Giorno: 20 febbraio 2016

20 febbraio 2016 0

Obiettivo Sicurezza del Commissariato di Cassino contro i reati predatori

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Obiettivo Sicurezza, continua la collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato. Servizi straordinari di controllo del territorio hanno riguardato nella mattinata di ieri il territorio della città di Cassino. L’attività della Polizia di Stato è stata rivolta in particolare alla prevenzione dei reati predatori. Personale delle Volanti del Commissariato di P.S. di Cassino e pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo hanno passato al setaccio le zone maggiormente esposte al compimento di attività illecite.

Monitorati vie e luoghi sensibili sotto il profilo della legalità: 54 le persone identificate, 39 i veicoli controllati e 5 le contravvenzioni al Codice della Strada.

Anche la Polizia Stradale è stata impegnata nell’attività di prevenzione, con mirati controlli sia nelle strade a viabilità ordinaria, sia nel lungo tratto dell’autostrada A/1 che attraversa la provincia.

Proprio durante i controlli in ambito autostradale, una pattuglia della Sottosezione di Cassino ha denunciato in stato di libertà una cittadino straniero e una ventottenne di Ancona per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

20 febbraio 2016 0

Mense scolastiche, a Formia i pasti viaggiano su furgoni elettrici

Di redazionecassino1

FORMIA – Quattro mezzi elettrici per trasportare i pasti dal centro cottura alle scuole di Formia. A scegliere la via delle emissioni zero è la Dussmann, società appaltatrice cui nei mesi scorsi il Comune ha affidato il servizio di refezione scolastica.

I mezzi – furgoni Nissan ad alimentazione elettrica – sono entrati in funzione lo scorso gennaio in ottemperanza agli impegni assunti dall’azienda in sede di capitolato. L’eco-compatibilità degli strumenti utilizzati per il trasporto era infatti una delle migliorie previste dall’offerta, insieme ad altre innovazioni che riguardavano le strutture di refezione, l’offerta degli alimenti e l’informatizzazione dei servizi per la gestione di presenze e pagamenti.

L’Amministrazione comunale, dal canto suo, prosegue la sua attività di controllo mirata a verificare il rispetto degli standard di qualità del servizio. Giovedì l’Assessora alla Pubblica Istruzione Maria Rita Manzo ha riunito attorno allo stesso tavolo Dussmann, dirigenti scolastici e una delegazione di genitori al fine di raccogliere eventuali criticità e valutare insieme i correttivi da adottare.

“Sin dall’inizio – commenta l’Assessora Manzo –, abbiamo scelto la linea della partecipazione, consci di quanto delicato sia il settore della refezione scolastica. Dopo il cambio di gestore e le piccole iniziali difficoltà palesate, il sistema va assestandosi su livelli soddisfacenti. Continueremo a vigilare sul rispetto degli impegni, con lo spirito di collaborazione che, fin qui, tutte le componenti hanno pienamente dimostrato”.

20 febbraio 2016 0

Macedone ubriaco aggredisce moglie e figlio minore, arrestato dai carabinieri

Di redazionecassino1

S. Maria C. V. – I Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, in nottata, in quel centro, hanno arrestato in flagranza del delitto di maltrattamenti in famiglia un cinquantaduenne macedone residente a Santa Maria C.V..

In particolare, l’attuale indagato veniva sorpreso dai Carabinieri mentre in stato di ebrezza alcolica aggrediva la moglie ed il figlio minorenne, alla presenza degli altri componenti – anche minorenni – del nucleo familiare. Il cinquantaduenne alla vista dei Carabinieri si allontanava dalla propria abitazione, per poi raggiungere le vittime dell’aggressione all’interno del pronto soccorso dell’Ospedale Sammaritano – ove nel frattempo erano state accompagnate dai carabinieri – continuando anche in quel luogo ad inveire e minacciare i propri familiari. A questo punto i Carabinieri riuscivano a bloccare a trarre in arresto il macedone che dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria C.V. a disposizione dell’A.G. competente.

Alle due vittime dell’aggressione, dopo le prime cure, i sanitari hanno riscontrato varie contusioni giudicabili guaribili in pochi giorni.

20 febbraio 2016 0

Lampioni pericolanti a Castelnuovo Parano, manutenzione in corso

Di admin

Castelnuovo Parano – I lampioni in via Vallommare a Castelnuovo Parano erano in pessimo stato, cadevano di frequente, e l’amministrazione comunale sta procedendo con lavori di messa in sicurezza. Il problema lo avevamo segnalato circa 10 giorni fa, quando un palo era caduto sulla strada durante la notte, per fortuna senza ferire nessuno. Leggi qui Da ieri sono in corso lavori per sistemare i lamipini che rischiavano di fare la stessa fine. Er. Amedei

20 febbraio 2016 0

Maltrattamenti in classe alla scuola media, professoressa sospesa dall’insegnamento

Di admin

Viterbo – Una insegnante di scuola media è stata sospesa ieri dalla sua attività di insegnante perché perseguitava un alunno. E’ una professoressa da incubo quella che traspare dall’indagine svolta dalla Squadra Mobile di Viterbo che ieri ha notificato all’insegnate 53enne la misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di un Pubblico Ufficio, indagata per aver maltrattato un alunno della sua classe. Da una nota della squadra Mobile si apprende che la riservata attività d’indagine, condotta dai poliziotti diretti dal vice questore Fabio Zampaglione, è scaturita da una denuncia, presentata nei primi giorni del mese di febbraio, con cui venivano segnalate condotte illecite poste in essere dalla donna nei confronti del minore. Il ragazzo sarebbe stato oggetto di reiterati comportamenti violenti ed offensivi. L’insegnante avrebbe maltrattato l’alunno fino ad arrivare ad offenderlo con frasi irripetibili costringendo, inoltre, anche i compagni di classe a tenere atteggiamenti vessatori nei confronti del malcapitato. In un’occasione, il ragazzo sarebbe stato addirittura buttato fuori dall’aula e collocato su una sedia per essere picchiato a turno dai compagni maschi. Riscontri a quanto denunciato sarebbero stati effettuati dagli uomini della Squadra Mobile anche mediante l’audizione di diverse persone informate sui fatti. Da ciò emergeva un quadro desolante e il clima di terrore che la donna aveva ingenerato nei confronti del ragazzo. Tutta l’attività investigativa veniva integralmente trasfusa in una dettagliata informativa di reato indirizzata all’Autorità Giudiziaria in base alla quale la Procura della Repubblica di Viterbo richiedeva al G.I.P. l’emissione del provvedimento cautelare nei confronti della donna che veniva emanato nella mattinata di ieri.