Giorno: 21 ottobre 2015

21 ottobre 2015 0

Percorso della Battaglia a Cassino, visite guidate gratuite fino a domenica

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Per chi ancora non ha colto l’occasione, domenica prossima avrà la possibilità di usufruire dell’ultima delle otto giornate durante le quali la visita del Percorso della Battaglia prevede anche il supporto gratuito delle guide che accompagneranno i visitatori per l’intero tragitto.” A renderlo noto l’assessore al turismo Danilo Grossi a 4 mesi dall’apertura del Percorso della Battaglia grazie ad un progetto, nato all’interno di Expo 2015, curato da ABC (Arte Bellezza Cultura) e sostenuto dalla Regione Lazio e dal presidente Nicola Zingaretti. “Nelle prime sette giornate (la seconda e la quarta domenica del mese di luglio, di agosto, di settembre e di ottobre) – ha continuato Grossi – che abbiamo deciso di riservare alle visite guidate gratuite migliaia sono stati gli appassionati ed i visitatori, provenienti da ogni parte d’Italia e anche dall’estero (in particolare Inghilterra, Canada, America e Polonia), ospitati dal Percorso a dimostrazione di quanto attesa fosse la sua riapertura. Domenica quanti ancora non hanno visitato il Percorso della Battaglia, possono cogliere l’opportunità di entrare in contatto, con il supporto gratuito delle guide, con quegli scenari che più di 70 anni fa hanno visto una delle battaglie più terribili della seconda guerra mondiale. Un’occasione per riscoprire quei luoghi ed allo stesso tempo ricordare quei fondamentali momenti che segnarono la storia del nostro Paese. La riaperture del Percorso della Battaglia è stata resa possibile grazie all’impegno delle istituzioni e delle associazioni che quotidianamente operano sul territorio. Soprattutto era un evento atteso da tantissimi cittadini e proprio per questo si è provveduto a creare un’apertura al lato del cancello che rende possibile l’ingresso ogni giorno al Percorso a pedoni e ciclisti. Così facendo è possibile mantenere chiuso il cancello, evitando che auto non autorizzate si possano avventurare su un cammino che è dedicato a pedoni e ciclisti e sul quale per l’intero tragitto è stata posizionata apposita cartellonistica multilingue relative al percorso. Un Percorso naturalistico tra i più belli in assoluto che è stato riportato alla luce grazie al Progetto Abc, alla Regione Lazio ed alla perfetta sinergia tra il Comune di Cassino ed il Parco Regionale dei Monti Aurunci, oltre che alla fondamentale collaborazione dell’Abbazia di Montecassino e dell’Abate Dom Donato Ogliari che ringrazio. Domenica, quindi, con appuntamento alle 9.30 presso il parcheggio del Cimitero Polacco prende il via l’ultima giornata gratuita di visite guidate, un’occasione da cogliere al volo. Un ringraziamento lo rivolgo, infine, a Cassino Turismo ed all’Associazione Linea Gustav ed al suo presidente Damiano Parravano (che lavora attivamente e quotidianamente su quei luoghi con diverse iniziative) che ogni giorno sono parte attiva nel supporto ai tanti visitatori che si recano su uno dei percorsi naturalistici più belli dell’intero Paese. Inoltre è bene ricordare che chiuso il ciclo di visite guidate, il Percorso della Battaglia è comunque aperto ogni giorno dalle 9.30 alle 18 e qualora il visitatore voglia una guida che illustri il cammino, è possibile prenotarsi rivolgendosi al numero 392.6887226, oppure scrivendo a info@gustavline.it. Infine, sempre in tema di collaborazione, proprio in questi giorni il presidente del Parco dei Monti Aurunci, Michele Moschetta, ha presentato nuovo progetto alla Regione Lazio che riguarda proprio il Percorso della Battaglia, attraverso il quale sarà possibile ottenere ulteriori contributi. Un progetto, per il quale ringraziamo il presidente Moschetta, che ci vede al suo fianco, così come per altre iniziative analoghe, nella ferma convinzione che la collaborazione tra enti su di uno stesso territorio, come dimostrato sia con la Rocca Janula che con il Percorso della Battaglia, sia fondamentale.”

