Giorno: 16 ottobre 2015

16 ottobre 2015 0

Centauro pirata a Ferentino, investe un anziano e scappa

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ stato investito da un o scooter ed è in fin di vita. L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di oggi a Ferentino nella zona industriale e la vittima è un 79enne del posto che, all’imbrunire, stava attraversando la strada quando uno scooter di grossa cilindrata lo ha centrato in pieno e il centauro è fuggito senza prestare soccorso. A chiamare l’ambulanza e i carabinieri ci hanno pensato altri automobilisti. Il ferito, con un trauma cranico, è stato trasportato in ospedale a Frosinone ma le sue condizioni sono andate via via peggiorando. Per questo si sta valutando l’ipotesi di trasferirlo a Roma. I carabinieri sono sulle tracce del centauro pirata.

16 ottobre 2015 0

Uccide a bastonate un cane maremmano randagio, uomo denunciato ad Aprilia

Di admin

Ha ucciso a bastonate un cane randagio “reo” di essersi introdotto nella sua proprietà ad Aprilia. A segnalare l’accaduto ai carabinieri della locale stazione è stata una guardia zoofila e le indagini dei militari hanno portato a denunciare l’uomo originario di Benevento, per uccisione di animale. L’indagato, armato di bastone, avrebbe massacrato fino ad ucciderlo un cane di razza pastore maremmano appartenente ad una colonia di randagi.

16 ottobre 2015 0

Spaccio casa e bottega, tre uomini arrestati a Ceccano

Di admin

Tre uomini, un 27enne e un 35enne di Ceccano, un 27enne di Patrica sono stati arrestati dai carabinieri per detenzione ai fini dello spaccio dio droga. I militari hanno agito a conclusione di una indagine, che ha permesso di far emergere l’utilizzo per lo spaccio al dettaglio dello stupefacente, di una sala ubicata in un esercizio commerciale di Ceccano e come base operativa l’abitazione di uno degli spacciatori, che era stata munita appositamente di impianto di video-sorveglianza a fine di eludere i controlli delle forze dell’ordine. La perquisizione personale e domiciliare dei tre ha permesso di sequestrare 28 grammi di cocaina divisa in 135 dosi e 110 grammi di hashish oltre a 4 bilancini di precisione. Sequestrato anche l’impianto di video sorveglianza e denaro contante per 1.875 euro, quale provento dell’attività di spaccio.

16 ottobre 2015 0

Non diagnosticano grave lesione, denunciati tre medici dell’ospedale di Alatri

Di admin

Tre medici dell’ospedale di Alatri sono stati denunciati dalla stazione dei carabinieri di Acuto per lesioni personali colpose. I fatti risalgono a qualche giorno fa quando una donna di Acuto, mentre accompagnava il coniuge affetto da una grave patologia presso il pronto soccorso del nosocomio alatrense, scendendo dalla propria autovettura è caduta procurandosi una frattura con sfondamento del piatto tibiale sinistro. Lesione non diagnosticata nell’immediatezza da parte dei tre sanitari che, dopo averle immobilizzando parzialmente l’arto, l’hanno dimessa. La giusta diagnosi, invece, è emersa in una visita presso un’altra struttura sanitaria.

 

16 ottobre 2015 0

Dall’Olivella a Valleluce a piedi sul Tratturo dei Pellegrini

Di admin

Domenica 18 ottobre da Olivella a Valleluce si torna a percorrere il Tratturo dei Pellegrini, lo storico sentiero che è stato ribattezzato e riportato alla fruibilità due anni fa. Organizzata dall’Associazione Cassino città per la Pace, la terza edizione della camminata quest’anno è dedicata alla cara Angelantonia Di Cicco che nelle scorse edizioni aveva partecipato all’organizzazione. Il Tratturo dei Pellegrini è un’arteria nel verde che parte dalla frazione Olivella e passa per il Santuario di Casalucense toccando parti dell’Acquedotto romano fino alla sorgente Bagnaturo di Valleluce passando per il Monte Cifalco. Un percorso molto suggestivo tra storia e natura, sport e spensieratezza: “Dopo la Cavendish Road di settembre, per il terzo anno consecutivo riproponiamo il Tratturo dei Pellegrini – spiega Angelo Fardelli Presidente dell’Associazione Cassino città per la Pace – Il Tratturo dei Pellegrini riveste una importanza storica e religiosa in quanto il sentiero era utilizzato nel passato per arrivare al Santuario di Casalucense sia dalla pianura che dalle zone montane come Valleluce, alla riscoperta di angoli suggestivi del nostro territorio”. Il pranzo si terrà alle 13,00 a Valleluce ed avrà un costo simbolico di tre euro mentre l’acqua sarà fornita dal Bar di Francesco che come tanti altri cittadini ha dato il proprio contributo. Hanno partecipato all’organizzazione anche l’Associazione Valle di Clia, la Croce Rossa, la Protezione Civile, i Laboratori del Camminare, Cammina con noi, con il patrocinio del Consiglio regionale del Lazio, della Provincia di Frosinone e del Comune di S.Elia Fiumerapido. “Invito tutti a partecipare alla passeggiata. Sarà l’occasione per riscoprire la storia del nostro territorio e per vivere i profumi e i colori dell’autunno che le nostre montagne ci offrono” è l’appello di Angela Caccia, consigliera comunale di S.Elia Fiumerapido con delega alla cultura. La partenza per la Terza edizione del Trattuto dei Pellegrini è per le ore 8.30 dalla Chiesa di Santa Maria dell’Ulivo di Olivella.

