Mese: agosto 2015

31 agosto 2015 0

Affittavano a Minturno case inesistenti, tre campani vittime della truffa alla Totò

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una truffa alla Totò dei nostri tempi quella scoperta dai carabinieri di Scauri Minturno che questa mattina, a conclusione di attività investigativa, hanno denunciato per il reato di truffa, tre persone. Non vendevano la Fontana di trevi o il Colosseo ai stranieri, ma semplicemente affittavano via internet case al mare che non avevano. Tramite inserzioni on-line,fingendosi proprietarie, avevano locato abitazioni estive inesistenti, ai danni di tre corregionali campani, facendosi accreditare sulla proprie carte postepay, la somma di euro 560 a titolo di caparra. Er. amedei

31 agosto 2015 0

In 40mila alla Notte Bianca della Cultura di Cassino, la soddisfazione del sindaco

Di admin

“Non era semplice, ma si è riusciti a superare i già grandissimi risultati delle prime due edizioni con circa 40 mila visitatori che sabato si sono recati in città per la terza edizione di una manifestazione che ormai fa parte della tradizione di Cassino.” A dichiararlo il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, in riferimento alla terza edizione della Notte Bianca della Cultura che si è tenuta sabato 29 agosto. “Gli oltre 100 spettacoli – ha continuato il sindaco – tra teatro, musica e tradizioni sono la migliore testimonianza della volontà di voler proseguire quel percorso iniziato tre anni fa per dare a Cassino una manifestazione in cui il divertimento si fonda con la cultura e con il turismo, garantendo anche uno slancio economico importante per la città. Alcuni numeri sono significativi per rendere l’idea di una notte che ha visto 200 attività commerciali aperte per l’intera durata della manifestazione, con oltre 1500, tra titolari, dipendenti dei locali, tecnici ed artisti che hanno lavorato fornendo un contributo importante che ha reso questa terza edizione della Notte Bianca quella più partecipata di sempre. Una notte iniziata alle 20.30 in Piazza Garibaldi e proseguita per le strade di Cassino con mostre, poesia, musica di ogni genere, spettacoli circensi e teatrali, conferenze e rievocazioni storiche che hanno coinvolto i tantissimi visitatori presenti anche nelle piazze della città e nelle sale, dislocate sul territorio comunale, aperte per l’occasione. Senza dimenticare il tour gratuito dei Musei, Historiale – Camusac – Archeologico, che dalle 18.00 ha offerto la possibilità ai numerosi visitatori di potersi gustare il patrimonio artistico, storico ed archeologico di Cassino in un’atmosfera resa ancora più incantevole dalla notte. Basti pensare che l’Historiale ha fatto registrare nella notte di sabato circa 800 ingressi con tanti appassionati che hanno fatto la fila per entrare nel museo. Questo è stato possibile grazie all’ottimo lavoro svolto dall’assessore Grossi, dalla Pro Loco di Cassino, nella figura del presidente Andrea Incagnoli, che è stata in grado di organizzare una manifestazione di alto profilo con il contributo fondamentale di Antonio De Rosa, di Ilenia Carnevale e delle tante associazioni coinvolte che hanno curato nei minimi dettagli ogni ambito, offrendo ad ogni target di partecipante un appuntamento da seguire. Anche quest’anno è stata una bellissima nottata di festa che ha offerto alla città la possibilità di far emergere quelle potenzialità che talvolta restano sopite, contribuendo, visto l’elevato numero di visitatori, ad incrementare l’economia locale. In tal senso voglio sottolineare ancora una volta che a parlare sono i numeri con oltre 1500 persone impiegate nel corso della Notte Bianca. Dati che fanno capire la portata di un evento che sin dalla prima edizione abbiamo voluto rendere un appuntamento fisso che tutti aspettano non solo per la città, ma per l’intero territorio. Oggi possiamo dire di esserci riusciti, facendo crescere in maniera esponenziale, anno dopo anno, una manifestazione capace di unire aspetti fondamentali per una città quali cultura, turismo ed economia.”

