Giorno: 17 marzo 2015

17 marzo 2015 0

Carabinieri “armati di libri” contro la violenza di genere, a Gaeta il generale Garofano e il capitano Lavecchia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Mi chiamo Beba” e “I Labirinti del Male”. E’ con la cultura e l’educazione, quindi anche con i libri, che due ufficiali dell’Arma dei Carabinieri cercano di dare il loro contributo per arginare il drammatico fenomeno del femminicidio, o, comunque, della violenza sulle donne.

Ieri sera, la chiesa sconsacrata della Sorresca a Gaeta ha fatto da teatro alla presentazione di due libri, entrambi editi da Infinito edizioni, che trattano l’argomento utilizzando strumenti diversi, ma arrivando alle stesse conclusioni. Al tavolo dei relatori il generale Luciano Garofano ex comandante del Ris di Parma, noto per aver investigato sui principali casi di cronaca nera, e attualmente per essere ospite fisso nella trasmissione Quarto Grado; il capitano Palma Lavecchia , ambasciatrice del telefono Rosa, l’ex assessore provinciale di Latina Fulvia Frallicciardi e Lucia Maltempo.

A fare da cornice all’iniziativa volta alla “tutela del rosa”, c’erano due giovanissime artiste, Francesca Colacioppo di Lanciano che, con i suoi quadri ha dato un tocco di allegro colore all’intera manifestazione, e Annalisa Imperatore di Alatri che ha allietato, con la sua splendida voce, i tanti presenti. Garofano, autore di “I labirinti del Male” affronta la problematica dei maltrattamenti e dello stalking, in genere in maniera tecnica, prendendo spunti da alcuni emblematici casi, ma anche studi statistici che dimostrano come il problema non è mai stato affrontato in maniera concreta.

(Riprese e Montaggio video Giuseppe Miele – actionstreamtv@gmail.com)

Nel suo intervento il generale ha dimostrato una profonda sensibilità e insofferenza per la situazione di stallo sull’argomento violenza di genere e ha fornito dati secondo i quali è dal 1990, che il fenomeno dei femminicidi si mantiene costante, anno per anno. Che mentre per gli omicidi in genere lo Stato ha saputo dare risposte per arginare il fenomeno e contenerlo in dimensioni accettabili, per i femminicidi, quegli omicidi frutto della brutalità dell’uomo sul sesso debole, non si è fatto nulla. Una situazione che lo ha portato a dire in maniera cruda “Lo Stato non ha voluto cercare soluzioni”, ma ha anche puntato l’indice contro la società in genere. “Restiamo indifferenti a ciò che ci accade attorno e roppo spesso – ha detto – tiriamo un sospiro di sollievo quando le cose succedono agli altri e non a noi”. Preoccupazioni che si fondano su una educazione che viene meno verso i giovani, gli unici a poter cambiare questa tendenza ma le prospettive sono tutt’altro che rosee. “Un uso smisurato di internet; un uso troppo spesso improprio dei social network anche da parte di giovanissimi, di coloro che dovrebbero essere tutelati e non esposti ai pericoli che circolano in rete”. Educare i giovani quindi al rispetto degli altri, ed in particolare, educare gli uomini del futuro a rispettare le donne. “Un uomo violento ha alle spalle un passato di violenza”.

Garofano e Lavecchia ne sono certi, e questo è uno dei maggiori punti di contatto di due libri, uno un romanzo e l’altro più tecnico, che in più punti raggiungono le stesse consapevolezze: anche i carnefici, nei casi di violenza sulle donne, hanno bisogno di cure. Il capitano, nel suo intervento attraverso cui ha illustrato il suo libro “Mi chiamo Beba”, ha voluto soffermarsi sulle difficoltà che deve superare una donna quando si tratta di denunciare una violenza subita. “Magari non è entrata mai in una caserma o in un commissariato neanche per denunciare la scomparsa di documenti, si trova a dover raccontare cose intime a persone che non sono preparate a svolgere quel ruolo”. Quindi, l’autrice consiglia alla vittima di cercare dei riferimenti che possano guidarla in un percorso di apertura e consentirle di approdare con maggior consapevolezza alle tappe che la denuncia, che senza dubbio dovrà esserci, implicherà. Il messaggio, pertanto, è rivolto anche a chi è più vicino alle vittime, affinché conquistino lentamente la loro fiducia, scardinando così il rapporto di patologica complicità che questa intrattiene con il suo carnefice.

