Giorno: 21 febbraio 2015

21 febbraio 2015 0

“Mi chiamo Beba”, tra buona lettura e contenuti sociali l’ultimo romanzo di Palma Lavecchia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La violenza di genere è tra gli argomenti di maggiore attualità del momento. In tanti hanno una propria ricetta per affrontare il problema della violenza sulle donne, quella scelta da Palma Lavecchia è un racconto intriso di esperienza e di speranza. “Mi chiamo Beba” è l’ultima fatica letteraria della scrittrice pubblicata da Infinito Edizioni, che da qualche giorno è in vendita nelle librerie oppure online sul sito della stessa Casa Editrice www.infinitoedizioni.it oppure su altri grandi store.

Quello di narrare il vissuto di Benedetta, la protagonista, in maniera davvero molto credibile, al punto da condurre il lettore alla comprensione di un problema che è soprattutto culturale, è stato il potente sistema scelto dall’autrice per esternare un suo convincimento, e cioè che la violenza fatta dall’uomo sulla donna spesso è di tipo patologico e, quindi, la sola limitazione della libertà personale non può considerarsi sufficiente.

Detta così potrebbe sembrare un  fastidioso e pesante lavoro di saggistica, ma quello di Palma Lavecchia è tutt’altro. E’ un piacevole racconto che, pagina dopo pagina, accompagnato dal gradevole stile già dimostrato dall’autrice nel suo precedente lavoro (“Parliamone Ancora”, edito con Youcanprint), crea uno spaccato alternativo ed originale sulla problematica.

21 febbraio 2015 0

Nonna Marietta di Pignataro “incoronata” Nonna di Ciociaria con medaglia del Presidente della Repubblica

Di admin

La Ciociaria ha ufficialmente la sua nonna. Da questo pomeriggio, nonna Marietta, 107 anni, di Pignataro Interamna è ufficialmente “Nonna di Ciociaria” ricevendo dalle mani di Sebastiano Midolo, Presidente dell’associazione Deusdei, la medaglia inviatale dal presidente della Repubblica.

Una consegna che si sarebbe dovuta effettuare nel corso della festa provinciale del nonno il 5 ottobre dello scorso anno ad Arpino ma, per una serie di circostanze non è stato possibile, per Antonietta Maria D’Aguanno, classe 1908, presenziare a quell’incontro.

Oggi la medaglia che porta il saluto dell’allora presidente Giorgio Napolitano, le è stata consegnata a domicilio, a Pignataro Interamna, dal presidente Midolo; è lei la donna più longeva di Ciociaria. “E’ un evento particolarmente raro – ha detto Midolo – vedere rappresentate tre generazioni, ma quello che è ancor più raro è vedere una persona di 107 conservare la lucidità di nonna Marietta. Lei ha voluto partecipare al brindisi chiedendo lo spumante. Poi ha voluto recitare una sorta di novena. È stato bello vederla amorevolmente accudita dalla sua bella famiglia”. Midolo, quindi, oltre alla medaglia, ha consegnato anche la pergamena e il “quaderno del Nonno”, una raccolta delle poesie scritte dai nipoti ai loro nonni in un concorso istituito proprio dall’associazione Deusdei.

Benito Padre

21 febbraio 2015 0

Petrarcone: “E’ fondamentale l’apporto di tutti i consiglieri del centrosinistra di Cassino”

Di redazionecassino1

“L’obiettivo principale dell’Amministrazione, come già detto, è quello, entro la fine di questo mandato, di portare a compimento progetti importanti per la città. Per fare in modo che questo avvenga è fondamentale l’apporto di tutti i consiglieri che fanno riferimento al centrosinistra.” A dichiararlo il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, intervenuto per far chiarezza sulle questioni interne alla maggioranza. “La nostra città – ha continuato il sindaco – merita un’azione amministrativa efficace, così come finora è stato con tanti risultati raggiunti. Ciò è avvenuto grazie proprio alla compattezza di una maggioranza che ha lavorato quotidianamente e con grande entusiasmo per far fronte alla difficile situazione che abbiamo trovato quando ci siamo insediati. Facendo richiamo a quella compattezza, in quest’ultimo anno di mandato, dobbiamo continuare a lavorare in maniera ancora più decisa per portare a termine opere e progetti nell’interesse della città e della collettività. Il confronto, all’interno di una maggioranza, è normale. Così come è normale che da un confronto, sempre costruttivo e basato sulla condivisione programmatica, possano nascere incomprensioni momentanee che, tuttavia, non possono assolutamente cancellare quanto di buono è stato fatto insieme. Quindi, al di là di qualche piccolo disaccordo che può essere sorto e del naturale cambiamento degli scenari politici, ritengo fondamentale il supporto di tutti coloro hanno condiviso con me questa esperienza, dal primo momento ed in corso, per completare il programma di Bene Comune. Questa è un’Amministrazione di centrosinistra. Anzi, Cassino è la città più importante della provincia di Frosinone amministrata dal centrosinistra ed è impensabile che tutti i consiglieri che fanno riferimento a questa area politica, possano sentirsi esclusi da questo progetto. In ragione di ciò, come detto nei giorni precedenti, stiamo lavorando ad un nuovo esecutivo che possa rappresentare tutti i consiglieri di centrosinistra di Cassino. E quando dico tutti, ovviamente, includo i Riformisti, oltre al gruppo del Partito Democratico, con i quali il dialogo è quotidiano e basato su una condivisione programmatica quanto politica che deve rimanere tale in questa ultima fase del mandato elettorale che siamo stati chiamati a svolgere insieme. La compattezza di tutti i consiglieri dell’Amministrazione di centrosinistra e di quelli che fanno riferimento a quest’area è essenziale per assicurare continuità al processo di rinnovamento, di corretta ed onesta amministrazione della cosa pubblica e modernizzazione che abbiamo intrapreso insieme quando 4 anni fa siamo stati eletti. Lo spirito di Bene Comune è quello che ci deve guidare anche in prospettiva delle prossime elezioni amministrative con l’obiettivo di coinvolgere tutte le forze di centrosinistra della città. Questo per evitare di, come purtroppo successo in passato, presentarci divisi alle elezioni e scongiurare l’ipotesi di riconsegnare la città al quel centrodestra che in 10 anni ha prodotto danni che ancora oggi Cassino sta pagando.”

21 febbraio 2015 0

Rischiano di “prendere” un treno in corsa con l’auto a Frosinone. Finiscono sulle rotaie

Di admin

Hanno causato l’interruzzione della linea ferroviaria per circa tre ore ed hanno rischioato di “prendere” in corsa” un treno. L’incidente stradale è avvenuto questa notte alle 4.30 a Frosinone sulla strada Regionale 637, meglio nota come strada per Ceccano. La via costeggia la linea ferroviaria Roma Napoli. a quell’ora, una Citroen C3, con due uomini a bordo, è uscita di strada e, come una palla impazzita, ha divelto il guardrail, un muro in cemento che protegge la strada ferrata e un albero, prima di fermarsi sulle rotaie. L’immediato intervento di una pattuglia della polizia stradale diretta dal vice questore Vincenzo Lombardo, ha permesso di lanciare l’allarme. Il traffico ferroviario è stato interrotto così come la linea elettrica, per permettere di soccorrere i due uomini rimasti leggermente feriti. Rimossa la Citroen C3 e ripristinata l’energia elettrica, i treni sono tornati a transitare regolarmente intorno alle 7.

Ermanno Amedei