Giorno: 7 aprile 2016

7 aprile 2016 0

Ritrovamento archeologico a Pignataro, gli studenti di Cambridge trovano epigrafe Romana

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Pignataro Interamna – La campagna di scavi archeologici in corso in questi giorni a Pignataro interamna intrapresa dagli studenti dell’Università di Cambridge ha portato alla luce importanti reperti. Quello rinvenuto ieri sembra essere l’iscrizione su marmo recante il nome di un importante personaggio pubblico romano già noto agli addetti ai lavori perché già sono stati trovati sul territorio altri segni del suo passaggio. Il nome, però non è trapelato. Lo scavo ha raggiunto la profondità di due metri superando i livelli delle fondazione dell’antica città distrutta dal passaggio dei Longobardi. Una scoperta si, ma non una sorpresa per gli studiosi inglesi guidati dal professor Alessandro Launaro, italiano, docente universitario dell’Ateneo di Cambridge, che dall’Inghilterra dirige il progetto di studio su Pignataro. Il sito archeologico, infatti, è già stato interamente mappato con un attento studio effettuato con il georadar. Significa che gli archeologi sanno perfettamente quanto terreno o detriti ci sono tra loro e il reperto da riportare alla luce senza correre il rischio di danneggiarlo e sanno, soprattutto, cosa cercare.

Ermanno Amedei

7 aprile 2016 0

Al via la sfida tra i migliori barman del Mondo. Gaeta Passion Flair Competition

Di redazione

Gaeta Passion flair competition. Tutto pronto per la sfida tra i migliori barman del Mondo. L’appuntamento è per il 5 e 6 maggio dinanzi al Christian Bar tra moda, musica e spettacoli mozzafiato. Sono 42 i migliori barman al Mondo che stanno per arrivare. Saranno con le loro acrobazie i protagonisti della sesta edizione del Gaeta Passion flair competition. Previste migliaia di presenze per un evento attesissimo. Saranno presenti Ton Dangerous Dyer, Tomek Malek, Alexander Shtifanov e Antonio Mantelli e tantissimi altri artisti del settore. “Sin dall’ inizio- spiega Francesco Santillo fondatore della rinomata scuola Passion flair Bartender di Gaeta- il nostri obiettivo è stato quello di dare vita ad un progetto di caratura internazionale. Un traguardo raggiunto, oltre che tramite i partecipanti provenienti da molte nazioni diverse, grazie all’ adesione della commissione giudicatrice nominata dalla WFA world flair association, il massimo organismo del settore. Da allora la competizione ha conquistato una certa fama tra gli addetti al mestiere con nostra grande soddisfazione. Oggi puntiamo a fare un ulteriore passo in avanti, ovvero a trasmettere la passione per il bartending ad un pubblico più vasto, cosicché sempre più persone possano apprezzare questo settore in continua espansione”. Intrattenere non è l’unico scopo della gara. La manifestazione si presenta infatti come un vero e proprio volano per il turismo. Un evento che è stato già in grado di far parlare di Gaeta in tutto il Mondo. L’amministrazione comunale e la Pro loco hanno deciso di patrocinare la manifestazione inserendola nel progetto grandi eventi. Ricco il programma che prevede l’apertura il 5 maggio. Seguiranno un momento dedicato alla moda, poi allo spettacolo di danza. Alle 20 ci sarà la prima gara, la competizione Barman mixology. Il 6 invece i partecipanti si sfideranno dalla mattina per arrivare al gran finale delle ore 21.

7 aprile 2016 0

Investito ed ucciso ad Alatri, la vittima aveva 70 anni

Di admin

Alatri – E’ stato investito ed ucciso sulla strada Statale per Fiuggi ad Alatri, mentre la attraversava dopo aver fatto un prelievo al bancomat. La tragedia si è consumata alle 21 di questa sera a Tecchiena dove l’uomo, 70 anni di Alatri, aveva accostato ed era sceso dalla sua auto per fare un prelievo. Eseguita l’operazione stava facendo ritorno alla sua vettura quando, nell’attraversare, è stato centrato in pieno da una Bmw guidata da un giovane di Torrice. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Inutili i soccorsi degli operatori del 118 che hanno potuto solamente ricomporre il corpo della vittima orrendamente mutilato. Ferito e trasportato in ospedale anche il conducente dell’auto che lo ha investito. Sul posto i carabinieri della stazione di Alatri stanno ricostruendo la dinamica della tragedia e, dopo aver identificato la vittima, stanno provvedendo ad informare i familiari.