16 ottobre 2015 0

Colto da malore mentre cerca funghi a Priverno, anziano chiede aiuto ma i soccorritori lo trovano morto

Di admin

Stava cercando i funghi in un bosco a Priverno, quando ha accusato un malore. L’anziano, capendo il pericolo, ha chiamato il 118 tentando di indicare all’operatore il punto preciso in cui si trovava. Una ambulanza ha raggiunto la zona in via del Canneto, località San Martino, ma senza riuscire a trovare l’anziano. Con il supporto dei carabinieri e dei vigili del fuoco di Terracina, è stato ritrovato poco dopo esanime ucciso, probabilmente, da un infarto.

16 ottobre 2015 0

Casa esplosa a Ceccano, il ferito ustionato è stato elitarsportato al Sant’Eugenio

Di admin

Ha 74 anni l’uomo che questa mattina all’alba è stato estratto vivo dalle macerie della sua abitazione in via Armando Diaz a Ceccano. I vigili del fuoco sono intervenuti prontamente dopo l’esplosione della casa dovuta, con tutta probabilità, ad una fuga di gas. L’anziano, con ustioni e traumi su varie parti del corpo, è stato trasportato prima in ospedale a Frosinone, poi elitrasportato al Sant’Eugenio di Roma.

Er. Amedei

16 ottobre 2015 0

Tullio Di Zazzo ci riprova dopo 15 anni. A Cassino la campagna elettorale si infiamma

Di admin

Tullio Di Zazzo ci riprova e dopo quindici anni si candida a sindaco di Cassino. E’ stato successore, nel maggio del 1997, proprio a Petrarcone e rimase in carica per tre anni, quando il suo governo cittadino decadde e gli succedette Bruno Scittarelli. Gli scenari politici dell’epoca erano diverse. Lui era alfiere di Forza Italia e soffiò la candidatura a sindaco a Mario Abbruzzese.

Nel 2000 decadde e il centro destra lo scaricò per favorire Scittarelli. Lui lasciò Forza Italia e approdò al centrosinistra ricoprendo anche cariche istituzionali. Forse sperando nella cabala o nelle sue qualità di amministratore, o entrambe le cose, si candida ad essere nuovamente successore di Petrarcone e lo fa con un comunicato stampa di attacco alle amministrazioni (Scittarelli e Petrarcone) che avrebbero vivacchiato grazie al lavoro svolto dalla suo lavoro. “La politica è un’arte nobile – dice Di Zazzo – che diventa grottesca, ed anche molto peggio, se interpretata da figure mediocri o inadeguate. Purtroppo non si possono definire diversamente coloro che, nella pochezza di questi ultimi anni, oltre a non aver fatto nulla per lo sviluppo di Cassino hanno alimentano una stucchevole polemica nel rivendicare delle opere non loro per cercare di sviare l’attenzione dal loro fallimento amministrativo. A rendere questa situazione ancor più drammatica è il fatto che il protagonista di questa farsa sono è proprio il sindaco che ha mandato Cassino nelle sabbie mobili dopo la crescita che c’è stata nei tre anni della mia amministrazione. Una parentesi oggettivamente felice tra i mandati di Petrarcone e Scittarelli in cui la città ha visto uno sviluppo massiccio con la progettazione prima e il finanziamento poi di molte opere che oggi caratterizzano Cassino ed hanno permesso a chi mi ha succeduto di tagliare qualche nastro. Tre anni che possono essere anche criticabili per le scelte politiche operate, ma che da un punto di vista amministrativo non hanno eguali nella storia recente della città. Risultati che sono sotto gli occhi di tutti e che Petrarcone non è nemmeno lontanamente riuscito ad eguagliare. I demeriti di questa amministrazione non si limitano “solo” all’incapacità di attrarre finanziamenti ed avere qualche idea di sviluppo della città senza piazzare a caso nel territorio qualche progetto, ma risiedono soprattutto nel non essere riuscito e manutenere le opere che si è ritrovate senza aver fatto alcuno sforzo. Il parcheggio multipiano di ingegneria (finanziato con i fondi del Giubileo), solo per fare un esempio, è diventato la terra di nessuno e versa in condizioni di semi abbandono. Non si è stati nemmeno in grado di completare per bene un semplice tetto sul Teatro Manzoni (finanziato con fondi Europei) ed oggi i cittadini si ritrovano a dover sborsare più di centomila euro per il completamento. La zona archeologica che ho valorizzato (con fondi Europei) è stata praticamente abbandonata a se stessa. Anche se in maniera molto approssimativa queste opere sono al servizio della città, ma la più grande sconfitta di questa amministrazione è stata la Colonia Solare (finanziata con fondi regionali) che non ha mai visto la luce. Una struttura che doveva diventare il fiore all’occhiello per accoglienza di studenti e professori di università straniere in occasione di incontri, convegni, studi di ricerca. È normale che nel corso della storia di una città ci siano amministrazioni più dinamiche ed altre meno, ma non trovo accettabile non raggiungere nemmeno il “minimo sindacale” con il completamento e la gestione di progetti trovati senza alcuno sforzo. Una buona amministrazione lascerebbe in “eredità” qualcosa alla città che verrà poi finita dalle successive e così via. Peccato che in questi ultimi anni la città è stata praticamente dimenticata visto che poco o nulla è stato fatto. Progettare e far finanziare qualcosa è infinitamente più complicato che parlare e criticare le altre amministrazioni. Petrarcone questo lo sa bene”.