17 marzo 2015 0

Basket: N.B. Sora 2000 sconfitta, 82-77, dalla Smit Roma

Di redazionecassino1

I volsci salgono così in classifica a quota 22 punti. Davanti al proprio pubblico non ha offerto solo una convincente prestazione degli uomini di Polidori, ma anche quello della festa e saluto a Elliott Johnson I sorani sono stati sempre avanti nel punteggio (massimo ___ lunghezze), ma i capitolini rientrano al fine 3° quarto, ma è mancato l’ultimo spunto. Travolgente la prima parte del quarto iniziale. La precisione e le comclusioni dominano la scena. I padroni di casa hanno meno deficienze e si portano sul +7 al 6° (16–9). Continuano a non brillare le percentuali degli ospiti e coach Iannucci preferisce ricorrere al time out al 8° (18–9). I canestri di Mariani (6) e Johnson (9) sono una piccola goccia nel mare locale. Neanche alcune sostituzioni risolvono il problema che, intanto, affligge un poco anche i rivali (23–14 al 10°). In avvio di secondo periodo prosegue la cavalcata biancoceleste con un Mariani in grande spolvero nonostante le sue condizioni fisiche, Johnson che domina in lungo e in largo il pitturato ospite, recuperando palloni preziosi anche in difesa. I capitolini con Bistarelli e Sorrentino cercano una sterile rimonta sul volsci, ma questi ultimi sono molto vivi e soprattutto precisi. Si torna negli spogliatoi con 16 punti di vantaggio (46-30). o dei flegrei ed il tecnico dei salernitani preferisce ricorrere alla sospensione (25–19 al 12°). Somma (3) e Guadagnola (2) provano a dare un segnale ai compagni e agli avversari (31–20 al 13°). Questi ultimi sono molto vivi e, soprattutto, precisi e risalgono la china sino al 34–30 del 16° (3–10 con due triple di Orefice). Immediato il minuto chiamato dall’allenatore del Sarno. La sua squadra prova ad allungare (anche sfruttando il bonus di falli raggiunto dai contendenti), ma non è il frangente adatto: 45–41 al 20°. Particolare l’andamento della terza frazione. Le percentuali non sono elevatissime. I padroni di casa provano a scappare, ma non vanno oltre il +10 al 25 (53–43). Gli ospiti dopo alcuni +8 toccati al 26° (56–48), al 27° (58–50), al 28° (60–52). Con i canestri di Aprea (3), Loncarevic (4) e Luongo (2) i partenopei rispondono ai colpi altrui (61–54 al 30°). Il +10 raggiunto due volte dai locali (66–56 al 32°, 70–60 al 34°) preoccupa coach Serpico che preferisce spendere un time out per impartire nuove direttive. Esegue anche due sostituzioni. Inizialmente il trend dell’incontro non cambia (74–63 al 36°), poi Aprea infila due preziose “bombe”: 74–69 al 38° ed immediata sospensione per il tecnico dei salernitani. Robinson (2) e Ferrara (3) ampliano subito la forbice (79–69 al 39°). Distanze inalterate sulla sirena (81–71). Trento si gode ora due giorni di relax e poi inizierà a pensare alla trasferta di Capo d’Orlando dove troverà il nuovo coach Gianmarco Pozzecco. Martedì in seconda serata potrete rivedere la partita su Rttr. Una festa doveva essere ed una festa é stata per Sora, con Johnson che saluta nel migliori dei modi i compagni, guidandoli al 3º successo consecutivo. Superata una Smit a due facce, completamente assente in un primo tempo che la Nuova Basket ha dominato, aggressiva ed efficace nella ripresa, dove al contrario sono stati gli ospiti a farsi preferire, andando vicini anche alla vittoria. Sui 40′ minuti però é stata Sora a farsi preferire, con gli uomini di Polidori partiti molto forte, complice l’ottimo impatto sul match di Mariani e Johnson. Smit al contrario molto contratta, anche se un paio di triple nel finale della prima frazione rendono meno amaro un distacco subito importante (23-14). Nella seconda frazione però prosegue il monologo dei padroni di casa, sempre protagonisti Johnson e Mariani, anche se nel complesso funziona quasi tutto nell’organico di Polidori, che torna negli spogliatoi con 16 punti di vantaggio (46-30). Partita comunque tutt’altro che chiusa, visto che nella ripresa cambiano volto gli ospiti, mentre Sora accusa un evidente calo di tensione, perdendo la sicurezza e la fluidità del primo tempo. Non a caso il vantaggio della Nuova Basket si assottiglia, con Iannucci che cavalca un Cianfanelli letale dalla lunga distanza, ben coadiuvato da Bistarelli e da un Biasich intermittente, con il tabellone che a questo punto dice “solo” +8 (68-60) Sora. Ultimi 10′ minuti che viaggiano ancora sul filo dell’equilibrio, con la Smit che riesce a recuperare terreno ulteriormente, impattando a 2′ minuti dalla fine grazie ad un gioco da 3 punti di Biasich (69-69). Nel finale però sale in cattedra uno splendido Myers, che negli ultimi 120″ secondi realizza 7 punti pesantissimi, portando i suoi alla 3ª vittoria consecutiva. Molto amaro in bocca invece per la Smit, ma come ammesso dallo stesso Iannucci é quasi impensabile portare a casa punti dopo primi tempi così brutti.

