Giorno: 22 maggio 2015

22 maggio 2015 0

Giovedì 28 maggio Zingaretti a Pontecorvo per la lista per Pontecorvo Paolo Renzi sindaco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Liberiamo Pontecorvo e ricostruiamo la democrazia dei cittadini”, queste le parole del candidato sindaco Paolo Renzi che sta continuando ad incontrare i pontecorvesi nelle piazze e nelle contrade della città fluviale per ascoltare dal vivo le istanze dei cittadini. L’obiettivo è quello di continuare l’ascolto e il confronto. Per questo la lista Per Pontecorvo lancia la proposta della democrazia partecipata attraverso le giunte itineranti. Il progetto è stato annunciato dal candidato sindaco Paolo Renzi nel corso dell’incontro con i residenti nel complesso delle case Fiat. “Vogliamo portare l’amministrazione tra la gente. Il palazzo municipale avrà le porte sempre aperte e faremo di più: le giunte municipali saranno itineranti in modo tale da confrontarci immediatamente con i cittadini. E se dovessimo vincere la prima giunta itinerante si svolgerà in questa zona. Ho ascoltato i vostri problemi e avete ragione. C’è molto da fare per il decoro urbano e per la sicurezza e per farlo ci consorzieremo con altri comuni per aumentare l’organico della polizia municipale. Ci batteremo per l’ambiente che è uno dei capisaldi del mio personale impegno politico e la dimostrazione è data dell’esposto contro i miasmi che ho depositato due anni fa”. E poi il gran finale con l’annuncio: “La sera del 28 maggio ci sarà una grande festa popolare con un ospite d’eccezione: il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha deciso di venire da noi a Pontecorvo perché ha creduto nel nostro progetto fin dall’inizio e ci ha garantito la sua partecipazione”.

22 maggio 2015 0

Dal 29 maggio tornano i “Security Point”

Di redazionecassino1

“Da venerdì 29 maggio riparte l’attività dei security point che saranno operativi anche in altre zone della città.” A renderlo noto l’assessore alla Polizia Locale, Igor Fonte, in merito all’iniziativa sperimentale che dopo il gran successo registrato nella prima fase è divenuto ormai un appuntamento fisso. “Come è ormai noto – ha continuato Fonte i security point sono un servizio di sicurezza partecipata e di prossimità che risponde alle esigenze dei cittadini e che consente un maggiore presidio del territorio. Un servizio, svolto in località prefissate e ripetute ciclicamente, finalizzato all’incontro con i cittadini, che finora ha riguardato quattro quartieri di Cassino. Durante la prima fase del progetto abbiamo riscontrato una grande partecipazione da parte dei cittadini che hanno apprezzato il progetto ed è per questo che è stato deciso di estenderlo anche ad altre zone della città. Un’attività di Front Office, che ha permesso di risolvere diversi problemi che ci sono stati segnalati. Mi riferisco ad esempio alla viabilità, alla prevenzione stradale, al rispetto del codice della strada, ma anche problemi di natura manutentiva che, a seguito delle segnalazioni, sono stati prontamente risolti dagli uffici comunali competenti. Ed è proprio partendo da questi presupposti che abbiamo deciso di estendere l’attività dei security point a tutta la periferia di Cassino, partendo già da venerdì con il primo appuntamento che avrà luogo a partire dalle 9.30 a San Pasquale e dalle 10.15 a San Michele. Riparte, quindi, l’attività di questo importantissimo servizio di front office che svolge un ruolo fondamentale sia in termini di vigilanza che come punto di ascolto a cui i cittadini fanno riferimento per le segnalazioni.”

Di seguito si riportano i prossimi appuntamenti dei Security Point

Località San Pasquale 29/05/2015 dalle ore 9.30 alle ore 10.15 e San Michele dalle ore 10.30 alle ore 11.15

Località Caira 5/06/2015 dalle ore 9.30 alle ore 11.00.

Località San Bartolomeo 12/06/2015 dalle ore 9.30 alle ore 11.30.

Località Solfegna Cantoni 19/06/2015 dalle ore 8.45 alle ore 9.15 e Colosseo dalle ore 9.30 alle ore 11.

Località Sant’Angelo Corso Trieste il giorno 26/06/2015 dalle ore 9.30 alle ore 11.00.