Articolo successivo

Ermanno Amedei

7 aprile 2016 0

Basket serie C: N.B. Sora 2000 nella tana della forte capolista Vis Nova Roma

Di redazionecassino1

Trasferta molto difficile per la N.B. Sora 2000, che sabato 09 Aprile alle ore 19,30 sarà di scena a Roma, in casa della Vis Nova Bk, per la undicesima giornata di campionato di serie C Gold. Dopo la deludente sconfitta interna di domenica scorsa in casa contro la Cestistica Civitavecchia, i volsci dovranno vedersela con la quadra più importante del campionato. Per capire il valore della squadra romana basta vedere il roster allestito per questa stagione, vincitrice della Coppa Italia di categoria a Rimini. Solo i nomi di Barraco, Rossetti, Bertoldo e Coronini basta per capire il tipo di squadra che si andrà ad affrontare. La Vis Nova viene dall’importantissima vittoria sul difficile campo del San Paolo Ostiense; ma soprattutto, la squadra di coach Martiri che è gia matematicamente prima in classifica, anche se perdesse lo scontro diretto con i biancocelesti, forti anche del +22 maturato nella gara d’andata. In casa biancoceleste coach Spaziani: “Le difficoltà di questa sfida stanno in una trasferta da giocare con la capolista e detentrice della Coppa Italia. Dal punto di vista tecnico incontriamo una squadra ben messa in campo, che ha giocatori di livello, sappiamo che non sarà semplice. In settimana abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva, Barraco, Rossetti , Gori e Bertoldo che alla gara di andata non c”era, sono giocatori che ci potrebbe mettere in difficoltà, ovviamente avranno un’ attenzione particolare”. Gli arbitri della gara saranno i sig.ri Cattanei Francesco di Cittàducale (RI) e Zambotto Alesandro di Cantalice (RI).

7 aprile 2016 0

Smaltimento di rifiuti speciali nel Parco di Roccamonfina, quattro denunciati

Di admin

Galluccio – I Carabinieri del N.O.E. di Caserta hanno proceduto alla denuncia in stato di libertà di quattro persone e al sequestro di un appezzamento di terreno coltivato a castagneto all’interno del “Parco Regionale di Roccamonfina e foce del Garigliano”, del Comune di Galluccio, per illecito smaltimento di terre e rocce da scavo.

I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico hanno verificato che, ai margini della SP Sipicciano-Roccamonfina, erano stati recentemente smaltiti grossi quantitativi di terra da scavo e rocce anche di grosse dimensioni, che erano andati a modificare la morfologia del terreno con occlusione e deviazione del sottostante fosso maltempo per il deflusso delle acque meteoriche.

Gli accertamenti posti in essere hanno consentito di risalire all’origine di quanto smaltito illecitamente in un cantiere edile, risultato regolarmente autorizzato per la sistemazione delle aree esterne di un ristorante del posto. Le terre e rocce da scavo derivanti da tali lavori di sbancamento, invece di essere smaltite in impianti autorizzati (con i costi che ne sarebbero derivati), venivano scaricati da parte dell’impresa di movimento terra, nell’area oggetto di sequestro, risultata di proprietà di uno dei soci della medesima struttura ricettiva e con il consenso dello stesso.

I quattro denunciati dovranno rispondere, in concorso tra loro, di interventi non autorizzati inzona sottoposta a vincoli (ricordiamo che l’area ricade all’interno del Parco Regionale di Roccamonfina e foce del Garigliano) e di illecito smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi, quali sono considerati la terra e rocce da scavo.

7 aprile 2016 0

Lutto nell’arma dei carabinieri a Viterbo, è morto il luogotenente Luciano Bitti

Di admin

Montefiascone – Questa mattina alle ore 08 presso l’ospedale di Terni è morto a causa di una lunga malattia, il Luogotenente dei Carabinieri Luciano Bitti, Comandante della Stazione di Montefiascone dal 1990.

