Giorno: 26 aprile 2015

26 aprile 2015 0

Salvatore Oliva vince la puntata de “L’Eredità” su Rai 1

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino oggi ancora alla ribalta di un programma di Rai 1, Salvatore Oliva, ventisettenne,laurea in girisprudenza con la passione del teatro e dell’insegnamento del diritto, ha vinto la puntata di questa sera de “L’Eredità”, il programma pre-serale, condotto da Carlo Conti. Il giovane cassinate, accompagnato dall’amico Angelo, ha sbaragliato tutti gli altri concorrenti e si è portato a casa 40.000 euro. Nel minuto finale a sua disposizione è riuscito ad indovinare la parola di riferimento con le altre cinque scelta nel rush finale del programma. Una bella soddisfazione per il giovane Salvatore che “non ha fatto fare brutta figura alla fidanzata Nives” come ha avuto modo di ironizzare il neo campione con il conduttore Carlo Conti nel corso della puntata. E domani ci riprova… a vincere l’intero montepremi. F. Pensabene

26 aprile 2015 0

Pescatore trova corpo di 37 nel canale Mussolini a Latina, indaga la Squadra Mobile

Di admin

Macabro ritrovamento questa mattina alle 10 30 circa nelle acque del canale Mussolini in località Foce Verde a Latina. A notare il corpo senza vita di un uomo che galleggiava è stato un pescatore che ha lanciato l’allarme  facendo arrivare sul posto gli uomini della Squadra Mobile. Dalle prime indagini è emerso che si trattava di un indiano, Singh Amarjyd, 37 anni. Il   cadavere che non presenta segni evidenti di violenza è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mentre continuano le indagini da parte della Mobile.

Er. Amedei

 

26 aprile 2015 0

Assenteismo in Comune a Cassino, “L’Arena” di Rai 1 ricorda al sindaco quali strumenti ha contro i fannulloni

Di redazionecassino1

Chi a fare la spesa, chi a fumare, chi addirittura a messa mentre l’orario di lavoro “corre”. Il blitz dei Carabinieri che ha smascherato e denunciato undici dipendenti del comune di Cassino ora arriva persino su Rai 1 al programma “L’Arena” condotto da Massimo Giletti su Rai1. Nel corso del programma che ha trattato, nella puntata di oggi pomeriggio, di assenteismo e di “fannulloni” nella pubblica amministrazione c’era anche il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. Il Primo Cittadino, accompagnato dal neo assessore al personale Igor Fonte, incalzato da due quesiti fondamentali posti da Giletti, quali i provvedimenti che si intende adottare in questi casi “eclatanti”, documentati dai filmati dei militari dell’Arma, e soprattutto per quali motivi non si sia ancora provveduto ad adottare i provvedimenti che la legge mette a disposizione dei sindaci, ha cercato la solita scappatoia di essere ancora in una “fase di indagine in corso” e che solo quando ci sarà il rinvio a giudizio si procederà all’applicazione del provvedimento disciplinare, senza tralasciare la costituzione di parte civile per danno erariale nella futura fase processuale. Ora per quanto garantisti si possa essere la risposta data da Petrarcone appare un po’ quella di chi vuole ‘arrampicarsi sugli specchi” visto che, secondo Faverin, esponente Cisl, esistono misure concrete applicabili a casi del genere e chi ha il potere-dovere di applicarle deve farsene carico senza indugi. Del resto lo stesso Petrarcone ha ammesso che l’Amministrazione conoscesse l’esistenza di ‘qualche anomalia nel sistema’ avendo più volte emanato direttive sul rispetto dell’orario e della presenza sui luoghi di lavoro nei vari settori comunali.  Come andrà a finire questa storia, forse è ancora presto per dirlo. Quel che è certo, dopo il clamore suscitato, l’amministrazione Petrarcone qualche provvedimento dovrà adottarlo. Se lo aspettano i cittadini di Cassino e quei tanti dipendenti comunali che svolgono il loro lavoro “a tempo pieno”. F. Pensabene

26 aprile 2015 0

Tentativo di rapimento del bimbo di Frosinone, i carabinieri confermano: ” Tutto un equivoco”

Di admin

Aveva creato scalpore e timore il racconto fatto da un bambino di 8 anni di Frosinone secondo il quale la sera del 17 aprile in via Maria, due uomini tentarono di rapirlo. Gia da subito i carabiniri furono chiari nel sostenere la tesi dell’equivoco, ma la notizia meritava comunque un approfondimento che puntualmente è arrivato. Le indagini condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frosinone unitamente ai militari della Stazione di Frosinone sono risaliti all’identità delle due persone a bordo dell’utilitaria e dell’esatta dinamica dell’evento. Quella sera infatti un uomo mentre era alla guida di una Fiat Punto attraversando Piazza De Mattaehis in direzione via Maria, ha notato un suo amico che si stava incamminando verso casa a piedi con pesanti buste della spessa, quindi ha deciso di dargli un passaggio sino alla sua abitazione che si trova proprio davanti a quella del bambino, una volta giunto nei pressi della casa azionando l’indicatore di direzione destro si accostava facendo scendere l’amico, il quale lavorando come operaio edile in questo periodo ha già la pelle brunita dal sole. Ne l’operaio ne l’amico si sono accorti che il piccolo si fosse spaventato, quindi uno ripartiva mentre l’altro attraversando di corsa la strada se ne è andato a casa. “Quindi – si legge in una nota dell’Arma – come reputato subito dai militari operanti l’evento, ora chiarito, non era affatto un tentativo di rapimento, ma un semplice fraintendimento della realtà da parte di un bambino”.

Er. Amedei

26 aprile 2015 0

La Madonna di Canneto a Piedimonte San Germano, iniziative in corso dell’associazione “Io non Perdo”

Di admin

Nella peregrinatio diocesana la Madonna di Canneto tocca anche Piedimonte San Germano. La comunità locale si sta adoperando da tempo per accogliere la Madonna che sarà a Piedimonte dal 25 al 30 aprile. Numerose le celebrazioni e i momenti di preghiera e meditazione,dedicati a tutti, anche ai bambini. Grande impegno da parte del parroco don Tonino Martini e del priore della compagnia di Canneto Salvatore Delicato. Per l’occasione speciale l’associazione “Io non perdo” in memoria di Antonio Costa, presieduta da Natalia Costa ha voluto curare alcune iniziative. Tra queste collaborare nell’ allestimento di una fiaccolata in onore della Madonna e la stampa di una cartolina commemorativa a tiratura limitata di soli 500 esemplari rappresentante l’icona della Madonna di Canneto, lo stendardo della compagnia e le chiese della città. Nell’ ambito del periodo della peregrinatio sarà presentato anche il libro della professoressa Montanaro dal titolo “Piedimonte e la Madonna di Canneto “.