Politici, economisti e preti, gli italiani brindano per ritrovare fiducia… ma solo in loro stessi

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Lux ha detto:

    Ottima e veritiera la descrizione di un Paese che si trova in una situazione di degrado politico, economico, etico e morale. Per creare delle nuove condizioni, socio economiche, in cui poter continuare a prosperare e sperare in un futuro migliore la cosa migliore sembrerebbe essere quella di contare solo su noi stessi. Ma oggi io vedo “il singolo”schiacciato e accerchiato dalla forza e dal volere, comune e condiviso, di multinazionali, politici, ecclesiastici, giornalisti asserviti al potere, lobby economiche ,che aspirano a maggiori profitti. Tali entità fanno in modo che il singolo non possa essere indipendete e agire al di sopra di schemi da loro prefissati. Il singolo è relegato alla sopravvivenza, all’assenza di relazoni, obbligato a rispondere all’esigenze di una società stereotipata e drogata da slogan apparentemente innocui, che promettono una vita migliore che conduca il singolo alla giovinezza eterna e al paradiso terrestre. Probabilmente fare affidamento su sé stessi si può, ma ad una condizione: trovare il coraggio di agire in modo anticonformistico, agire da attori del proprio destino, spegnere la tv e ogni altro mezzo usato per condizionare e dirigere le masse. Hai ragione bisogna contare su sé stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *