Giorno: 20 marzo 2016

20 marzo 2016 0

incidente a Campo Staffi, straniero si ferisce e viene elitrasportato a Roma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Filettino – Purtroppo per un 20enne colombiano, residente a Valmontone, la gita in montagna a Campo Staffi di Filettino é finita con un infortunio. Mentre scivolava con uno slittino in una zona fuori dagli impianti di sci di Campo Staffi é caduto sbattendo la schiena. Per lui è stato necessario elitrasportarlo all’Umberto I di Roma. A soccorrerlo sono stati gli operatori della protezione civile di Filettino. Er. Amedei

20 marzo 2016 0

Domenica delle Palme su sci e ciaspole a Campo Staffi, successo per la notturna

Di admin

Filettino – Un fine settimana di pienone a Campo Staffi di Filettino dove gli impianti sciistici hanno lavorato a pieno regime per soddisfare le esigenze dei numerosi turisti attirati da buona parte del centro Italia. Successo per la cispolata e sciata in nottura di ieri ma anche per la domenica sugli sci. Complice l’abbondanza di neve e la bella giornata di sole, questa domenica delle Palme sarà lungamente ricordata dai tanti amanti di sci che hanno affollato oggi le piste. Ermanno Amedei

20 marzo 2016 0

Da Santa Scolastica a Montecassino. Grande successo per la passeggiata ecologica

Di redazione

Cassino- Villa Santa Lucia- Grandissimo successo di partecipazione per l’edizione della passeggiata ecologica da Santa Scolastica a Montecassino. Con l’iniziativa si è voluto omaggiare Santa Scolastica e San Benedetto ripercorrendo il percorso che dalla chiesetta di Villa Santa Lucia porta, seguendo un particolare e suggestivo sentiero, a Montecassino. Il gruppo di partecipanti ha raggiunto Montecassino dove ha potuto prendere parte alla celebrazione eucaristica e alla benedizione delle Palme. Dopo la funzione la compagnia ha visitato l’Albaneta e si è fermata per il pranzo. A seguire il gruppo si è rimesso in marcia per scendere a Villa Santa Lucia e poi al convento della Madonna delle Grazie. La passeggiata ecologica è stata organizzata dalle associazioni Il laghetto e L’Oca Selvaggia e ha visto la collaborazione delle associazioni Io non perdo in memoria di Antonio Costa e La Combriccola. N.Costa

20 marzo 2016 0

Vincenzo Boni, campione paralimpico di nuoto, verso l’avventura di Rio, si racconta a Il Punto a mezzogiorno

Di redazionecassino1

Cassino – Il Campionato Nazionale di marcia che, per la terza volta, si è svolto a Cassino oggi, in una cornice di pubblico e di atleti eccezionale, oltre quattrocento, in una giornata primaverile ha avuto un testimonial eccezionale il campione paralimpico di nuoto Vincenzo Boni. Vincenzo è un napoletano doc, nato alle falde del Vesuvio, vive nel cuore della città partenopea da sempre e tifa fortemente per il Napoli che segue anche allo stadio. Ha una vita sociale molto attiva tra Università, ormai ad un passo dalla laurea in sociologia, una fidanzata, amici ed interessi vari, come tutti i ragazzi della sua età, che condivide con la sua grande passione per il nuoto, sport in cui ha conquistato il titolo di campione italiano nei 50, 100 e 200 stile, vice campione mondiale 50 dorso e argento ai mondiali e due bronzi nei 50 stile e nei 200 dorso. Da oltre due anni ha iniziato l’attività agonistica, con risultati di prestigio che gli sono valsi la convocazione in Nazionale Paralimpica. Ora attende la qualificazione per le prossime Paralimpiadi di Rio ad agosto prossimo, ma che per ragioni scaramantiche, evita di nominare in attesa dei risultati agonistici che gli permettano di staccare il biglietto per l’avventura brasiliana. Lo abbiamo incontrato e ci ha rilasciato questa intervista in esclusiva.