22 maggio 2015 0

Don Antonio Mazzi “Cittadino Onorario” di Cassino

Di redazionecassino1

Suggestiva e importante cerimonia questa mattina nella Sala Consiliare “Gaetano Di Biasio” del comune di Cassino, per la consegna della “Cittadinanza Onoraria” a Don Antonio Mazzi. “Oggi l’assise comunale conferisce un importante riconoscimento ad una persona illustre che noi ormai consideriamo a tutti gli effetti un nostro concittadino. Don Antonio Mazzi è stato ed è una figura che fa parte del patrimonio civile di Cassino.” Con queste parole il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, ha aperto il suo intervento, all’interno di una Di Biasio gremita, nel corso del Consiglio Comunale per il conferimento della cittadinanza onoraria a Don Antonio Mazzi. “Caro Don Antonio – ha continuato il sindaco – hai dato tanto alla nostra comunità attraverso l’opera della fondazione Exodus, brillantemente portata avanti in questi anni da Luigi Maccaro e dai tanti operatori e volontari, i quali hanno sicuramente contribuito a costruire con il loro servizio quotidiano una città solidale, accogliente e inclusiva per i più deboli quale oggi è Cassino. Devo dire che per me l’emozione oggi è duplice perché ho avuto l’onore di conoscerti nel mio primo mandato di sindaco, più di vent’anni fa, quando fu realizzata per la prima volta a Cassino la manifestazione Mille Giovani per la Pace. Un appuntamento che nel tempo è entrato a far parte della tradizione della nostra città, come momento non solo di festa, ma anche e soprattutto di riflessione oltre che di programmazione per la comunità che vogliamo costruire. Sono passati 21 anni da quella prima edizione e 25 dalla fondazione di Exodus a Cassino e la tua opera, oggi come allora, è indispensabile per proseguire il percorso di crescita di quella che nata come una comunità di recupero è stata capace di diventare, grazie all’ottimo lavoro svolto da tutti i membri che ne fanno parte, un vero e proprio punto di riferimento per la città. Non possiamo fare altro che ringraziarti per tutto quello che hai fatto e la cittadinanza onoraria in tal senso vuole essere un tributo alla tua dedizione ed al tuo amore che hai sempre dimostrato per la nostra città. La giornata odierna è la testimonianza di tutto quello che è stato fatto, ma allo stesso tempo rappresenta per tutti noi l’impegno a proseguire su questo percorso, consapevoli che le nuove sfide che ci troveremo davanti potranno essere affrontate e vinte solo con un vero lavoro di squadra. Per questo occorre una piena sinergia tra Amministrazione, terzo settore, associazionismo e società civile, per fare di Cassino un modello sociale di riferimento. Cassino, città per la Pace per antonomasia, è luogo in cui i valori che tu, Don Antonio, hai sempre sostenuto con impegno e passione nel corso della tua vita, trovano slancio e rappresentano il faro che guida il cammino verso il perseguimento del bene comune. Sono onorato, orgoglioso ed entusiasta, quindi, di accoglierti ufficialmente come cittadino di Cassino e sono sicuro di interpretare il sentimento di tutti i cittadini nel ringraziarti per la tua opera, missione e, soprattutto, testimonianza di vita, un esempio per tutti noi e per le generazioni future”. E’ stata la voltadel Presidente del Consiglio comunale, Francesco Carlino, che ha sottolineato l’onore per la Città di annoverare fra i suoi illustri cittadini Don Antoni Mazzi, per il contributo e l’impegno dato a Cassino con il lavoro della sua Comunità in favore di tanti giovani. “Il conferimento della cittadinanza Onoraria vuole testimoniare, ufficialmente e pubblicamente, l’onore che sente questa Città di annoverare Don Antonio Mazzi tra quegli uomini illustri che con la loro opera, la loro dignità, il loro impegno, il loro spessore culturale e sociale, hanno legato il nome alla Comunità cassinate, apportando un prezioso e significativo contributo a rendere la nostra Città ancora più conosciuta, amata ed apprezzata nel mondo.” Sono state le parole del presidente del Consiglio Comunale di Cassino, Francesco Carlino, ad aprire la seduta odierna con cui è stata conferita la cittadinanza onoraria a Don Antonio Mazzi. “Sono convinto – ha continuato Carlino – di interpretare i sentimenti e la volontà dei cittadini di Cassino, invitando il Consiglio Comunale al voto formale per il conferimento della Cittadinanza Onoraria di Cassino a Don Antonio Mazzi. In questi anni di Exodus a Cassino, che quest’anno festeggia il venticinquesimo anniversario di attività, ed a cui rivolgo a nome dell’intero Consiglio Comunale i più sinceri auguri, si è instaurato e sviluppatoun sodalizio particolare e di grande intensità fra la città e Don Mazzi, che lo ha visto partecipe degli eventi più significativi della nostra storia culturale e sociale. Non possiamo non citare la Mille Giovani per la Pace, il tradizionale evento della Comunità Exodus, quest’anno giunto alla sua ventunesima edizione, che nasce proprio dalla volontà di Don Antonio Mazzi di realizzare un progetto educativo per la città, che ha l’obiettivo di contrastare il disagio, i comportamenti devianti, le dipendenze tra gli adolescenti attraverso interventi sul territorio che coinvolgono scuole, famiglie ed istituzioni. Da quando per la prima volta ha visto la luce negli anni 90, questa manifestazione è cresciuta in maniera esponenziale, così come è cresciuta di anno in anno l’esperienza di Exodus a Cassino, tanto da spingere lo stesso Don Mazzi a definirla come una delle punte di eccellenza di tutta l’opera sociale promossa nella propria vita. Oggi la Comunità di Exodus di Cassino è un punto di riferimento unico nel suo genere per tutta la città, e questo anche grazie al fondamentale impegno di Luigi Maccaro che guida la comunità da ormai 15 anni e che è tra i principali artefici dei grandi risultati raggiunti. Risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti e che hanno trasformato la comunità di Exodus in una sorta di centro di aggregazione giovanile, gestito dagli ospiti in fase di cura, ma aperto e fruito da ragazzi, famiglie, studenti. Musica, sport, volontariato, insieme ai laboratori, alla fattoria, ed alla pizzeria stanno trasformando quella che era una semplice comunità terapeutica, in un centro aperto a tutta la città, dove i ragazzi sono i principali protagonisti. Il tutto, nasce proprio da un’intuizione di don Mazzi che ha caratterizzato lo sviluppo della comunità negli anni. E sono proprio queste le ragioni alla base della volontà di conferire, la cittadinanza onoraria al fondatore di Exodus. Un gesto profondamente significativo nonché il giusto riconoscimento ad una persona che, ha dimostrato e continua a dimostrare ogni giorno di avere Cassino nella mente e nel cuore. Ma anche un riconoscimento anche al lavoro svolto da Exodus a Cassino che in questi 25 anni ha accolto tantissime famiglie che avevano bisogno di aiuto per i propri figli, ha incontrato tantissimi studenti indicando loro una strada positiva, ha formato molti educatori che mettono la propria vita al servizio del territorio. Grazie ad Exodus si è superato un pregiudizio, quella di oggi è la migliore risposta a chi, 25 anni fa non vedeva di buon occhio la nascita di quella comunità sul nostro territorio. Ieri era una speranza, oggi una certezza: esiste una seconda possibilità! Tutto questo non sarebbe stato possibile senza l’impegno, la forza, l’entusiasmo e la visione di Don Antonio Mazzi che da oggi avremo l’onore di avere come nostro concittadino”.

