Giorno: 9 ottobre 2015

9 ottobre 2015 0

“Arrivano i carabinieri”, spacciatore getta la cocaina sotto il bancone del bar ma non sfugge all’arresto

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si accorge del controllo dei carabinieri e finge di dimenticare il pacchetto di sigarette sul bancone del locale. Quel pacchetto, però, conteneva non solo sigarette ma droga. D. C. M. 33 anni, pensava di averla fatta franca, ma i militari del nucleo operativo e radiomobile comandati dal tenente Emanuele Grio, hanno recuperato quel pacchetto che con una mossa repentina dell’uomo era stato fatto scivolare sotto al bancone e, all’interno, hanno trovato 22 grammi di cocaina diviso in due involucri. L’uomo, quindi, è stato arrestato. Er. Amedei

9 ottobre 2015 0

Caramella o caffè per ordinare la droga, ma i carabinieri non ci cascano. Spacciatore arrestato a Sgurgola

Di admin

Caramella o bicchiere di vino, ma anche benzina, aperitivo o caffè. Era fantasioso il vocabolario dello spacciatore di droga arrestato a Sgurgola questa mattina dai carabinieri della compagnia di Anagni comandata dal capitano Camillo Meo. R. M. 26enne , grazie ad una attenta indagine dei militari, è stato ritenuto responsabile di una fiorente attività di spaccio e aveva inventato un vocabolario con cui i suoi clienti al telefono poteva chiedere la droga e il quantitativo che volevano senza dirlo espressamente aggirando, o almeno così speravano, le intercettazioni dei carabinieri. C’erano termini anche per mettere in guardia clienti e colleghi spacciatori da posti di controllo che venivano identificati come chiodi o buche. Un anno di attività ha permesso ai militari di accertare almeno 80 episodi di cessioni di stupefacenti tra hashish e marijuana. Il 26 enne è stato arrestato, altre due persone, uno residente a Sgurgola, l’altro ad Anagni sono stati denunciati. Er. Amedei

9 ottobre 2015 0

Segregata in casa per farla prostituire, scoperta a Formia casa del sesso “cinese”

Di admin

Segrecata in casa in attesa di clienti. Gli agenti di polizia dei commissariati di Formia e Gaeta, in seguito ad alcune segnalazioni di residenti, e seguendo la pista di annunci lasciati su giornali cartacei e su siti specializzati, hanno trovato una casa nell’immediata periferia di Formia riscontrando un anomalo via vai di uomini. Hanno quindi effettuato il controllo nell’abitazione trovando una ragazza asiatica in attesa di clienti. Hanno scoperto che la ragazza era costretta a vivere in una piccola stanza con un materasso lasciato in terra, mentre esercitava in un’atra stanza ben ammobiliata e pulita. Nella perquisizione sono stati trovati anche 200 euro frutto dell’attività della prostituzione, un telefono cellulare per parlare con i clienti e diverse confezioni di profilattici. Esclusa la responsabilità del proprietario di casa, ma le indagini avrebbero accertato che la ragazza fosse sfruttata da due suoi connazionali residenti a Roma, J.R. 52 anni e X.R. 34 anni entrambi denunciati per sfruttamento della prostituzione. (nella foto il letto in cui dormiva in attesa dei clienti)

9 ottobre 2015 0

Magazzino della droga in casa, 43enne in manette ad Aprilia

Di admin

Un chilo e mezzo di marijuana essiccata e confezionata, 1,2 chili di marijuana ancora da essiccare, 86 grammi di hashish 1,8 grammi di cocaina e 13 semi di canapa indiana oltre a materiale da taglio e da confezionamento sono stati trovati nella casa di M.G. 43 anni di Aprilia nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita dai carabinieri. Per l’uomo è scattato l’arresto per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

9 ottobre 2015 0

Non hanno una casa, protestano in comune a Cassino

Di admin

Sono due giovani ospitati, su richiesta del comune di Cassino, in una struttura religiosa del centro cittadino. Il periodo di permanenza però è terminato e i due sono stati invitati a trovare una nuova sistemazione diversa da quella attuale e, quindi, indipendente. La loro situazione di disoccupati, però, non gli permette un affitto e, questa mattina, si sono ritrovati a presidiare l’androne del comune, davanti l’ingresso degli uffici del sindaco esponendo il loro messaggio di protesta. Chiedono una soluzione, una sistemazione, ma va anche detto che i due sono ospiti dell’amministrazione comunale già da qualche tempo. L’emergenza abitativa a Cassino, come altrove, e’ un problema grosso e di difficile soluzione. Er. Amedei Foto Alberto Ceccon

9 ottobre 2015 0

Latina, scoperti 78 evasori fiscali nel settore immobiliare e 281 immobili sconosciuti al Fisco

