pubblicato il29 aprile 2016 alle 21:19

Peschereccio affondato a Formia, il robot sottomarino esclude collisioni

Nessuna traccia dei tre dell’equipaggio che restano formalmente dispersi in mare

Formia – Le indagini svolte oggi in quattro ore di ispezione del relitto del motopeschereccio Rosinella affondato la scorsa settimana al largo di Formia avrebbero escluso possibili collisioni.
Il R.O.V. (Remote Operated Vehicle) appositamente fatto giungere dalla Direzione marittima di Civitavecchia, non ha rilevato danni alla struttura del peschereccio o quantomeno non nelle parti esaminate. Purtroppo ancora nessuna traccia dei tre uomini che formavano l’equipaggio che restano formalmente dispersi in mare.
Il robot non è riuscito ad entrare all’interno della cabina. L’indagine si è svolta questa mattina coordinata direttamente dal sostituto procuratore Cerullo della Procura di Cassino che accompagnato dal Capo del Compartimento di Gaeta, Alberto Meoli, ha seguito le operazioni dalla motovedetta della Guardia Costiera.
ricerche guardia costiera
robot sottomarino guardia costiera

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07