Giorno: 27 marzo 2015

27 marzo 2015 1

Funivia a Cassino, il 31 la proposta della Marmolada in commissione

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“A seguito della pubblicazione sul Burl della delibera contenente l’atto di indirizzo per la realizzazione e la gestione della funivia Cassino – Montecassino, presso l’ufficio protocollo del Comune di Cassino è giunta la proposta progettuale della società Marmolada. Un progetto che la commissione lavori pubblici esaminerà nella seduta convocata per martedì 31 marzo.” A renderlo noto il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, che ha voluto tracciare una breve illustrazione del progetto, protocollato in data 18.03.2015, dalle società Marmolada e Leitner per la realizzazione della funivia. “Un’opera – ha continuato il sindaco – sicuramente di grande effetto architettonico e che contribuisce allo sviluppo della città perché di sicura attrazione turistica. Come è possibile vedere da alcune immagini contenute nel progetto, la stazione di partenza all’interno della Villa Comunale di Cassino in realtà vede il suo maggior sviluppo al livello stradale (via Di Biasio), nel pieno rispetto, così come per l’uso dei materiali proposti (vetro e strutture leggere), della volontà dell’Amministrazione che nell’atto di indirizzo per la realizzazione della funivia ha specificato che tale struttura doveva avere un impatto minimo sul luogo dove andrà a nascere. Una prima visione del progetto presentato dalla Marmolada, in attesa del passaggio all’interno della commissione competente, è sufficiente per poter affermare che la funivia rappresenta un’occasione importante per la città di Cassino e che può contribuire in maniera determinante ad un miglioramento dell’intero indotto turistico cittadino. Basta prendere in esame, ad esempio, le tante funivia e seggiovie realizzate nel mondo, tutte con l’obiettivo di ridurre il traffico cittadino, migliorare la vivibilità ed aumentare l’attrazione turistica come (fonte ‘La Repubblica’ del 24.11.2013) avvenuto ad Ankara, Tolosa, Lagos, Lima, La Paz, Barcellona e per rimanere in casa nostra: Genova, San Marino, Roma, Capri ed Erice. Siamo giunti, quindi, nella fase prettamente operativa di un progetto in cui crediamo molto per un’opera che è in grado di intercettare un flusso turistico che oggi è diretto solo in Abbazia, offrendo, di fatto, ai turisti la possibilità di far visita non solo al monastero, ma anche ai luoghi culturali ed ambientali della nostra città, con enormi vantaggi per le attività produttive e commerciali di Cassino.” Martedì prossimo, dunque, il progetto approderà in commissione lavori pubblici presieduta dal consigliere Gennaro Fiorentino che ha aggiunto: “durante la seduta di commissione avremo modo di analizzare la proposta architettonica presentata dalla Marmaloda sulla quale mi sento, sin da ora, di esprimere apprezzamento. Un progetto valido che rispetta le richieste dell’Amministrazione contenute nell’atto di indirizzo e che vanno nella direzione del poco consumo del suolo. Un’opera, quindi, che riesce ad unire alla validità della proposta architettonica la funzionalità turistica, rappresentando, contrariamente a quanto sostenuto da chi ‘gufa’ sempre e comunque e critica qualsiasi scelta dell’amministrazione senza mai avanzare una pur semplice idea migliorativa o sostitutiva, un’opportunità di sviluppo e crescita per il territorio. Vorrei inoltre replicare, senza alcuna polemica, a chi di recente ha voluto a mezzo stampa citare normative relative alla realizzazione della funivia che è compito dei tecnici comunali analizzare. Innanzi tutto voglio sottolineare che non abbiamo bisogno di lezioni, men che meno da parte di chi, pur essendo stato amministratore di questa Cassino in passato, non ha speso una sola parola per il bene della città, e poi in merito alle norme citate esprimo più di qualche perplessità dal momento che l’art. 5 della legge 59 del 9.09.1983 è in piena sintonia con la strada intrapresa dall’amministrazione, mentre per quanto riguarda l’articolo 8 della stessa legge sulla ‘idoneità morale, tecnica e finanziaria’ non credo si debba aggiungere niente, è sufficiente la presenza di società leader del settore per la gestione e la costruzione di impianti a fune. Infine un ringraziamento lo rivolgo al già assessore Antimo Pietroluongo che ha lavorato per rendere realtà questo progetto.”

27 marzo 2015 1

Non paga l’Inps ai dipendenti, arrestata imprenditrice di Sora

Di admin

Non paga l’Inps ai dipendenti e finisce in galera. Questa mattina i carabinieri di Sora hanno arrestato una imprenditrice del posto su ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Frosinone per aver omesso il versamento delle ritenute previdenziali ai suoi dipendenti. I fatti risalgono al 2009 e la somma non versata supera i 10mila euro. All’imprenditrice sono stati concessi gli arresti domiciliari e deve scontare una pena di un mese e 20 giorni oltre a 300 euro di multa.