Parziali: 23-14 / 23-16 / 13-21 / 23-26 N.B. Sora 2000: Caldarozzi 2, Reali n.e., Myers 11, Mariani 21, Serra 15, Chiari 6, Fiorini 2, Iannarilli n.e., Johnson 25; Coach: Polidori Smit Roma Centro: Ligas 8, Biasich 7, Cianfanelli 14, Sorrentino 12, Compagnoni 5, Gabrieli 12, Colavelli n.e., Bistarelli 13, Vercellino 6, Grilli 0; Coach: Iannucci Terza vittoria consecutiva per la Expert Lucarelli N.B. Sora 2000, che davanti al pubblico di casa ha battuto la Smit Roma per 82 a 77.

17 marzo 2015 0

Rocca D’Evandro sempre più sola a guidare il girone ‘C’

Di redazionecassino1

Fermi gli altri tornei, nel girone ‘C’ si è giocata la 26esima giornata. Resta saldamente in testa al torneo Rocca D’Evandro, a quota 64 punti, dopo la vittoria in trasferta nel derby campano con lo Sporting Pietravairano, vinto per 0 a 2. Nov le lunghezze che distanziano la capolista da Tibia e Peroni nonostante la conquista dei tre punti con la vittoria ottenuta nel match che vedeva la formazione cassinate opposta al Caffè Centrale superato per 4 a 3. Resta in zona playoff Atletico Marzano Appio fermato da un pareggio, 2 a 2, sul terreno del Collecedro.Dal prossimo turno via ai playoff con nuovi sponsor e nuovi incontri. F. Pensabene

17 marzo 2015 0

Sabato 21 si svolgerà regolarmente il mercato settimanale

Di redazionecassino1

Si svolgerà regolarmente il mercato settimanale sabato 21 marzo, nonostante ricorra la festività di San Benedetto, patrono della città di Cassino, secondo quelle che sono le consuete modalità. Gli uffici comunali hanno provveduto ad inviare apposita comunicazione ai diretti interessati confermando il regolare svolgimento sia del mercato dell’abbigliamento che di quelli dell’ortofrutta, delle calzature e degli abiti usati. È quanto contenuto in una nota a firma dell’assessore alle attività produttive di Cassino Mario Costa.

