pubblicato il27 novembre 2015 alle 19:20

Razziavano nelle aree di servizio tra Anagni e Castrocielo, sgominata la banda di campani

La banda di razziatori delle aree di servizi ad Anagni e Castrocielo hanno chiuso la loro attività. A “tirar giù le serrande” sono stati gli agenti della polizia stradale di Frosinone comandata dal vice Questore Vincenzo Lombardo al termine di un’attività investigativa durata circa due mesi. Questa mattina è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone dedite a furti su autovetture all’interno di aree di servizio.

faccedivita.it

Le indagini hanno avuto inizio nei primi giorni del mese di settembre, a seguito di alcuni furti commessi all’interno di autovetture parcheggiate nelle aree di servizio la Macchia e Casilina, site lungo l’autostrada A/1.

L’acquisizione delle immagini dai sistemi di videosorveglianza e i riscontri investigastivi riconducevano a tre persone, di origine partenopea, con precedenti penali specifici per furti proprio nelle aree di servizio.

Due di loro, lo scorso mese di ottobre , venivano arrestati in flagranza per un furto commesso all’interno dell’area di servizio la Macchia Est.

La tecnica posta in essere dalla banda prevedeva un “palo” che controllava le persone all’interno dell’autogrill mentre il complice poteva introdursi indisturbato nelle auto ed asportare i bagagli.

I malviventi si servivano di congegni che inibivano i telecomandi con i quali i proprietari dei veicoli credevano di aver chiuso le loro autovetture.

La merce asportata consisteva principalmente in pc portatili e telefonini smart-phone ma anche in capi di abbigliamento ed altri oggetti, che poi venivano rivenduti nell’interland napoletano.

All’esito dell’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone, il G.I.P. del Tribunale di Frosinone emetteva un’ordinanza di custodia cautelare a carico dei tre soggetti, di 60, 36 e 21 anni, tutti di Napoli, che dovranno rispondere di furto aggravato continuato.

Gli arresti sono stati eseguiti nel corso della giornata odierna a Napoli da personale della Polizia Stradale di Frosinone supportati dai colleghi della sezione Polizia Stradale di Napoli.

Le perquisizioni delle abitazioni del terzetto permettevano di rinvenire tra l’altro 5 macchine fotografiche digitali compatte, un telefonino e una scheda di memoria, provento di furti.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07