Giorno: 9 marzo 2016

9 marzo 2016 0

Frosinone Verona, daspo per 102 tifosi violenti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Sono 102 i Daspo emessi nei confronti di altrettanti tifosi del Verona che il 29 novembre, si resero protagonisti di scontri a Frosinone poco prima della partita tra il Frosinone e il Verona. Già in quella circostanza nove veronesi furono denunciati per possesso di materiale atto ad offendere e successivamente daspati. Altri sette, invece, vennero arrestati per gli scontri.

A seguito dell’attività di indagine della Questura, in stretta collaborazione con i colleghi di Verona, sono stati emessi dalla Divisione Anticrimine di Frosinone altri 102 DASPO nei confronti di altrettanti tifosi scaligeri, notificati nei giorni scorsi dalla Questura di Verona. Gli stessi dovranno anche rispondere dinanzi all’Autorità Giudiziaria per “inosservanza di provvedimenti dell’Autorità” e “radunata sediziosa”.

9 marzo 2016 0

Rifiuti interrati. L’inchiesta su Nocione “resuscita”, la Procura di Cassino riapre le indagini

Di admin

Cassino – L’archiviazione del novembre 2012 era caduta come una pietra tombale su Nocione a Cassino, o così sembrava; ma la Procura ha riaperto le indagini. La località di Cassino al confine con il comune di Sant’Elia Fiumerapido è, da circa un trentennio, al centro di polemiche, nel mirino degli ambientalisti, e oggetto di indagine i cui esiti sono stati più o meno convincenti proprio come quella archiviata nel 2012. A dire il vero il lavoro investigativo è tutt’altro che non apprezzabile; ha sorpreso, invece, chi non vi ha visto reati da contestare ai responsabili di quegli interramenti di rifiuti di ogni genere. Ne è convinto Edoardo Grossi, attivista ambientalista e componente della consulta sull’Ambiente di Cassino che di Nocione ne ha fatto una battaglia per la verità. La prima denuncia la presentò nel febbraio del 1998 raccogliendo le dichiarazioni di ex operai che raccontavano cosa era stato interrato nella zona tra gli anni ‘80 e gli anni ’90. Quando venne riaperto il caso con carabinieri del Noe e Guardia di Finanza ad indagare si sperò che finalmente qualcuno potesse alzare quelle zolle di terra per scoprire cosa vi fosse sotto. “Alla fine – dice Grossi – l’informativa di 400 pagine contenenti indicazioni circostanziate, racconti precisi, richieste avanzate dagli investigatori di ulteriori indagini e autorizzazioni allo scavo, si decise di archiviare”. In due anni, Grossi ( nella foto) che ha fatto accesso agli atti ottenendo quei documenti, ha spulciato riga per riga quell’informativa scoprendo che il sospetto di interramento di rifiuti non riguarda solamente la zona ipotizzata e indicata al catasto come particella 247 del foglio 11, ma che l’interramento avrebbe riguardato anche parte della particella 253, quindi a ridosso della pista ciclabile e in prossimità dei pozzi notoriamente inquinati da cromo, ferro, manganese, alluminio, mercurio e cadmio.

In tutto questo, come forma preventiva, sull’area cadde il divieto di pascolo e il sequestro di sette balloni di fieno. Meno di un mese fa, tre di quei balloni sono stati portati via dall’allevatore e nella nuova denuncia di Grossi fatta, insieme a Salvatore Avella,  alla guardia di Finanza di Cassino, oltre al fatto in questione, l’ambientalista ha riportato anche altri aspetti. I finanzieri del reparto di Cassino comandati da circa un anno dal Colonnello Massimiliano Fortini hanno ravvisato la concretezza di quanto esposto da Grossi, che ha convinto anche il nuovo procuratore di Cassino Luciano D’Emmanuele. Aria nuova, quindi, e il caso è stato nuovamente riaperto. Altre indagini e chissà se questa volta, non si arriverà finalmente a scavare… fino in fondo. Ermanno Amedei

9 marzo 2016 0

Prima uscita pubblica per la Banda Musicale Città di Aquino

Di admin

Aquino – In occasione delle celebrazioni in onore di San Tommaso ad Aquino lunedì 7 marzo ha fatto la sua prima pubblica esibizione la “Banda Musicale Città di Aquino” diretta dal prof. Pasquale Aiezza. La banda – composta da una ventina di volenterosi giovani aquinati – ha dato il benvenuto alle alte Autorità civili ed ecclesiastiche, tra cui il Cardinale Francesco Monterisi e il Vescovo Gerardo Antonazzo, convenute in Aquino per la messa solenne nella Basilica Concattedrale in Piazza San Tommaso ed – dopo la celebrazione liturgica- ha accompagnato, il Santo in processione e numerosissimi fedeli per le vie della Città.