31 agosto 2015 0

Area agricola usata per discarica, sequestro a Sabaudia

Di admin

Un’area di circa 3mila metri quadri adibita ad area di stoccaggio è stata sequestrata dal Corpo Forestale dello Stato di Terracina. L’area in questione si trova nel comune di Sabaudia, nelle campagne situate nei pressi della Via Portosello. Gli agenti hanno riscontrato che era parzialmente pavimentata con malta cementizia ed adibita illecitamente al recupero e stoccaggio di Rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Un imprenditore del luogo di 50 anni, specializzato nelle attività di movimento terra e ristrutturazioni edilizie aveva messo in campo una fiorente attività di stoccaggio e recupero di rifiuti, senza le necessarie autorizzazioni. Il personale del Comando Stazione Forestale di Terracina ha accertato che l’illecita attività veniva svolta sull’area a destinazione agricola e che su di essa vi erano stati depositati oltre 400 metri cubi di rifiuti direttamente a contatto con il terreno, creando potenziale pericolo di inquinamento per il suolo e le falde acquifere. Sono scattati i sigilli e il responsabile è stato denunciato per gestione illecita di rifiuti, nonché per violazione urbanista, per aver trasformato una zona agricola come previsto dal PRG, in area industriale senza alcun tipo di autorizzazione.

31 agosto 2015 0

Permessi per assistere parenti infermi, medico sorpreso a svolgere visite private

Di admin

Usufruiva di giornate di permesso per assistere un’anziana parente malata, invece è stata sorpresa dai carabinieri delle stazioni di Ferentino e Acuto nel proprio studio privato ad effettuare visite a pagamento. Si tratta di un medico donna dell’ospedale di Frosinone sulle cui attività i carabinieri coordinati dal capitano Camillo Meo comandante della compagnia di Anagni, stavano indagando da tempo. Per lei è scattata la denuncia per indebita percezione di erogazione a danno dello Stato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

31 agosto 2015 0

Presto i lavori in via Santi Cosma e viale Dante a Pontecorvo

Di admin

“La giunta comunale ha approvato questa mattina il progetto esecutivo per l’intervento da realizzarsi nel tratto di strada comunale che collega le contrade di San Cosma e Damiano a Tordoni. Si tratta di un intervento i cui lavori partiranno entro questa settimana”, dice il sindaco Anselmo Rotondo. “Da oltre 10 mesi la strada è chiusa con gravi ripercussioni per la viabilità interna, noi avevamo preso l’impegno con i residenti di riaprire la strada nel più breve tempo possibile. È stata realizzato un capitolato d’appalto che prevede la messa in sicurezza e la riapertura della strada prima delle festività dei Santi Cosma e Damiano: entro il 20 settembre. Per cui verrà rifatta la strada, riaperta in sicurezza,e poi asfaltata. Un impegno preso con i cittadini che prende forma in rispetto dei tanti residenti della due località extraurbane e dei fedeli devoti ai santi medici. Altro intervento sarà realizzato in viale Dante Alighieri nel tratto interessato dallo smottamento del marciapiede. Parliamo di un intervento importante per un tratto di marciapiede di oltre 100 metri. Anche questo un intervento molto richiesto dai residenti della zona costretti a zigzagare per transitare sul marciapiede”, conclude il sindaco Rotondo.

31 agosto 2015 0

Ultima chiamata per la Certosa di Trisulti, ad ottobre i monaci lasciano il monastero

Di admin

Via Trisulti a Collepardo, da tempo è percorsa da rappresentanti di vari ordini o enti religiosi “in trattativa” per la secolare Certosa il cui futuro, ancora oggi, sembra essere più che mai incerto. I monaci cistercensi, i quattro rimasti, dei quali il più giovane ha 80 anni, non ne fanno mistero: ad ottobre lasceranno la certosa. Cosa accadrà nel momento in cui, dopo otto secoli, la certosa, monumento nazionale dal 1873, rimarrà disabitata? A domandarselo sono in tanti come tante sono le ipotesi. Una nuova comunità monastica? “Magari – ad augurarselo è Maria Scerrato, presidente dell’associazione “Amici della Certosa” – Sarebbe la soluzione che permetterebbe di conservare non solo la struttura monumentale della Certosa, ma anche la sua natura spirituale”.

