pubblicato il25 aprile 2016 alle 20:45

Liberazione, Emiliano Ciotti (Marocchinate): “Bene ricordare anche le vittime delle violenze dei liberatori”

Mezzo milione di vittime della seconda guerra mondiale, ma il presidente dell’associazione ricorda anche le 60mila che subirono le violenze dei Marocchini

Frosinone – Circa 320mila vittime militari e 153mila civili è il prezzo in termini di vite umane pagate dal nostro Paese nel corso della Seconda Guerra Mondiale. A distanza di 71 anni, oggi, nella giornata scelta per Festeggiare la Liberazione o la vittoria sul nazifascismo, nelle piazze o di fronte ai monumenti ai caduti, si sono svolte manifestazioni, pronunciati discorsi solenni e deposto corone di fiori. “Bene ricordare la fine della guerra ma vanno ricordati anche e per intero, tutti i sacrifici di chi ne ha pagato il prezzo più alto”. Lo dichiara Emiliano Ciotti, presidente dell’associazione vittime delle Marocchinate.
emiliano ciotti
“In poche piazze oggi hanno ricordato cosa è accaduto in comunità come Esperia, Lenola, Campodimele, Castro dei Volsci, comuni al confine tra la provincia di Frosinone e quella di Latina, ma anche in altri comuni della Sicilia e della Toscana. Lì le devastazioni non le fecero certamente i tedeschi o le bombe alleate ma bensì soldati arrivati come liberatori, i Gourmet. Milizie di nordafricani che facevano parte del Corpo di Spedizione Francese che, volontrariamente, si accanivano contro popolazioni inermi saccheggiando, violentando ed uccidendo donne, bambini ed anziani. 60mila sono le vittime di quei liberatori. Ancora oggi si cerca di non ricordare queste tristi vicende della vittoria sul nazifascismo”.
Ermanno Amedei

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07