17 marzo 2015 0

Agevolazioni dal 30 al 50% sui trasporti pubblici nel Lazio

Di redazionecassino1

Agevolazioni pari al 30% del costo dell’abbonamento annuale sui servizi di trasporto pubblico locali per chi ha un reddito ISEE non superiore ai 23 mila euro e fino al 50% per chi ha un reddito inferiore ai 10 mila euro. E’questo il provvedimento che è stato emanato dalla Regione Lazio e comunicata agli uffici comunali. A renderlo noto è l’assessore ai trasporti e vicesindaco del Comune di Cassino, Mario Costa, a seguito della nota inviata dalla Regione Lazio con cui è stata comunicata agli uffici comunali. “Con questo provvedimento – ha sottolineato l’assessore Costa – l’intera popolazione residente nella Regione Lazio può beneficiare, se rispondente ai requisiti di reddito e agli altri indicati dalla commissione, ad una decurtazione considerevole del costo annuale dell’abbonamento per l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico”. L’agevolazione potrà arrivare fino al 50% sul costo complessivo per chi ha un reddito ISEE inferiore a 10 mila euro, è minore o orfano di uno o entrambi genitori, è disabile, oltre che per i mutilati o invalidi di guerra, per i nuclei monoparentali con almeno un figlio a carico e per i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico. Chi risponda a questi requisiti, già da mercoledì 18 marzo può compilare, sul sito della Regione Lazio all’indirizzo: www.regione.lazio.it/agevolazionitariffarietpl, la richiesta di agevolazione sull’abbonamento annuale per il trasporto pubblico. Le richieste di agevolazione dovranno essere protocollate presso l’ufficio protocollo del Comune di Cassino. Saranno, infatti, i funzionari e gli addetti degli uffici comunali competenti a vidimare, una volta verificati i requisiti dei richiedenti, le istanze presentate.

17 marzo 2015 0

Lotta alla pesca illegale, la Capitaneria di Porto di Gaeta sequestra due chilometri di rete. Maxi sanzioni per pescatori e commercianti irregolari

Di admin

La Guardia Costiera, con personale militare specializzato nel settore pesca, ha provveduto ad effettuare una attività serrata di controlli lungo il litorale di giurisdizione, per garantire la vigilanza dell’ecosistema marino.

Controlli mirati lungo tutta la filiera della pesca, sono stati svolti in mare con l’impiego, anche in orari notturni, delle unità navali nonché a terra, nei punti vendita e di commercializzazione della zona.

Tale attività di controllo, come ormai accade da tempo, si è avvalsa della moderna strumentazione, che consente di conoscere l’attività dinamica delle maggiori unità da pesca.

I controlli si rendono necessari per i possibili gravi danni che l’impiego di strumenti non consentiti arrecano al locale ambiente marino: una rete da pesca collocata in modo indiscriminato provoca la pesca di risorse ittiche nella fase giovanile ovvero di specie vietate. L’azione di controllo dei militari della Guardia Costiera di Gaeta e Formia ha portato a significativi risultati, anche in termini di illeciti riscontrati.

La vigilanza effettuata dalla motovedetta di polizia marittima CP 724 ha consentito di monitorare essenzialmente la pesca sotto costa e di sottoporre a sequestro, in varie zone del litorale – in particolare nel Parco Regionale Riviera d’Ulisse – un totale di circa due chilometri di rete da posta collocati all’interno dell’area di pregio ambientale. L’uso di tali attrezzi da pesca, collocati fraudolentemente in violazione della normativa sulla pesca sportiva ed in materia di sicurezza della navigazione, ha portato all’elevazione di sanzioni per un totale di sedicimila euro.

Il pescato intrappolato nella rete, ancora vivo, veniva rigettato in mare.

In un caso, la Guardia Costiera di Gaeta riusciva ad individuare un pescatore sportivo mentre imbarcava la rete sulla propria unità da diporto. Fermato dai militari si procedeva al sequestro della rete ed alla elevazione di una sanzione pecuniaria di tremila euro.

Analogamente, i controlli a terra che hanno impegnato i militari della Guardia Costiera si sono concentrati sulle attività commerciali presenti in zona, verificando la regola applicazione della normativa in materia di tracciabilità del prodotto.

Tali controlli, necessari per la tutela del consumatore, hanno comportato il sequestro di oltre trenta chilogrammi di prodotto “non tracciato” e sanzioni amministrative per oltre sedicimila euro.

I controlli hanno riguardato anche gli automezzi impiegati per il traporto del materiale ittico: il proprietario di un furgone, intento al trasporto di prodotto ittico, veniva sanzionato per mancanza delle previste autorizzazioni.

In una circostanza i militari della Guardia Costiera di Gaeta hanno dovuto procedere nei confronti del titolare di un esercizio commerciale, per aver tentato di impedire l’attività di controllo e ispezione del locale e del prodotto ittico presente, elevando una sanzione pecuniaria di quattromila euro.

