Giorno: 4 marzo 2015

4 marzo 2015 1

Alberto Angela a Montecassino per girare una puntata di Ulisse

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tappa a Montecassino questa mattina per la troupe televisiva di Ulisse. La storica abbazia benedettina è stata oggi set di riprese della trasmissione condotta da Alberto Angela, che questa mattina ha girato tra i chiostri dell’abbazia e che vediamo in foto proprio davanti la porta Pax con un dipendente del monastero.

La puntata che vedrà protagonista l’abbazia di Montecassino andrà in onda il prossimo 18 aprile. Ant. Nard.

4 marzo 2015 0

Servizio di ordine pubblico con microcamere. A Frosinone gli strumenti sulle divise degli agenti allo stadio

Di admin

Scudi, casco, tonfa e, a Frosinone, anche microcamere. E’ la novità tra le dotazioni degli agenti impegnati nei servizi di ordine pubblico a Frosinone a partire proprio da quelli che hanno fronteggiato, per evitare che si scontrassero tra loro, i tifosi canarini e quelli del Perugia. Si tratta di microcamere posizionate sul bavero delle divise, due per ogni squadra da dieci poliziotti. Le immagini registrate ad altezza d’uomo permetteranno di individuare facilmente i più facinorosi durante gli scontri. Tonerà utile anche per gli episodi di ieri sera quando sia i tifosi ciociari, che quelli Perugini non si sono scontrati solo per la prontezza degli agenti dei reparti. Er. Amedei

4 marzo 2015 0

Villa del clan Ciarelli di Latina confiscata dalla Questura. Questa mattina lo sgombero

Di admin

Lo Stato acquisisce una villa su due livelli appartenuta al clan Cirelli di Latina. La confisca è scattata questa mattina in via Monte Giove dove il capostipite del clan e di uno dei suoi figli avevano realizzato la loro abitazione. Gli agenti della questura  coordionati dal questore De Matteis e altre forze di polizia, hanno proceduto allo sgombero e alla messa in sicurezza dello stabile che diveta a tutti gli effetti di propreità dello Stato e che potrà esser riassegnato per finalità pubbliche. Inoltre è previsto il pagamento di una provvisionale da parte di coloro che vi hanno soggiornato dal momento del sequestro e che oggi sono stati sgomberati.

Er. amedei

4 marzo 2015 0

Pacchi di pasta della colletta alimentare gettati nel secchio dell’immondizia a Cassino

Di admin

Pacchi di pasta riconducibili alle derrate raccolte attraverso la colletta alimentare buttati nel secchio dell’immondizia. A trovarli è stato Bruno Della Corte, presidente dell’Associazione Il sole Splende per Tutti che con rammarico ha denunciato la situazione. “Ho trovato circa 10 chili di pacchi di pasta buttati nel cassonetto di un condominio di via Lombardia – ha dichiarato Della Corte – nessuno dei condomini necessita dell’aiuto del banco alimentare, quindi la mia ipotesi è che qualcuno che accede al banco ne approfitta portandosi a casa le provviste e poi se ne disfa perchè non sa cosa farne. Non è la prima volta che trovo alimenti del banco alimentare nel secchio dell’immondizia, ad esempio in passato ho trovato barattoli di cioccolato e tonno. Chi fa un gesto simile è da condannare visto che invece di gettare gli alimenti potrbbe riportarli dove li ha presi perché tante famiglie vivono nel disagio più totale”. Ant. Nard.

4 marzo 2015 0

Rubano un’auto a Castelforte ma vengono sorpresi dall’alt dei carabinieri

Di admin

A Sessa Aurunca sulla Domiziana i carabinieri di Baia Domizia hanno arrestato per furto d’auto Domenico Coviello di 54anni e Americo Ianniello di 24 anni. I due, entrambi di Castelforte, mentre viaggiaviano a bordo di un’auto non si sono fermati all’alt imposto dai carabinieri. Inseguiti e fermati, i carabinieri hanno accertato che l’auto sulla quale viaggiavano era stata rubata poco prima a Castelforte. L’auto è stata restituita al proprietario e i due arrestati saranno giudicati con la formula del rito direttissimo.

4 marzo 2015 0

Tensione dopo partita Frosinone – Perugia, immagini al vaglio degli investigatori

Di admin

Al termine dell’attesa partita “Frosinone – Perugia” si sono registrati alcuni episodi di tensione.

Durante le fasi del deflusso uno sparuto gruppo di tifosi locali si è avvicinato nell’area riservata al parcheggio della tifoseria ospite.

Per evitare il contatto i giovani canarini vengono bloccati ed allontanati da una squadra del Reparto Mobile; proprio in questa circostanza restano lievemente feriti due agenti.

Altro episodio ha invece riguardato circa 150 tifosi perugini che avendo notato la presenza di supporters del Frosinone ne hanno cercato il contatto, evitato dal cordone di uomini dei reparti inquadrati grazie ad una carica di alleggerimento.

Sono al vaglio degli investigatori tutte le immagini registrate sia dal personale di Polizia Scientifica che quelle ottenute grazie alle videoriprese delle microtelecamere posizionate su bavero del personale del Reparto Mobile.

Per individuare i responsabili di quanto accaduto sono al lavoro gli uffici Digos della Questura di Frosinone e della Questura di Perugia.

I filmati acquisiti, inoltre, hanno consentito di identificare 4 autori dell’accensione e lancio di artizi pirotecnici all’interno delle due opposte curve, nei cui confronti saranno adottati i provvedimenti previsti dalla normativa vigente.

4 marzo 2015 0

Un lavoro da 4.500 euro al mese, individuare il sesso del pulcino

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Il settore avicolo britannico affronta una carenza di lavoratori. Anche se il lavoro è piuttosto ben pagato, ben 55.000 euro all’anno o 4,583 euro lordi al mese, ma sembra però che nessuno abbia intenzione di accettare questo impiego.Va detto che questo lavoro è un po’ speciale, poiché bisogna individuare in un lasso di tempo brevissimo i maschi e separarli dalle femmine per poi ucciderli. Un talento che richiede tre anni di formazione. Ma una volta sul lavoro, i dipendenti hanno solo tre secondi per determinare se una gallina o un gallo. Intanto l’industria del pollame del Regno Unito nel lanciare un appello sostenendo che c’è un reale bisogno di questa figura professionale ha fatto sapere: «Molte persone sono frustrate dal lungo periodo della formazione, ma il problema è il lavoro stesso,» spiega Andrew Large, Presidente della federazione avicola britannica riferendosi ai tempi. “Guardare ogni giorno per ore il sesso del pulcino non è molto attraente”. Secondo Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, se si potesse realmente scegliere, rimanere in un ambiente familiare, economicamente soddisfacente e senza troppe pretese sembrerebbe la ricetta giusta per trovare un lavoro sano, anche se sapersi accontentare e prendersi meno sul serio restano gli ingredienti principali per ottenere un elisir di lunga vita anche su un posto di lavoro “difficile”.

4 marzo 2015 0

La Bulgaria è il paese con il salario minimo più basso: 184 euro. Quello italiano non pervenuto

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Il salario minimo mensile in Europa varia dai 184 euro della Bulgaria ai 1.923 del Lussemburgo. Lo comunica Eurostat, a cui manca però il dato italiano.A gennaio 2015, spiega Eurostat, dieci Stati europei avevano un salario minimo sotto i 500 euro: Bulgaria (184), Romania (218), Lituania (300), Repubblica Ceca (332), Ungheria (333), Lettonia (360), Slovacchia (380) ed Estonia (390).In cinque paesi lo stipendio mensile minimo è compreso tra 500 e 1000 euro: Portogallo (589), Grecia (684), Malta (720), Spagna (757) e Slovenia (791). In altri sette Stati, si sale sopra i 1000: Regno Unito (1.379), Francia (1458), Irlanda (1.462), Germania (1.473), Belgio e Olanda (1.502), e Lussemburgo (1.923).Lo stipendio minimo negli Usa, ricorda Eurostat, è di 1.035 euro. Anche se in Italia, secondo l’articolo 36 della Costituzione, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il salario del lavoratore deve essere non solo proporzionato alla qualità e alla quantità del lavoro svolto, ma anche in grado di assicurare un minimo vitale per il lavoratore e per la sua famiglia, non esiste uno stipendio minimo per legge, quindi non c’è una legislazione specifica. Circa la metà dei lavoratori dipendenti è comunque coperta da un contratto collettivo nazionale, che definisce i minimi retributivi.

Eccoli riassunti in questa tabella (fonte dati Sole24Ore).

Settore Minimo orario Minimo mensile

Abbigliamento 6,60 euro 1.141,33 euro

Agricoltura 7,13 euro 1,204,84 euro

Alberghiero 7,17 euro 1.233,16 euro

Industria Metalmeccanica

7,32 euro 1266,57 euro

Edilizia 7,59 euro 1.313,23 euro

Alimentari 8,21 euro 1.420,78 euro

Credito 11,11 euro 1.800, 52 euro

4 marzo 2015 0

Controlli a tappeto della Polizia in tutta la provincia di Frosinone

Di admin

Il rafforzamento del controllo del territorio, fortemente voluto dal Questore Santarelli, che ha visto impegnati gli uomini dei Commissariati di Fiuggi, Cassino e Sora ha dato i suoi risultati.

Nella giornata di ieri, in diverse località della provincia di Frosinone, sono stati effettuati controlli volti a contrastare i reati predatori e lo spaccio di sostanze stupefacenti che hanno portato a segnalare all’Autorità Giudiziaria e Amministrativa 8 persone tra cui due cittadini stranieri

Gli uomini del Commissariato di Fiuggi hanno sorpreso due giovani mentre facevano uso di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti e sequestrati 6 grammi di hashish e 2 grammi di marijuana, mentre i due ragazzi, di cui uno minorenne, sono stati segnalati all’Autorità Amministrativa.

Personale del Commissariato di Cassino ha denunciato due cittadini stranieri, sorpresi nella città martire, in violazione del foglio di via obbligatorio emesso nei loro confronti.

I poliziotti del Commissariato di Sora, hanno denunciato in stato di libertà un cinquantenne sorano per i reati di lesioni personali dolose e ingiuria.

Il perfetto coordinamento della Forze di Polizia, che ha visto sul campo anche gli uomini della Polizia Stradale, ha permesso di denunciare all’autorità giudiziaria, 2 cittadini per guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti, mentre un trentenne campano è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per il reato di furto aggravato.