21 ottobre 2015 0

La “Ricciola in crosta d’olive” dello chef Grossi di Cassino trionfa alle gare di cucina a Formia

Di admin

La “Ricciola in crosta di olive, porro al timo e pomodoro torpedino appassito” di Roberto Grossi Chef del ristorante Evans di Cassino ha sbaragliato la concorrenza alla XVIII edizione del Concorso “I Piatti Tipici Pontini” e’VIII edizione del concorso “La cucina regionale rivisitata in chiave moderna” , la gara gastronomica che si è tenuta a Formia presso l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri della Ristorazione. Alle gare indette dalla Federazione Italiana Cuochi sezione provincia di Latina hanno partecipato, cimentandosi nelle tre cucine a disposizione, 8 chef professionisti e 9 squadre di allievi hanno dovuto realizzare il proprio piatti in 40 minuti totali Il piatto di Grossi non ha avuto eguali vincendo sia la gara provinciale che quella regionale. Secondo classificato nel concorso provinciale Roberto Villani Chef del ristorante L’ancora di Formia con Millefoglie di Sciabola melanzane e pomodori di collina e broccoli all’agro, secondo classificato nel concorso regionale Dario Agostinelli Chef esperto in catering di Anzio con Medaglione di maiale crumble alle nocciole e carciofo croccante. Il Team allievi composto da Samuel Ridolfi e Jasmine Scarsella allievi dell’ I.P.S.S.A.R. di Anzio con “ Trilogia di orata” ha vinto sia il primo premio regionale che quella provinciale, secondo posto sia provinciale che regionale al Team allievi composto da Andrea Salem allievo I.P.S.S.A.R. di Anzio e marcia Antonietta dell’I.P.S.S.A.R. di Formia con “Filetto di Maiale in crosta con crema di fagiolini, funghi arrosto e cipolla stufata.

21 ottobre 2015 0

Spara ai cani vicino ufficio tecnico di Frosinone, pastore denunciato

Di admin

Spara fucilate ai cani randagi e rimedia una denuncia. E’ accaduto questa mattina a Frosinone dove un testimone ha chiamato il 113 riferendo di un anziano che, armato di fucile, aveva esploso colpi in direzione di alcuni cani. All’arrivo delle volanti, però, dello sparatore, un 73enne di Frosinone, non c’erano tracce. Ma la targa dell’auto con la quale si era allontanata, prontamente annotata dal testimone, ha permesso di rintracciarlo nella sua abitazione. Davanti casa c’era l’auto con ancora dentro il fucile. L’anziano ha ammesso di essere stato sul terreno di sua proprietà per allontanare dei cani randagi che stavano aggredendo alcune pecore del suo gregge.

L’uomo ha anche confermato agli agenti delle Volanti di aver avuto l’arma al seguito ma di non averne fatto uso. Dagli accertamenti è emerso che l’anziano è in regola con le prescritte autorizzazioni di polizia per la detenzione del fucile ma non per il porto dell’arma. Per questo il

fucile è stato sequestrato ed il settantatreenne denunciato per violazione della normativa in materia di armi.

21 ottobre 2015 0

Sora al top nelle graduatorie regionali nella progettazione di scuole innovative

Di admin

Il comune di Sora primo nella graduatoria della Regione Lazio per le manifestazioni d’interesse per la realizzazione di scuole innovative. I progetti esaminati riguardavano la costruzione di edifici all’avanguardia dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico, dell’efficienza energetica, della sicurezza strutturale e antisismico. Il piano di intervento sull’Istituto comprensivo “Facchini” si è aggiudicato il primo posto nella classifica stilata dalla Regione. I lavori, per un importo di 5 milioni rientrano nell’area di intervento di viale San Domenico. N.Costa

21 ottobre 2015 0

Incatena al letto il fratello, 46enne di Posta Fibreno assetata per maltrattamento e sequestro

Di admin

Aveva incatenato al letto il fratello 56enne su cui esercitava la tutela. L’uomo, con problemi mentali, e per questo affidato alla sorella 46enne, è stato trovato oggi pomeriggio dai carabinieri della stazione di Posta Fibreno e dai loro colleghi del nucleo operativo di Sora, immobilizzato a letto con l’ausilio di catene. L’uomo è stato liberato e trasportato in ospedale affidato ai servizi sociali del comune di Posta Fibreno. Per la donna, invece, è scattato l’arresto per maltrattamento in famiglia e sequestro di persona.

21 ottobre 2015 0

Tenta di truffare una 70enne di Gaeta ma viene fermato da carabiniere fuoriservizio

