pubblicato il27 febbraio 2016 alle 12:04

Dal 1 marzo, a Minturno, scuolabus fermi

Minturno – Il prossimo 29 febbraio scadrà la proroga del servizio Scuolabus, affidato alla DAP SRL.
Ad oggi il Comune non ha ancora comunicato la proroga e non c’è traccia della nuova gara di appalto. Nel frattempo i 12 lavoratori e lavoratrici , che al 29 febbraio scadrà anche il loro contreatto di lavoro e i circa 100 bambini di Minturno che usufruiscono del servizio scuolabus non conoscono cosà accadrà dal prossimo 1 marzo 2016. L’unica cosa certa è determinata dalla delibera n.1 del 15 gennaio 2016, con la quale il Commissario prefettizio del Comune di Minturno ha ridotto drasticamente le risorse a favore del servizio che comporterà inevitabilmente la perdita di posti di lavoro, in quanto i mezzi passeranno da 6 a 2, e un grave disagio per i bambini delle materne ed elementari che vivono a Minturno.
Da Martedi’ 1 marzo scuolabus fermi. Le mamme degli alunni dovranno arrangiarsi con mezzi propri!
Una doccia fredda, soprattutto per le famiglie delle zone periferiche e collinari che, da martedì dovranno organizzarsi per accompagnare i propri figli a scuola. Se tutto andrà bene, anche con una eventuale proroga del servizio all’ultimo minuto, o con una nuova gara di appalto, gli scuolabus che saranno ridotti a due, non basteranno a tutti e 100 bambini di Minturno. Quanto sta avvenendo, denuncia A.S. La Cobas, “E’ VERGOGNOSO”, il Comune non adotta una logica di “città a misura di cittadino” Il lavoro approssimato con il quale l’Ente comunale affronta le problematiche cittadine è a dir poco disastroso e a pagarne le conseguenze sono ancora una volta i Lavoratori e le Lavoratrici che rischiano nei prossimi mesi di perdere il lavoro, i cittadini, o peggio, i piccoli alunni.

faccedivita.it
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07