L’esecuzione di numerosi pezzi è stata – anche a detta di qualche esperto che vi ha assistito – assolutamente impeccabile ed enorme è stato l’entusiasmo e la soddisfazione dei cittadini per questa prima pubblica performance della banda, per la quale anche tutte le Autorità presenti si sono espressamente congratulate. Soddisfazione massima è stata espressa anche dall’Assessore alla Cultura Avv. Carlo Risi ideatore e promotore del progetto “Banda Musicale Città di Aquino” il quale ha dichiarato che “La banda musicale è l’ennesimo risultato della nostra politica culturale, è strumento di aggregazione giovanile e rafforza il senso di appartenenza alla nostra comunità. Ringrazio, pertanto, in primis il Direttore prof Aiezza che in così poco tempo è riuscito a concretizzare un progetto, che d’ora in avanti può solo evolversi verso il meglio, ma ringrazio altresì il Sindaco e l’amministrazione comunale che – con me – hanno condiviso questa iniziativa che, sono certo, darà lustro ad Aquino”.

Con l’occasione l’Assessore alla Cultura informa tutti i cittadini di nuove acquisizioni al già ricco patrimonio della Biblioteca Comunale, segnalando che sono state acquistate dalla Biblioteca Comunale tre importantissime opere enciclopediche, prestigiose e di valore scientifico indiscusso, quali la “Letteratura Italiana“ (8 volumi) di Carlo Ossola, la “Storia d’Europa” (4 volumi) di Giuseppe Galasso e la “Letteratura Europea” (quattro volumi) di Boitani e Fasillo, tutte edite dalla UTET. Trattasi di collane che, strutturate in modo originale, costituiscono punto di riferimento indiscusso per gli studenti, i cultori della materia, ma anche per gli studiosi di storia e letteratura oltre che per chiunque voglia servirsene a fini di mera consultazione: da qui l’invito rivolto a tutti i cittadini a recarsi nella Biblioteca Comunale ed a consultarle.

9 marzo 2016 0

Acuto, cuccioli di cane abbandonati salvati e presi in custodia da un carabiniere

Di admin

Acuto – Ieri sera tardi i carabinieri della Stazione di Acuto durante un servizio di controllo del territorio mentre percorrevano località Colle Burano, nei pressi del Gasdotto, attirati dai gemiti di animali si sono prodigati in un attento controllo tra i rovi ed hanno rinvenuto, all’interno di un monitor per computer, due cuccioli di cane appena nati ed abbandonati.

Nell’attesa di trovare una sistemazione definitiva per i cuccioli, un Carabiniere si è offerto di custodirli presso la propria abitazione.

Sono in corso accertamenti per risalire ai responsabili dell’abbandono degli animali.

9 marzo 2016 0

Scomparso a Pontecorvo, prosciugato anche il canale dell’Enel ma di Fernando nessuna traccia – VIDEO

Di admin

Pontecorvo – Anche prosciugare il canale dell’Enel alla Badia di Esperia è stato inutile per ritrovare Fernando Sardelli. Si temeva che il 60enne di Pontecorvo scomparso ormai da una settimana, fosse finito nella condotta artificiale e quindi le ricerche si sono concentrate in prossimità della griglia che divide il canale dal fiume Liri a Badia di Esperia. Oggi l’ipotesi è stata scongiurata.

Le operazioni di svuotamento sono iniziate a mezzanotte di ieri e si sono concluse nel primo pomeriggio di oggi quando è stato accertato che le ricerche dell’uomo dovevano essere spostate altrove. Nel pomeriggio è intervenuto anche un elicottero dei vigili del fuoco che ha perlustrato tutto il canale mentre in Prefettura, intorno ad un tavolo tecnico, sono state decise le prossime modalità di intervento per scoprire che fine ha fatto Fernando Sardelli.

La preoccupazione adesso è che il 60enne sia finito nel fiume Liri che nel giorno della scomparsa era in piena e, quindi, avrebbe potuto portare l’uomo molto più a valle rispetto alla zona di Pontecorvo. Er. Amedei Foto Antonio Nardelli

9 marzo 2016 0

Disboscamento selvaggio a Itri, denunciato 30enne

Di admin

Itri – Due aree ad Itri sono state parzialmente disboscate senza alcuna autorizzazione. Gli uomini del Corpo Forestale hanno individuato le aree, la prima in località San Germano dove è stato accertato il taglio di circa 1 ettaro di bosco; la seconda in località Rivoli dove, invece, è stato accertato il taglio abusivo di oltre 1000 metri quadrati di bosco di alto fusto di leccio. In entrambi i casi l’area oggetto di taglio è stata posta sotto sequestro giudiziario, unitamente al materiale legnoso presente a terra non ancora asportato. Le indagini hanno consentito di scoprire il responsabile degli abusi, E. S. di 30 anni, il quale è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per violazione paesaggistica, nonché sanzionato amministrativamente per violazione delle leggi forestali per un importo di oltre 5000 euro. Le indagini continuano per risalire agli acquirenti, in quanto la legna ricavata viene venduta tramite il passa parola a compratori ignari della provenienza, in assenza di fattura o documenti di tracciabilità. In questo caso rischiano una denuncia per ricettazione.

