Giorno: 25 maggio 2015

25 maggio 2015 0

Imprenditore nella morsa, gli usurai gli propongono di far prostituire la moglie

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cinque uomini sono stati arrestati questa mattina dagli agenti del commissariato di Fondi per usura ed estorsione in concorso. In manette in esecuzione di ordinanze di misure cautelari sono finiti F. M. 70 anni, E. M. 41 anni entrambi di Roma, L. M. 30 anni di Terracina, L. B. 56 anni di Monte San Biagio e Y. M. 25 anni di Fondi. La loro vittima, o meglio quella dalla cui denuncia sono scatytate le indagini, è l’ex titolare di un centro scommesse di Fondi. Il tasso applicato per un prestito ricevutoi dall’uomo era del 50 % maturato in dieci mesi. Quando l’ex imprenditore è rimasto travolto dal vortice dei debiti, si è ritrovato il gruppo che lo minacciava di morte mnostrandogli armi. Stessa minaccia anche rivolta al figlio e al nipote della vittima. Tra i sistemi adottati per recuperare il credito, anche quello di acquisire alcuni immobili finanche alla proposta di far prostituire la moglie. Quando le minacce sono diventate sempre più credibili, raccolti gli elementi necessari, il gip di Latina ha emesso le ordinanze di arresto, due ai domiciliari e tre in carcere.

25 maggio 2015 0

Mancato rispetto di prescrizioni, due settimane di chiusura per il Bellavita di Cervaro

Di admin

Quindici giorni di chiusura per il locale notturno Bellavita di cervaro. A notificare l’ordinanz emessa dal questore di Frosinone sono stati i carabinieri della stazioen di Cervaro direttamente al titolare del locale. A motivare il provvedimento ci sarebbero eventi avvenuti all’interno della struttura e nelle immediate pertinenze, ma soprattutto il mancato rispetto di alcune prescrizioni. Tra le prescrizioni vi erano il divieto di far accedere all’interno del locale un numero di persone superiori a quanto consentito, non adibire a sala da ballo locali diversi da quelli autorizzati, realizzare un’area di parcheggio accessibile anche ai mezzi di soccorso, evitare che situazioni di pericolo sulla via Casilina causate dalla sosta di auto degli avventori. Lo scorso anno una ragazza straniera, uscita dalla discoteca venne investita ed uccisa mentre attraversava la strada. Lo scorso febbraio, nel bagno degli uomini della stessa discoteca, le donne delle pulizie trovarono una ragazza priva di sensi e completamente nuda.

 

25 maggio 2015 0

Mamma rompe le acque per strada e bimba nasce assistita da tre poliziotti

Di admin

E’ nata in strada e il suo primo indumento, per ripararla dal freddo, è stata un maglioncino di servizio di uno dei tre agenti di polizia che hanno assistito al parto. E’ accaduto questa notte in via Cigna a Roma quando un poliziotto  che, aveva appena terminato il suo turno, è stato fermato da un uomo la cui moglie stava per partorire in strada. Il poliziotto, in servizio presso la II Sezione Servizi dell’Ufficio di Gabinetto,  ha immediatamente contattato il 113 e il 118. All’arrivo della volante del Commissariato Centro, la donna ha rotto le acque e il parto è iniziato. La bimba, quindi, è nata poco prima che arrivasse una ambulanza del 118 ai quali è stata affidata insieme alla neo mamma.

Er. Amedei

25 maggio 2015 0

Senza patente e senza assicurazione si schianta con lo scooter e, ferito, fugge a piedi

Di admin

Si schianta con lo scooter contro un’auto, e, seppur ferito, scappa via a piedi. E’ accaduto ieri sera a Cassino in Largo Dante quando lo scooterista, senza rispettare un diritto di precedenza, ha impattato violentemente contro una utilitaria finendo rovinosamente a terra. Il conducente dell’auto, nonostante ferito, ha soccorso il giovane che, però, non appena in piedi, è scappato lasciando lo scooter a terra e l’uomo dolorante. Sul posto sono arrivati gli agenti del commissariato e, poco dopo, anche due giovani stranieri che hanno tentato di portar via lo scooter. Immediatamente sono stati bloccati dagli agenti ma non hanno voluto dire dove fosse il proprietario del mezzo. Le indagini, ormai erano avviate e alle 2 di notte, quello che ormai era un pirata della strada, è stato rintracciato al pronto soccorso mentre si faceva curare alcune ferite riportate durante l’incidente. Si tratat di un 20enne egiziano, che non aveva la patente per guidare il ciclomotore e neanche l’assicurazione. Il giovane è stato denunciato per omissione di soccorso e guida senza patente.

