischio, quindi, era che residui di sostanze tossiche finissero sul pane che a quintali veniva sfornato dal panificio. Per questo il Nas di Caserta ha disposto l’immediata chiusura del forno il cui proprietario è stato sanzionato per migliaia di euro.

Er. Amedei

6 febbraio 2015 0

Blitz per strappare i figli al padre di Cassino, madre polacca e due complici condannati a 18 mesi di carcere

Di admin

Tentò di riprendersi i figli con la forza. Così una madre polacca e due suoi complici connazionali, sono stati condannati ieri mattina dal tribunale di Cassino a 18 mesi di carcere oltre a risarcire l’ex marito nella doppia veste di padre e tutore dei figli. Era l’ottobre del 2007 quando in via Enrico de Nicola, i tre assalirono la donna che portava a spasso i due bambini di 5 e 7 anni. Era la zia dei piccoli, e venne strattonata e colpita al volto e la madre polacca e uno dei complici le strapparono dalle mani i pargoli dati in affidamento esclusivo al padre. Le urla della donna aggredita e quelle degli stessi bambini innescarono la reazione dei passanti e dei commercianti che, a loro volta circondarono gli aggressori impedendo loro di portare i bimbi nell’auto alla cui guida c’era un terzo complice con il quale sarebbero dovuti fuggire. Con il pargolo più grande la donna si rifugiò in un negozio dove, poco dopo, la gente intervenuta vi portò anche l’altro bambino recuperato dagli aggressori. L’intervento dei carabinieri della compagnia di Cassino comandati dal compianto capitano Adolfo Grimaldi, servì a ripristinare l’ordine. I tre vennero denunciati e furono allontanati dalla città. Ieri mattina, al termine del processo che ha visto sfilare decine di testimoni, il giudice monocratico Barbara Del Pizzo ha condannato i tre a 18 mesi di carcere ritenendoli colpevoli di esercizio arbitrario con violenza sulle persone e sottrazione di minore, in più li ha condannati anche a risarcire il padre dei piccoli.

Ermanno Amedei