Er. Amedei

27 marzo 2015 0

Maltempo, piogge torrenziali e grandine in Ciociaria. Strade allagate e auto in panne

Di admin

Maltempo in ciociaria. Pioggia e grandine hanno caratterizzato il primo pomeriggio di oggi in buona parte della provincia di Frosinone in particolare nel Cassinate e nel sorano. La grandine non ha risparmiato quasi nessun centro, mentre i disagi maggiori per la pioggia sono stati registrati suylla strada provinciale Farnese tra Isoletta d’Arce e San Giovanni Incarico. Lì sono stati contati in alcuni tratti anche 30 centimetri di acqua che coprivano la carreggiata, con le cunette laterali completamente allagate. Diverse le auto rimaste in panne con automobilisti soccorsi dai vigili del fuoco.

Er. Amedei

27 marzo 2015 0

Senza tetto muore sulla panchina nella villa comunale di Cassino mentre i bambini giocano a pallone

Di admin

Era in villa comunale di Cassino disteso su una panchina tra i ragazzi che giocavano a pallone. Il rumore on lo svegliava e neanche qualche pallonata che di tanto in tanto gli arrivava. Quando un ragazzo incuriosito si è avvicinato ha capito che qualcosa non andava per il verso giusto, ed infatti, quell’uomo era morto. Tutto è accaduto alle 2.30 di oggi, ma la data del decesso non è stata ancora stabilita. Sul posto è arrivata un’ambulanza e un’auto medica, ma costatato il decesso, per rimuovere la salma è stato necessario far intervenire direttamente una ditta di pompe funebri. L’uomo era un 51enne italiano, senza tetto, con residenza a Cervaro, ma assistito della Caritas di Cassino. Spesso lo si vedeva proprio in quella zona. L’ipotesi del decesso più probabile sarebbe l’infarto.

Ermanno Amedei

27 marzo 2015 0

Arresti a Ceprano, il sindaco poliziotto: “Per essere buon amministratore basta essere al servizio della gente”

Di admin

L’onta dell’arresto del sindaco di Ceprano aveva già duramente colpito nel 2013 la credibilità dell’istituzione Comune. Ieri l’ulteriore spallata con un nuovo arresto di quello che era stato il primo cittadino e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale. Oggi Ceprano ha una nuova amministrazione con a capo il sindaco Marco Galli che di mestiere fa l’agente di polizia. A lui chiediamo: serve essere un poliziotto o un appartenente alle forze dell’ordine per essere un sindaco onesto? “Assolutamente no – dichiara il primo cittadino di Ceprano – Bisogna essere consapevoli di svolgere un compito difficile al servizio della comunità”.

Cosa ha cambiato nella macchina amministrativa rispetto alla precedente gestione che ha fatto una fine così indecorosa?

“Dal momento che ci siamo insediati abbiamo cominciato a ragionare su come intervenire all’interno di una amministrazione priva di obiettivi ed indirizzi politici, che usciva da un commissariamento conseguenza di un arresto del sindaco precedente. Pertanto, dopo lo sdoppiamento dell’Assessorato ai lavori pubblici, con la costituzione dell’Assessorato all’urbanistica e all’ambiente, con a capo due giovani ingegneri, abbiamo deliberato la riorganizzazione del settore tecnico, individuando, come responsabile un D3 e precisamente un ingegnere. È chiaro che questo processo è condizionato, purtroppo, da limiti di legge relativi all’assunzione di personale e  di spesa, nonché dalla tempistica dettata dalle procedura di informazione. Nel frattempo, a dimostrazione della forte volontà di cambiamento in direzione di una maggiore trasparenza, abbiamo prima aderito ad Avviso Pubblico e poi ai “Patti di integrità”. È una mia sensazione che l’atteggiamento chiaro nel rapporto tra tecnici e politica determinatosi con la nostra amministrazione, abbia liberato il sistema da forti ingerenze, sul lavoro dei vari settori, deleterio ai fini di un sereno e chiaro rapporto con l’utenza”.

Che clima ha trovato al momento dell’insediamento e che trova ancora oggi?

“Il clima che ho trovato è stato sostanzialmente collaborativo, ovviamente, con diverse sfumature. Sono certo che, attraverso l’attivazione delle procedure contrattuali, ora ferme per la mancanza del “Piano delle Performance “, il processo di rinnovamento ed efficientamento della macchina comunale subirà un’accelerazione”.

Er. Amedei

27 marzo 2015 0

Ancora fiamme alla ex Secim di Cassino, il terzo in questa settimana

Di admin

Ancora fiamme alla ex Secim di Cassino. L’azienda che lavorava il marmo in via Vagni, a ridosso del fiume Gari e della pista pedonale, sembra essere diventata l’obiettivo preferito di qualche idiota che si diverte a mettervi fuoco. Quello di stamattina, infatti, è il terzo incendio di questa settimana appiccato nella struttura che un tempo erano gli uffici della ditta. Il fumo che si diffonde nel circondario, nelle case e alle vicine scuole, ha fatto lanciare l’allarme e per la terza volta sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Una struttura, quella, che andrebbe bonificata quanto prima.

Er. Amedei