Giorno: 13 gennaio 2016

13 gennaio 2016 0

Bilancio Polizia Stradale: aumentano i motociclisti vittime di incidenti mortali

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dopo la battuta d´arresto registrata dall’Istat nel corso del 2014 nella riduzione del numero delle vittime sulle strade – con appena 20 deceduti in meno rispetto al 2013 -, l´incidentalità rilevata nel 2015 da Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri ha evidenziato una preoccupante inversione di tendenza, con un aumento degli incidenti mortali del 2,5% (40 incidenti in più del 2014, da 1.587 a 1.627) e, soprattutto, delle vittime del 1,3% (22 deceduti più, da 1.730 a 1.752). I mesi che hanno fatto registrare un bilancio negativo – oltre a gennaio e dicembre – sono stati quelli del trimestre estivo (luglio, agosto e settembre), con un incremento dei deceduti del 13,5% rispetto allo stesso periodo del 2014 (66 morti in più). Particolarmente allarmante il trend della mortalità per gli utilizzatori di veicoli a motore a due ruote (motocicli e ciclomotori): nel 2015, infatti, i centauri deceduti in incidente sono stati 471, ben 81 in più dell’anno precedente, con un aumento percentuale di quasi il 21%.

Quanto alle altre categorie di cd. utenti deboli, mentre si è registrato un lieve aumento dei decessi tra i pedoni (+3,6%, 204 contro i 197 del 2014), si è avuta per converso una diminuzione di oltre il 12% delle vittime tra i ciclisti (12 morti in meno, 87 contro i 99 dello scorso anno). Un ulteriore elemento di allarme è dato dall’aumento dell’incidentalità mortale nelle ore notturne: nella fascia oraria 22,00/06,00, infatti, si sono avuti 443 incidenti mortali (62 più del 2014) che hanno causato 483 vittime (56 in più), con un aumento percentuale, rispettivamente, del 16,3% e del 13,1%. Un trend positivo riguarda invece il numero delle vittime al di sotto dei 30 anni di età, che diminuisce del 6%: 442 contro 470 del 2014 (28 morti in meno), dato ancor più significativo in relazione alle rinnovate campagne di educazione stradale dedicate ai giovani, come la recente iniziativa ” rispetta le regole… vinci la vita ” in collaborazione con l´Associazione Lorenzo Guarnieri Onlus e la Lega Nazionale Calcio di Serie B. L´iniziativa evidenzia il parallelismo tra le regole nel calcio e le regole sulla strada, un binomio che offre l´opportunità di continuare nell´opera di sensibilizzazione degli utenti della strada sull´importanza del rispetto delle regole in ogni campo.

13 gennaio 2016 0

Il Vescovo Antonazzo sarà ad Aquino per il 42° anniversario di elevazione a Basilica della cattedrale

Di redazione

Aquino– È prevista per il 17 gennaio la celebrazione del solenne pontificale ad Aquino per il 42° anniversario dell’ elevazione a basilica minore della concattedrale di San Costanzo vescovo e San Tommaso d’Aquino. A presiedere la celebrazione il vescovo Monsignor Gerardo Antonazzo. La cattedrale fu elevata a basilica minore con breve apostolico il 17 gennaio 1974 dal pontefice Paolo VI. A volere l’elevazione il vescovo dell’ epoca Monsignor Minchiatti su richiesta dell’ arciprete parroco Don Battista Colafrancesco. Sempre il 17 gennaio sarà inaugurata ad Aquino la sala Giovenale. Il parroco Don Tommaso del Sorbo invita la comunità di fedeli a prendere parte alle cerimonie in programma. Natalia Costa

13 gennaio 2016 0

Intera famiglia a giudizio per aver truffato correntisti postali per oltre 1 milione di euro. Pronto il risarcimento

Di admin

Nello scorso mese di febbraio gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato una cinquantenne impiegata di un ufficio postale della provincia di Frosinone.

Pesante l’accusa formulata dagli inquirenti a suo carico. Si trattò di una vera e propria truffa ai danni di ignari risparmiatori.

L’ingegnosa ma poco astuta ex impiegata aveva messo in atto una artificiosa macchina per fare soldi approfittando della diretta conoscenza dei clienti della filiale.

Sceglieva le sue vittime sulla base della loro disponibilità economica, dell’età anagrafica e soprattutto della loro buona fede.

Verificata la posizione di buoni postali ancora in lire, le invitava per la conversione del credito e il reinvestimento.

L’operazione apparentemente era corretta ma di fatto le somme solo parzialmente transitavano sui nuovi libretti postali.

All’epoca dell’arresto, gli uomini della Polizia Postale riuscirono ad accertare una distrazione di circa 600 mila euro che la donna, con la complicità del figlio, aveva depositato su libretti e conti correnti riconducibili a quest’ultimo.

Ma agli agenti della Polizia di Stato mancava ancora un tassello.

Altri dieci mesi di indagini sono serviti agli investigatori che, dopo aver spulciato sino in fondo conti correnti, depositi e libretti postali dell’intera famiglia, hanno accertato che la truffa messa in atto dalla ex impiegata delle poste aveva assunto contorni faraonici; oltre 1 milione gli euro truffati ai risparmiatori.

Questa volta gli Uomini della Polizia di Stato, dopo aver arrestato la donna e denunciato il figlio, hanno chiuso il cerchio deferendo per riciclaggio anche il marito, complice di aver messo a disposizione i propri conti correnti per favorire il deposito delle somme illecitamente sottratte dalla consorte.

La struttura Fruad Management di Poste Italiane, che ha collaborato incessantemente alle indagini, ha avviato le procedure di risarcimento delle vittime che a breve, forse già nel prossimo mese, saranno chiamate per riscuotere il maltolto.

Una buona notizia per i risparmiatori che avviene proprio in concomitanza con la prima udienza dibattimentale che si terrà nelle aule del palazzo di Giustizia di Cassino il prossimo 11 febbraio.