Questa sarà la tua prima olimpiade cosa si prova a far parte della Nazionale? “E’ un’emozione grandissima, è il sogno di ogni atleta quello di gareggiare per i colori del proprio Paese, per noi che gareggiamo in una Olimpiade ‘speciale’ è ancora più emozionante”. Qual è il tuo sogno nel cassetto, e cosa speri di ottenere a Rio? “Per tutti gli atleti che partecipano ad una competizione come le Olimpiadi il sogno è quello di poter cantare l’inno nazionale mentre si innalza la bandiera del proprio Paese. A Rio spero di poter far parte della squadra, in primo luogo, per questo devo puntare a dei risultati che mi permettano di essere competitivo, anche se so che sarà dura, ma il mio impegno sarà allo stesso modo massimo”. Fuori dalla vasca chi è Vincenzo Boni, quali sono le tue altre passioni, le difficoltà che incontri nella vita di tutti i giorni? “Vincenzo Boni è una persona normale, come tanti ragazzi della mia età, con tanti sogni, passioni, certo la mia disabilità, come tutte le disabilità, qualche problema lo crea. Il deficit alle mani in particolare mi crea qualche problema. Dover abbottonare una camicia, aprire una bottiglia, usare il coltello. Queste sono le cose che in particolare mi creano dei disagi. Per la deambulazione invece sono sorretto da tutori che tolgo quando sono in vasca spostandomi con la carrozzina. Le difficoltà nel muovermi in città sono molte soprattutto in Italia, rispetto ad altre città europee”. Quanto ti hanno aiutato lo sport, ed il nuoto in particolare, ad affrontare la disabilità? “Nuoto da quando avevo all’incirca 7 anni per scopi terapeutici. Il nuoto però è sempre stata una passione grande per me. In acqua ti senti “normale”. È bello vedere che riesci a fare quello che fuori è più complicato o impossibile. È soddisfacente vedere che rendi quanto o meglio di un normodotato”. Vincenzo Boni è un giovane che ha tutte le carte in regola ed il carattere per diventare presto un campione internazionale, ha capito bene qual è la strada che deve percorrere per arrivare in alto. F. Pensabene

20 marzo 2016 0

Federico Tontodonati e Sibilla Di Vincenzo, a Cassino, conquistano il titolo italiano di marcia

Di redazionecassino1

Cassino – Nei Campionati italiani della 20 chilometri di marcia che si sono disputati oggi a Cassino, conquistano la maglia tricolore assoluta Federico Tontodonati e Sibilla Di Vincenzo. Per entrambi è il secondo titolo in carriera sulla distanza. Al maschile, il torinese dell’Aeronautica prevale nettamente e firma il nuovo record personale con 1h21:56 davanti al pugliese Francesco Fortunato (Fiamme Gialle), protagonista di un significativo miglioramento per scendere a 1h22:57 che vale anche la vittoria nella categoria promesse, al terzo posto del podio il veneto Leonardo Dei Tos (Athletic Club 96 Ae) in 1h23:47. Tra le donne, l’abruzzese della Bracco Atletica si aggiudica il successo con 1h33:30 e conquista la prima edizione del Trofeo Annarita Sidoti, dedicato all’indimenticabile campionessa mondiale ed europea, staccando negli ultimi chilometri la bergamasca Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950), seconda al traguardo e prima delle under 23. Nelle gare juniores affermazione di Giacomo Brandi (Sport Atl. Fermo) con 1h27:02 e Giada Ciabini (Toscana Atl. Empoli Nissan) in 1h38:39, che diventano rispettivamente il quarto e la terza under 20 di sempre in Italia sulla distanza. Una vera giornata di festa con ben 244 partecipanti alla manifestazione organizzata dalla Kronos Roma Quattro e una bella cornice di pubblico sulle strade del centro di Cassino, in una mattinata soleggiata. F.P.

20 marzo 2016 0

Sarà abbattuto il cavalcavia dell’A1 dopo l’incedio del tir ieri

Di admin

Caianello – Il cavalcavia dell’A1 tra Caianello e Capua, dopo l’incendio del rimorchio del Tir avvenuto ieri, e’ stato messo in completa sicurezza e ora dovrà essere demolito. Autostrade per l’Italia ha concluso in breve tempo le verifiche tecniche della struttura e la successiva messa in sicurezza, con puntellamenti e prese di carico sulle travi e sugli appoggi eseguite da ditte specializzate. Dopo meno di 5 ore dallo spegnimento dell’incendio, l’autostrada è stata riaperta al traffico garantendo due corsie per senso di marcia.

