Giorno: 21 novembre 2015

21 novembre 2015 0

Scandalo Montecassino, “Je suis Abbey Party” per le offese ingiuste ed ipocrite

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – “Schifo” è l’offesa più frequentemente scelta dai lettori on line, per insultare gli organizzatori dell’Abbey Party al Merum Jazz bar di Cassino. Leggi qui

Ipocrisia, a nostro avviso, è la risposta che andrebbe data a quell’insulto. La lista dei commenti è lunga, molto più lunga di quella che è stata riservata all’ex abate Vittorelli negli articoli che lo riguardavano. Sicuramente anche in quell’occasione il prelato è stata etichettato con epiteti non piacevoli, ma accostare le due parti, francamente sembra troppo, troppo ingiusto per l’Abbey Party. Vorremmo sapere quanti di quelli che hanno adoperato la parola “schifo” per una festa in maschera, l’hanno adoperata anche per chi, quella festa l’ha ispirata nella sua squallida e grave realtà.

Perciò ipocrisia; perché forse lo stesso atteggiamento di reverenza ingiustificata verso qualcuno che non lo merita, porta ad offendere chi, invece, non avendo fatto alcun giuramento di povertà o castità, non in una chiesa ma all’interno di una attività commerciale, pagando le tasse, organizza una festa in maschera in cui nessuno ha rubato a nessuno, e non si è fatto nulla di quanto le cronache dei giornali hanno raccontato in merito al protagonista dello scandalo stesso. “Je suis Abbey Party”, verrebbe da dire oggi perché non sono i ragazzi dell’Abbey Party a minacciare il “faro”. Anzi, a loro modo hanno dato un contributo per alleggerire la pressione sulla vicenda facendo sorridere. Questo certamente non ostacolerà l’opera di ricostruzione morale che l’Abate Ogliari e i Benedettini buoni stanno portando avanti sul Sacro Monte.

Ermanno Amedei

21 novembre 2015 0

L’indagine sulla macellazione clandestina da Avezzano ad Isola Liri

Di admin

Isola del Liri – Macellavano carne illegalmente, è questa l’ipotesi investigativa che ha spinto i forestali di Avezzano fino ad arrivare ad un allevamento di Isola Liri. Le indagini sono state avviate in seguito alle denunce di alcuni allevatori della Marsica che non trovavano più le mucche lasciate al pascolo. Questa mattina una cinquantina di forestali hanno effettuato perquisizioni in diversi allevamenti tra Abruzzo, Umbria e Lazio. A Isola Liri sono stati acquisiti documenti e targhette auricolari oltre che farmaci. Le indagini dovranno accertare soprattutto la provenienza di alcune targhette.

21 novembre 2015 0

Incidente sulla superstrada Cassino Sora a Morino, muore una donna

Di admin

Morino – Incidente mortale oggi pomeriggio sulla strada statale 690 Avezzano Sora. Lo schianto è avvenuto nel primo pomeriggio tra due auto al chiolmetro 20 nel territorio comunale di Morino ed ha causato la morte di una donna di Balsorano. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, il 118 la polizia stradale ed il personale di Anas.

 

21 novembre 2015 0

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne a Piedimonte San Germano

Di admin

Piedimonte San Germano – Appuntamento importante mercoledì 25 novembre a Piedimonte San Germano dedicato alle iniziative per combattere la violenza sulle donne. In concomitanza con la giornata mondiale dedicata a questo delicatissimo tema, l’amministrazione comunale organizza un convegno all’ interno del centro commerciale Le Grange.

A partire dalle ore 17.30. Interverrà il sindaco Enzo Nocella e la consigliera comunale Patrizia Caccavale. Quest’ultima traccerà una dettagliata analisi sul tema della violenza sulle donne. Seguirà l’intervento di un maestro di arti marziali per introdurre i presenti alla disciplina dell’ autodifesa. N. Costa

21 novembre 2015 0

La polizia ferma il reggente del clan Zagaria insieme ad un affiliato

Di admin

Caserta – La polizia di Caserta ha eseguito un fermo emesso dalla DDA di Napoli nei confronti del 31enne Carlo Bianco di Casal di Principe e del 31enne Giuseppe Catalano di Frignano. I due sono accusati del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. In tempi diversi si sono presentati da un imprenditore caseario di Casal di Principe intimandogli prima ed ottenndo poi un versamento di denaro di migliaia di euro a titolo estorsivo.