9 marzo 2016 0

Frode fiscale per 11 milioni di euro nella commercializzazione del tartufo. Scoperta dalla guardia di finanza di Sora

Di redazione

Scoperta dalla guardia di finanza di Frosinone frode fiscale nella commercializzazione del tartufo per oltre 11 milioni di euro. L’operazione delle fiamme gialle ha preso il nome di “Oro Nero”. Per anni 3 aziende dell’ hinterland sovrano hanno commercializzato il tartufo senza presentare le dichiarazioni fiscali e senza pagare le imposte dovute, mettendo in piedi una frode all’ erario per oltre 11 milioni di euro. A condurre l’operazione è stata la tenenza di Sora. Le operazioni di verifica fiscale, rese complesse per l’omessa esibizione delle scritture contabili e delle modalità di approvvigionamento del tartufo, che avveniva attraverso raccoglitori dilettanti o occasionali, privi di partita iva, sono state effettuate con controlli indiretti e indagini bancarie. Da qui è stata individuata una clientela vasta costituita da aziende ubicate in Umbria e Marche. I responsabili delle tre aziende dell’ hinterland sorano, un 49enne di Sora e un 28enne di Alvito, sono stati denunciati all’ autorità giudiziaria competente per il reato di omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali. N.C.

9 marzo 2016 0

Adesca minorenne su un social, 31enne denunciato a Sora

Di admin

Sora – Adesca una minorenne su un social network e viene scoperto dalla polizia. Così un 31enne di Sora, ieri, ha rimediato una denuncia. La vicenda inizia qualche giorno prima quando una mamma, preoccupata dal comportamento della figlia agitata, ansiosa e che rifiutava di mangiare, ha deciso di controllarle il telefonino scoprendo che su un noto social network, sotto la foto della ragazza, c’è un messaggio a sfondo amoroso e dal contenuto erotico.

Con quel messaggio si è rivolta alla Polizia Stradale di Sora che ha innescato le indagini. Con la collaborazione della Polizia Postale di Frosinone gli investigatori sono risaliti all’ identità dell’anonimo adescatore. E qui l’amara sorpresa: non si tratta di un coetaneo della ragazza, ma di un trentunenne, conoscente di famiglia che ieri, nel giorno della festa della donna, è stato denunciato.

9 marzo 2016 0

Neve a Filettino, ottimismo per la stagione sciistica a Campo Staffi

Di admin

Filettino – Nevicata nella notte a Filettino dove si sono raccolti una decina di centimetri di neve. I mezzi spazzaneve della protezione civile hanno sgombrato le strade che sono percorribili con pneumatici da neve o catene a bordo. A Campo Staffi, invece, la stazione sciistica ci sono circa 70 centimetri di neve sufficienti a garantire il funzionamento di tutti gli impianti e di tutte le sciovie. Ancora neve nelle prossime ore ma la situazione meteo dovrebbe migliorare per il fine settimana. Già domenica scorsa è stato registrato il pienone ma le attese sono per i fine settimana di Pasqua quando si svolgerà una notturna. Stagione sciistica, quindi, in piena attività. Ermanno Amedei

9 marzo 2016 0

Comprano scarpe e rubano incasso a negoziante di Cassino, coppia fermata dalla polizia

Di admin

Cassino – Escono dal negozio dopo aver comprato un paio di scarpe e aver rubato 900 euro. E’ accaduto a Cassino in un negozio di scarpe del centro dove una coppia della zona, è entrata per acquistare un paio di scarpe da donna. Mentre la donna ha distratto la cassiera, il compagno ha arraffato il contenuto della cassa. Il gioco è stato semplice. E’ bastato chiedere alla commessa un numero di scarpe non presenti sullo scaffale. Mentre la dipendente cercava quanto chiesto nel retrobottega, l’uomo ha aperto la cassa sottraendo circa 900 euro con cui si sono dileguati. L’allarme lanciato dalla commessa alla polizia ha permesso agli agenti del commissariato di Cassino Nicola Donadio di individuare la coppia di ladri arrestando lui e denunciando lei, ma soprattutto recuperando la somma per restituirla al negoziante. Er. Amedei