A partire da questa notte, inizieranno i lavori di demolizione che consentiranno la completa riapertura di entrambe le carreggiate autostradali. La ricostruzione del cavalcavia, la cui progettazione è già stata avviata, avverrà nei tempi tecnici strettamente necessari.

Autostrade per l’Italia segnala il divieto e il pericolo dell’operazione effettuata ieri dal conducente del Tir che, abbandonando il rimorchio in fiamme sotto il cavalcavia dopo aver portato in salvo la motrice, poteva avere conseguenze drammatiche. Per questo, si auspica che tutti gli operatori dell’autotrasporto traggano opportuno insegnamento da questo evento.

20 marzo 2016 0

“Lo sport e la marcia incontrano la disabilità” in un convegno e oltre trenta atleti ‘speciali’ a “Diversamente in marcia”

Di redazionecassino1

Cassino – Il “Campionato Nazionale di marcia” per il terzo anno si è svolto a Cassino, ma questa edizione per la prima volta, si è arricchita di un momento “speciale” con una gara non competitiva “Diversamente in marcia” a cui hanno preso parte oltre trentatré ragazzi disabili provenienti da varie regioni italiane, ma anche dal Centro diurno ‘Arcobaleno’ di Caira, da Piedimonte San Germano e Pontecorvo. Una gara non competitiva per sensibilizzare tutti sull’importanza dello sport come uno dei principali veicoli per l’integrazione sociale delle persone disabili. In quest’ambito, a margine dell’evento sportivo in sé, che ha visto oltre trecento atleti lottare per i vari titoli nazionali di categoria, si è tenuto un convegno dal titolo “Lo sport e la marcia incontrano la disabilità”. Nell’introdurre i lavori il presidente dell’associazione “Sport No Frontiere” che ha organizzato l’evento, Valeria Santini, ha voluto porre l’accento su quanto sia importante, per i disabili, al pari delle persone normali, la pratica sportiva, non solo sotto l’aspetto del benessere fisico, ma soprattutto come uno degli strumenti per una loro maggiore integrazione sociale. È toccato all’avvocato Michela Del Vecchio tracciare un quadro delle problematiche connesse al mondo della disabilità e alle barriere ancora troppo presenti nei confronti di questa parte di cittadini. “Ancora oggi – ha sottolineato l’avvocato Del Vecchio – nei confronti del disabile, la società moderna assume un atteggiamento assistenzialistico, identificando la persona disabile con la sua patologia, specie nei casi di disabilità psichica. Questo atteggiamento, oltre a determinare una deresponsabilizzazione dei soggetti che circondano il disabile, implica anche un allontanamento della persona con diversa abilità dalla “normalità”. Occorre dunque recuperare il valore di “persona” e valorizzare le abilità diverse – ha ribadito l’avvocato Del Vecchio – che queste persone possono esprimere. Un ruolo importante a superare queste barriere mentali, sicuramente, è da ascriversi allo sport. Lo sviluppo, dell’attività sportiva, le capacità sia organiche (cardiocircolatorie, respiratorie e neuromuscolari) che portano al recupero dell’autonomia sia coordinative, organizzative stimolano fortemente le relazioni sociali del disabile – ha ribadito Del Vecchio – e favoriscono la condivisione di vita di una gruppo facilitando così un adeguato adattamento alla realtà ed alle esigenze dell’ambiente canalizzando le forze verso azioni socialmente produttive”. Ospite e testimonial della manifestazione “Diversamente in marcia” il campione paralimpico di nuoto Vincenzo Boni, che ha raccontato la sua esperienza di atleta disabile, dei risultati prestigiosi ottenuti nelle varie categorie di nuoto. Una forte emozione è apparsa negli occhi del giovane campione partenopeo quando ha ricordato la prima convocazione in nazionale. Vincenzo Boni su questi argomenti ha rilasciato a “Il punto a mezzogiorno” un’intervista esclusiva. F. Pensabene