22 maggio 2015 0

Ancora rifiuti abbandonati in campo Miranda, ma stavolta… arriva la Polizia Locale

Di redazionecassino1

Ennesimo episodio di inciviltà a Cassino in campo Miranda. A distanza di pochi giorni si è ripetuto il malcostume dell’abbandono di sacchetti della spazzatura nel parcheggio di campo Miranda. Era già successo qualche giorno fa quando un incivile aveva lasciato al centro di uno dei posti adibiti a parcheggio alcuni voluminosi sacchetti di spazzatura, prontamente rimossi dalla De Vizia su segnalazione di un cittadino al numero whatsApp istituito dal Comune. Questa mattina l’episodio si è ripetuto, al centro di uno degli spazi per la sosta auto sono stati abbandonati altri sacchetti di rifiuti, probabilmente depositati nella notte o al primo mattino da qualche pendolare o da chissà chi, sicuramente poco incline alla raccolta differenziata. Questa volta, però, l’incivile di turno non la passerà liscia, poiché sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia locale di Cassino che hanno provveduto, con l’aiuto di un incaricato della società De Vizia, ad aprire i sacchetti ispezionandone il contenuto e poter risalire all’anonimo inquinatore. Del resto il parcheggio è da sempre adibito nelle ore notturne del week end, e non solo, ad essere cosparso di cartacce, cartoni per la pizza, bottiglie di birra, lattine di bevande di ogni tipo. Nei confronti del maleducato ora scatteranno gli accertamenti e sicuramente la sanzione prevista in questi casi che potrebbe arrivare anche ai tremila euro. Si spera che la multa inflitta possa arginare questa cattiva abitudine, molto e troppo diffusa nelle periferie cittadine e che ora comincia a registrarsi anche in pieno centro. F. Pensabene

22 maggio 2015 0

Tifoso del Frosinone “festeggia” la serie A danneggiando lo Stadio – VIDEO

Di admin

Ha aspettato il triplice fischio dell’arbitro che sanciva la promozione in serie A del Frosinone per arrampicarsi sulla recinzione interna allo stadio e danneggiare gli altoparlanti che sormontavano un palo. Sabato scorso a Frosinone si è giocata la partita con il Crotone che ha sancito l’accesso diretto in serie A.

Mentre tutti festeggiavano e tentavano di superare le recinzioni per raggiungere i loro beniamini, un tifoso, a torso nudo, dall’aria tipica di chi è ubriaco, si è arrampicato sulla recinzione per prendere a manate i due altoparlanti. Uno ha ceduto quasi subito, staccandosi dal supporto e venendo strappato dal cavo elettrico. Poi il vandalo si è accanito contro il secondo altoparlante interrompendosi solo quando la gente intorno ha iniziato ad inveire anche con insulti (giustificati). Solo allora l’uomo è sceso ma non prima di finire immortalato da fotografie e riprese video su cui gli agenti della Digos di Frosinone stanno lavorando per dare un nome a quel volto (e a quella sagoma).

Er. Amedei