Er. Amedei

25 maggio 2015 0

Schianto davanti ai cancelli della Fiat, tre feriti

Di admin

Tre feriti, in un incidente stradale, questa mattina a Piedimonte San Germano, davanti ai cancelli dello stabilimento Fiat. Erano le dieci circa, quando due auto, una Panda e una Jezz si sono scontrate a causa del mancato rispetto di una precedenza. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuco e una ambulanza. Due donne e un giovane, gli occupanti delle due vetture, sono stati trasportati in ospedale a Cassino con prognosi di pochi giorni.

Er. Amedei

25 maggio 2015 0

Smart “in mutande” a Cassino, i ladri smontano in loco portiere e parafanghi

Di admin

Prima rubavano le auto intere per prenderne i pezzi di ricambio, oggi rubano i pezzi di ricambio e lasciano le carcasse di auto. Una tendenza arrivata a Cassino l’anno scorso quando vennero registrati diversi furti di pneumatici di auto e di marmitte. Questa notte, invece, in via Molise, la macchina del regista Gianni Testa è stata letteralmente depredata. I ladri, svelti di cacciavite, hanno smontato entrambe le portiere, i parafanghi anteriori, e tutto il blocco anteriore fari compresi, oltre allo stereo e ad altri componenti interni. Questa mattina il proprietario ha trovato ciò che resta della sua autovettura e ha sporto denuncia. Er. Amedei

25 maggio 2015 0

Si rompe la conduttura idrica in via Sferracavallo, residenti senz’acqua per due giorni

Di admin

Un guasto alla rete idrica del comune di Cassino ha lasciato senz’acqua alcuni nuclei familiari di Via Sferracavallo nella notte tra sabato e domenica. Soltanto questa mattina il comune ha mandato gli operai per riparare il guasto. “Provateci voi a rimanere 2 notti e tutta la giornata di domenica a stare senza acqua per cucinare o per andare in bagno senza poter scaricare” è il grido di protesta di alcuni residenti “La gravità è che nel 2015 il comune non dispone di una squadra di emergenza per queste situazioni ed è anomalo lasciare interi nuclei familiari compresi bambini senz’acqua per oltre 48 ore”. In via Sferracavallo la scorsa settimana in circa 100 metri sono state fatte tre riparazioni e 100 metri prima altre due riparazioni, la condotta idrica dal carcere in poi è fatiscente, non fanno in tempo a riparare un guasto che poco dopo devono intervenire di nuovo sullo stesso tratto”. Ant.Nard.

25 maggio 2015 0

In mostra a Cassino, presso la Biblioteca, i quadri di Ciccio Franzese

Di admin

Da giovedì 21 maggio fino a domenica prossima è possibile visitare a Cassino presso la galleria d’arte della Biblioteca Comunale la mostra di pittura del noto artista del cassinate Francesco Franzese, in arte Ciccio.

Ciccio Franzese, nato a Nola (Na), dal 1960 vive ed opera a Cassino. E’ diventato infatti uno tra i più noti e apprezzati artisti della Ciociaria. Inoltre ha insegnato per molti anni presso il Liceo Scientifico Pellecchia. Ha tenuto mostre personali e di gruppo ricevendo premi e riconoscimenti a rassegne e concorsi in Italia e all’estero. Della sua opera, oltre alla Rai e ad altre emittenti locali, si sono occupate le più importanti riviste d’arte, la stampa nazionale e locale.

Più di un critico ha parlato dei messaggi di Franzese, facendoli coincidere con la sua nostalgia per una natura diversa, ancora intatta o comunque riscattata dalle manomissioni e dai disastri ecologici recenti.

Il nuovo ciclo che Franzese inaugura in questa mostra sottende , dietro un realismo apparen­te, facilmente decodificabile in termini naturalistici, una più complessa dinamica mentale conciliata con l’esigenza di espressione e comunicazione del «messaggio» in termini figurativi.

La pittura del Prof. Franzese è la pittura di un vero artista che, attraverso forme, colori, immagini, tocca l’animo di ciascuno di noi, racconta la nostra storia, il nostro sentire, le nostre emozioni.

Nei suoi quadri si toccano tutte le sfumature del vivere umano: la nostalgia, la pace, la gioia, il dolore, in un continuo rapporto introspettivo dell’anima con se stessa e, al contempo, in un continuo dialogo con il mondo e con gli altri uomini.

