Giorno: 1 febbraio 2016

1 febbraio 2016 0

Formia – Sicurezza stradale, soppresse le fermate ATP lungo la SR 630 Ausonia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Formia – A partire da domani 2 febbraio saranno soppresse le fermate del trasporto pubblico urbano ATP lungo la SR 630 Ausonia in entrambi i sensi di percorrenza. Il provvedimento, contenuto nell’ordinanza n. 26 firmata questa mattina dal Sindaco e dal Dirigente del settore Polizia Locale, applica le linee di indirizzo emerse dal vertice dello scorso 27 gennaio dedicato al tema della sicurezza stradale.

Tutte le fermate poste sulla superstrada Formia-Cassino, nel territorio corrispondente alla frazione di Penitro, sono infatti a taglio di strada, prive di illuminazione e golfi di fermata, munite di una segnaletica verticale obsoleta. In attesa che l’Ente proprietario della strada, l’Astral, intervenga per la loro messa in sicurezza, il Comune ha deciso di chiuderle. Gli utenti di Penitro potranno regolarmente usufruire delle fermate interne al circuito urbano della frazione.

Il fine è, naturalmente, quello di salvaguardare la sicurezza pubblica in un tratto di strada che la cronaca delle ultime settimane ha dimostrato particolarmente pericoloso.

1 febbraio 2016 0

Rompono finestrino auto di benzinaio e rubano incassi a Formia, bottino di 15mila euro

Di admin

Formia – Stava portando l’incasso in banca quando in due sono arrivati in moto e, in pieno centro a Formia, hanno sfondato il vetro dell’auto arraffando la borsa che conteneva i soldi e scappando.

E’ accaduto questa mattina in via Vitruvio davanti la filiale dei Monti di Paschi dove il gestore del distributore di carburante situato sull’Appia, si stava recando per consegnare gli incassi.

Il bottino sarebbe di circa 15mila euro. I ladri si sono dileguati in sella alla moto con cui sono arrivati.

 

1 febbraio 2016 0

“Incendia” la compagna incinta e scappa, 40enne fermato dai carabinieri di Formia

Di admin

Formia – Sono intervenutu per un incidente autonomo sul ponte del Garigliano a Minturno ed hanno scoperto che l’uomo rimasto incidentato contro il guardraill con la sua Nissan era Paolo Pietropaolo, 40 anni di Pozzuli, ricercato in tutta Italia perché questa mattina ha dato fuoco alla sua compagna alla 36esima settimana di gravidanza, gettandole addosso dell’alcool e poi appiccando il fuoco.

Leggi qui

La donna 38enne è ricoverata in gravissime condizioni a Napoli mentre la bambina è stata fatta nascere e, anche se prematura, le condizioni sembrano buone. L’uomo, mentre la donna era avvolta dalle fiamme, si è allontanato con l’auto dei genitori per essere rintracciato in stato confusionale sulla Domiziana appena dopo aver varcato il confine tra Campania e Lazio.

I militari lo hanno portato nel comando di compagnia di Formia dove in questo momento è interrogato da un sostituto procuratore della Procura di Cassino.

 

1 febbraio 2016 0

Distruggono bosco per estrarre breccia, cava sequestrata nel Cassinate

Di admin

Cassino – Hanno disboscato un bosco sottoposto a vincolo paesaggistico a per ampliare la cava estrattiva. Per questo gli uomini della Polizia Ambientale e Forestale (N.I.P.A.F.) del Comando Provinciale di Frosinone del Corpo forestale dello Stato, comandato dal Commissario Capo dr. Vitantonio Masi, congiuntamente agli uomini della Polizia Provinciale di Frosinone hanno sequestrato questa mattina una cava estrattiva che operava nel Cassinate.

Le indagini hanno accertato che le escavazioni hanno riguardato un bosco sottoposto a vincolo paesaggistico. L’attività di estrazione era svolta in virtù di autorizzazioni comunali, ma sulla base di un nulla osta della Soprintendenza dei Beni architettonici e paesaggistici che non evidenziava la presenza di alcun vincolo di natura paesaggistica incidente sull’area oggetto di controllo. La ditta, però, ha ampliato la propria attività estrattiva in altra zona con vincolo paesaggistico senza il nulla osta paesaggistico.

Il titolare dell’azienda è stato denunciato non solo per violazione delle norme di cui al Codice dei beni culturali e del paesaggio, bensì anche per distruzione di bellezze naturali.

Per il rispetto dei cavatori onesti avremmo voluto almeno indicare il comune in cui il sequestro è avvenuto proprio per scagionare da dubbi chi rispetta le regole. Purtroppo gli inquirenti hanno mantenuto il massimo riserbo anche sulla località oltre che sul nome dell’azienda. Siamo riusciti solamente ad accertare che non si tratterebbe di una delle cave di Coreno dove insistono numerosi impianti.

Er. Amedei

1 febbraio 2016 0

Allarme furti a Sant’Angelo, la gente chiede al sindaco incontro con Prefetto

Di admin

Cassino – Troppi furti nella periferia di Cassino e nella frazione di Sant’Angelo in Theodice, il sindaco Giuseppe Golini Petrarcone ha incontrato ieri la cittadinanza per individuare misure per arginare il fenomeno. La gente ha creato gruppi sui social su cui si scambiano informazioni in merito a vetture o fatti sospetti. Altri tentano di organizzare servizi volontari di controllo del territorio.

Ieri pomerigio Petrarcone ha incontrato in chiesa la cittadinanza raccogliendo le preoccupazioni della gente. “Qui non si dorme più serenamente. Il problema va al di la degli schieramenti politici – ha detto Di Monaco, uno degli organizzatori – Le visite di malviventi nelle abitazioni della zona sono troppo frequenti. Abbiamo deciso di chiedere un incontro in prefettura a Frosinone con Prefetto e Questore. Una richiesta di incontro che farà lo stesso sindaco. Chiediamo un pattugliamento rafforzato dell’area che fa cuscinetto con la provincia di Caserta ed anche un sistema di video sorveglianza”.

Il territorio di Sant’Angelo, inoltre, è solcato dal passaggio dell’autostrada “L’A1 è un altro problema. I malintenzionati – continua Di Monaco – lasciano auto nelle piazzole di sosta, superano la rete di protezione e vanno a compiere le loro malefatte nei territorio circostanti. Serve che anche la polizia stradale, quando nota queste situazioni, informi le forze dell’ordine in servizio esterno alla rete autostradale”. L’allarme è alto e la paura nella gente è palpabile: “Abbiamo paura per le nostre famiglie e i nostri figli, vorremmo che qualcuno ci dicesse come difenderci”

Ermanno Amedei