17 marzo 2015 0

Schianto frontale tra auto e furgone a Cassino, gravemente feriti i due conducenti

Di admin

Sono gravi le condizioni di un uomo e di un donna che, nella tarda mattinata di oggi, sono stati sfortunati protagonisti di un incidente stradale. Il sinistro è avvenuto in via San Bartolomeo incriocio via Selvotta, quando il furgone Ducato guidato dall’uomo, si è scontrato con una utilitaria guidata dalla donna. Lo schianto è stato violentissimo e frontale. Sul posto, oltre agli operatori del 118 e ai vigili del fucoo di Cassino, sono intervenuti anche gli agenti della municipale. I due sono stati trasportati a Cassino per ferite giudicate serie.

Er. Amedei

17 marzo 2015 0

Tragedia sfiorata alla materna di Guarcino, crolla in mensa muro di contenimento. Tre feriti

Di admin

Sarebbe potuta essere una tragedia senza eguali se, invece delle 9.30. il muro fosse franato qualche ora più tardi quando in mensa nella scuola materna di Guarcino, ci sarebbero stati i bambini. E’ accaduto questa mattina quando la parete, che fungeva anche da contenimento per un terrapieno su cui passava una strada privata, è crollata nella mensa del plesso scolastico. Circa 45metri cubi di detriti che hanno travolto anche una delle tre inservienti che stavano preparando il pasto per i bambini. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Fiuggi che hanno imm,mediatamente fatto evacuare lo stabile dai bambini mentre la donna è stata soccorsdsa dagli operatori del 118 di Frosinone e classificata con codice giallo, lievemente ferite anche le sue due colleghe. Chiuso anche la linea del gas coinvolta nella frana. Bilancio accettabile considerando che nella mensa, di lì a poco, sarebbero arrivati i bambini. Er. Amedei

17 marzo 2015 0

Festa dell’unità nazionale, inno e bandiera, Pompeo: “Doveroso ricordare i momenti fondamentali della nostra storia”

Di admin

“Il 17 marzo rappresenta una data importante per la nostra storia, in quanto si ricorda il valore fondante dell’unità d’Italia e dei simboli che incarnano la ricorrenza come la bandiera e l’inno di Mameli. Una giornata fondamentale dunque, che va celebrata e onorata da parte delle Istituzioni perché rinnova il sentimento dell’appartenenza e dell’italianità”.

Lo dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, presente alla cerimonia della “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera” che si è svolta nel Palazzo della Prefettura.

“Una cerimonia semplice ma doverosa – ha concluso Pompeo – per la quale rivolgo sentiti apprezzamenti a S.E. il Prefetto, sempre attenta a coinvolgere le istituzioni e il territorio, così come va sottolineato il dono del rappresentante di Unindustria: una bandiera prodotta da un’azienda del territorio. Di certo un gesto che rafforza il valore simbolico della giornata”.

17 marzo 2015 0

Maxi sequestro di materiale contraffatto a Latina

Di admin

Un importante sequestro di materiale contraffatto e’ stato portato a termine dalle fiamme gialle del comando provinciale di Latina nel fine settimana nel corso di un’operazione volta alla prevenzione e alla repressione della contraffazione e alla tutela del “made in italy”. Una telefonata giunta al servizio di pubblica utilita’ “117”, del comando provinciale Latina, avvisava della presenza nei pressi di un supermercato di Borgo Sabotino di un cittadino extracomunitario intento nella vendita di merce contraffatta. Una pattuglia delle fiamme gialle della dipendente compagnia di Terracina, tempestivamente attivata dalla sala operativa si recava sul posto individuando il responsabile che, dopo un tentativo di fuga, veniva bloccato e sottoposto a controllo. La merce contraffatta per un totale di 885 pezzi delle piu’ prestigiose griffe come d&g, gucci, colmar, hogan, armani, burbery, era adagiata ordinatamente dinanzi all’ingresso del supermercato. I militari visto il grosso quantitativo di merce contraffatta esposta, procedevano quindi alla ricognizione della zona e individuavano il mezzo del soggetto utilizzato per il trasporto (fiat ulisse) “trasformato” per l’occasione in un vero e proprio deposito della contraffazione. Un controllo piu’ accurato consentiva di appurare, inoltre, che il mezzo era sprovvisto di copertura assicurativa in violazione dell’art 193 c.1 e 2 del c.D.S.. La merce veniva posta sotto sequestro a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. Per il soggetto responsabile (e.M.M., queste le sue iniziali), originario del marocco ma domiciliato ad ardea e’ scattata la denuncia a piede libero i violazione dell’art 474 c.P. L’autovettura invece e’ stata concentrata presso un deposito giudiziale autorizzato.