Giorno: 10 ottobre 2015

10 ottobre 2015 0

Aggressione con la lametta nel carcere di Frosinone, feriti tre agenti di polizia penitenziaria

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’Fns CISL Lazio riceviamo e pubblichiamo:

Apprendiamo che poco fa un detenuto marocchino, ubicato in sezione comuni a regime vigilanza dinamica, con una lametta ha aggredito tre agenti di polizia penitenziaria .

Purtroppo uno degli agenti e’ stato ferito alla mano – e i tre agenti sono attualmente presso l’ospedale di Frosinone per le cure del caso –

Istituto noto per le Innumerevoli , in questo anno, aggressioni avvenute a danno del personale di polizia penitenziaria.

A nulla son serviti i rinforzi di polizia penitenziaria ,considerato il numero eccessivo di detenuti presenti in tale carcere –

Per la Fns Cisl Lazio occorre prendere provvedimenti tali da far si che detenuti sottoposti a vigilanza dinamica non possano più beneficiare di tale detenzione di vigilanza di anima , cioè con apertura della cella , poiché come dimostrato, risulta un fallimento , per detenuti problematici, tale beneficio

Solidarietà al personale coinvolto.

La Fns Cisl, altresì , chiede più personale tale da garantire più sicurezza all’interno dell’istituto stesso e del personale tutto.

Il Segretario Generale Aggiunto CISL FNS Costantino Massimo

10 ottobre 2015 0

Aizza il suo pitbull contro una persona e aggredisce i poliziotti, 27enne cassinate arrestato

Di admin

Sono le 15.30 circa di ieri, quando giungono su linea 113 diverse telefonate che segnalano una violenta aggressione in atto in Largo Molise a Cassino.

Gli agenti delle Volanti del Commissariato di Cassino, giunti immediatamente sul posto, apprendono da alcuni testimoni che effettivamente poco prima vi era stata una violenta lite in strada tra due uomini, uno dei quali, tra l’altro, aveva aizzato il proprio cane di razza pitbull contro l’altro, ferendolo vistosamente al capo.

Tuttavia, all’arrivo della Volante, poiché entrambi i contendenti si erano già allontanati gli agenti si mettevano alla loro ricerca.

Poco distante veniva rintracciato colui che aveva subìto l’aggressione da parte del pitbull e, poiché aveva una vistosa ferita sanguinante al capo, veniva accompagnato presso il locale Pronto Soccorso per le cure del caso, riportando una prognosi di 15 giorni per “trauma contusivo e ferite multiple al capo, abrasioni multiple dorso delle mani”.

Gli agenti – grazie alle indicazioni fornite dalle persone che avevano assistito ai fatti – riuscivano a rintracciare anche l’altro contendente, il quale nel frattempo si era liberato del cane e, alla vista della Polizia, cercava di accelerare il passo e di allontanarsi per eludere il controllo ma veniva prontamente bloccato ed accompagnato in ufficio per l’identificazione.

Una volta giunto in Commissariato, il ventisettenne cassinate, alla richiesta di chiarire i motivi della lite con l’altra persona, si alzava in piedi e si scagliava violentemente contro i poliziotti, rivolgendosi a questi con toni minacciosi e compiendo nel contempo atti di autolesionismo.

Gli operatori di polizia, nel tentativo di bloccarlo, venivano colpiti ripetutamente con calci e pugni e, solo a seguito di una colluttazione, riuscivano a immobilizzare l’uomo e ad arrestarlo per i reati di minaccia, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

I due poliziotti intervenuti, medicati presso il pronto soccorso del nosocomio di Cassino, riportavano lesioni giudicate guaribili in 3 giorni.

10 ottobre 2015 0

Giudice di Pace: ok dal ministero alla riapertura della sede di Pontecorvo.

Di admin

Il ministero della giustizia ha dato il via libera all’istanza di ripristino, presentata lo scorso luglio dall’amministrazione comunale, del giudice di pace di Pontecorvo.

Al via ieri mattina nella sede di via San Marco a Cassino delle giornate formative ai tre dipendenti del comune di Pontecorvo che saranno gli operatori ausiliari dei magistrati. Tre, infatti, sono i dipendenti distaccati. L’istanza di ripristino oltre alle spese per i dipendenti prevede che il comune si accolli anche le spese per la gestione della sede.

“Abbiamo difeso in extremis il nostro unico ufficio giudiziario. Siamo soddisfatti dell’esito ottenuto, avere la sede del giudice di pace in un momento in cui a tutti i livelli viene adottata la politica dell’accentramento verso le sedi principali è sicuramente una vittoria. Per questo ringrazio l’assessore Armando Satini che si è impegnato portando a casa il risultato che gioverà a tutta la cittadinanza. Ringrazio altresì i dipendenti comunali che hanno deciso di aderire al progetto”, afferma il sindaco Anselmo Rotondo.

“Come amministrazione comunale appena insediati veramente sul filo di lana, visto che il bando scadeva il 30 luglio, abbiamo presentato l’istanza di ripristino. Ci siamo accollati tutte le spese e il ministero ha dato l’ok. Per alcuni mesi i tre dipendenti saranno formati a Cassino e poi saranno valutati dal magistrato coordinatore del giudice di pace. Senza tema di smentita posso affermare che per il prossimo anno riaprirà il giudice di pace a Pontecorvo. Nel frattempo avvieremo una serie di incontri con i sindaci del comprensorio per stilare convenzioni tali da poter dividere equamente le spese di gestione”, ha aggiunto l’assessore agli affari legali Armando Satini.