pubblicato il15 dicembre 2015 alle 22:25

Passi avanti sul percorso del Dop per l’oliva di Gaeta

Gaeta – Un importante traguardo è stato raggiunto nel corso della riunione tenutasi il 10 dicembre scorso presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell’ambito della procedura di registrazione della Oliva di Gaeta D.O.P., alla quale hanno preso parte il Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dell’Oliva di Gaeta D.O.P., la Camera di Commercio di Latina, il Comune di Gaeta, l’Associazione Gaetavola e alcuni produttori di Gaeta, per i motivi legati alla denominazione della cultivar di olivo (la pianta) inserita nel Disciplinare di produzione.
Il presidio dei diritti delle comunità interessate; le legittime rivendicazioni del territorio che per millenni ha legato a sé la pianta ed il suo frutto; la necessità di assicurare al prodotto le condizioni per un vantaggio competitivo stabile e duraturo; il dovuto riconoscimento al lavoro e all’impegno degli imprenditori del settore: sono queste le considerazioni che hanno ispirato l’azione di tutti i soggetti coinvolti e la loro manifestata volontà di giungere presto ad una soluzione congiunta e condivisa in nome del bene comune.
Tutti i soggetti intervenuti alla riunione sono unanimi nel porre l’accento sulla valenza dell’intesa conseguita alla presenza dei rappresentanti del MIPAAF, delle Regioni Campania e Lazio, e dell’ARSIAL (l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio). Una modifica del disciplinare di produzione (per la quale i funzionari ministeriali prevedono tempi brevissimi) che ha il sapore della consapevolezza di aver raggiunto un obiettivo storico che dà la giusta soddisfazione all’identità di un prodotto che è manifestazione diretta della storia, dell’economia e della cultura del territorio di produzione.
L’accordo raggiunto rende onore ai soggetti della rete territoriale che, in una fase delicata della procedura di registrazione, hanno saputo trovare unità e compattezza in nome di una condivisa esigenza di protezione degli imprenditori e dell’insieme di risorse materiali ed immateriali coinvolte che è doveroso difendere dalle insidie del mercato allargato. D’intesa col Consorzio di Tutela è previsto che il MiPAAF chieda per l’Oliva di Gaeta la protezione transitoria, che consentirà, nelle more dell’approvazione definitiva in sede comunitaria, di iniziare a commercializzare col marchio D.O.P. le Olive di Gaeta prodotte già con la raccolta di quest’annata (2015/2016).
La conclusione dell’iter ministeriale consente la partecipazione agli imminenti bandi del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Lazio che prevedono l’erogazione di agevolazioni sui programmi di investimento in beni strumentali e sulle spese di certificazione delle produzioni agricole già destinatarie di una denominazione di origine.

Resta la soddisfazione che, su tutto, ha prevalso una consapevole e rigorosa politica di difesa delle produzioni agroalimentari tipiche, che sono tali proprio perché ad esse si riconosce i ruolo di messaggere dell’unicità dell’area di origine e di baluardo dell’unica vera ricchezza di un territorio: la sua identità.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07