L’indagine è scaturita dalla denuncia della vittima ed ha consentito di svelare l’attuale posizione di rilievo di Carlo Bianco all’interno del clan Zagaria definitosi “l’attuale reggente dell’ominimo clan camorristico”.

21 novembre 2015 0

Spacciatore 18 enne arrestato a Cassino con 300 grammi di droga nascosta tra i libri di scuola

Di admin

Cassino – Un altro arresto per droga a Cassino. Un altro giovane spacciatore finisce nella rete dei controlli della polizia di Cassino diretta dal vice questore Cristina Rapetti. Ieri sera in viale Europa i poliziotti delle volanti del commissarito di Cassino hanno sorpreso due giovanissimi che si scambiavano furtivamente alcuni involucri e del denaro.

Alla vista degli agenti i due cercavano di allontanarsi su strade diverse e uno di loro ha gettato a terra un involucro contentente droga. Gli agenti così subito inseguono e bloccano in via Pò il ragazzo che ha ceduto l’involucro e gli trovano negli indumenti intimi 60 euro e una piccola chiave di sicurezza. La perquisizione viene estesa anche presso l’abitazione dove i poliziotti sequestrano nella sua camera da letto 18 vasetti di vetro contenenti marijuana: 13 barattoli erano nascosti tra i libri di scuola e 5 nel cassetto della scrivania. In un armadio invece è stata trovata una valigetta tipo 24 ore con le cerniere chiuse a chiave.

Utilizzando la chiave trovata addosso al ragazzo, un 18enne di Cassino, i poliziotti trovano nella valigetta ulteriori 5 vasetti di vetro contenenti ulteriore droga, un bilancino di precisione, 8 contenitori in metallo contententi hashish e 500 bustine di cellophane trasparente per confezionare la droga, un coltello utilizzato per tagliare l’hashish, due trincia erba, cartine per la realizzazione di sigarette, uno strumento in plastica per ricavare olio di hashish e 665 euro in banconote di piccolo taglio. In una custodia per chitarre viene trovata una busta di carta con della marijuana.

A stupire gli operatori di polizia la meticolosità con cui la sostanza è stata conservata e “catalogata”: tutti i vasetti riportano infatti etichette con l’indicazione del tipo e della varietà di sostanza stupefacente risultata essere, nello specifico, marjuana e hashish. Il peso complessivo della droga è di 300 grammi. Il diciottenne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

21 novembre 2015 0

Con “Il Principe Anselmo” si apre la quinta edizione di Cassino che legge

Di admin

Cassino – E’ stata inaugurata ieri nella biblioteca Pietro Malatesta la quinta edizione di Cassino che legge con la collaborazione di Tantestorie.it. Il primo incontro ha visto la presentazione de “Il Principe Anselmo”, terza opera letteraria di Palma Lavecchia, già ospite della rassegna Cassino che legge 2013. L’assessore alla cultura del comune di Cassino Danilo Grossi ha aperto l’incontro e dopo le presentazioni di Paola Caramadre che ha spiegato il progetto editoriale on line di Tantestorie.it il microfono è passato alla giornalista Rita Cacciami che ha avviato un dibattito a due con Palma Lavecchia sui temi centrali de Il Principe Anselmo.

Un romanzo corale ambientato in una cittadina nel 1974 e precisamente nella piazzetta San Martino dove si incontrano e si scontrano le vite dei personaggi. I temi che emergono sono diversi, ma due lasciano il segno. Il filo conduttore del romanzo è incentrato sulla separazione vista con gli occhi di un padre e dell’allontanamento, che ne consegue, dal figlio. Ma non solo, perché come ha evidenziato con molta professionalità la giornalista Rita Cacciami, nella trama del romanzo ‘esplode’ il tema delle marocchinate. Le violenze subite da donne, bambine, anziane e anche da uomini durante la seconda guerra mondiale sono state rielaborate in forma romanzesca da Palma Lavecchia che ha voluto suscitare un interesse rinnovato su una pagina tanto dolorosa per la Ciociaria affinché si possa far riemergere una verità tragica e forzatamente rimossa dalla memoria collettiva.