Nessuno conosce i termini delle trattative che certamente sono in corso, e neanche chi sono i protagonisti. Trattativa certamente complessa, dato che strutturalmente appartiene al ministero dei beni Culturali ma la congregazione dei cistercensi che la custodisce dal 1947 può rivendicare altre proprietà che in questi 68 anni ha acquisito per conto proprio. Quindi l’uscita dei monaci non coinciderà con la restituzione delle chiavi al Ministero e il timore che si possa andare incontro ad un lungo periodo di empasse è sempre più fondato. “Chiudere quella struttura, però, significherebbe sancirne la morte” ne è sicura la Scerrato. “I monaci, seppur anziani, ne sono l’anima e sono loro che riescono a tamponare l’incuria”. Una volta chiusa, in quel luogo isolato, un simile scrigno di tesori architettonici, artistici, storici e religiosi potrebbe divenire tappa di scorribande ladresche. Ma non solo. Chi può escludere la scellerata ipotesi che nell’emergenza profughi, una struttura come quella votata all’accoglienza, possa essere individuata come centro di accoglienza? Ermanno Amedei

31 agosto 2015 0

Schianto con lo scooter sulla Pontina a Latina, grave una 59enne

Di admin

Una donna di 59 anni è in prognosi riservata in ospedale a Latina a causa di un grave incidente stradale avvenuto questa mattina poco dopo le 7 sulla Statale 148 Pontina. La donna era in sella ad uno scooter quando per cause ancora al vaglio delgia agenti della polizia stradale, ha impattato violentemente contro una vettura. Lo schianto sull’asfalto è stato violentissimo e la 59enne ha riportato ferite gravissime e per questo è stata trasportata d’urgenza al Santa Maria Goretti di Latina dove resta in prognosi riservata. I rilievi dell’incidente sono stati effettuati dagli agenti della polizia stradle comandati dal vice questore Alfredo Magliozzi.

31 agosto 2015 0

Donna fuori di se sulla Casilina, crede di vedere uomo tra i cespugli. Soccorsa da 118 e polizia

Di admin

Sosteneva di vedere un uomo tra le siepi sulla via Casilina nei pressi del forum Palace Hotel, e per questo, prima ci si è scagliata con la macchina, una Smart, poi gli urlava di uscire. È accaduto nella notte tra venerdì e sabato a Cassino e la 35enne, è stata soccorsa dalla polizia. Gli agenti non hanno tardato a capire che la donna era fuori di se e che in quella siepe non vi era nessuno se non ciò che la sua immaginazione le faceva vedere. Sul posto anche un’ambulanza dato che la 35enne è andata in escandescenza. Poliziotti ed operatori 118 hanno lavorato almeno un’ora per tranquillizzarla. Poi i suoi parenti l’hanno raggiunta, tranquillizzata riaccompagnandola a casa. Er. amedei

31 agosto 2015 0

Seconda sconfitta per il Frosinone battuto fuoricasa dall’Atalanta

Di admin

Neppure la seconda giornata di serie A ha portato fortuna ai canarini di mister Stellone. Purtroppo da Bergamo con amarezza tornano in Ciociaria ancora a zero punti. La partita ieri sera si è chiusa con il risultato di 2 a 0 a favore dell’ Atalanta. Il Frosinone comunque ha lottato fino alla fine. Ottima prestazione del portiere Leali che al settimo minuto di gioco ha parato un rigore di Pinilla. Al 20° Stendardo dell’ Atalanta ha segnato l’1 a 0. Al 70° Gomez ha raddoppiato. Al 75° mister Stellone ha inserito il nuovo acquisto Tonev. All’ 80° ancora straordinario Leali che si è opposto al tiro di Pinilla. Il match si è concluso con il risultato favorevole all’ Atalanta. Arbitro Celi di Bari. Natalia Costa

31 agosto 2015 0

Fusto metallico sulla spiaggia, scatta l’allarme chimico a Fondi. I pompieri escludono pericolo

Di admin

Un bidone sospetto spiaggiato sulla costa al Salto di Fondi ieri nel pressi del lido lo chalet ha allarmato i bagnanti sul cosa quella struttura metallica potesse contenere. Immediatamente sono stati allertati i vigili del fuoco che hanno mobilitato il carro nbcr, gli esperti del nucleo batteriologico, chimico e radioattivo che, giunti sul posto, hanno iniziato a svolgere i primi rilievi senza che essi dessero esiti positivi. Escluso ogni pericolo, si è ipotizzato che il bidone fosse in realtà una boa da pontile che è stata affidata al proprietario del lido per lo smaltimento. Er. Amedei