Lascia moglie e tre figli di cui due anch’essi Marescialli dei Carabinieri in servizio presso il Battaglione Paracadutisti di Tuscania di Livorno e presso il Centro Addestramento della II Brigata Mobile di Livorno mentre la terza studentessa universitaria in medicina.

I funerali avranno luogo sabato 9 aprile 2016 presso la Basilica di San Flaviano di Montefiscone, eventuali espressioni di cordoglio potranno essere inviate alla Famiglia Bitti-Peluso via Alcide De Gasperi n. 1 01027 Montefiascone (VT).

7 aprile 2016 0

La dispensa della droga ad Aprilia, sequstrato quintale di hashish a casa di insospettabile

Di admin

Aprilia – Una perquisizione domiciliare a carico di Rita Mirella (nella Foto), 48 anni di Aprilia, ha permesso ai carabinieri della sezione operativa del reparto territoriale di Aprilia comandati dal colonnello Vincenzo Imbratta, di rinvenire 103 panetti di hashish, per un totale di 113, 662 chili e 50 grammi di cocaina, il tutto occultato in varie zone dell’appartamento, in particolare, abilmente riposto in una dispensa, in una valigia ed in un cassetto dell’armadio della camera da letto. Le indagini finora espletate, hanno consentito di accertare che la sostanza stupefacente giungesse in città seguendo la rotta dei Balcanici, via Brindisi per essere destinata al mercato pontino nonché a quello sud romano e avrebbe, qualora immessa sul mercato, fruttato circa un milione di euro. I militari ipotizzano che la donna, operaia del posto senza neanche un precedente penale, fosse in realtà solamente la magazziniera e che deteneva lo stupefacente per un sodalizio criminale ancora da individuare. La 48enne, quindi, è stata arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed è stata associata presso la casa circondariale di Roma Rebibbia, come disposto dall’a.g. Inquirente, mentre lo stupefacente è stato sequestrato. Er. Amedei

7 aprile 2016 0

Una imprenditrice di Sermoneta alla guida di Federcarni

Di admin

Sermoneta – A pochi giorni dalla sua elezione, l’Amministrazione comunale di Sermoneta vuole congratularsi ed augurare buon lavoro alla neo presidente provinciale di Federcarni, Mara Labella, eletta all’unanimità dall’assemblea dei soci. Labella, imprenditrice di Sermoneta, da 35 anni opera nel settore valorizzando i prodotti della macelleria locale e utilizzando e promuovendo il “km zero”, integrando il tutto con innovazione e qualità.

«L’esperienza di Mara Labella al servizio della categoria in provincia di Latina è un valore aggiunto ma soprattutto una garanzia per i consumatori – spiega l’Assessore alle Attività Produttive di Sermoneta Antonio Di Lenola –. Questa nomina ci rende orgogliosi non soltanto per il fatto che per la prima volta una donna è alla guida dell’associazione di categoria, ma anche perché Sermoneta vanta una tradizione storica nella lavorazione delle carni, con numerose aziende zootecniche che portano avanti la loro attività nonostante le difficoltà del comparto e la crisi del settore agricolo che va avanti ormai da troppo tempo. Come Amministrazione comunale siamo impegnati a supportare queste realtà, una su tutte la convenzione con la Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino per consentire a molti operatori economici locali, comprese le attività agricole e zootecniche, di disporre di finanziamenti a tassi agevolati da investire nelle loro aziende». E ancora: «Sermoneta è in controtendenza rispetto alla provincia di Latina, con nuove aperture di attività commerciali anche grazie alla pressione fiscale contenuta rispetto ai Comuni limitrofi. Tra le altre iniziative dell’Amministrazione per le attività produttive, sono state previste in Bilancio risorse a sostegno delle piccole imprese».

7 aprile 2016 0

Domenica a Cassino il giubileo degli insegnanti

Di admin

Cassino – Nell’Anno giubilare della Misericordia non poteva mancare un’attenzione particolare al mondo della Scuola e in particolare agli Insegnanti, che in quel mondo operano per l’educazione dei giovani, e quindi per il bene di tutta la società, in mezzo a difficoltà, incomprensioni, spesso scarsa considerazione sociale, emergenze sociali continue, dovendo fare da docenti nel senso stretto della parola, il che richiede grande padronanza della propria disciplina, alta preparazione culturale e continuo aggiornamento sui contenuti e sulla didattica, ma al tempo stesso trovandosi a dover svolgere svariati altri ruoli, compreso quello di assistenti sociali, psicologi, mediatori familiari e culturali, organizzatori di eventi, di scambi culturali ecc. ecc. Un lavoro che diventa sempre più complesso e pieno di responsabilità, che riesce a svolgere solo chi intende l’insegnamento come una “missione” e lo fa con impegno continuo, sacrificio e passione.