20 marzo 2016 0

Basket: La Virtus Cassino nel big match piega la capolista Eurobasket Roma

Di redazionecassino1

Cassino torna alla vittoria contro la capolista Eurobasket , infliggendo ai romani la terza sconfitta stagionale al termine di una partita combattuta , agonisticamente bellissima e carica di suspense come era nelle previsioni davanti a un pubblico fantastico e numerosissimo . La BPC Virtus Cassino mette in mostra la sua miglior versione per battere la capolista Eurobasket, priva di capitan Righetti, ma comunque quasi sempre sotto nel punteggio . “Non abbiamo fatto nulla , si è vinta solo una battaglia così come avevamo perso una battaglia sabato scorso contro Scauri” commenta a fine gara il DT della Virtus Cassino , il dott. Leonardo Manzari “Vi ricordo che i play off sono la vera agone , lì dovremo confrontarci con lo stesso spirito di stasera. E’ stato un buon esercizio di preparazione. Vi ricordo poi che l’Eurobasket nelle 5 partite di una ipotetica serie playoff è molto più forte di noi , per cui adesso testa bassa e lavorare . Volevo ringraziare lo splendido pubblico di stasera presente sugli spalti del Soriano di Atina. Quel coro fantastico a metà del terzo e del quarto quarto ha dato una forza incredibile ai nostri ragazzi . Si è stabilito un feeling con la nostra gente e questo , per noi, che giochiamo sempre in trasferta , è un valore aggiunto vorrei dire.“ conclude il dirigente rossoblù. Una prova dunque da mettere tra i più bei ricordi per la per la formazione di Luca Vettese, che reagisce allo schiaffo pontino di sabato scorso e resiste mantenendo il piano partita costantemente in piedi per tutti i 40 minuti di gioco , nonostante un buon avvio dei romani, facendo vedere di saper vincere anche in modi diversi da quelli a cui aveva abtuato i propri sostenitori . La gara inizia con Vettese che schiera Lovatti, Grilli, Dri, Castelluccia, Ianes per i cassinati . A questo schieramento di partenza risponde Bonora con Stanic, Fanti, Rizzitiello, Staffieri, Dip . Nel primo mini tempo dunque i due allenatori lasciano in panca i loro uomini di maggior esperienza, Carrizo e Righetti, con quest’ultimo non apparso al meglio durante il riscaldamento e che comunque non calcherà mai, in questa occasione, il parquet della Valle di Comino. I romani ospiti partono con uno 0-7 devastante firmato da Stanic e soprattutto Fanti (lay up e tripla per lui). La BPC Virtus Cassino però costruisce buone azioni offensive tuttavia non trovando la via del canestro e sono necessari più di 2 minuti affinchè con una tripla , Lovatti in transizione, metta a segno i primi tre punti . La Virtus Cassino però è viva e aumenta mano a mano l’intensità difensiva, recuperando due palloni e tornando a -2 con i liberi di Grilli (5-7 dopo 3′ di gioco). Non si scompone comunque la squadra ospite che colpisce dalla distanza con i suoi lunghi e con Fanti che mette a segno ben 7 punti , portando gli ospiti sul 14 a 8 proprio favore a metà della prima frazione nonostante la bomba di Dri. Dopo essere stato “doppiato” (8-16) con il canestro di Dip , coach Vettese mischia le carte e abbassa il quintetto, inserendo Carrizo e Liburdi sotto le plance. Il cassinate Liburdi lo ripaga subito con 5 punti di seguito (tripla e appoggio) per il 13-16 a 3′ dalla prima pausa. Poco dopo Grilli pareggia i conti con un tiro da tre dall’angolo che fa letteralmente esplodere il Soriano, pieno e molto molto partecipe alle vicende del team rossoblù. Ci pensa Stanic a ricacciare indietro la Virtus con 5 punti in rapida successione ma ad Atina è già clima playoff, Dri insacca la bomba del 21-21 nei pressi della sirena e manda in estasi i sostenitori rossoblu. Nella seconda frazione Grilli lavora benissimo in uscita dai blocchi, trovando il canestro avversario prima con una bomba sempre dall’angolo e poi con una penetrazione acrobatica per il massimo vantaggio cassinate (26-21) dopo 2′ di gioco. L’intensità dei contatti sul parquet continua a salire, ne approfitta l’Eurobasket con 5 punti firmati dal duo Birindelli-Casale per tornare a -2 a 6′ dall’intervallo lungo. Si segna però davvero poco in una fase in cui dominano le difese, la Virtus rimane avanti e sale addirittura sul +6 a 2′ dalla fine del quarto grazie a Ianes e Grilli. Il lungo cassinate continua a dominare contro Dip, facendo pagare a coach Bonora la scelta di aver sostituito Birindelli e guidando i suoi al 36-29 con cui si torna negli spogliatoi. Il terzo periodo Bonora lo apre scegliendo il quintetto pesante con Dip e Birindelli da subito insieme per testare con una difesa a zona la reazione cassinate . E grazie a questo artificio tattico gli ospiti iniziano la risalita , tornando a -3 grazie a soluzioni in avvicinamento. Risponde però la BPC Virtus Cassino con un Castelluccia ispiratissimo che con un jumper e poi una tripla dall’angolo fissano il punteggio sul 41 a 35 dopo quasi 3′ di gioco. L’Eurobasket fa un po’ di confusione in attacco ma la zona mette in difficoltà Cassino rompendo il ritmo delle trame offensive ai padroni di casa. Questo fa sì che i capitolini si riportino nuovamente ad un solo possesso -2 (41-39). Neanche il timeout chiesto da Vettese e l’ingresso di Carrizo rianimano la Virtus, che viene sorpassata dalla tripla di Rizzitiello, al quale però risponde uno splendido Castelluccia (44-42 a 4′ dall’ultimo riposo). Il Soriano di Atina è una bolgia in campo e sugli spalti : Birindelli aggancia Cassino ma è Ianes con un gioco da tre punti su assist di uno splendido Carrizo ( 14 rimbalzi e ben 8 assist per lui ) e poi Grilli in contropiede a piazzare un parziale di 7-0 che vale il 51-44 a 1′ dalla fine del terzo quarto, con Bonora costretto alla sospensione. Nel finale Liburdi firma addirittura il +9 ma Dip dalla lunetta fissa il 53-46. In avvio di ultimo quarto la Virtus fallisce due liberi con Grilli (2/4 in lunetta) e un lay-up con Liburdi ma è comunque padrona del campo, volando sul +12 grazie alla tripla di un immenso Castelluccia. L’Eurobasket non ci sta e reagisce con tre canestri dalla media riportandosi a 6 lunghezze da Cassino con 6′ da giocare. L’inerzia sembra essersi spostata dalla parte dei romani: Ianes commette il quarto fallo e Vettese lo richiama in panca e Dri rimedia un tecnico che viene trasformato da Rizzitiello, il quale insacca anche il 58-55 a metà quarto. E’ però capitan Carrizo a sbloccare i suoi dalla lunetta e a mettere la bomba del 63 a 55 a cui segue quella di Ausiello che conferma la bontà della scelta di Vettese. Cassino è sul il +11 il Soriano è in delirio . L’Eurobasket fa leva sulla difesa e torna -6 con poco più di 1′ da giocare. Brindelli mette i liberi del -4 a 40″ dalla fine ma Liburdi schiaccia in contropiede e manda ancora una volta in estasi il Soriano, fissando il punteggio sul 68-62 con cui finisce la gara . La gioia irrefrenabile dei tifosi cassinati si può finalmente liberare.