16 ottobre 2015 0

Sabato e domenica a Colle San Magno gare di soft air

Di admin

Si svolgerà il 17 e il 18 ottobre prossimi, a Colle San Magno, la manifestazione ludico sportiva di soft air in occasione dell’evento regionale F.I.G.T. (Federazione regionale Giochi Tattici) denominata “Grande Caccia”. Ad organizzarla l’associazione sportiva dilettantistica “ Godguys Bad Land ASD del presidente Marco Migliorelli. La gara si svilupperà con la partenza della prima squadra dal punto di ritrovo di via Lago alle ore 10 del sabato 17 ottobre, verso il campo sportivo. Tale gara è organizzata in varie tappe e percorsi con il seguente itinerario: dal campo sportivo al monte Asprano e poi in auto verso la ex scuola elementare della Mandra. Nella notte di sabato e domenica si svolgerà la gara notturna in località Settare. Il soft air è un´attività ludico-ricreativa di squadra, basata sulla simulazione non violenta di giochi tattici. Questa disciplina prende il nome dall´utilizzo delle “ASG” Air Soft Gun (in inglese letteralmente “arma ad aria compressa”), ed è caratterizzata da una grande varietà di giochi diversi che comprendono varie tipologie e metodi, che spaziano da un approccio solamente ludico-ricreativo ad un approccio agonistico sportivo ad un approccio strategico-simulativo. Il soft air è innocuo e non violento, basato esclusivamente sul corretto confronto sportivo, in più permette di stare a contato con la natura. Insomma, una bella occasione di svago e di sport.

16 ottobre 2015 0

Acqua pubblica, Fare Verde Cassino scrive al consiglio comunale

Di admin

L’associazione ambientalista Fare Verde di Cassino presieduta da Salvatore Avella torna a chiedere a gran voce una presa di posizione forte e decisa del consiglio comunale in merito alla questione dell’acqua pubblica. In un una lettera indirizzata al sindaco, al presidente del consiglio e al consiglio comunale Fare Verde chiede che nel prossimo consiglio comunale venga modificato l’articolo 5 “Tutela del patrimonio naturale, storico, artistico e ambientale” del proprio Statuto o fare un articolo ex novo, intitolato “IL DIRITTO DELL’ACQUA”, che afferma ufficialmente e istituzionalmente “l’accesso all’acqua come diritto naturale inalienabile di ogni essere vivente”.

A) “Il Comune riconosce l’acqua quale patrimonio dell’umanità e lo status dell’acqua come bene comune pubblico”;

B) “Tutte le acque, superficiali e sotterranee, anche se non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà e rispetto degli equilibri ecologici”

C) “E’ di interesse generale. La proprietà delle infrastrutture e delle reti è pubblica e inalienabile, e la gestione è effettuata esclusivamente da soggetti interamente pubblici o a controllo pubblico con meccanismi che garantiscano la partecipazione sociale.