Di admin

Ha ingannato una anziana di 70 anni di Gaeta, ma non il carabiniere che le abita a fianco capace di sventare la truffa ed arrestare il truffatore. In manette è finito E. C. operaio 33enne di Napoli che deve rispondere di resistenza a pubblico ufficiale e truffa aggravata. Il carabiniere libero dal servizio ma in forze alla tenenza di Gaeta, dalla finestra della sua abitazione ha notato il giovane che con una valigetta, suonava alla porta di una anziana che gli abita di fronte. Insospettito, è sceso a sua volta e ha aspettato che il ragazzo uscisse dalla casa. Il 22enne bloccato dal carabiniere che, qualificatosi, gli ha chiesto i documenti. Vistosi scoperto l’uomo ha reagito minacciando il militare fingendo di avere una pistola e tentava di fuggire raggiungendo la propria autovettura. Cosa che gli riusciva ma il carabiniere, sebbene leggermente ferito a causa della colluttazione avuta con il malvivente è riuscito a memorizzare il numero di targa e il modello della vettura. Ha quindi chiamato rinforzi e le pattuglie in servizio per il controllo del territorio che in pochi minuti sono riusciti a bloccarlo e arrestarlo. I fatti, quindi, sono stati ricostruiti. E.C. avrebbe tentato di truffare la donna anziana fingendosi un perito assicurativo che si stava occupando di un presunto incidente stradale avvenuto al figlio della stessa. Pertanto l’uomo avrebbe chiesto all’anziana un corrispettivo in denaro di circa 4.500 euro. La donna ha anche raccontato di essere stata precedentemente contattata sulla propria utenza domestica da un uomo che le riferiva che suo figlio aveva avuto un incidente stradalee che lo stesso avrebbe avuto bisogno di soldi essendo sua la responsabilità dell’incidente stesso.

21 ottobre 2015 0

Traffico d’armi, maxi operazione dei carabinieri del Ros in mezza Italia

Di admin

Il mercato delle armi attraversa l’Italia e a riporva di ciò i carabinieri del Ros hanno eseguito questa mattina una operazione nelle regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Marche, sono state eseguiti numerosi decreti di perquisizione domiciliare emessi dalla Procura della Repubblica di Udine. Cinque persone sono state arrestate e mentre altre 30sono state indagate per traffico di armi ed esplosivi.

Nel corso delle perquisizioni e’ stato rinvenuto e sequestrato un ulteriore, ingente quantitativo di armi, munizionamento ed esplosivi provenienti anche da depositi militari situati nei paesi balcanici. Undici degli indagati sono oltre confine, in Slovenia e Croazia dove, nell’ambito di indagini collegate, svolte in collaborazione con le competenti autorità giudiziarie e di polizia, sono state effettuate altre perquisizioni.

I provvedimenti di oggi scaturiscono da un’attività investigativa avviata dal Ros nel novembre 2014, a seguito di due rilevanti sequestri di armi e munizioni da guerra effettuati dai carabinieri nel comune di Artegna (Ud).

Le indagini, dirette dalla procura friulana, hanno consentito di individuare un canale di importazione illegale di materiale d’armamento ed esplosivi provenienti dai balcani.

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terra’, alle ore 11.00 odierne, presso la sede del comando provinciale carabinieri di Udine.

21 ottobre 2015 0

Malore durante la discussione di laurea ad ingegneria, i presenti: “Troppe persone, non si respira”

Di admin

Lieve malore ieri mattina ad ingegneria a Cassino. Durante la discussione delle tesi di laurea, una candidata si è sentita male nell’aula magna Luigi Papa. A causa del malore ha dovuto interrompere la discusione e i docenti hanno soccorso la ragazza ed hanno aperto porte e finestre.

Il pubblico ha lamentato l’aria pesante che si respirava nell’aula a causa del numero eccessivo delle persone presenti. Non è la prima volta che in quell’aula vengono svolte sedute di laurea con numerose persone che spesso ne superano abbondandemente la capienza, mettendo a rischio anche la sicurezza dei presenti. Fortunatamente oggi è bastato il soccorso dei docenti e qualche studente e pochi minuti dopo la laureanda ha proseguito la discussione.

21 ottobre 2015 0

Truffa alla sanità, scandalo all’Ospedale Israelitico di Roma. Diciassette indagati

Di admin

Quattordici persone arrestate e tre agli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria è lo sviluppo di una operazione di polizia svolta questa mattina dai Carabinieri del NAS di Roma, unitamente al personale del Gruppo, del Reparto Operativo e del Comando per la Tutela della Salute di Roma nonché coadiuvati dai reparti del Comando Provinciale di Roma, nei confronti di 17  dirigenti, medici e operatori della casa di cura privata “Ospedale Specializzato Israelitico” di Roma.

I provvedimenti emessi dal GIP del Tribunale di Roma sono riconducibili alle risultanze investigative raccolte nel corso di un’indagine condotta dal NAS di Roma e coordinata da un pool della Procura della Repubblica di Roma relativamente alle ipotesi di reato di falso e truffa in danno della sanità pubblica.

Contestualmente all’esecuzione dei 17 provvedimenti cautelari, l’Autorità giudiziaria di Roma ha disposto il sequestro preventivo per equivalente pari all’ammontare di 7,5 milioni di euro, somma riconducibile alla indebita richiesta economica eccedente le prestazioni realmente erogate della struttura ospedaliera.