Di fronte a quella che è stata chiamata “emergenza educativa”, la Chiesa diocesana vuol dedicare una giornata speciale proprio ai docenti. Perciò domenica 10 aprile la Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo ha indetto, attraverso il suo Ufficio Scuola, il Giubileo degli Insegnanti, comprendendo in tale categoria tutti i docenti di ogni ordine e grado. Il programma prevede il raduno a Cassino in piazza S. Scolastica (davanti al monastero delle Benedettine) alle ore 18,15. Da lì si partirà per un breve e simbolico pellegrinaggio a piedi per raggiungere la Chiesa Madre, chiesa giubilare, e attraversare la Porta Santa. Seguirà, alle ore 19,00, la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo Mons. Gerardo Antonazzo, in cui tutta l’attenzione sarà incentrata proprio sul ruolo delicato e fondamentale dell’insegnante. Tutti gli insegnanti sono invitati a partecipare.

7 aprile 2016 0

Reggia di Caserta, danno all’erario di 1 milione 200mila euro per affitti interni bassi

Di admin

Caserta – La Guardia di Finanza di Caserta, al termine di specifici accertamenti condotti su delega del dott. Ferruccio Capalbo, Sostituto Procuratore Generale della Procura Regionale della Corte dei Conti per la Campania, diretta dal Procuratore Regionale dott. Tommaso Cottone, sta notificando al Soprintendente pro-tempore della Soprintendenza di Caserta ed a tre dirigenti pro-tempore dell’Agenzia del Demanio – Filiale Campania, ritenuti responsabili, gli “inviti a dedurre” relativi alla mala gestio degli alloggi interni al complesso monumentale della Reggia di Caserta occupati da dipendenti della Soprintendenza o loro familiari.

L’inchiesta svolta dal Nucleo di Polizia Tributaria Caserta ha fatto emergere come le amministrazioni pubbliche coinvolte, Demanio e Soprintendenza, nel corso degli anni, abbiano non solo subito e tollerato la permanenza sine titulo in 15 alloggi del “complesso vanvitelliano” di ex dipendenti o di loro parenti ma, soprattutto, permesso agli stessi di corrispondere un importo mensile nettamente inferiore al reale valore di mercato delle locazioni di unità immobiliari con medesime caratteristiche logistico-strutturali, circostanza quest’ultima aggravata ancor di più dalla ubicazione degli alloggi all’interno della Reggia di Caserta, complesso monumentale di indubbio pregio storico, artistico e culturale, nonché inserito nella “World Heritage List” dell’UNESCO sin dal 1997.

Il nocumento arrecato alle pubbliche finanze, segnalato dalla Guardia di Finanza alla Magistratura contabile, derivante dalla cattiva gestione del “complesso vanvitelliano”, ammonta complessivamente a circa un 1 milione e duecentomila euro. Significativa è la condizione di vantaggio degli occupanti gli alloggi, i quali, oltre ad usufruire di parcheggi in spazi interni al complesso monumentale, hanno anche la incondizionata possibilità di accesso ed utilizzo delle aree dello stesso Parco Vanvitelliano. Dall’attività d’indagine dei finanzieri di Caserta, è emerso che per le unità abitative di grandissimo pregio occupate dai privati sono stati corrisposti canoni mensili compresi tra un minimo di 3 euro e un massimo di 145 euro. Le Fiamme Gialle hanno, inoltre, appurato che i consumi idrici dei menzionati alloggi sono sempre stati totalmente a carico della Soprintendenza che, avendo la gestione di alcuni sistemi per il sollevamento e la potabilizzazione della risorsa idropotabile, non ha mai richiesto ai privati occupanti gli alloggi alcuna somma a ristoro delle spese sostenute. In relazione ai fatti suesposti, peraltro, sono in corso indagini della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, al fine di accertare eventuali fattispecie di rilevanza penale.