I suoi quadri palpitano di vita, di calore, di bellezza, fino ad essere vivi e veri, protagonisti di un silenzioso e ricco racconto. Uno stile fatto di ascolto delle cose, di osservazione attenta e rispettosa, capace di cogliere ogni dettaglio senza mai sciuparlo o banalizzarlo.

Chi conosce l’arte di Franzese, non può che vedere la pittura, la sua pittura, come un elemento prezioso, ricco, quasi necessario per la sua luminosa bellezza e profondità.

Ad abitare la sua tavolozza sono in genere fiori di campo o gerani dal colore rosso vivo, che animano balconi e finestre di case, delineate nella loro essenzialità geometrica; campi dove il colore prevalente è il verde; marine, in cui l’azzurro del cielo sembra quasi sprofondare nel mare e fondersi in esso; alberi, e tra questi soprattutto il pino mediterraneo, con un sottobosco da cui fanno bella mostra funghi di vari colori.

In questi paesaggi la figura umana è del tutto assente; essa, invece, si manifesta nella forma del ritratto o del nudo, dove tocca tratti di rara espressività e bellezza.

Tutta l’opera di Franzese, comunque, si esplicita in una visione pittorica di cristallina limpidità che è frutto di un lungo e faticoso magistero, che non si traduce mai in perfezionismo astratto, ma sempre rivela grande sensibilità.

In tempi in cui il tecnicismo più esasperato, il materialismo più cupo, l’arrivismo più sfrenato sembrano dominare incontrastati, l’arte in genere, e quella di Franzese nel caso specifico, deve essere sempre più amata da noi, perché, per dirla alla Flaubert “fra tutte le menzogne è ancora quella che mente di meno”.

25 maggio 2015 0

Tir si ribalta in A1 e disperde le barre di allumminio in carreggiata, code di 6km tra Ferentino e Anagni

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che sull’autostrada A1 Milano-Napoli, nel tratto compreso tra Ferentino e Anagni in direzione Roma, all’altezza del km 605 è avvenuto un incidente autonomo in cui un mezzo pesante dopo aver perso il controllo si è ribaltato perdendo parte del carico composto da barre di alluminio e occupando parte della carreggiata. Sul luogo dell’evento, oltre al personale della Direzione 5° Tronco di Fiano Romano, sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale e i soccorsi meccanici. Attualmente, per consentire le operazioni di recupero del mezzo e di sgombero della carreggiata, il traffico scorre su una corsia e si registrano circa 7 km di coda. Agli utenti provenienti da Napoli e diretti verso Roma si consigliano le uscite di Frosinone o Ferentino per poi proseguire lungo la SS6 Casilina e rientrare in A1 ad Anagni. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i notiziari “my way” in onda sul canale 501 di SKY Meteo24; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

25 maggio 2015 0

Un poliziotto vero, Stefania Marrazzo promossa Primo Dirigente

Di admin

E’ uno dei pezzi pregiati della questura di Frosinone e, in questi giorni, la sua carriera ha avuto un importante scatto in avanti. Il Vice questore Stefania Marrazzo è stata promossa al grado di Primo Dirigente. Un lusinghiero obiettivo raggiunto dopo anni di lavoro all’interno della polizia, scalando, senza sconti, gli incarichi di maggiore responsabilità. Da 21 anni indossa la divisa e ricopre incarichi di grande responsabilità: dall’ufficio immigrazione, all’ufficio Minori, poi dirigente della Squadra Volanti della questura di Frosinone e da 15 anni è Capo di Gabinetto. E’ in questa veste che la conosciamo e ne apprezziamo le doti professionali e le qualità umane anche perché a lei, spettano i rapporti con la stampa. Garbata nei no, sempre disponibile a dare informazioni tra quelle che possono essere rese pubbliche, equilibrata, ferma, ma mai una risposta sgradevole di fronte alle insistenze dei giornalisti. A lei è stato affidato il compito anche di presidente del Gos nel corso delle stagioni calcistiche che hanno portato il Frosinone in serie A. Figlia d’arte, il padre è stato questore. Le abbiamo sentito dire che a lui ha dedicata la promozione. Siamo certi che ne sarebbe stato orgoglioso così come siamo certi che la sua carriera sarà lunga e ricca di tante altre soddisfazioni ma che, purtroppo, la porteranno lontana dalla Ciociaria .

Er. Amedei