BPC Virtus Cassino – Eurobasket Roma 68-62 Parziali 21-21; 36-29; 53-46 BPC VIRTUS CASSINO: Grilli 16 (3/6, 2/6), Castelluccia 11 (1/5; 3/8), Gonzalez ne, Ausiello 5 (1/3; 1/2), Ianes 11 (4/8), Carrizo 5 (0/5; 1/5); Lovatti 5 (1/1; 1/8), Dri 6 (0/2; 2/4) Buono ne, Liburdi. 9 (3/4; 1/2) Tiri Liberi: 9/11 – Rimbalzi: 40 32+8 (Carrizo 14) – Assist: 24 (Carrizo 8) – Cinque Falli: Ianes All. Luca Vettese, Ass. Mastrangelo EUROBASKET ROMA : Belloni ne, Dip 8 (3/7), Casale 4 (1/3; 0/3) Fanti 10 (2/3; 2/3), Stanic 10 (4/9; 0/3), Righetti ne, Staffieri 3 (1/4 da 3), Birindelli 14 (6/13 da 2), Petrucci (0/1; 0/3), Rizzitiello. 13 (4/6; 1/4) Tiri Liberi: 10/12 – Rimbalzi: 43 36+7 (Rizzitiello 11) – Assist: 17 (Casale, Stanic 4) All. Bonora, Ass. Pasquinelli e Pilot Arbitri: Soavi e Calella