La rassegna Cassino che legge continua domani, domenica 22 novembre, alle ore 18 in biblioteca comunale con la presentazione di “Federica, La ragazza del lago” di Massimo Mangiapelo che trasporterà i lettori nella crudezza della realtà: la morte di Federica Mangiapelo.

Antonio Nardelli

21 novembre 2015 1

Scandalo Montecassino, abati e suore sexy come dj e cameriere all’abbey party del Merum di Cassino

Di admin

Cassino – Un cardinale come dj e un abate come barista. Sacerditi e suore come sexy camerieri. La parodia corre sul bancone del bar e a Cassino accade qualcosa che sarebbe stato inimmaginabile appena qualche anno fa. Sacro e profano accostato all’ombra di quell’abbazia che, secondo leggende di un tempo, aveva il potere temporale di impedire che nella valle di San Benedetto venissero aperte discoteche. Una sorta di rivalsa. Anche questo lo si deve alle gesta dell’ex abate Vittorelli. Sull’onda mediatica seguita allo scandalo dai presunti prelievi dal conto dell’Abbazia ma, ancor piú, dalla scoperta, a quanto pare certificata, della vita lasciava del 191esimo successore di San Benedetto, c’è chi tenta di sorridere ed esorcizzare. Anche così si supera lo shock. Ieri sera grande successo al Merum  jazz bar di Cassino per l’Abbey party. Inutile spiegarne il senso, in particolar modo dopo aver visto la locandina che lo annunciava.

In molti si sono affrettati a sottolineare che quella di ieri sera è stata una serata molto più morigerata delle indiscrezioni trapelate sulla vita che il prelato seguiva fuori dell’abbazia. Comunque a Cassino la gente ricomincia a sorridere e, questo, è buon segno.

Ermanno Amedei

foto alberto ceccon

21 novembre 2015 0

Anche il centro culturale islamico di Cassino alla manifestazione nazionale musulmani d’Italia:#NotInMyName

Di admin

ROMA – Si chiama #NotInMyName la manifestazione che si terrà oggi parallelamente a Roma e a Milano indetta dai musulmani d’Italia.

#NotInMyName è una manifestazione contro il terrorismo, contro la violenza e per la vita.

Con #NotInMyName i musulmani italiani vogliono sottolineare  la propria distanza dall’ISIS e la propria solidarietà, in primo luogo alle vittime dell’attentato di Parigi, ma, anche alle vittime degli attentati di Beirut e del Mali e a tutte le vittime delle guerre che si combattono oggi nel mondo.

Alla manifestazione hanno aderito tutte le associazioni e le organizzazioni islamiche in Italia, il presidente del senato Pietro Grasso, molti parlamentari e parte della società civile italiana.

Il centro islamico culturale di Cassino(FR) parteciperà con i propri rappresentanti alla manifestazione di Roma che si terrà oggi 21 Novembre 2015  e che prenderà il via a Piazza Santi Apostoli alle 15.

Il centro islamico di Cassino già subito dopo l’attentato di Parigi aveva espresso la ferma condanna delle violenze con questo comunicato :

Il centro islamico di Cassino e del Lazio meridionale esprime a nome della comunità islamica del basso Lazio la propria solidarietà alle vittime dell’attentato in Francia e alle loro famiglie.

Il centro islamico di Cassino esprime altresì la propria solidarietà a tutti gli uomini – indifferentemente dal loro  credo – che oggi nel mondo soffrono a causa di guerre ingiuste, in Palestina, in Siria, in Iraq, etc., guerre che nulla hanno a che fare con motivi religiosi.

Siamo al fianco inoltre dei tanti cattolici del cassinate che in questa settimana hanno vissuto momenti difficili; rinnoviamo l’invito alla fede e invochiamo il perdono del Signore per i nostri peccati terreni.

Il centro islamico di Cassino rinnova l’invito ai rappresentanti religiosi e civili al confronto, sia a livello locale che nazionale, per lavorare insieme, mettere da parte le differenze e favorire la diffusione dei tanti valori sani che ci accomunano al fine di costruire una società nella quale ci sia spazio e rispetto per tutti.