Di admin

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, quotidianamente poste in essere a presidio della legalità e del rispetto delle disposizioni normative tributarie inerenti i redditi immobiliari, le fiamme gialle del comando provinciale di Latina hanno effettuato mirati controlli nelle località a maggior vocazione turistica della provincia di latina, indirizzati, in particolar modo, nei confronti di soggetti proprietari di diversi immobili. L’evasione fiscale nel settore immobiliare si realizza attraverso l’omissione nella dichiarazione dei redditi delle indicazioni delle proprieta’ di tutti o di una parte degli immobili posseduti ovvero con la dichiarazione dei soli redditi di fabbricato desunti dai valori catastali oppure attraverso l’utilizzo misto di entrambi i sistemi. L’analisi delle singole posizioni, i riscontri e gli incroci informativi effettuati attraverso le banche dati in uso alla guardia di finanza, nonche’ mediante accertamenti patrimoniali e bancari, hanno permesso al comando provinciale di latina di accertare diverse anomalie che hanno fatto emergere incongruità tra il reddito dichiarato ed il numero degli immobili posseduti, in relazione alla loro rendita, consentendo altresì di individuare locazioni immobiliari in nero. In dettaglio, nel corso dei servizi svolti dai finanzieri pontini, sono stati rilevati dal 1° gennaio ben 78 evasori fiscali di cui 18 evasori totali, nei comuni di sabaudia, san felice al circeo, terracina, aprilia, fondi, formia, gaeta, sperlonga, ponza, ventotene e latina, tutti di nazionalita’ italiana, che non hanno adempiuto agli obblighi fiscali di regolare presentazione delle dichiarazioni annuali dei redditi. Gli stessi sono risultati proprietari di 638 immobili di cui solo 357 dichiarati al fisco. I redditi recuperati a tassazione ammontano a 3,7 milioni di euro, dei quali si evidenziano i seguenti casi particolari: ▪ un albergatore che, avendo a disposizione 8 immobili, li destinava abusivamente alla ricezione della propria clientela, al pari della struttura alberghiera; ▪ un professionista proprietario di 44 immobili, mai dichiarati al fisco e peraltro concessi in locazione; ▪ un novantaduenne intestatario di 8 appartamenti non dichiarati ed abitati da famiglie di extracomunitari. Singolare è risultata la circostanza di aver appurato l’esistenza di “regolari” contratti di locazione stipulati tra le parti, ma non assogettati alla registrazione obbligatoria. Inoltre, un’agenzia immobiliare non ha dichiarato i guadagni realizzati dalla vendita di immobili per conto terzi per i quali esisteva un vincolo di residenza di 5 anni da parte dei rispettivi proprietari. Sono state quindi contestate violazioni riguardanti l’omessa o infedele presentazione della dichiarazione dei redditi, il mancato versamento dell’imposta di registro per non aver adempiuto agli obblighi di registrazione dei contratti di affitto e l’omessa comunicazione all’autorità di pubblica sicurezza della cessione in locazione degli immobili.

9 ottobre 2015 0

Il maltempo ferma l’eruzione del Vesuvio, rinviata l’esercitazione di protezione civile

Di admin

Rinviata l’eruzione del Vesuvio. Il maltempo spegne il vulcano di Napoli. L’esercitazione di protezione civile RE.L.E.A.S.E 2015 pensata a Frosinone per accogliere profughi di una eventuale eruzione del vulcano Vesuvio di Napoli è stata rinviata a causa del Maltempo. La macchina organizzativa della protezione civile Lazio composta da circa 400 persone era pronta a muovere la colonna di finti sfollati dalla Campania a partire da domani, ma le avverse condizioni meteo previste per questo fine settimana ha consigliato alla Prefettura che coordinava l’operazione, di rinviare il tutto a data da destinarsi. Er. Amedei

9 ottobre 2015 0

Bomba a mano davanti a pizzeria a Latina, ordigno fatto brillare sulla spiaggia

Di admin

Una bomba a mano è stata ritrovato ieri sera nei pressi della pizzeria Gia Sai sul lungomare di Latina. Sul posto sono arrivati gli agenti di polizia e i vigili del fuoco di Latina. L’ordigno, non un residuato bellico, ma del tipo in dotazione all’esercito dell’ex jugoslavia, è stato fatto brillare in sicurezza sulla vicina spiaggia. Si indaga su chi abbia sistemato la bomba nei pressi del locale e perché lo abbia fatto. Er. Amedei Foto tratta da internet

9 ottobre 2015 0

Bomba a mano davanti al parcheggio di pizzeria a Latina, indaga la polizia

Di admin

Una bomba a mano è stata ritrovato ieri sera nei pressi della pizzeria Gia Sai sul lungomare di Latina. Sul posto sono arrivati gli agenti di polizia e i vigili del fuoco di Latina. L’ordigno, non un residuato bellico, ma di nuova generazione, è stato fatto brillare in sicurezza sulla vicina spiaggia. Si indaga su chi abbia sistemato la bomba nei pressi del locale e perché lo abbia fatto.

9 ottobre 2015 0

Via Mandrine a Cassino, strada mulattiera percorsa da scuolabus e mezzi di emergenza

Di admin

Crateri e non semplici buche. Via Mandrine a Cassino, nella frazione di Sant’Angelo zona Panaccioni, è una strada usata da decine di cittadini, su cui passano anche scuolabus, quattro volte al giorno, altri mezzi pubblici oltre ad ambulanze e vigili del fuoco in caso di emergenze; eppure è quasi una strada bianca e dissestata con qualche macchia di asfalto. E’ una delle strade che porta al cimitero e al campo sportivo. Sono anni che la gente chiede interventi dato che la via è stata caratterizzata da continue perdite dell’acquedotto gestito dall’Acea, perdite che sono state riparate ma la strada resta in condizioni che vanno ben oltre il limite della percorribilità sicura. Nessuno sembra farsi carico del pericolo che corre la gente nel percorrerla. Ermanno Amedei